sabato 29 settembre 2018

Recensione 'La sposa italiana' di Adriana Trigiani - Tre60


Titolo: La sposa italiana || Autore: Adriana Trigiani || Editore: Tre60
Data di pubblicazione: 21 giugno 2018 || Pagine: 524

Bergamo, 1910. C'è tutta la gioia del primo amore nel legame che unisce Enza e Ciro: bellissima e volitiva lei, energico e riflessivo lui, già immaginano la loro vita insieme, a onta delle difficoltà concrete, quotidiane, del loro villaggio tra i monti. Ma il destino ha deciso diversamente:Ciro scopre un segreto troppo grande per il suo animo semplice e viene costretto ad andarsene lontano, addirittura al di là dell'oceano. Finirà per lavorare come apprendista nella bottega di un calzolaio a New York, a Little Italy. E in quel mondo nuovo, frenetico e pieno di possibilità, il pensiero di Enza pare sempre più lontano, sempre più sfumato... È la povertà che spinge la famiglia di Enza a compiere lo stesso viaggio verso l'America. Ferita dall'abbandono di Ciro,la ragazza si dedica anima e corpo al suo lavoro di ricamatrice e, ben presto, inizia a lavorare al Metropolitan, dove realizza abiti lussuosi per le star dell'opera lirica. Ed è lì che incontra un ricco e affascinante americano, deciso a farle dimenticare quell'amore che appartiene a un altro tempo e a un altro continente... Non sapendo di vivere nella stessa città, Enza e Ciro s'incamminano su strade sempre più divergenti: il successo negli affari per lui e la promessa di una vita agiata per lei. Il passato è dimenticato, il presente è sereno, il futuro sembra tracciato. Poi, un giorno, Enza e Ciro si incontrano di nuovo. E tutto cambia.

mercoledì 26 settembre 2018

La chiacchiera - La nostra vita coi puntini...

