venerdì 28 aprile 2017

Recensione 'Caterina della notte' di Sabina Minardi - Piemme

Catherine ha quarant'anni e un forte senso di vuoto dentro. Forse per colpa di David, l'uomo che ha accanto, ma che da tempo non sente più vicino; o forse è la convivenza con il padre - da sempre per lei madre e padre insieme - che è diventata troppo ingombrante. Per questo, il giorno in cui le viene recapitato un manoscritto sulla scrivania dell'ufficio, Catherine si lascia completamente travolgere dalla lettura. Quella che scorre tra le pagine è una storia antica, ambientata nella Siena dov'è nata ma che non ha mai più visto. Ed è scritta in italiano, la lingua madre di cui serba un ricordo sfocato. Protagonista una santa che porta il suo nome, Caterina. 
A narrare è una donna che nel 1380 vive nello Spedale di Santa Maria della Scala, luogo di cura dei malati e di assistenza per i "gettatelli", rifugio di viandanti e pellegrini lungo la Via Francigena. Un ospedale, sorto intorno all'anno Mille, crocevia di culture diverse ed emblema di convivenza tra laici e religiosi, tra ricchi, poveri, artisti, gente in cammino: uomini e donne che deviano dalla loro strada, in cerca di sé. In quel luogo straripante di vita, la donna è costretta a non vedere mai la luce del giorno, per una colpa segreta che porta fin dalla nascita.
Tra quelle pagine oscure e appassionanti, Catherine trova qualcosa che la spinge verso la sua città natale e verso la madre, morta quando lei era bambina, e della quale nessuno parla mai. Seguendo il racconto di Giovanna, quelle vite così lontane si fanno sempre più vicine. E, scoprendo il segreto che lega Giovanna allo Spedale e a santa Caterina, Catherine riuscirà a svelare i misteri del suo passato e a ritrovare se stessa.


Titolo: Caterina della notte
Autore: Sabina Minardi
Editore: Piemme
Data di pubblicazione: 18 aprile 2017
Pagine: 384

Trama: 3  Personaggi: 2  Stile: 3 


giovedì 27 aprile 2017

Diario di Bordo - Tempo di Libri... parliamone seriamente (o almeno proviamoci!)


Dopo aver sproloquiato raccontandovi della settimana trascorsa con Anima Ciambella, è arrivato il momento di fare la blogger seria (Bacci lo so che stai ridendo!) e di fare un bilancio su questa prima edizione di "Tempo di Libri".
Non penso di dovervi spiegare cosa sia "Tempo di Libri", anche se, tecnicamente parlando, è stata definita la fiera dell'editoria, a differenza del "Salone Internazionale del Libro di Torino" che, come definizione spiega, è un vero è proprio salone del libro.
Qual è la differenza tra le due cose? Sinceramente, da lettrice e da blogger, non saprei spiegarvela (ma magari è un limite mio che non vivo i lati tecnici delle due manifestazioni).

Personalmente ho preso parte al Salone del Libro di Torino per tre anni consecutivi. Il primo anno l'ho vissuto più da lettrice che da blogger, perché La Libridinosa aveva preso vita da un paio di mesi appena. Gli ultimi due anni, invece, li ho vissuti munita di badge ed accredito. A fronte di questo, penso di poter fare un raffronto tra i due eventi e dire anche la mia!
Innanzitutto, ci tengo a sottolineare il fatto che mi ha davvero infastidita questa pseudo-guerra che è stata messa in atto sia dai due comitati direttivi, che hanno trascorso gli ultimi giorni facendo raffronti numerici assolutamente inutili, che dagli stessi partecipanti (e non) che hanno quasi creato delle fazioni calcistiche a colpi di "W Milano" o "W Torino".

