venerdì 30 giugno 2017

Premio Bancarella... La parola ai librai!

Da qualche mese, come ormai saprete se seguite il blog con una certa costanza, sono stata coinvolta nel progetto #bancarellablogger. Da qualche mese, io e alcuni colleghi blogger abbiamo preso l'impegno di accompagnarvi per mano alla scoperta di questo premio letterario tanto importante e, purtroppo, poco conosciuto nonostante la sua lunga storia!
Dopo avervi fatto scoprire come nasce, cresce e si evolve il Premio Bancarella, come vengono scelti i libri della Sestina finalista e come si svolgono le votazioni che decreteranno il vincitore, dopo aver letto e recensito tutti i sei libri finalisti di quest'anno, adesso abbiamo deciso di passare la parola ai librai, che, assieme ai libri, sono i veri protagonisti di questo premio!

A me è toccato l'onore e l'onere di farvi conoscere Amanda Colombo, che assieme al marito (nonché Velino!) Gigi, è proprietaria della "Galleria del Libro" di Legnano (MI). Sono molto orgogliosa di parlarvi di Amanda e sono fiera di poterla annoverare tra le mie amicizie più preziose! Amanda è una donna vulcanica, un concentrato di energia, allegria, ironia e voglia di fare che la rendono unica nel suo genere! Una donna dai capelli rosso fuoco (anzi, rosso Amanda!), in grado di camminare con nonchalance su dei tacchi vertiginosi come se fosse la cosa più normale del mondo!
Io ho avuto il piacere di conoscerla durante la prima presentazione de "La tristezza ha il sonno leggero" e sono rimasta affascinata dal modo in cui, nonostante il libro fosse uscito da 5 minuti, è riuscita a coinvolgere il pubblico presente, a parlare del romanzo senza svelare assolutamente nulla, facendo leva su quell'ironia innata che, come vi ho detto, la contraddistingue!

Vi ho incuriositi? Bene! Ecco a voi Amanda Colombo!

1. I lettori che frequentano la tua libreria, arrivano con delle idee ben precise su cosa acquistare o tendono a farsi consigliare?
Devo dire che abbiamo entrambe le tipologie di clientela, anche se coloro che vogliono farsi consigliare prevalgono. Il bello di essere una piccola libreria indipendente è proprio questo: si instaura un rapporto personale col cliente, che finisce per essere "parte della famiglia", e come tale viene trattato... Si parla, si ride, ci si confronta e si cerca il libro giusto insieme. Vi dirò di più: a volte mi capita di ordinare i libri che venderò pensando già a chi sarà l'acquirente...

2. Con quale criterio scegliete i libri da esporre in vetrina? 
Non esiste un vero criterio, direi che si tratta più di emozioni da seguire. Cerchiamo di cambiare spesso le vetrine, e facciamo in modo che ogni vetrina racconti una storia, grazie alle storie che propone. Che si parli d'amore, di viaggi, di favole o di arte, cerchiamo di creare un insieme che "parli". La verità però è che l'artista di famiglia è mio marito: io lancio l'idea e scelgo i libri, lui crea l'ambientazione e dà forma al racconto.

3. Come combattete la crisi delle vendite, la concorrenza delle grandi catene e dei siti di vendita on-line? Quelli iniziative propone la tua libreria per fidelizzare i clienti (ad es.: tessere punti,
sconti, incontri con gli autori, club di lettura, ecc.) 
Come ormai molti colleghi, anche noi abbiamo una tessera fedeltà con accumulo punti e abbiamo delle convenzioni con enti, aziende e associazioni. Come sai organizziamo incontri con autore nella nostra città e nelle città limitrofe, convinti che dare la possibilità ai lettori di incontrare i propri autori preferiti dal vivo sia un regalo enorme. In ogni modo, credo che tutte queste cose non bastino a combattere la concorrenza di chi traduce tutto in risparmio economico: noi librai indipendenti siamo proprio una cosa diversa, e credo che sia diverso anche il nostro cliente tipo. Noi siamo custodi di storie, e il nostro compito è affidarle nelle mani del lettore giusto. E questo non ha prezzo.

4. Cosa spinge un lettore a scegliere, oggi, una libreria indipendente? 
Di sicuro il desiderio di un parere competente, di un consiglio ben motivato, di un contatto umano che vada oltre il "Grazie e buongiorno". E poi la possibilità di trovare anche editori minori, idee meno allineate magari, edizioni meno "commerciali". È un po' come andare dal sarto: si cerca il prodotto su misura. Ed è anche un po' come andare dall'analista, perché per trovare il libro giusto bisogna parlare di sé, mettersi a cuore nudo, raccontare i propri gusti, desideri e aspirazioni... Solo così il libraio potrà trovare il libro perfetto, l'amico fedele che il lettore si porterà a casa.

5. Qual è il “libro Bancarella” che ti è rimasto nel cuore (vincitore o partecipante)? 
Oddio, dirne solo uno sarebbe un torto verso gli altri! Io sono votante dal 2009, e ogni anno è un ricordo speciale. Se proprio proprio mi obblighi, allora dico il vincitore del 2009: "Il suggeritore" di Donato Carrisi. Io ero lì per la prima volta, lui pure. Ci siamo conosciuti la sera del sabato a Montereggio durante la cena dei librai, con un freddo cane: lui ha servito piatti di minestrone a tutta la tavolata, e fra un cucchiaio e l'altro ci siamo raccontati i reciproci mestieri, le emozioni di quella "prima volta", i sogni e le speranze. Poi la mattina dopo ho scoperto che i suoi genitori erano nel mio stesso hotel, nella stanza di fianco: la signora Carrisi che la domenica mattina cerca un ferro per stirare la camicia al figlio è uno dei ricordi più cari! Quando poi la sera è stato proclamato vincitore, sono salita sul palco e gli ho scattato una foto con mamma, foto che - a quanto dice - è ancora sul loro comò. Alla fine anche il Premio Bancarella è come i librai indipendenti che l'hanno creato: qualcosa che ha a che fare più con la passione e il cuore che con i dati di vendita.

6. Cosa pensi dei blog letterari? Li segui? 
Credo che i blog siano una vera ricchezza per i librai e per l'editoria in genere! Una voce indipendente, come lo siamo noi! È divertente seguirvi e vedere come ogni blogger abbia gusti ben precisi e idee diversi su titoli uguali... Ma si sa, ogni libro ha una casa, e ogni lettore è una casa a sé. I blogger non fanno differenza: sono lettori accaniti che si circondano delle storie giuste per loro!

7. Ci consigli un libro. 
Mai. Siete troppi. Dovrei guardarvi negli occhi per poterlo fare. Il libraio "libraio" deve vedere l'anima del lettore.

Ecco lettori, questa è Amanda e credo proprio che dalle sue parole traspaia il suo amore incondizionato verso quel meraviglioso mondo fatto di carta, inchiostro e pagine di libri!