E:
LL: sia mai che la gente, per una volta, possa pensare che non sei cretina!
E:  mantengo lo standard ad un livello costante, così non si spaventano.
LL:senti, cretina… di che parliamo oggi? Di morbillo?
E:  fatto vaccino io.
LL: rosolia? Varicella? Che sono ‘sti puntini? Hai la malaria?
E: Varicella l’ho avuta…. no sono i puntini disegnati.
LL: io capisco non avere attitudine all’arte, ma i punti li sa disegnare pure Lamù. Evolviti!
E:  faccio righe? Uh unisco i puntini della Settimana Enigmistica!! Lo sai vero che non renderò questa Chiacchiera facile?
LL: prima o poi rinsavirò e mi renderò conto che questa rubrica va chiusa. Ora, minchia (si può dire ora?), vuoi spiegare alla gente di che parliamo?
E: chiusa? Sei pazza?? Io mi diverto tanto. E se io sono felice mondo è felice! Coooomunque… Ok, oggi parliamo di Bujo!
LL:che è amico tuo coreano!
E: uhm…. no…. oddio, magari in Corea è nome proprio, tipo Drusilla… va a capire. Che hai l’elenco telefonico di Seul che controlliamo?
LL:che esistono ancora gli elenchi telefonici?
E: e che ne so! Magari ai coreani piacciono!
LL: vabbè, ho capito, ci penso io a spiegare, altrimenti qui facciamo Natale (E: uh c’è la renna cicciona?)! Oggi vi parliamo dell’insana mania che ci è presa per i bullet journal. Ora dì, Lallì Letizia Dorotea, quanti quaderni coi puntini hai comprato?
E: ehm… 3. Visto pochi, sono donnina morigerata.
LL: e quanti ne avevi prima di comprare questi tre?
E: non… ento… idurb...azgv...ente…. ete… tutututututuuuuu
LL:stiamo in chat, deficiente -.-
E:  oh… ciao chat!
LL:oggi sei in forma smagliante!
E: ho lavato i capelli, sto leggera. E poi è arrivato l’autunno.
LL:ah no? Tutto d’un colpo, senza manco mandare un telegramma! Da 30 a 10 gradi in un quarto d’ora… la ggggggioia! Comunque, vorrei farti notare che, come al solito, stiamo divagando!
E: avevo letto divanando… Ok, ok… Bujo, ossia Bullet Journal. Cos’è? Niente roba zozza, è semplicemente un quaderno, solitamente puntinato, in cui si può creare un’agenda personalizzata. Si decide che cosa serve, quali pagine tornano utili e si creano.
LL:e tu che ci fai, stellina?
E:  Io? Noi bellezza! Noi ci facciamo un Reading Bullet Journal. Lo abbiamo cioè impostato per tenere traccia nelle nostre letture presenti, passate e future. Per le uscite, per le statistiche, ecc.
LL: sai qual è la cosa bella, Lallì?
E:  quale Ciambella del mio cappuccino senza lattosio?
LL:come sei romantica! La cosa bella è che non mi hai chiesto quanti bullet abbia io!
E: eh, perchè io SO! Dai dillo alla gente a casa?
LL: ehm...tutututututu…
E: enorme testa di m….. marmotta! Siamo in chat!
LL:sta storia non funziona mai! Vabbè, ho tre quaderni e due in uso! Sei felice?
E: un botto, anche perchè io ti faccio da spacciatrice (‘giorno Maresciallo! I bimbi hanno ripreso la scuola?).
LL:salve Maresciallo! Saluta pure Grazia, ché La Spacciatrice ufficiale è lei… spaccia da una vita quella ragazza!
E: uh giusto! Ciao Grazia! Senti Lallì, però non abbiamo parlato di una cosa… del contorno… e non dire insalata o patate!
LL: io, in realtà, ho fatto spinaci di contorno, stasera.
E: io patate al forno. Comunque, dicevo, il contorno. Penne, pennarelli, evidenziatori e chi più ne ha più ne metta. Dillo Lallì, confessa tutto!
LL:dunque… a parte gli Stabilo che avevo già, ho preso i pennarelli acquerellabili, un album coi fogli ruvidi, poi Zu mi ha regalato gli stencil… e batta, altrimenti qua divorzio!
E: pure io….
LL:divorzi pure tu?
E: no (furba io, non mi sposo prima così risparmio e compro penne). Pure io comprato quasi niente…
LL: e che hai comprato, Lallina?
E: evidenziatori Stabilo… ma c’era il Back to school Amazon!! I Tombow…. ma li volevo da una vita!!! E batta…
LL: ti rendi conto che ti stai auto-giustificando?
E: quella stronza della coscienza….
LL:ne hai una???
E: credo di si, tra la teglia di lasagna surgelata che torna sempre buona e il portapenne enorme con tutti i pennarelli. O almeno l’ultima volta l’ho vista lì.
LL:io non l’ho mai vista. Senti, giusto per stringere un po’ che qui s’è fatta ‘na certa… funziona il bullet?
E: con me si. Io prima avevo le cose sparse tra agende e quadernini vari. Col Bujo metto tutto lì, comodo e a portata di mano. Poi io mi diverto a preparare il mese successivo, a colorare, a disegnare male, insultare Giotto e i suoi fratelli, cancellare e ricominciare. E con te? Funzia?
LL:ti ti… io che già ero pignola e rompiballe, ora sono una scassaminchia perfetta!
E: ora… perchè prima…. Dai, me l’hai servita su piatto di pizza!
LL:non parlare di cibo che stasera ho esagerato e sto scoppiando.Che dici? Facciamo le beone e mettiamo due foto?
E: certo! Foto che ci siamo assolutamente ricordate di fare per tempo, mica all’ultimo minuto!
LL:tu se i cazzi nostri non li racconti a tutti, non sei felice, vero?
E: li rendo partecipi e coinvolti. Va beh, foto e qualche riga di spiega. Salutiamo?
LL:certo! Guarda, Lallì, una lasagna che vola!
E: uh DOVEEEEE??????
LL: ciao, gente!!!
E: non si gioca coi sentimenti della gente così… a Novembre me la paghi! Ciao a tutti!
Ora voglio lasagna….

Ok, lettori! Io e Laura siamo assolutamente incapaci di non andare fuori argomento. Eppure, ai tempi della scuola, eravamo brave quando si trattava di scrivere temi! Adesso che abbiamo finito di cazzeggiare, vi faccio vedere cosa ho realizzato io!

Questi sono i tre quaderni che ho. Quello con la copertina nera, è in formato a4 e l'ho acquistato su Amazon. Gli altri due sono in formato a5 e li potete trovare sul sito MrWonderful e da Tiger.