Io qui esprimo, ovviamente, il mio punto di vista e parto dal fatto che Torino abbia alle spalle una storia trentennale e, nonostante ciò, il Salone del Libro abbia sempre avuto delle falle alle quali pare non si riesca mai a porre riparo. Milano, benché sia alla sua prima esperienza, pare essere riuscita a cavarsela abbastanza bene!
Tanto Torino quanto Milano paiono avere questa grande passione per gli incontri con gli autori concentrati nel fine settimana. E questo può apparire un fatto ovvio, se non fosse che, per farlo, si creino una serie di accavallamenti che portano ad avere, alla stessa ora, 4 o 5 incontri interessanti e, visto che nessuno di noi è dotato del dono dell'ubiquità (tranne Laura), si deve sempre rinunciare a qualcosa. Ma avere tanti scrittori nello stesso posto crea anche qualche problema logistico!

A Milano, i blogger sono entrati gratis. A Torino, sino all'anno scorso, entravamo a metà prezzo (ma si vocifera che, quest'anno, si entrerà gratis anche lì... e taccio su questa scelta fatta dopo che tutti abbiamo sbandierato ai quattro venti che a Milano non abbiamo pagato!).
A Milano non erano presenti i piccoli editori (e la Neri Pozza), quindi lo spazio tra uno stand e l'altro, ha consentito di gironzolare più comodamente anche a chi, come me, era carico di borse. Indubbiamente, questa cosa è stata agevolata anche dalla minore affluenza di gente rispetto a quella che invade Torino. Mi sono chiesta il perché e la risposta che mi sono data è che si era reduci dalle vacanze pasquali e a ridosso di un ponte festivo abbastanza lungo (tanto che anche una mia amica e collega è riuscita ad essere presenta solo il venerdì). Che la scelta dalla data possa essere definita infausta è quello che, sicuramente, avranno pensato in tanti. Come la vedo io? Innanzitutto, posso dire che il minor afflusso di gente ha consentito a tutti di visitare gli stand senza dover fronteggiare una ressa di gente che spintonava ad ogni passo (cosa che accade puntualmente a Torino). Nei padiglioni non si soffocava per il caldo e non c'erano file infinite alle casse, benché io abbia visto parecchia gente acquistare (anche se molti dicono che le vendite siano state scarse). Unica eccezione, lo stand del Libraccio, preso costantemente d'assalto!

Vogliamo parlare di vendite? A quanto pare, si è venduto poco. Io rimango perplessa davanti a questo dato, perché ho visto tanta gente carica di sacchetti pieni di libri. Io da sola ne ho acquistati una decina e le mie compagne d'avventura non sono state da meno. In Italia, lo sappiamo benissimo, i libri si vendono poco, ma questi eventi sono frequentati da lettori accaniti e, inutile prenderci in giro, i lettori accaniti sono accumulatori compulsivi di libri e acquistano!
Credo che ci sia una grande pecca che riguardi tanto Torino quanto Milano: in queste occasioni gli editori non fanno sconti. Ma insomma, vi trovate davanti migliaia di lettori che non aspettano altro che dare fondo ai loro risparmi e voi non li agevolate? Se posso capire i piccoli editori che fanno fatica a tirare avanti, non mi spiego la scelta da parte di gruppi quali Mondazzoli, Gems e Feltrinelli. L'unica Casa Editrice che faceva lo sconto del 20% era la Harper Collins (e infatti mi sono subito fiondata sui libri di Anne O'Brien). Ecco, questa è una cosa su cui gli editori dovrebbero riflettere: le fiere servono anche ad incentivare agli acquisti. Ci troviamo lì, vediamo centinaia di libri che spesso non conosciamo e vorremmo comprarli tutti, ma non possiamo!

Altro pregio di Milano è che, indubbiamente, si raggiunge molto più facilmente rispetto a Torino. Mi direte: la fiera non si svolgeva a Milano, ma a Rho. Vero! Ma esiste la metropolitana. Io vivo in provincia di Cremona e, per quanto non sia proprio dietro l'angolo, arrivo a Rho in circa 80 minuti di macchina. Non sono pochi, lo so, ma mi hanno permesso di prendere parte a questo evento per più giorni di seguito, cosa che, invece, non posso fare a Torino, perché di chilometri da affrontare in un solo giorno ne ho molti di più. Ho visto amiche arrivare a Rho da Roma, dalla Puglia, dalla Toscana, dal Veneto e dal Trentino. Con un po' di organizzazione, qualche amico in zona disposto ad ospitare o un buon b&b, arrivare a Milano è molto più semplice che raggiungere Torino, sia che si decida di viaggiare in treno che in aereo! Inoltre, proprio in zona fiera, c'è un lungo viale dove è stato possibile parcheggiare gratuitamente (tutti soldi risparmiati per acquistare libri!!!).