Prima di salutarvi, però, permettetemi di ringraziare Amanda a nome di tutti i #bancarellablogger: è stata lei a volerci, a crearci, a supportarci e ad aiutarci, seguendoci con l'affetto di una mamma, tirandoci le orecchie quando era il caso, facendoci ridere sino alle lacrime. Amanda, parlo io ma lo faccio a nome di tutti: ti vogliamo bene, sei un dono per questo mondo così difficile e siamo felici di averti nelle nostre vite! Ora, però, scendi dai tacchi che le vie di Pontremoli non mi sembrano adatte!!


giovedì 29 giugno 2017

Ma 'ndo vai se un libro non ce l'hai?

consigli seri da blogger minchione!

Sapete quanto io odi l'estate, vero? Fosse per me, salterei da maggio direttamente ad ottobre (facciamo pure novembre, giusto per stare sicuri!). Io sono una di quelle che non va in vacanza, perché le spiagge affollate, la gente che urla, i bambini che alzano sabbia correndo, mi danno l'orticaria! Quindi, che cavolo ci sto a fare qui a consigliarvi libri da mettere in valigia? Semplice! Io non vado in vacanza, ma magari molti di voi stanno già lì che fanno il conto alla rovescia, con tanto di tacche sui muri di casa (occhio eh, che poi tocca a voi lavorare di stucco!).
E se poi siete come me e le vacanze le trascorrete a casa, spiaggiati in giardino o sul terrazzo, con i piedi a bagno nella vaschetta di plastica e il ventilatore a soffiarvi aria (calda) in faccia, non è detto che non troviate il tempo per leggere, no?

E allora, io e La Bacci (e, ovviamente, Lea) abbiamo deciso di darvi qualche consiglio. Quindi, prendete carta e penna o aprite le note del telefonino e segnatevi questi titoli!

Lorenzo Marone
Feltrinelli 
16,50 euro

Dai su, che ve lo aspettavate! Consorte mi ha pure fatto fare la torta di compleanno con la copertina di questo romanzo. Ora, io i romanzi di Lorenzo, ovviamente, ve li consiglio tutti, ma presumendo che, se circolate frequentemente da queste parti, i primi due li abbiate già letti da tempo, vi indirizzo su quest'ultimo (poi, in separata sede, mi spiegherete come mai non lo abbiate ancora letto, eh!).







Alice Basso
Garzanti
16,90 euro

Mi direte: "Ma questo è il terzo libro di una serie". Embè? Prima domanda: perché non avete ancora letto i primi due? Volete i titoli? Siete così svampiti da non averli ancora segnati in tutto questo tempo? Oooook, eccovi accontentati: L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome e Scrivere è un mestiere pericoloso.
Seconda domanda: siete in ferie, giusto? E allora avete taaaaaanto tempo a disposizione per leggere, quindi una trilogia, che, per di più, è divertente e scorrevole, è ciò che fa al caso vostro!

Sara Rattaro
Sperling & Kupfer
16,90 euro

Primo: copertina che fa estate che più estate non si può! Secondo: Sara è una garanzia in fatto di scrittura. Terzo: un romanzo che spacchi il cuore, sotto l'ombrello e tra i boschi di una montagna, ci sta sempre bene!
Ah già, anche in questo caso: se non lo avete ancora letto, c'è qualcosa che non va!





Gigi Paoli
Giunti
15,00 euro

Quale momento migliore delle vacanze per dedicarsi ad uno di quei gialli (o noir come sta scritto in copertina) che vi fanno lambiccare il cervello? Nessuno! Anche in questo caso, visto il tempo a disposizione, trattandosi, per adesso, di una ufologia, vi consiglio di partire dal primo romanzo, Il rumore della pioggia, e poi proseguire con questo. Vi assicuro che non ve ne pentirete e, presto, sarete innamorati di Carlo Alberto Marchi, giornalista insolito che si aggira per le vie di un'insolita Firenze! Ah già, se avete in programma un viaggetto nella città dantesca, questi due romanzi ve ne faranno scoprire un lato alquanto sconosciuto!

Francesca
Manuela Raffa
Piemme
18,50 euro

A me la storiella che in vacanza si leggano solo storielle leggere, non è mai andata giù. Quindi, vi consiglio assolutamente questo romanzo che, oltre a raccontarvi la famosa storia di Paolo e Francesca da una prospettiva completamente diversa, vi darà anche modo di conoscere un'autrice italiana che, secondo me, farà parlare di sé!
E come per i romanzi di Paoli, anche in questo caso c'è un luogo che dovreste assolutamente visitare: Gradara, la cui rocca ospitò proprio i due amanti. Se non siete mani andati, vi consiglio vivamente di programmare un'escursione, perché è davvero meravigliosa!!

Ecco lettori cari, questi sono i miei consigli per i libri da portare in vacanza con voi. Ma io e La Bacci, nei mesi appena trascorsi, ci siamo letteralmente innamorate di due romanzi, entrambi di due giovani virgulti nostrani e, onde evitare di accapigliarci (anche) per decidere a chi toccava l'onore di consigliarveli, abbiamo deciso di farlo assieme, dandovi così delle motivazioni diverse e sperando di convincervi a correre in libreria, acquistare i romanzi in questione e metterli in valigia!

Pierpaolo Mandetta
Rizzoli
18,00 euro

Motivo numero 1: il libro in questione non è bello, è bellissimo!
Motivo numero 2: Pierpaolo è uno dei ragazzi più umili e dolci che io abbia mai conosciuto
Motivo numero 3: gli autori italiani, soprattutto se giovani e bravi, vanno aiutati!
Motivo numero 4: le storie di famiglia ambientate al sud scadono spesso nel banale; Pierpaolo è riuscito a scrivere una storia divertente, emozionante e intensa, senza mai cadere in quei cliché che tanto sono stati usati da altri prima di lui.
Motivo cinque (che è anche il più importante): Massimo (detto Katia) sta distribuendo coccinelle per tutta Italia e non vede manco una lira, quindi bisogna aiutarlo!

Tommaso Fusari
Mondadori
16,00 euro

Anche in questo caso, valgono alcuni dei motivi citati per Pierpaolo: libro bellissimo, che vi farà piangere come pochi (ma piangere rende gli occhi belli, quindi ne vale la pena!). Autore giovane e italiano, simpatico (e pure gnocco!). 
E, soprattutto, sono mesi che gli sbaglio l'accento del cognome e non mi ha mai ancora insultata: vogliamo rendergliene merito?!




Allora, avete scritto tutto? Bene, adesso andate a sbirciare i consigli di Lea e della Bacci e poi tutti in libreria!!!


mercoledì 28 giugno 2017

Recensione 'La musa' di Jessie Burton - La nave di Teseo

In una calda giornata del luglio del 1967, Odelle Bastien sale i gradini di pietra della Skelton Gallery di Londra, ma non sa che molto presto la sua vita cambierà per sempre. Ora è pronta a cominciare un nuovo lavoro come dattilografa, sotto la guida dell'enigmatica e fascinosa Marjorie Quick. Un giorno alla galleria arriva un misterioso quadro portato da un ragazzo invaghitosi di Odelle: il dipinto, di cui si erano perdute le tracce per anni, getta la signora Quick in una strana inquietudine. Riaffiorano in lei i fantasmi del suo passato che, ora, investono anche Odelle e la sua storia d'amore. In effetti, la verità che il quadro nasconde risale al momento della sua creazione, nel 1936, in una grande casa di campagna in Spagna, dove Olive Schloss, la figlia di un famoso commerciante d'arte, fantastica sul suo futuro come pittrice. Nel suo fragile e rassicurante paradiso, piomba Isaac Robles, affascinante artista e rivoluzionario, che accenderà in Olive una passione capace di sbaragliare ogni sua timida previsione sul destino che l'aspetta, legando inestricabilmente la sua sorte a quella di un quadro e ai potenti segreti che nasconde. Sarà proprio quel quadro, a decenni di distanza, a unire le vite delle due straordinarie protagoniste, Odelle e Olive.