Nel quaderno più grande ho creato questa griglia. Visto che ogni post che viene pubblicato sul blog deve poi essere condiviso sui vari social network, questo sistema mi aiuta a controllare che io abbia condiviso il post ovunque e anche a tenere d'occhio le visualizzazioni giornaliere del blog.


Per quanto riguarda il quaderno della MrWonderful, invece, ho studiato un sistema che mi aiuti a tenere d'occhio varie cose. 
Nella prima pagina di ogni mese creo un calendario e coloro i giorni in cui riesco a leggere. Poi segno il numero dei libri acquistati, ricevuti in omaggio e letti e, infine, il numero di pagine lette ogni mese.
Nelle due pagine successive segno i titoli in uscita per quel mese che destano particolarmente il mio interesse e i titoli dei libri che acquisto o ricevo. Infine, ovviamente, elenco la TBR mensile.


Infine, le ultime pagine del bullet sono dedicate ai libri ancora da leggere! Ho disegnato questa libreria in cui inserisco i titoli dei libri che aspettano di essere letti e, ogni volta che ne leggo uno, provvedo a colorarlo!

Se volete altri spunti, vi rimando al post di Laura Letizia Dio, che come pasticcia lei con gli acquerelli, nessuno mai!

Ora, lettori cari che avete avuto la pazienza di leggere i nostri sproloqui sin qui, diteci: anche voi avete un bullet journal (o più di uno)? Siete maniache del controllo come noi? Ci vediamo tutte alla neuro?!!

lunedì 24 settembre 2018

Recensione 'Le pagine che ci legano ogni sera' di Laura Rinón Sirera - Sperglin & Kupfer


Titolo: Le pagine che ci legano ogni sera || Autore: Laura Rinón Sirera || Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 18 settembre 2018 || Pagine: 315

Carolina è proprietaria di una libreria nel centro di Madrid; si chiama JO, come la protagonista del suo primo romanzo preferito. Che diventasse libraia era scritto nel destino, ne è certa. Non poteva essere altrimenti, dopo un'infanzia trascorsa ad ascoltare ogni giorno storie di fantasia, o aneddoti della vita di qualche scrittore, in un appartamento in cui le citazioni dei libri erano persino trascritte sulle piastrelle della cucina, e il luogo più sacro della casa era un'enorme biblioteca, tempio della passione per la letteratura dei suoi genitori. Non c'è ricordo del passato in cui non faccia capolino un romanzo, o un sogno scritto da altri che lei ha fatto suo. Per Carolina, realtà e immaginazione sono inestricabili. Ora, ogni sera, saluta sua madre leggendole un libro a voce alta. Pagine con cui spera di risvegliarla dopo l'incidente che l'ha costretta in ospedale, in uno stato di incoscienza che la porta alla deriva. Per questa terapia letteraria, Carolina ha scelto i suoi romanzi e versi preferiti, non quelli della madre: da "Piccole donne" a "La signora Dalloway", da "Irène Némirovsky" a "Sylvia Plath". Perché per riportarla alla vita deve riavvicinarla a sé, ancorarla al suo essere e alla sua presenza. Così, attraverso le autrici che più ama, apre il suo cuore per la prima volta alla madre; attraverso le parole dei suoi personaggi prediletti, si racconta come mai aveva fatto. Come in un percorso catartico, pagina dopo pagina Carolina finirà per ritrovare se stessa, riscoprire pur nel silenzio un dialogo con la madre, riconciliarsi con i ricordi più dolorosi della sua famiglia. Regalando a ognuno dei suoi cari il proprio lieto fine. Vero o immaginato che sia.

sabato 22 settembre 2018

Tutti a Hogwarts con le 3 Ciambelle - I doni della morte


Streghette carissime, il momento è giunto! L'ultimo trimestre di scuola prende il via oggi: ci sarà da sgobbare, ci saranno verifiche da affrontare e interrogazioni a spron battuto. Ma, si sa, la scuola è una cosa seria e, ormai, tra noi sono rimaste solo le migliori!

Dopo un avvio un po' turbolento, anche l'ultimo trimestre che vi ha viste giocare in squadra si è concluso. Da questo momento, ognuna di voi dovrà guardarsi le spalle da coloro che, sino ad oggi, son state amiche!