All'interno dei padiglioni, inoltre, c'erano vari spazi per potersi sedere e riposare o mangiare in tranquillità anche per chi portava il cibo da casa e i bagni erano tanti e tutti pulitissimi. Quindi, anche lì, niente code e niente perdite di tempo! Inoltre, sono riuscita a rimanere sempre connessa grazia al wi-fi gratuito e funzionante!

Rileggendo questo post, pare che io sia qui a voler tirare l'acqua al mulino lombardo. Insomma, nessun difetto? Certo, ci sono stati anche quelli! Il più grande è stato sicuramente quello di vedere scrittori, moderatori, giornalisti, agenti letterari e quant'altro fare la fila con noi comuni mortali e dover aspettare l'orario di apertura per entrare. Vi dico solo che a Torino noi blogger, che siamo il gradino più basso della categoria letteraria, entravamo con almeno una ventina di minuti di anticipo rispetto agli altri. 
Non è possibile che uno scrittore che ha un incontro all'apertura debba star lì e fare la fila. 
Altra pecca, secondo me, è stata la scelta della data: un mese prima del Salone del Libro di Torino? Ma davvero? Sapete cosa avete ottenuto? Che salvo rare eccezioni di gente con grande disponibilità economica, chi partecipa ad un evento sarà assente all'altro. Avete 12 mesi a disposizione, organizzatevi e distanziate meglio i due eventi.

Altro difetto: il sito di tempo di libri è caotico e poco fruibile. Il programma è stato comunicato a pochi giorni dall'avvio della fiera e chi doveva organizzarsi con ferie e prenotazioni non è stato per nulla agevolato. Male, malissimo. Ci sono stati cambi di programma improvvisi che venivano comunicati sul sito internet, quando invece è risaputo che tutti viviamo collegati ai social network: Facebook e twitter sono il metodo ideale per aggiornare in tempo reale chi è lì.
La mappa che veniva consegnata all'ingresso era grande, scomoda da usare e fatta malissimo: non si riuscivano a trovare gli stand e io mi ritengo fortunata ad averne stampata una a casa e aver contrassegnato per tempo gli stand che mi interessavano e le sale in cui si svolgevano gli incontri a cui volevo partecipare!

E poi la pecca più grande, quella che ha fatto arricciare i capelli a tutti noi: i relatori degli incontri. Abbiamo assistito a presentazioni degne dei peggiori film horror. Giornalisti che hanno presentato libri di cui, probabilmente, conoscevano solo la copertina e la sinossi. Ho visto Sara Rattaro dover stilare il cast di un ipotetico film con la signora Briganti che pareva essere l'agente di Margherita Buy, visto che cercava di piazzarla in tutti i ruoli femminili. Sempre la stessa Annarita Briganti ha parlato di un prete e di una storia d'amore (forse pensava ad "Uccelli di rovo") riferendosi al Don Vittorio dell'ultimo romanzo di Lorenzo Marone.
Milano e provincia sono piene di bravissimi e competenti librai, assolutamente in grado di presentare autori di cui hanno letto davvero tutto. Non ci servono giornalisti che stanno lì solo per vantarsi di essere presenti!

Ecco, arrivati alla fine di questo post, io posso dire che, nonostante tutto, la mia esperienza a Tempo di Libri è stata positiva, che i difetti possono essere corretti e che spero che le critiche che sono state mosse vengano accolte dal comitato organizzativo con la giusta ottica: fatene tesoro e cercate di far meglio!


mercoledì 26 aprile 2017

Chiacchiera speciale Tempo di Libri - Bambini? Quali bambini?


Parte due (la prima parte di questa chiacchiera la trovate qui!)