Titolo: La musa
Autore: Jessie Burton
Editore: La nave di Teseo
Data di pubblicazione: 16 marzo 2017
Pagine: 506

Trama: 4  Personaggi: 4  Stile: 5 


martedì 27 giugno 2017

La ruota delle letture - Sei mesi con noi, spazio a chi è rimasto!


Sono trascorsi ormai sei mesi o poco più dal giorno in cui avete deciso di sottoporvi alle nostre torture... muuuuaaaahhhhhh!!!  




Siete partite in 80 (e noi volevamo fuggire!) e, tutto sommato, siamo soddisfatte perché siete ancora tante e vive... e considerando la mia presenza, non è cosa da poco!
Qualcuna si è persa per strada, qualcuna è stata aiutata a perdersi e qualcuna si è dimenticata dell'esistenza della Challenge (ma non vi arrivano le mail?), nonostante ciò si gioca ancora allegramente!

Trascorso questo primo semestre è arrivato il momento di cambiare gli obiettivi e di stilare un primo bilancio. Cominciamo: quanti punti di penalizzazione ha La Ropolo? Dolciiiiiiiiiii... Per un atto di umana carità, dopo "Tempo di Libri" i punti di Chiara sono stati convertiti in Punti Fragola Esselunga, quindi in questo momento La Ropolo è in fila per ritirare la sua batteria di pentole in rame!
Quante mail minchione ha ricevuto La Bacci? Una per ogni mail inviata a voi! Eppure non mi ha ancora buttata in un fiume!

E adesso veniamo alle cose serie, altrimenti Dio mi fulmina! Come si era detto all'inizio di questa Reading Challenge, è il momento di cambiare TUTTI GLI OBIETTIVI! Siete pronte? Nuova ruota!!!


La nuova ruota (visto che bella?!) ha già effettuato il primo giro per voi! Avete ricevuto la mail? Siete felici? Perché urlate? Sono begli gli obiettivi nuovi! Non vi piacciono? Come dite? C'è ancora Ibuk? Ma avevamo capito che vi piacesse tanto!!!
Allora, noi siamo brave e vi vogliamo bene (quasi a tutte!) e vi lasciamo qui l'elenco dei nuovi obiettivi che rimarranno in vigore sino al 19 settembre prossimo, quando alcuni degli obiettivi generici verrano sostituiti e quando prenderà il via anche la micro-challenge (ma state tranquille, adesso vi spieghiamo tutto per bene), incluso il cambio dei punteggi!
Partiamo con l'elenco dei nuovi obiettivi:

Obiettivi generici
  1. Leggi un libro di Fannie Flagg
  2. Leggi un libro pubblicato in Italia prima del 2010 (farà fede la data del cartaceo su Amazon)
  3. Leggi un libro il cui titolo contenga un aggettivo
  4. Leggi un libro nel cui titolo vi sia una parola con una consonante doppia vicina (es: Carry on, Tutti i nostri oggi sbagliati, era di maggio, ecc.)
  5. Leggi un libro di una Casa Editrice Maggiore (es: Mondazzoli, Gruppo GeMs, Feltrinelli, Einaudi, De Agostini, Harper, ecc.)
  6. Leggi un libro il cui titolo sia composto da una sola parola (esclusi articoli, preposizioni e nomi propri) (es.: L'allieva, Noi, Fangirl, Silver, Red, Blue, Green, ecc.)
  7. Leggi un libro sulla cui copertina sia raffigurato un animale (ok foto, disegni, sagome... l'importante è che si capisca che sia un animale)
  8. Leggi un libro di almeno 400 pagine (farà fede la dicitura del cartaceo su Amazon)
  9. Leggi un libro che abbia vinto il Premio Bancarella (vinto, primo posto, non finalista ma vincitore); in mail troverete il link che vi rimanderà alla lista dei vincitori
  10. Leggi un libro pubblicato nel 2017
  11. Leggi un libro di un'autrice italiana vivente (vivente adesso non quando il libro è stato pubblicato)
  12. Leggi uno dei primi 5 libri presenti nella classifica di Narrativa Italiana di Ibuk
  13. Leggi un libro ambientato unicamente in Italia
  14. Leggi un libro ambientato al mare
  15. Leggi un libro fantasy (farà fede la classificazione presente per i cartacei su Amazon) (va bene qualunque tipo di fantasy) 
  16. Leggi un libro di Charlotte Link
Come per il semestre precedente, ogni obiettivo generico portato a termine vi consentirà di ottenere 1 punto.