Sappiamo che la curiosità serpeggia tra voi, quindi non temporeggiamo oltre e vi spieghiamo come si svolgerà il gioco da qui alla fine della scuola.
Come ben sapete, da questo momento giocherete singolarmente. A mezzogiorno, nella Sala Grande, troverete un sondaggio contenente i gruppi di obiettivi che potrete scegliere.
ATTENZIONE! Ognuna di voi dovrà scegliere un solo gruppo di obiettivi e non potrà scegliere un gruppo già scelto da un'altra streghetta!
Ogni gruppo conterrà 3 obiettivi che, però, vi verranno svelati solo quando il gufo (e speriamo non vi capiti quello di Piton!) vi consegnerà la lettera!
I gruppi potranno essere composti da 3 obiettivi generici, da due obiettivi generici + Cappello Parlante o da due obiettivi generici e un titolo imposto.
A differenza dei mesi precedenti, però, se nella vostra lettera doveste trovare un titolo imposto che avete già letto, potrete chiederne la sostituzione.
Questo perché, come avrete capito (lo avete capito, vero?!) GIOCHERETE AL BUIO!
Eh già, per quest'ultimo mese di gioco entrerà in ballo, assieme alla vostra bravura, anche un pizzico di fortuna! Chi troverà i gruppi che contengono il punteggio più alto?
Per correttezza non sono stati creati gruppi contenenti titolo imposto e Cappello Parlante.
I punteggi rimangono inalterati:
  • 1 punti per gli obiettivi generici
  • 2 punti per i titoli imposti
  • 3 punti per i Cappelli Parlanti
E come per i mesi precedenti, i gruppi di obiettivi saranno validi per un solo mese, poi dovrete sceglierne un altro gruppo. Ed è inutile che sbirciate nel file per scoprire cosa contengano i gruppi delle vostre compagne, perché ogni mese tutto cambierà (siamo mica sceme, noi!).

Per quest'oggi, onde consentire a tutte voi di prendere visione di questo post, assimilare le novità e ripassare le regole base del gioco, la lista degli obiettivi verrà esposta nella Sala Grande a mezzogiorno in punto (sempre che io non stia friggendo qualcosa! Nel qual caso, abbiate la bontà di aspettare un momentino!).

Prima di lasciarvi al consueto ripasso delle regole, ci preme parlarvi dei punteggi! Tra pochissimo, nella Sala Grande, verrà pubblicato un post in cui scoprirete qual è il punteggio con cui ogni singola streghetta si presenterà davanti alla Commissione per sostenere i G.U.F.O.
Questo punteggio è stato ricavato sommando i punti che la singola streghetta ha totalizzato durante questi mesi di gioco (visto che non è stato furbo evitare Cappelli Parlanti e titoli imposti?!). A tale punteggio, inoltre, sono stati aggiunti 10 punti per le streghette appartenenti alla Casa prima classificata, 8 punti per le streghette appartenenti alla Casa seconda classificata e, infine, 6 punti per coloro che fanno parte della Casa ultima classificata.
Per quanto riguarda invece i punti accumulati dai Cercatori nella cattura dei vari Boccini, questi verranno equamente divisi per il numero di streghette rimaste nella casa al termine del terzo trimestre di gioco; ognuna vedrà quindi assegnata in pagella la propria quota.

E ora, che regole siano!

Per quanto riguarda le vostre letture, invece...

  • I libri che sceglierete di leggere dovranno avere minimo 150 pagine (farà fede l'edizione cartacea presente su Amazon, se esiste)
  • Per quanto riguarda i titoli che vi "imporremo" noi tre, non ci sarà, a differenza degli anni scorsi, un numero limite di pagine. Ma, benché molte di voi pensino che siamo Carogne patentate, così non è (almeno non del tutto) e cercheremo di non appiopparvi Ken Follett!
  • Per gli obiettivi che richiedano la lettura di un genere specifico, potrete controllare, come al solito, le schede Amazon (anche in questo caso, controllate sempre la scheda della versione cartacea del libro, se esiste). Se avete qualche dubbio, scriveteci in gruppo!
  • Per le copertine colorate chiedete sempre a noi prima di iniziare a leggere (pare che ci siano, tra voi, evidenti casi di daltonismo!!!).
  • Quando avrete bisogno di chiederci qualcosa, usate la Sala Grande e TAGGATECI SEMPRE, altrimenti, nel marasma di post che vengono pubblicati, rischiamo di perderci le vostre domande!
Vi ricordiamo che per qualunque domanda, dubbio, sostituzione di titoli o tentativo di corruzione, potete scriverci alla nostra mail:
lauralaura.challenge@gmail.com