LL: ah sì! C’era sua Maestà Anna Rita (che c’era già venerdì, ma è talmente alta che noi abbiamo fatto quasi finta di non conoscerla!), poi è arrivata Deborah (detta Scheggia perché va a correre cercare cadaveri) col Santo che la accompagnava; è tornata pure quella bionda col fidanzato figo… come si chiama lei che non mi ricordo? Ah sì, Stefania! C’era Dolci che non mi ha mai spinta alla Newton (lei!) e poi vabbè, è arrivata Leuccia e pure quella là… quella anziana con la macchina rossa
E: si sabato eravamo taaaaante! C’era pure Annuccia eh, figlia dell’anziana di cui sopra. E non dimentichiamoci di Francesca Santa e Benedetta Rodella che ci ha accolto all’urlo de “LA FRANZELLITTI” (LL: che quando lo faccio io di chiamarti così, non mi rispondi!) e della scrittrice ora donna rispettabile Alice Basso… ma quante eravamo??? Uh e Monica!!!
LL: Monica vestita da Jackie Kennedy, mentre noi eravamo tante straccione puzzolenti! E abbiamo incontrato pure Cristina-amica-di-zia-Loredana che ci benedice ancora per averle dato un appoggio per il derriere! Eravamo tante tante, tutte con la stessa paresi che ha colpito la Ropolo il giorno in cui mi ha conosciuta. Ma soprattutto c’era quella gran gnocca della Capo #bancarellablogger. Vogliamo parlare di quel donnino?
E: Amanda!!! Rossa che più rossa non si può! Che ora ci stiamo tutte adeguando… sia mai che a Pontremoli non siamo tutte intonate! Poi fa brutto....
LL: no, scherzi? Tutte rosse nelle varie sfumature (uh pare roba zozza, Lallì!)
E: eh se tu chiudessi quella cacchio di camera!!!
LL: uffa! Senti io di sabato mi ricordo la Teruzzi che è aaaaaalta aaaaaalta e simpatica da morire e che ci ha chiamate “le sue blogger”. Mi ricordo Picozzi che pare serio serio e invece è minchione come noi. Mi ricordo di aver telefonato a talmente tanti scrittori che Alice Basso ha detto che servirebbe un ufficio stampa solo per me; ricordo Barbara Bellomo che, mannaggia a lei, è più bella ancora di quanto appare in foto; ricordo Sara che ha dovuto prestarsi ad un gioco al massacro dovendo scegliere gli attori di un ipotetico film tratto dal suo libro (e diciamolo che Sara è carina ed educata, perché io avrei urlato). E poi ricordo che, mentre eravamo in macchina per tornare a casa, ci hanno iniziato a scrivere dicendoci che una certa giornalista di nome Annarita Briganti ha parlato di Don Vittorio, protagonista dell’ultimo romanzo di Lorenzo, come del prete. Lo sai che quella si è salvata solo perché io ero già distante, vero?
E: minchia sorella, per essere una che normalmente ha l’alzaimer galoppante ne ricordi di roba! Io mi ricordo che ad un certo punto abbiamo fatto trecento foto, che abbiamo urlato “foto delle #bancarellablogger” e dopo un secondo “mah siii, che ci frega, foto di gruppo!!”, che avevo le spalle doloranti, che ho conosciuto Carlo Lucarelli con la barba luuuunga (LL: pare il nonno di Heidi!), che abbiamo recuperato Leuccia dall’incontro con Genovesi, che l’abbiamo dovuta staccare da lui con la spatola e poi l’abbiamo legata con un filo manco fosse un palloncino per quanto era felice, che con La Ropolo abbiamo scoperto una gentile signorina della Delonghi che ci ha riempito di caffè gratis (grazieeeee, sarei sempre nei nostri cuori!!)...
LL: io ricordo pure che ho detto a Lorenzo di non tagliarsi più la barba perché pare uno di 3 anni e che la Bacci gli ha detto che ho ragione (e ormai quell’uomo è traumatizzato da noi, diciamolo!). Ricordo che Flavia (sua moglie) ogni volta mi sembra più alta (e questa cosa mi fa pensare che ho seri problemi) e poi … Lallìììììììììììì
E: eeeehhhh
LL: che posso essere stronza?
E: chiedi pure? Se dico di no che fai?
LL: ehm… niente, sono stronza naturale io! Ricordo che c’è stata una persona che mi ha guardata dritta in faccia e si è palesemente voltata dall’altra parte… e meno male che io ho cercato di evitarla per tutto il giorno. Saperlo prima evitavo di fare giri assurdi! Ricordo che abbiamo incontrato due persone che sono false come le monete da tre euro e che fanno post di quelli tipici della gente a cui stanno rosicando pure le budella. Tu sei serena, Lallì? 