E ora passiamo ai 16 spicchi rimanenti!
  • 1 spicchio Antro delle Blogger: potrete leggere un libro a vostra scelta (minimo 150 pagine). Una volta terminata la lettura e inviato il link della recensione, riceverete un piccolo omaggio a sorpresa. Il completamente di questo obiettivo vi consentirà di ottenere 2 punti
  • 4 spicchi Banner (2 per ognuno dei blog organizzatori): la proprietaria del banner vi assegnerà un libro da leggere (il libro non potrà superare le 400 pagine, considerando una tolleranza di 2 o 3 pagine in più o in meno!). Nel caso in cui abbiate già letto e recensito il libro che vi è stato assegnato, vi basterà rispondere alla mail e chiedere la sostituzione. Il completamento di questo obiettivo vi consentirà di ottenere 5 punti
  • 4 spicchi colore (giallo, rosa, bianco, verde): dovrete leggere un libro il cui della copertina corrisponda a quello dello spicchio. Per il completamento di questo obiettivo riceverete 2 punti
  • 2 spicchi Stanza Librosa e 2 spicchi Cuccia Librosa: dovrete leggere un libro che la blogger "proprietaria" dello spicchio abbia recensito in tutto il 2016 e, pensate come siamo buone, anche quelli recensiti nel 2017. Il completamento di questo obiettivo vi darà 3 punti
  • 1 spicchio La Luna Nera: vi verranno inviate delle copertine distorte o pixellate. Voi dovrete indovinare di quale copertina si tratti, leggere e recensire il libro e solo a quel punto scoprirete se avrete indovinato e, quindi, se vi saranno assegnati i 10 punti in palio. Vi ricordiamo che tutte le Lune Nere assegnate sino ad oggi sono cadute in prescrizione. Quindi, da questo momento, tutte voi potrete riavere la Luna Nera! Altra precisazione: come nel semestre precedente, non potrete ottenere più di una Luna Nera durante il semestre. Coloro che non avranno raggiunto le 30 letture entro il 19 settembre e che, quindi, prenderanno parte nei tre mesi successivi alla Micro-Challenge, potranno avere La Luna Nera solo entro il 19 settembre.
  • 1 spicchio Salta l'obiettivo: si tratta di un bonus che potrete conservare ed utilizzare entro il 19 settembre. In cosa consiste? Nel momento in cui dovesse capitarvi lo spicchio Salta l'obiettivo, voi riceverete un buono da utilizzare per quando avrete un obiettivo che non vorrete o non potrete portare a termine. Contemporaneamente riceverete i due obiettivi relativi al giro in essere. Quando deciderete di utilizzare il buono, potrete saltare un obiettivo che vi è stato assegnato, ma comunque ottenere i punti dell'obiettivo che salterete. ATTENZIONE: il buono sarà utilizzabile solo per saltare uno dei 16 obiettivi generici (pensavate che fossimo buone, vero?)
  • 1 spicchio Ruba l'obiettivo: se vi capita questo obiettivo, così come nel caso dello spicchio precedente, potrete, quando riceverete un obiettivo che non vi piace, decidere di rubare l'obiettivo di una delle vostre avversarie (vi basterà dare un'occhiata al file Drive in cui trovate tutti gli obiettivi assegnati alle concorrenti!). Anche in questo caso, questo bonus andrà utilizzato entro il 19 settembre. E anche in questo caso, varrà unicamente per gli obiettivi generici. ATTENZIONE: la povera derubata, dovrà leggere l'obiettivo scartato dalla "ladra", ma in cambio otterrà il raddoppio del punteggio! ATTENZIONE 2: chi vorrà utilizzare il bonus in questione, dovrà comunicarlo entro le ore 12 del giorno successivo alla ricezione della mail (es: se noi inviamo la mail il lunedì sera, dovrete comunicare l'utilizzo del bonus entro le 12 di martedì, così che noi possiamo informare la "derubata" del cambio di obiettivo).
Sappiamo che adesso vi sembra tutto complicato, ma ricordatevi che nelle mail vi spieghiamo sempre tutto, che per ogni domanda e problema c'è il gruppo Facebook, in cui potrete torturarci e omaggiarci di dolci e cibarie varie.
Come sempre, ci preme ricordarvi di leggere le mail nella loro interezza perché se ci sono comunicazioni da fare, le inseriamo lì. E sempre lì trovate la data e l'ora ultima di invio dei link per ogni giro!
Le recensioni andranno postate sui vostri blog o su GoodReads o Anobii (no Amazon, no Facebook). Dovrete inviarle, come sempre, tramite il modulo apposito (che trovate qui sotto), completando tutti i campi.

Regole base per partecipare

Ed ecco quali sono i requisiti per partecipare alla nostra Reading Challenge:
  • Essere Lettori Fissi di entrambi i blog organizzatori *unica cosa essenziale* (vi preghiamo di controllare, periodicamente, perché ogni tanto Blogger vi elimina... e non è colpa mia!)
  • Cliccare Mi Piace ad entrambe le pagine Facebook: La biblioteca di Eliza e La Libridinosa *se non avete Facebook state tranquilli, non vi uccidiamo* 
  • Condividere il Banner dell’iniziativa sui vostri blog o sui vostri Social Network 
Premi finali


E adesso veniamo alla parte divertente! Cosa si vince?
  • Il primo classificato si aggiudicherà un buono Amazon del valore di 20 euro e un regalino a sorpresa
  • Il secondo classificato si aggiudicherà un libro cartaceo a sorpresa e un regalino a sorpresa
  • Il terzo classificato si aggiudicherà un buono Amazon del valore di 5 euro e un regalino a sorpresa
La micro-challenge (pensavate ci fossimo dimenticate?)

Premettendo che tutte le regole e i dettagli della Micro-Challenge vi saranno spiegati in un post apposito che pubblicheremo ad inizio settembre, vi diamo qui qualche accenno!
Alla Micro-Challenge potranno prendere parte tutte coloro che, al 19 di settembre, non avranno raggiunto la soglia richiesta di 30 letture. Ma (c'è sempre un ma!) per potervi accedere dovrete aver letto e recensito almeno 7 libri. Quindi fate attenzione, perché chi non ha inviato nulla sino ad oggi è proprio sul filo del rasoio!
La Micro-Challenge avrà una micro ruota con micro obiettivi! Ma di questo, come già detto, parleremo più avanti!

E adesso, vi lascio il modulo che dovrete usare per inviarci tutte le recensioni sino al 19 settembre!





sabato 24 giugno 2017

Recensione 'La promessa del tramonto' di Nicoletta Sipos - Garzanti

Si dice che l'amore superi ogni ostacolo. Per Tibor, giovane medico ebreo in fuga, è questa l'unica speranza a cui aggrapparsi. Tibor ha passato la sua vita scappando. Prima dalle leggi razziali dell'Italia fascista e dai campi di lavoro della seconda guerra mondiale. Poi dall'odio strisciante dell'Ungheria del 1951, in cui imperversa la dittatura stalinista. Un regime che un uomo come lui non può accettare. La sua colpa è sempre stata una sola: quella di esistere. E adesso che è nascosto in un ripostiglio buio di una nave che dovrebbe portarlo verso la libertà, la luce che illumina il suo cammino è lei. Sara. La donna per cui ha rischiato tutto. La donna che ha cambiato la sua esistenza con uno sguardo. La donna che lo aspetta, già in salvo, in Italia. La guerra e la famiglia di Sara, che non credeva nella forza dei loro sentimenti, hanno provato a dividerli. Ma nessuno è riuscito a spezzare il legame che li unisce, e ora Tibor sta cercando di raggiungerla. Vuole costruire, per loro e i loro figli, un futuro migliore. Perché Tibor e Sara si sono scambiati una promessa: la promessa di riconquistare, nonostante tutto, la felicità che si meritano. La felicità che si meritano i loro figli. Insieme hanno combattuto. Hanno sfidato la violenza e l'orrore. Hanno superato notti infinite e pericolose. Ma non hanno mai dimenticato chi sono. E hanno capito che, finché saranno una cosa sola, nessuno potrà togliere loro la dignità e il coraggio.


Titolo: La promessa del tramonto
Autore: Nicoletta Sipos
Editore: Garzanti
Data di pubblicazione: 8 settembre 2016
Pagine: 323

Trama: 4  Personaggi: 3  Stile: 3 


mercoledì 21 giugno 2017

Recensione 'Il respiro delle anime' di Gigi Paoli - Giunti

È una torrida mattinata di luglio, le scuole sono ormai chiuse e le strade semi-deserte della periferia di Firenze sono avvolte da un silenzio irreale. Come ogni giorno il cronista Carlo Alberto Marchi si sta dirigendo a Gotham City, l'enorme Palazzo di Giustizia dalle architetture avveniristiche. In mente, due obiettivi ambiziosi: scoprire cosa si nasconde dietro l'inspiegabile ondata di morti per droga che si è abbattuta sulla città e... organizzare le vacanze con Donata, l'inarrestabile figlia adolescente. Compito non facile per Marchi che ricopre come meglio può il doppio ruolo di reporter d'assalto e padre single. Come se non bastasse, una notizia scottante sta per scombinare la sua tabella di marcia: nella notte un cittadino americano è stato trovato morto, investito da un'auto pirata a due passi da Gotham City. Se a questo si aggiunge che l'uomo era il dirigente di una nota azienda farmaceutica, e che pochi giorni prima era stato fermato in una retata in un locale di strip-tease, il caso si fa sempre più interessante...