Anche per questa volta ci pare di avervi detto tutto. Vi lasciamo qui il nuovo modulo, che vi servirà per inviare i link delle vostre recensioni (salvatelo, che poi lo sappiamo che tra qualche settimana verrete a piangere dicendo di non trovarlo!).



giovedì 20 settembre 2018

Recensione 'La fragilità degli angeli' di Gigi Paoli - Giunti Editore



Titolo: La fragilità degli angeli || Autore: Gigi Paoli || Editore: Giunti
Data di pubblicazione: 19 settembre 2018 || Pagine: 293

Sono giorni di angoscia per Firenze dopo la misteriosa scomparsa di un bambino di quattro anni che stava giocando nel giardino della sua casa in collina: di lui rimane solo la piccola bicicletta grigia, appoggiata a un albero. Mano a mano che passano i giorni, le speranze di ritrovare Stefano in vita si affievoliscono, e in città si torna a respirare lo stesso terrore dei tempi del "Mostro", il famigerato serial killer che uccideva e mutilava le coppiette appartate in campagna. Per il giornalista di cronaca giudiziaria Carlo Alberto Marchi e il suo collega della "nera", l'Artista, sono ore di ansia e lavoro frenetico fra la redazione, i luoghi del delitto e un Palazzo di Giustizia sempre più cupo, proprio come il suo soprannome: Gotham. Un'inchiesta serrata che non dà tregua agli inquirenti, la tenace pm Simonetta Vignali, grande amica di Marchi, e il capo della Mobile Settesanti, segnato da un passato violento che non gli concede sconti. A dare una svolta alle indagini sarà l'inaspettata confessione di uno studente di psicologia: è stato lui a uccidere Stefano, per poi abbandonarne il corpo sulle rive dell'Arno. Sta dicendo la verità? O si tratta solo di un mitomane? E mentre le sponde del fiume vengono battute a tappeto, un altro colpo di scena riaccende la paura. In una celebre basilica sulle oscure colline di Firenze viene ritrovata una lettera anonima che annuncia nuovi orrori: Stefano è stato il primo, ma non sarà l'ultimo... Poi, il caos si trasforma in silenzio, finché un'intuizione ribalta tutto, anche le storie personali, anche quella di Carlo Alberto Marchi, che si ritrova davanti a qualcosa che mai aveva visto prima. Sullo sfondo di un malinconico autunno fiorentino, Gigi Paoli ci regala il suo libro più toccante e intenso.

(solo perché non esiste un voto più alto!)

martedì 18 settembre 2018

[Questa volta leggo...] Recensione 'Dove c'è fumo' di Simon Beckett - Bompiani

Dopo la pausa estiva, torna Questa volta leggo, la rubrica ideata da La lettrice sulle nuvoleLe mie ossessioni librose e me.
L'argomento scelto per le nostre letture di questo mese è...

Un libro non ambientato in Italia

E io ho deciso di andare a Londra e leggere "Dove c'è fumo" di Simon Beckett!


Titolo: Dove c'è fumo || Autore: Simon Beckett || Editore: Bompiani
Data di pubblicazione: 18 luglio 2018 || Pagine: 400

La stanza è immersa in un buio irreale, sembra di camminare nell'inchiostro. Kate cerca di farsi strada a tentoni tra mobili sconosciuti. Non c'è tempo per fuggire. Poi un lampo di dolore, e sangue. Kate Powell è una donna di successo sulla trentina, indipendente, poco incline ai compromessi. Eppure sente che il tempo scorre inesorabile e la vita le appare sempre più vuota, priva di significato. Vuole un figlio, ma è rimasta scottata troppe volte da relazioni inconcludenti e non riesce più a fidarsi. Così decide di ricorrere all'inseminazione artificiale e scegliere il donatore pubblicando un annuncio: a rispondere è Alex Turner, psicologo affascinante e riservato. Il candidato ideale. Se non fosse che l'apparenza inganna.

venerdì 14 settembre 2018

Recensione 'Sharp objects' di Gillian Flynn - Rizzoli


Titolo: Sharp objects || Autore: Gillian Flynn || Editore: Rizzoli
Data di pubblicazione: 24 luglio 2018 || Pagine: 346