E: una Pasqua gioia
LL: e hai una vita piena e gioiosa? O fingi?
E: fingo, la mia è piena di letizia. XD
LL: e allora viviamo letizie, và! Dai è stata una giornata bella bella, soprattutto quando siamo rientrate a casa…
E: pizzaaaaaaa! Io e La Ropolo l’abbiamo fiutata dal garage… Pizzaaaaaaa!!!!
LL: io non ho ancora capito se tu vieni qui per me, perché sono vicina agli eventi importanti o per il cibo
E: ehmmmm…. era pure il compleanno di Leuccia!!! (swish swish, op op)
LL: ti stai arrampicando sugli specchi, Ciamby!
E: un pochetto….
LL: paracula! Dai abbiamo fatto serata! Io vi aperto le porte di casa mia…
E: cioè le hai chiuse agli altri e le hai aperte a noi. Ma metti il tagliacoda?
LL: ceeeeerto! L’ho rubato in salumeria all’esselunga!
E: brava, almeno intanto che aspetta uno va a prendere la frutta… Dicevamo, seratona! Era il compleanno di Lea e Consorte (si sempre lui!) oltre a preparare valangate di pizza, usando come teglia qualsiasi cosa ci fosse in casa che potesse entrare in forno, ha fatto pure la torta con il cioccolato dentro e panna e fragole fuori… capito Ropolo, fragole…
LL: La Ropolo e le fragole! Mio figlio che non le mangia e lei che gli urla: “butta qui butta qui”. Annuccia che ha una mezza crisi adolescienziale e molla la torta sul tavolo e La Ropolo che fissa la fetta di torta e salta su con un: “Che età stupida, sta di là a piangere invece di mangiare la torta!”. Io ho gli addominali che ancora mi dolgono!
E: e non a caso abbiamo fatto l’1:30 di notte a ridere! Noi in questi giorni abbiamo dormito una media di tre ore a notte Lallì, non c’abbiamo più il fisico!
LL: Lallì, io e te non l’abbiamo mai avuto il fisico per queste cose. Infatti le facciamo una volta l’anno e poi ne paghiamo lo scotto per 11 mesi!
E: io pure adesso una pennichella me la farei… Comunque c’è da contare che la mattina ci siamo pure alzate presto visto che dovevamo prepararci in 1000 per uscire
LL: oh per essere tutte femminucce non ci abbiamo manco messo tanto, eh
E: vero! Brave noi! E siamo a domenica… tristezzaaaaaaa! Ultimo giorno di fiera….
LL: nuuuuuuuuu… prima casa piena e poi casa vuota :(
E: eh pensa che poi loro si sono fatte pure viaggio in macchina per rientrare
LL: e considerando le ore di sonno e tutta la giornata in fiera, sono state eroiche davvero! Eravamo zombie quel giorno lì, eh. Credo che la Bellomo si sia spaventata quando ci ha viste!
E: capirai, lei gnocchissima e noi che avevamo per la testa una sola parola: caffè! Comunque domenica abbiamo visto lei e intravisto la Bonvicini. Intravisto perchè per entrare all’incontro c’era la fila fino a Cesenatico visto che era in compagnia di Grossman, ma noi furbe furbe abbiamo aspettato fuori (dopo un pessimo gelato) e, in barba alle hostess che ci inseguivano manco fossimo due noti ricercati dell’Isis (che ci abbiamo proprio la faccia noi due… ohi forse tu…), l’abbiamo salutata e sono riuscita a farmi firmare i libri! Gioia e giubilo pure qui!
LL: manco un libro dedicato a Letizia, si vede che eri presente, uffa! Eh domenica è stata giornata sfracca! Però abbiamo conosciuto Rosaria e io e lei non ci siamo insultate (pensare che la gente era venuta apposta!!!!!) e abbiamo anche incontrato Regin (che è la nostra fonte certa per le nuove uscite, quindi la adoriamo a prescindere!). Stanche eh, ma bella esperienza!
E: ti bellissima! Poi la sera la Juve ha pure vinto! Yupppppyyyy!!
LL: e finisce qui perché io di lunedì non voglio parlare
E: manco io, anche perchè in treno è stata un’odissea! Anzi, piccola nota per le ferrovie dello Stato: come minchia pensate una possa tirar su una valigia piena di libri su quei cacchio di trespoli-cappelliere???
LL: Lallì, quelli pensano a quel 95% di italiani che nelle valigie ci mette i vestiti
E: e poi falliscono… vedi? 