Titolo: Il respiro delle anime
Autore: Gigi Paoli
Editore: Giunti
Data di pubblicazione: 21 giugno 2017
Pagine: 413

Trama: 5  Personaggi: 5  Stile: 5 


lunedì 19 giugno 2017

Dario di bordo: metti una sera a cena...


...uno scrittore timido, una moderatrice bravissima (e gnocca!), una blogger e "i Velini"!!! No, non sto vaneggiando, non sono reduce da una sbronza (anche perché sono notoriamente astemia!) e non ho neanche preso troppo sole. Questa è la perfetta sintesi dei protagonisti della cena letteraria che si è svolta, giovedì 15 giugno, al Ristorante La Fornace presso il Poli Hotel di San Vittore Olona (MI).

"A cena con l'autore" è un'idea che nasce dalle geniali menti di Amanda Colombo, libraia presso "Galleria del libro" di Legnano (MI), nonché Boss incontrastata delle #bancarellablogger, e Luigino Poli, proprietario dell'omonimo hotel! 
Di cosa si tratta? Facile intuirlo già dal nome, ma visto che io c'ero e questo blog a qualcosa dovrà pur servire, facciamo che vi racconto tutto a modo mio!

Si sceglie uno scrittore (possibilmente simpatico, altrimenti sai che palle tutta la sera?!), si fa leggere
il suo libro allo Chef Vincenzo Marconi (so che state fissando la foto con l'espressione di chi ha già visto quella faccia in giro, quindi, giusto per non stancarvi troppo i neuroni, ve lo dico io: sì, era uno dei cuochi che partecipavano alla trasmissione "La prova del cuoco"), che ne estrapolerà dei piatti e a voi non resterà altro da fare che prenotare, presentarvi e ascoltare Amanda e lo scrittore in questione che, tra una portata e l'altra, vi daranno modo di assistere ad una presentazione diversa dal solito!
Ecco, raccontata così pare una cosa semplice! Ma voi, lettori cari, sapete bene che La Libridinosa in movimento è pur sempre un evento (e anche un rischio!). E quindi...

Giovedì mattina: è il momento di buttare qualcosa in valigia. Prima domanda: perché Consorte ha comprato un trolley dentro cui entrerebbe la Franzellitti tutta intera? Vabbè! Seconda domanda: ma quegli elastici a che cavolo servono? Niente, io e le valigie non ci capiremo mai! Meglio prendere la roba, appoggiarla sul letto e aspettare che sia Consorte a giocare a Tetris!
Io, nel frattempo, passo all'operazione parrucco (che col caldo che fa, è sempre un piacere!). Consorte zompetta di fianco alla valigia, infila tutto dentro senza problemi, poi mi fissa e mi dice che la macchina è pronta. "Oh grazie! È pronta nel senso che l'hai lavata?" "Non ci penso proprio". Pareva strano!
Ok, già devo portarmi la tua perché la mia me la ridaranno sabato; già la tua è scomoda, pesante, bassa e pure rumorosa... non puoi almeno pulirla un po'? Giusto fuori! Niente da fare.

Parto da Culonia intorno alle 16.00, conscia del fatto che la Lombardia è la regione più trafficata d'Italia a qualunque ora del giorno e in qualunque giorno dell'anno. E meno male che sono stata previdente, perché sono arrivata in hotel con almeno mezz'ora di ritardo sui tempi previsti.
Arrivo in reception e... "Scusaci, c'è un piccolo problema, manca un attimo la luce". Oh... Vabbè, finché c'è acqua per lavarmi, nessun problema. Salgo in camera: bellissima camera, bellissimo bagno... buio. Faccio la doccia giocando a moscacieca, ma sono brava e non sbatto la faccia da nessuna parte. Inizio a vestirmi quando mi chiamano per dirmi che "luce fu"! 
Arriva in camera un ragazzo che mi consegna la chiave elettronica e... ops! La Libridinosa legge, non viaggia... come cavolo si usa 'sta cosa? Chiamo Consorte che mi fa una lezione in diretta (e probabilmente prega accoratamente sperando che io non dorma in corridoio!).

Mi vesto, mi trucco... ma sì, mettiamo pure i tacchi, che stasera ci stanno anche bene! Scendo giù
dove trovo Amanda ad attendermi sui dei trampoli che io, al confronto, ho delle pianelle. Amanda, ma sicura che non serva il porto d'armi per girare con quelle scarpe? 
Prima notizia: Pierpaolo è imbottigliato in autostrada (che dicevamo del traffico lombardo?). Ci sediamo fuori dove, dopo tre anni di lontananza, mi sovviene uno dei tanti motivi per cui ho amato tanto la zona alto-milanese-quasi-varesotto: qui non c'è l'umidità della bassa padana e, soprattutto, le temperature sono più umane!
Io e Amanda ci godiamo il fresco chiacchierando, nel frattempo cominciano ad arrivare i partecipanti alla cena con l'autore... tutti tranne l'autore!

Con un leggerissimo ritardo arrivano anche Pierpaolo e Max (detto Katia), il suo compagno, nonché segretario-autista-valletto-distributore di coccinelle!
Tutto può avere inizio: scendiamo al ristorante, dove ad attenderci c'è una parmigiana di melanzane che è la fine del mondo e che, alla prima forchettata, catapulta me e Pierpaolo in quelli che sono i sapori, i colori e i profumi del nostro sud! Abbiamo fissato il piatto e c'è quasi scappata la lacrima!
Nel frattempo, ci raggiunge anche Gigi, marito di Amanda, nonché valletto-velino! (Piccola parentesi sentimentale: volete sapere cos'è l'ammmmmore? Guardate Gigi e Amanda e avrete la risposta!).
Ci sediamo ai tavoli e Amanda inizia a presentarci Pierpaolo e, soprattutto, il suo libro, "Dillo tu a mammà". La prima cosa che emerge è la timidezza del Mandetta: uno di quei ragazzi ancora in grado di arrossire davanti ad un complimento!
Arriva la prima portata: rigatoni con pomodorini freschi, mozzarella del Cilento e basilico. Devo dirvi altro? Ok, io e Massimo abbiamo fatto la scarpetta nel piatto!

In attesa del secondo, Amanda e Pierpaolo continuano a parlarci del romanzo, della sua nascita, di cosa voglia dire, per un ragazzo del Sud, essere omosessuale e scegliere di andare via pur di poter vivere la propria vita. E negli occhi di Pier si legge quella voglia di casa, di ritorno, che traspare anche dalle pagine del suo romanzo; quel bisogno di essere accettato per ciò che è, quella necessità di essere se stesso che riesce a commuovere chiunque abbia la fortuna di incontrarlo.

È il momento del secondo piatto: alici marinate alla cilentana con pane bruschettato. In questo momento vorrei che tutti i progressi tecnologici degli ultimi anni fossero in grado di farvi sentire il profumo di mare che è arrivato a noi quando i piatti ci sono stati portati.... Ma la tecnologia non arriva a tanto, quindi andate a provare di persona!