Otto anni dopo essere andata via da Wind Gap, la cittadina soffocante in cui è nata e cresciuta, Camille Preaker lascia Chicago per tornare in quel minuscolo avamposto cattolico del Missouri battista, luogo sperso nel nulla, dove la gente si illude di sapere come stare al mondo. È il giornale per cui lavora a spedirla laggiù, in seguito alla scomparsa della piccola Natalie Keene. Caso che somiglia a quello di un'altra bambina svanita nel nulla poco tempo prima, ricomparsa il giorno dopo nel letto di un torrente, strangolata. Aveva solo nove anni. Anche il cadavere di Natalie viene rinvenuto ben presto e la comunità di Wind Gap deve arrendersi all'evidenza: la mano che si è abbattuta con brutale meticolosità sulle due bambine è la stessa. A rivelarlo è un unico, macabro dettaglio. Con caparbietà, Camille porta avanti la propria indagine sfidando le rigide norme sociali di una cittadina bigotta e pettegola, ma soprattutto è costretta ad affrontare la madre, una donna fredda e manipolatrice, ammirata dai vicini e temuta dentro casa, da cui era fuggita ancora ragazza. L'inchiesta si gonfia come un fiume in piena e Camille non è più in grado di tenere a freno i ricordi e il male che contengono.


mercoledì 12 settembre 2018

Recensione 'La felicità del cactus' di Sarah Haywood - Feltrinelli


Titolo: La felicità del cactus || Autore: Sarah Haywood || Editore: Feltrinelli
Data di pubblicazione: 14 giugno 2018 || Pagine: 362

A Susan Green non piacciono le sorprese: vuole avere tutto sotto controllo. Con buona pace di famiglia e colleghi, che la trovano fredda e spigolosa. Ma la vita di Susan è perfetta... per Susan. Ha un appartamento a Londra tagliato su misura per una sola persona, un lavoro che soddisfa la sua passione per la logica e un accordo molto civile con un gentiluomo che le garantisce adeguati stimoli culturali, e non solo, senza inutili sdolcinatezze. Guai perciò a chiunque tenti di abbozzare un maggior coinvolgimento emotivo e di accorciare le distanze: Susan punge, come i cactus che colleziona. Eppure, si sa, la vita sfugge a ogni controllo. E l'aplomb di Susan inizia a vacillare quando deve fare i conti con un lutto improvviso e con la prospettiva, del tutto implausibile secondo lei, di una gravidanza. All'improvviso il mondo sembra impazzito, sia dentro che fuori di lei. Ma proprio quando Susan teme di non riuscire più a fare tutto da sola, riceverà aiuto dalle persone più impensabili. E l'inflessibile femminista di ferro, la donna combattiva e spinosa come i suoi cactus, si troverà a fiorire.

lunedì 10 settembre 2018

Recensione 'Come fermare il tempo' di Matt Haig - Edizioni e/o


Titolo: Come fermare il tempo || Autore: Matt Haig || Editore: Edizioni e/o
Data di pubblicazione: 29 agosto 2018 || Pagine: 360

Pensate a un uomo che dimostra quarant'anni, ma che in realtà ne ha più di quattrocento. Un uomo che insegna storia nella Londra dei giorni nostri, ma che in realtà ha già vissuto decine di vite in luoghi e tempi diversi. Tom ha una sindrome rara per cui invecchia molto lentamente. Ciò potrebbe sembrare una fortuna... ma è una maledizione. Cosa succederebbe infatti se le persone che amate invecchiassero normalmente mentre voi rimanete sempre gli stessi? Sareste costretti a perdere i vostri affetti, a nascondervi e cambiare continuamente identità per cercare il vostro posto nel mondo e sfuggire ai pericoli che la vostra condizione comporta. Così Tom, portandosi dietro questo oscuro segreto, attraversa i secoli dall'Inghilterra elisabettiana alla Parigi dell'età del jazz, da New York ai mari del Sud, vivendo tante vite ma sognandone una normale. Oggi Tom ha una buona copertura: insegna ai ragazzi di una scuola, raccontando di guerre e cacce alle streghe e fingendo di non averle vissute in prima persona. Tom deve a ogni costo difendere l'equilibrio che si è faticosamente costruito. E sa che c'è una cosa che non deve assolutamente fare: innamorarsi. "Come fermare il tempo" è una storia folle e dolceamara su come perdere e poi ritrovare se stessi, sull'inevitabilità del cambiamento e sul lungo tempo necessario per imparare a vivere.