LL: vabbè, adesso lanciamo petizione: le valigie sotto e i passeggeri sui trespoli. Ti piace?
E: ma che sei cretina??? Basterebbe che in tutti i treni lasciassero il posto sotto il sedile, come in alcuni treni. Non ci vuole un genio! Ingegnere si svegli!!!
LL: a me frega pure poco, io la valigia non so farla!
E: giusto… Lallì a che servono le cinghie che ci sono dentro?
LL: a fare pale… pales… no, niente, non lo so!
E: sei incredibile, nel senso brutto! Si vede che la valigia te la fa sempre il santo di cui sopra…
LL: lui fa valigia, tu mi vesti, io posso leggere serena!
E: oh signur… dai, cose che abbiamo fatto o visto e che non abbiamo ancora detto… uh una la so io, la tizia svenuta sul lettone! C’era in piena fiera questo lettone enorme su cui essenzialmente saltellavano i bambini, ma ad un certo punto c’era questa stesa a faccia in giù. Noi abbiamo mangiato, siamo state lì un bel po’, siamo andate via e… lei stava ancora lì, ferma. Sarà ancora viva?
LL: Secondo me, l’hanno rimossa quando non c’era nessuno in giro! Mmmhhhh… cose strane… una diretta visualizzata solo da te, vale?
E: eh… lasciamo perdere, è come sparare sulla croce rossa…
LL: le donnine bionde che distribuivano chewing-gum (secondo me, questa cosa è stata fatta per evitare la morte degli scrittori!)
E: uh sai anche cosa? Lo stand Mondolibri! Se mi chiedevano ancora quanto leggevo io le strangolavo col loro cordino!! Lo so, è il loro lavoro pure pagato un tanto al mucchio, ma minchia!!! Sto in piena fiera dell’editoria, ho trecento chili di libri addosso e secondo te? Li uso perchè non so comprare tavoli dritti???
LL: erano bionde quelle di Mondolibri, io direi che possano averla pensata ‘sta cosa. Che poi le loro edizioni fanno schifo proprio, manco gratis io le prenderei! Cose strane… ce l’ho: un hot-dog (che secondo me era pure gommoso) a 5 euro! E un gelato (surgelato!) a 4 euro
E: si sa, se ne approfittano alla grande in questi casi. Bisogna farsi furbe!
LL: lo so lo so! Avanzini che stava davanti allo stand Newton tipo boss e aspettava la Ropolo che gli andasse a tirare la giacchetta. Poi è arrivata la Ropolo ed è sparito lui!
E: ok, però posso dirla una cosetta pure io? Tanta roba Avanzini eh…. gaaaaaaa. Per non parlare di Tommaso :)
LL: eh Avanzini tanta roba, ma è biondo inside, fidati! Tommaso invece è tanta roba dentro, fuori e pure attorno! Lallì… la piastra, non hai detto della piastra!
E: giusto!!! Abbiamo incrociato Strukul ovunque, pure al bar, e a me è rimasta una domanda… Che piastra usa??? Non un capello fuori posto eh!
LL: e io e te che abbiamo passato i 15 giorni precedenti a coordinare gli shampoo per evitare di arrivare coi capelli zozzi!
E: cavoli! A me mica dura così tanto la piastra…
LL: soprattutto quando non la usi!
E: eh, parla capello spaghetto qui
LL: tutta invidia la tua! A te viene in mente altro Lallì?
E: uhm…. ridere lo abbiamo fatto, tanto, abbiamo visto tutti gli scrittori che volevamo, raccattato firme e foto, conosciuto uffici stampa (Anna!!! Ci stavamo dimenticando di lei!), visto amiche (che a me scrivere blogger fa sempre un po’ schifo, se ti voglio conoscere sei amica prima di tutto). Peccato le assenze…
LL: eh… dottor Manzo, lei dov’era? Che questa qua è stata in lacrime tutto il tempo!
E: uffa, io lo volevo conoscere!!
LL: eh così hai scusa per tornare pure l’anno prossimo. Io saluterei che qua abbiamo scritto libro io e te! Saluta tu che sei quella più educata
E: più che salutare io ringrazierei tutti tutti, ma proprio tutti! Quelli che abbiamo nominato ma anche quelli che abbiamo appena sfiorato (uh salutiamo pure le signore della metropolitana che si sono accodate perchè non sapevano la strada e che poi ci hanno fatto la foto davanti alla fiera!). E ora Lallì puoi riaprire la camera, che c’è fila!
LL: e visto che riapro la camera, accendo la radio e metto la colonna sonora di questo Tempo di Libri (che poi è diventata la canzone delle anime ciambella!)