Ultimo momento chiacchierino prima del dolce: Amanda decide di farci ridere e, prima di lasciare spazio alle nostre domande, ci legge qualche (altra) pagina tratta dal romanzo e, nello specifico, la protagonista è zia Cherubina. Adesso, io non sono in grado di descrivervi zia Cherubina, ma cliccando qui potrete vedere il video in cui Amanda legge le pagine a lei dedicate!
Per noi è arrivato il momento del dolce e del caffè, per
Pierpaolo quello del firmacopie e per Max e Gigi è giunta l'ora di trasformarsi in Velini: mentre il primo distribuisce coccinelle come se non ci fosse un domani, il Real Consorte omaggia i lettori con le copie del romanzo.

Per me, invece, è arrivato il momento di tirare le somme di una serata che si è rivelata più piacevole del previsto: ho avuto modo di chiacchierare con Max, che si è rivelato essere, come buona parte dei toscani, una persona di rara simpatia! Abbiamo parlato di famiglia, di società, di quanto, purtroppo, ancora oggi, le coppie omosessuali fatichino a veder riconosciuti i loro diritti. 
Credo che chiunque mi segua conosca bene il mio pensiero: io sono favorevole al matrimonio tra persone dello stesso sesso, all'adozione da parte di coppie di gay; penso e ho sempre pensato che l'amore non debba fare distinzioni di sesso, età o razza. Amare è un verbo universale e parlare con Massimo è una di quelle cose che tutti dovrebbero fare nella vita: nelle sue parole si riscontra quella normalità, quella quotidianità tipica di due persone che si amano, che condividono un percorso comune, fatto di sorrisi, di gioie, di piccoli battibecchi. E se qualcuno, ancora oggi, si ostina a dire che tutto ciò non è "normale", beh... della vita voi non avete capito proprio un tubo!

La serata si conclude, io mi ritiro nella mia camera e sì, riesco ad aprire la porta e infilarmi sotto le coperte senza alcuna difficoltà! Crollo in un sonno profondo e ristoratore (cosa rarissima quando mi trovo fuori casa), da cui riemergo solo 8 ore dopo!
Il momento del rientro tra le mura domestiche si avvicina, ma prima, visto che sono in zona, è doveroso un salto alla libreria della Boss! 
Arrivo a Legnano, posteggio la ConsorteMobile ed entro in quel mondo magico che profuma di carta che è "La galleria del Libro", dove, sorridente e assonnata, trovo Amanda: "Aspetta che metto il rossetto", non si smentisce mai!
Faccio quattro chiacchiere coi padroni di casa, compro un libro (pensavate davvero che io riuscissi ad entrare in una libreria e non comprare nulla?), saluto, ringrazio e mi avvio verso casa, dove arriverò due ore dopo, stanca ma felice!

Di questa giornata porterò con me l'affetto di Amanda, le risate fatte con Massimo e Gigi, lo sguardo dolce di Pierpaolo, i sapori del sud tutti raccolti in una cena fantastica. E a chi mi chiede perché io ami tanto i libri, rispondo di guardare la foto qui sotto


Guardate i nostri sorrisi! Questa è la magia che i libri sono in grado di fare: ci fanno incontrare persone e storie che meritano di essere conosciute!
A questo punto, non mi resta che ringraziare Amanda per avermi voluta con sé, Luigino Poli e lo Chef Vincenzo Marconi per la professionalità e la simpatia con cui ci hanno accolti. Ovviamente, Gigi e Max per la compagnia e le chiacchiere durante la cena. E, infine, lui: Pierpaolo! Come ti ho detto quella sera: "Vai, spacca e goditi questo momento!". Sei un ragazzo meraviglioso e meriti tutto l'affetto che la gente ha per te e per il tuo romanzo. Noi, ne sono sicura, ci rivedremo presto!



giovedì 15 giugno 2017

Recensione 'Le cose che credevamo di sapere' di Mahsuda Snaith - Corbaccio

Ravine Roy ha diciott'anni e festeggia il suo compleanno a letto, dove si trova ormai da dieci anni. E non ha in programma di alzarsi nel futuro immediato. D'altronde non ha alcun desiderio di affrontare il Grande Mondo di Fuori. «Non vorresti almeno provarci?» domanda sua madre. Ma Ravine non vuole. Non può. Soffre di una sindrome che le causa dei dolori cronici che le impediscono di muoversi. Da un giorno di dieci anni fa. Il giorno in cui tutto è cambiato. Il giorno in cui è scomparsa la sua amica del cuore. La mamma, originaria del Bangladesh, cerca in tutti modi di aiutarla a guarire e le regala un diario per raccontare la sua vita, nella speranza che riesaminare gli eventi la aiuti a reagire. Chi era Marianne, come diventata amica di Ravine, che cosa è successo veramente, perché è scomparsa? Ripercorrere gli anni dell'infanzia - quando, con Marianne e il fratello di lei Jonathan, Ravine trascorreva giornate serene, fatte di giochi, avventure e confidenze - e confrontarli con il doloroso presente è difficile, ma Ravine, nutrita dai piatti profumati e speziati della madre e c la sua incrollabile e allegra fiducia, trova la forza di non mollare e riaffacciarsi alla vita. Costi quel che costi. "Le cose che credevamo di sapere" è un romanzo d'esordio fresco e intenso, delicato e commovente, che insegna a ricominciare dalle proprie radici. Perché è così che ci riesce Ravine, facendo fiorire il proprio futuro ricordando il tempo in cui lei e Marianne, le due amiche per la pelle, si dicevano: «Cantiamo e travestiamoci. Scriviamo delle storie e inventiamoci un modo per riparare il mondo».

Titolo: Le cose che credevamo di sapere
Autore: Mahsuda Snaith
Editore: Corbaccio
Data di pubblicazione: 1 giugno 2017
Pagine: 298

Trama: 3  Personaggi: 3  Stile: 3 


lunedì 12 giugno 2017

Recensione 'Victoria' di Daisy Goodwin - Sonzogno

Vittoria ha solo diciott'anni quando, nel 1837, la morte dello zio Guglielmo IV la innalza al trono d'Inghilterra. Esce da un'adolescenza malinconica e nei suoi primi giorni da regina viene guardata a vista dalla madre e dall'onnipresente e ambizioso Sir Lord Conroy, che esercita una grossa influenza sugli affari di stato e si sente minacciato dal carattere indipendente della giovane sovrana. Sebbene il potere la seduca fin da subito e le conferisca una straordinaria energia, le prime mosse dell'inesperta Vittoria sono però piuttosto avventate, soprattutto quando solleva pesanti, e ingiusti, sospetti contro l'inseparabile dama di compagnia di sua madre, accusata di intrattenere una relazione con l'odioso Conroy. Questo e altri passi falsi gettano una luce sinistra sulla regina, che non piace né al parlamento né ai sudditi. Gli scandali si succedono, insieme agli intrighi della corte per ostacolare la sua ascesa. Inoltre, agli stentati inizi sembra che stia per aggiungersi un matrimonio di pura convenienza dinastica. E invece... Le nozze con il cugino Albert si riveleranno il felice punto di svolta della vicenda pubblica e sentimentale di Vittoria d'Inghilterra, destinata, grazie alla non comune abilità politica e all'intrepida personalità, a segnare l'Ottocento britannico e a diventare una delle più grandi figure femminili della storia.