giovedì 6 settembre 2018

Recensione 'Il segreto di mia sorella' di Flynn Berry - Sperling & Kupfer


Titolo: Il segreto di mia sorella || Autore: Flynn Berry || Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 4 settembre 2018 || Pagine: 288

Una giovane donna si prepara a passare il solito weekend con la sorella. Ma le basta aprire la porta di casa per sapere che niente sarà come prima. Che il passato è tornato a pretendere il suo tributo di sangue. Nora vive lontana dalla sorella ma va spesso a farle visita in un paesino della campagna inglese. È lì che Rachel fa l'infermiera, una professione che ha scelto perché le permette di salvare la vita alle persone, ma anche perché è un osservatorio sulla violenza. E per lei questo è fondamentale per scendere a patti col passato. Una notte di tanti anni prima, infatti, le due sorelle adolescenti, dopo una festa molto alcolica, avevano preso due decisioni opposte. Mentre Nora era rimasta a dormire dagli amici, Rachel si era incamminata sulla strada di casa. E durante il tragitto si era imbattuta in un pazzo che l'aveva picchiata selvaggiamente fino a tramortirla. Da quel momento, Rachel e Nora, sconvolta dal senso di colpa, si erano unite in una caccia all'uomo ossessiva, che le aveva portate sulle tracce di altri delitti e altre violenze ma non su quelle del «loro» mostro. Non ancora. Quando Nora arriva a casa di Rachel, è sicura di trovarla in cucina intenta a preparare la cena. E invece, questa volta, la aspetta una tremenda scoperta. Appena entrata, trova il cane impiccato alla scala e, seguendo le tracce di sangue, la sorella pugnalata a morte. E anche se Rachel le ha detto di aver rinunciato a cercare il suo aggressore, Nora sa che potrebbe essere proprio lui l'assassino. Ma chi è, veramente, l'uomo capace di tanta violenza?

lunedì 3 settembre 2018

Recensione IN ANTEPRIMA 'Un tè tra le stelle' di David. M. Barnett - Sperling & Kupfer


Titolo: Un tè tra le stelle || Autore: David M. Barnett || Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 4 settembre 2018 || Pagine: 334

Thomas Major odia l'umanità. Odia suo padre. Odia il suo passato. Odia la sua vita. L'11 gennaio 2016 sembra un giorno come tanti: il suo appartamento è vuoto e solitario, la metro è stracolma di persone fastidiose e al lavoro lui sarà come al solito un semplice perito chimico. Quel giorno, in realtà, non ha niente a che fare con tutti gli altri: David Bowie è morto e Thomas diventerà il primo uomo ad andare su Marte. Per una serie di strane coincidenze, infatti, avrà l'opportunità di restare per almeno vent'anni lontano dagli esseri umani, potrà sorseggiare il suo tè tra le stelle in santa pace, dedicandosi alla musica e ai cruciverba. Anche se dovrà sopportare che tutti inizino a chiamarlo Major Tom, come l'astronauta di «Space Oddity», la canzone di David Bowie. Una volta partito verso il pianeta rosso, però, la pace cosmica sognata da Thomas si rivela impossibile. Un banale errore nella connessione telefonica spazio-Terra lo mette, infatti, in contatto con Gladys: 71 anni e un principio di Alzheimer. L'anziana signora è l'unica famiglia che resta ai suoi due nipoti, l'adolescente Ellie e il piccolo James, che cercano di nascondere ai servizi sociali la demenza sempre più evidente della nonna, per non essere affidati a degli sconosciuti prima della scarcerazione del loro papà. Una telefonata dopo l'altra, Thomas diventerà una sorta di angelo custode spaziale per questa famiglia strampalata, pronto a guidarla tra le difficoltà di una vita complicata. E proprio grazie alle stranezze di Gladys, alla determinazione di Ellie e alla genialità di James, Thomas non sarà più l'uomo cinico e scorbutico che aveva abbandonato la Terra per dimenticare tutto e tutti. Scoprirà che la vita vale la pena di essere condivisa sempre e che tutti abbiamo bisogno di qualcuno che ci aspetti a casa, anche al di là delle stelle.