Titolo: Victoria
Autore: Daisy Goodwin
Editore: Sonzogno
Data di pubblicazione: 1 giugno 2017
Pagine: 431

Trama: 5  Personaggi: 5  Stile: 5 


giovedì 8 giugno 2017

In libreria #57


Io comincio seriamente a pensare che ci sia una coalizione tra le Case Editrici mirata a svuotare, mese dopo mese, i nostri già poveri portafogli! Anche giugno, così come i due mesi che lo hanno preceduto, vede un discreto numero di nuove uscite particolarmente interessanti! 
Ora, non so voi che scusa userete per giustificare gli acquisti compulsivi; per quanto mi riguarda, tra un paio di settimane compirò gli anni!!!
E insomma, cominciamo a piangere e cerchiamo di capire cosa dovrà essere acquistato subito e cosa, invece, potrebbe anche aspettare? 


Vittoria ha solo diciott'anni quando, nel 1837, la morte dello zio Guglielmo IV la innalza al trono d'Inghilterra. Esce da un'adolescenza malinconica e nei suoi primi giorni da regina viene guardata a vista dalla madre e dall'onnipresente e ambizioso Sir Lord Conroy, che esercita una grossa influenza sugli affari di stato e si sente minacciato dal carattere indipendente della giovane sovrana. Sebbene il potere la seduca fin da subito e le conferisca una straordinaria energia, le prime mosse dell'inesperta Vittoria sono però piuttosto avventate, soprattutto quando solleva pesanti, e ingiusti, sospetti contro l'inseparabile dama di compagnia di sua madre, accusata di intrattenere una relazione con l'odioso Conroy. Questo e altri passi falsi gettano una luce sinistra sulla regina, che non piace né al parlamento né ai sudditi. Gli scandali si succedono, insieme agli intrighi della corte per ostacolare la sua ascesa. Inoltre, agli stentati inizi sembra che stia per aggiungersi un matrimonio di pura convenienza dinastica. E invece... Le nozze con il cugino Albert si riveleranno il felice punto di svolta della vicenda pubblica e sentimentale di Vittoria d'Inghilterra, destinata, grazie alla non comune abilità politica e all'intrepida personalità, a segnare l'Ottocento britannico e a diventare una delle più grandi figure femminili della storia.

Scheda libro

Titolo: Victoria
Autore: Daisy Goodwin
Casa Editrice: Sonzogno
Data di pubblicazione: 1 giugno 2017
Pagine: 430
Prezzo: 19.50 €
E-book: 4.49 €

Ravine Roy ha diciott'anni e festeggia il suo compleanno a letto, dove si trova ormai da dieci anni. E non ha in programma di alzarsi nel futuro immediato. D'altronde non ha alcun desiderio di affrontare il Grande Mondo di Fuori. "Non vorresti almeno provarci?" domanda sua madre. Ma Ravine non vuole. Non può. Soffre di una sindrome che le causa dei dolori cronici che le impediscono di muoversi. Da quel giorno di dieci anni fa. Quel giorno in cui tutto è cambiato. Il giorno in cui è scomparsa la sua amica del cuore. E attraverso il lento confrontarsi di Ravine con i ricordi e le rimozioni il lettore scoprirà le vicende del passato mentre, nel presente, l'energica mamma, Amma, metterà in atto tutti i suoi trucchi per far reagire la figlia e contemporaneamente nasconderà un segreto o due sotto i profumi irresistibili della cucina bengalese.

Scheda libro

Titolo: Le cose che credevamo di sapere
Autore: Mahsuda Snaith
Casa Editrice: Corbaccio
Data di pubblicazione: 1 giugno 2017
Pagine: 300
Prezzo: 16.90 €
E-book: 9.99 €

Isabella De Clio è una giovane archeologa siciliana. Bella, volitiva e preparatissima, nasconde un segreto: è cleptomane e sente continuamente il bisogno di rubare oggetti che rappresentano per lei ricordi. Decisa a rimettere ordine alla sua vita, a guarire dal suo disturbo, a creare un rapporto d'amore duraturo con l'affascinante Ottavio, durante una ricerca trova un documento inedito. È la copia di un manoscritto perduto, proveniente da Ezzahra, in Tunisia, scritto nel primo secolo avanti Cristo. Nel testo l'anonimo autore racconta una nuova versione della battaglia delle Lipari, combattuta nel 260 a.C., nel corso della prima guerra punica, e descrive tre relitti affondati misteriosamente nelle acque delle Eolie per difendere un prezioso carico. Isabella, incuriosita, cerca cosa sia stato già riportato in luce e trova che due delle imbarcazioni romane sono state ritrovate, anni prima, da un noto ricercatore, esperto in immersioni, Paul Anderson e dal suo collega Luca Tridente. Ma nulla si sa del carico delle navi. Che il manoscritto non sia affidabile? Che il tempo e il mare abbiano distrutto tutto? Mentre la giovane è intenta a ricostruire le dinamiche storiche, un'altra verità torna a galla: durante la campagna di recupero dei relitti, una sub esperta, Carla Sollini, ha perso la vita in circostanze misteriose: incidente o omicidio?

Scheda libro

Titolo: Il terzo relitto
Autore: Barbara Bellomo
Casa Editrice: Salani
Data di pubblicazione: 8 giugno 2017
Pagine: 312
Prezzo: 16.90 €
E-book: 9.99 €

1983. L'uomo seduto nella macchina blu è nuovo di quelle parti, ma Remo non ha paura, non sa che cosa sia un estraneo. L'uomo ha tra le mani un passerotto caduto dal nido, almeno così dice, e chiede a Remo di aiutarlo a prendersene cura. Il bambino, sette anni passati quasi tutti per strada, che i genitori hanno altri pensieri, non esita neppure per un attimo. E sale. Tre giorni dopo viene restituito alla famiglia, illeso nel corpo e nell'anima; racconta di un uomo biondo, bellissimo, che lo ha riempito di regali e che ha giocato con lui, come nessun adulto aveva mai fatto. Non è la prima volta che succede e non sarà l'ultima. Trentadue bambini in sedici anni. Tutti tenuti per tre giorni da un uomo che cerca di realizzare i loro desideri e li restituisce alla famiglia, felici. Quando la polizia comincia a collegare i rapimenti lampo, l'uomo scompare. 2015. Il padre di Greta non è mai arrivato una sola volta in ritardo a prenderla. Ma lo sgomento negli occhi della maestra gli fa capire che qualcosa non va, perché Greta a scuola non è mai entrata. Scompare così, la figlia di Remo Polimanti, come lui era scomparso trent'anni prima. Anche lei viene subito restituita alla famiglia, ma priva di vita. Greta non è che la tappa iniziale di una scia di sangue che collega i figli dei bambini rapiti anni prima. Ma perché il rapitore "buono" si è trasformato in un assassino? O forse c'è qualcuno che intende emularlo. O sfidarlo. O punirlo.

Scheda libro

Titolo: Non ti faccio niente
Autore: Paola Barbato
Casa Editrice: Piemme
Data di pubblicazione: 13 giugno 2017
Pagine: 420
Prezzo: 17.50 €
E-book: 7.99 €

È una torrida mattinata di luglio, le scuole sono ormai chiuse e le strade semi-deserte della periferia di Firenze sono avvolte da un silenzio irreale. Come ogni giorno il cronista Carlo Alberto Marchi si sta dirigendo a Gotham City, l'enorme Palazzo di Giustizia dalle architetture avveniristiche. In mente, due obiettivi ambiziosi: scoprire cosa si nasconde dietro l'inspiegabile ondata di morti per droga che si è abbattuta sulla città e... organizzare le vacanze con Donata, l'inarrestabile figlia adolescente. Compito non facile per Marchi che ricopre come meglio può il doppio ruolo di reporter d'assalto e padre single. Come se non bastasse, una notizia scottante sta per scombinare la sua tabella di marcia: nella notte un cittadino americano è stato trovato morto, investito da un'auto pirata a due passi da Gotham City. Se a questo si aggiunge che l'uomo era il dirigente di una nota azienda farmaceutica, e che pochi giorni prima era stato fermato in una retata in un locale di strip-tease, il caso si fa sempre più interessante...



Scheda libro

Titolo: Il respiro delle anime
Autore: Gigi Paoli
Casa Editrice: Giunti
Data di pubblicazione: 14 giugno 2017
Pagine: --
Prezzo: 15.00 €
E-book: --

Nella campagna di Albenga, i corpi di due giovani vengono ritrovati in mezzo al nulla: sono vestiti di tutto punto con abiti d'epoca, quasi a voler riprodurre una vecchia fotografia. A eseguire l'autopsia è il medico legale Ardelia Spinola. Anche se non vuole ammetterlo, quello che ha per le mani è un caso singolare e fatica a non lasciarsi coinvolgere nelle indagini. Eppure questa volta deve starne fuori. Le bastano le preoccupazioni della vita privata: Arturo, l'affascinante apicultore piemontese con cui condivide gioie e dolori, ha ripreso a vedere la ex moglie e, come se non bastasse, continua a pungolarla a proposito di un vecchio amore. E ci si mette anche l'adorato zio Gabriel a darle grattacapi. Ma l'incontro inaspettato con una donna, magnetica e glaciale, che mostra un morboso interesse per il caso risveglia l'istinto di Ardelia. Perché lei non crede nelle coincidenze e sa che spesso la verità si nasconde sotto la superficie...

Scheda libro

Titolo: L'ultima sonata
Autore: Cristina Rava
Casa Editrice: Garzanti
Data di pubblicazione: 15 giugno 2017
Pagine: 320
Prezzo: 16.90 €
E-book: --

Allora? Quale di questi titoli vi farà appostare davanti all'ingresso delle vostre librerie?


mercoledì 7 giugno 2017

Recensione 'La ragazza delle fragole' di Lisa Strømme - Giunti

Norvegia, 1893. Nel pittoresco villaggio di Åsgårdstrand, che si affaccia sui fiordi del Mare del Nord, a qualche chilometro da Oslo, molti artisti trascorrono le vacanze estive. A pochi passi dal mare c'è anche la piccola casa di Edvard Munch, il pittore "malato" che la comunità locale guarda con grande sospetto. Nonostante il divieto di rivolgergli la parola e di contemplare le sue tele, la piccola Johanne non resiste, e ogni volta che viene mandata a raccogliere le fragole da vendere ai turisti, si intrattiene con il giovane artista. È proprio la pittura e il mondo dell'arte ad affascinarla e Munch sembra l'unico ad averlo intuito e a incoraggiarla in quella direzione. L'estate di libertà di Johanne finisce però quando sua madre la manda a servizio da una delle famiglie più in vista del luogo, per tenere compagnia a Tullik, una ragazza di qualche anno più grande di lei. Ed è così che Johanne sarà testimone di un evento sconcertante: tra Tullik e Munch scoppia una passione febbrile e pericolosa. Un sentimento tanto impetuoso quanto osteggiato che sconvolgerà la vita delle due ragazze fino a mettere in pericolo le stesse opere del pittore. Liberamente ispirato a un episodio poco noto della vita di Edvard Munch, "La ragazza delle fragole" di Lisa Strømme è un romanzo d'amore, che combina arte, storia e romance sullo sfondo di un clima culturale "fin de siècle" ricostruito con grande fedeltà.


Titolo: La ragazza delle fragole
Autore: Lisa Strømme
Editore: Giunti
Data di pubblicazione: 25 maggio 2016
Pagine: 316

Trama: 4  Personaggi: 4  Stile: 4 


martedì 6 giugno 2017

La Classifichella di Maggio


Salve! Giorno! Che fate tutti qui? Lallìììììììì, che vuole tutta questa gente? Le ciliegie? La Classifichella? Ah no, io non la faccio, spiacente! Col cavolo, tu fai e datti pure mossa che la gente ha da fare. Andate a leggervi quella di Anima Ciambella. 
Che vuol dire che devo farla per forza? Per forza, op op! Io non posso! Immaginalo, puoi! Ho letto troppi libri a Maggio e, porca puzzola povera puzzola, che ti ha fatto ora??, tutti belli... ne avrò beccati due che mi hanno lasciata gne e lamentiamoci pure. Quindi, è stato bello incontrarvi, raccogliete la roba che avete seminato in giro ed emigrate verso altri blog! Fermi là!! Tutti qua restate!!!! Ehi tu, là in fondo, rimettiti a coccolare il gatto!! Lauraaaaaaaaaaa ferma pure tu!!

Oddio Lallì, non urlare! Vabbè, io la Classifichella la faccio, ma stavolta metto i parimerito e se non ti sta bene, ti attacchi! -.-

 


  1. Tempi duri per i romantici - Tommaso Fusari & Dillo tu a mammà - Pierpaolo Mandetta Eh no!!! I parimerito nooooo!!!
  2. Non ditelo allo scrittore - Alice Basso & La fioraia del Giambellino - Rosa Teruzzi Ma insomma!!! E comunque Alice va prima, hai sbagliato, correggi op op...
  3. Francesca - Manuela Raffa
  4. Le madri - Brit Bennett
  5. Gli innocenti - Paola Calvetti
  6. Da domani mi alzo presto - Simona Toma
  7. Il bambino bugiardo - S. K. Tremayne Qui ci sono le gemelle e il faro?
  8. Anna sta mentendo - Federico Baccomo
  9. Profiler - Massimo Picozzi (non recensito)
  10. Tutta colpa della mia impazienza - Virginia Bramati
  11. Maria accanto - Matteo B. Bianchi
  12. Dimenticare uno stronzo - Federica Bosco (non recensito)
  13. Gocce di veleno - Valeria Benatti (non recensito)
Ecco! Siete felici? No Io pure, ma solo perché ho letto veramente tanto  ma giugno sarà un'altra storia e tanti libri belli belli! E ora fate quello che vi avevo consigliato all'inizio di questo post: correte a scoprire la Classifichella di Laura op op!