sabato 1 settembre 2018

Novità nella Stanza Librosa agosto 2018 + To Be Read settembre 2018



Sapete cosa ho capito del mese di agosto? Che fa schifo al c****!! E non venite a dirmi che è bello perché si va in ferie, ché tanto qui, in ferie, ormai, ci va l'1% della popolazione.
L'unica frase in cui mi sono imbattuta durante questo mese, è stata: "Ho letto poco, pochissimo... disgrazia e disonore".
Tutte le blogger o bookstagrammer che seguo, hanno lamentato un rallentamento nelle letture e io non sono stata da meno. O meglio, di libri ne ho letti un po' meno del solito, ma alcuni erano dei veri mattoncini con almeno 500 pagine. Il punto è che ho impegnato giorni e giorni e giorni per finirli. E vi assicuro che non era colpa dei libri. 
ESTATE. CALDO. AGOSTO... che voi siate maledetti!

E quindi, il mio agosto può tranquillamente essere rappresentato dalla prima foto, quella della mia gatta che, in quest'ultimo mese, ha vissuto praticamente in quella posizione!
Ma agosto, nel suo essere un mese assolutamente inutile, mi ha portato anche qualcosa di molto bello! Grazie ad una sorpresa ben organizzata, ho potuto incontrare colui che è stato ufficialmente adottato da me e la Bacci (che pare abbiamo una strana attitudine ad essere zie!): lui è Mario e il suo blog è La locanda delle storie erranti e se voi non lo conoscete siete delle bruuuuuuutte persone!
Un pomeriggio a Cremona, con tanto di giro in libreria e al Tiger (dove vuoi che vadano due blogger?) e tante tante chiacchiere!

ARRIVI


  1. Il giorno dei morti - Maurizio de Giovanni acquisto Feltrinelli
  2. Il segreto di mia sorella - Flynn Berry omaggio Sperling & Kupfer
  3. Sharp objects - Gillian Flynn acquisto Giunti
  4. Mr Skeffington - Elizabeth von Armin acquisto Amazon
  5. La memorabile vacanza del barone Otto - Elizabeth von Armin acquisto Amazon
  6. Vera - Elizabeth von Armin acquisto Amazon
  7. Una principessa in fuga - Elizabeth von Armin acquisto Amazon
  8. Rondini d'inverno - Maurizio de Giovanni
  9. Siracusa - Delia Ephron acquisto Giunti
  10. Meet me alla boa - Paolo Stella acquisto Giunti
  11. I formidabili Frank - Michael Frank acquisto Giunti
----------------------------------------

Ad agosto ho letto 7 libri per un totale di 3561 pagine


  1. Jeremy Poldark - Winston Graham
  2. Tu che sei di me la miglior parte - Enrico Brizzi
  3. Il tempo dell'attesa - Elizabeth Jane Howard
  4. La madre perfetta - Aimee Molloy
  5. La via del male - Robert Galbraith
  6. La scomparsa di Stephanie Mailer - Joël Dicker
  7. Il segreto di mia sorella - Flynn Berry
----------------------------------------

Ecco la TBR di agosto

  1. La vial del male - Robert Galbraith
  2. TITOLO SEGRETO!!!
  3. Jeremy Poldark - Winston Graham
  4. Il tempo dell'attesa - Elizabeth Jane Howard
  5. La scomparsa di Stephanie Mailer - Joël Dicker
  6. La madre perfetta - Aimee Molloy
  7. Tu che sei di me la miglior parte - Enrico Brizzi
----------------------------------------

TO BE READ


  1. Il segreto di mia sorella - Flynn Berry
  2. Sharp objects - Gillian Flynn
  3. La felicità del cactus - Sarah Haywood
  4. Dove c'è fumo - Simon Beckett
  5. La sposa italiana - Adriana Trigiani
  6. Come fermare il tempo - Matt Haig
  7. Ogni stella lo stesso desiderio - Laura Bonalumi
  8. Le pagine che ci legano ogni sera - Laura Rinón Sirera
  9. La fragilità degli angeli - Gigi Paoli
Alcuni titoli, essendo prossime uscite, ovviamente non appaiono in foto, ma prometto di farveli vedere appena li avrò tra le mani!
Come di consueto, però, giro a voi la palla e vi chiedo che programmi avete per il mese di settembre!