martedì 25 aprile 2017

Recensione 'La ragazza di prima' di J. P. Delaney - Mondadori

Con quest'uomo ci andrei a letto. Gli ho detto poco più che buongiorno, eppure la parte più segreta di me, quella che sfugge al mio controllo, ha già espresso il suo giudizio. Lui mi tiene aperta la porta della sala riunioni e persino questo piccolo gesto di cortesia mi sembra carico di significato.
Non posso credere di essere a un passo, un solo piccolo passo, dall'aggiudicarmi la casa che lui, Edward Monkford – un innovatore, un architetto riservato e profondo –, ha progettato e realizzato in Folgate Street, civico 1, Londra.
Una casa straordinaria. Un edificio che coniuga l'avanguardia europea ad antichi rituali giapponesi. Design minimalista di pietra chiara, lastre di vetro insonorizzate e sensibili alla luce, soffitti immensi. Nessun soprammobile, niente armadi, niente cornici alle finestre, nessun interruttore, nessuna presa elettrica. Un gioiello della domotica, dove tutta la tecnologia è nascosta.
Una casa che però ha le sue regole, il Regolamento come lo chiamo: se diventerà mia non dovrò soltanto rinunciare a tappeti, fotografie alle pareti, piante ornamentali, animali domestici o feste con gli amici, ma dovrò plasmare il mio carattere, accettare una concezione della vita in cui il meno è il più, in cui l'austerità e l'ordine sono la purezza, e la sobrietà la ricompensa.
Perché lui vuole così, perché lui è così. Ha voluto sapere tutto di me, mi ha chiesto un elenco di tutte le cose che considero essenziali per la mia vita. Dicono che quest'uomo, dai capelli di un biondo indefinito e dall'aspetto poco appariscente, con gli occhi di un azzurro chiaro e luminoso, sia un architetto eccezionale perché non cede a nessuna tentazione.
Tuttavia, la casa è già stata abitata, una volta. Da una ragazza della mia stessa età, quasi una mia gemella, mi hanno detto. Anche lei, come me, non insensibile al fascino di quest'uomo.
Una ragazza che tre anni fa è morta. In questa casa.


Titolo: La ragazza di prima
Autore: J. P. Delaney
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 4 aprile 2017
Pagine: 389

Trama: 3  Personaggi: 2  Stile: 3 


lunedì 24 aprile 2017

Premio Bancarella - Ma chi ha vinto negli anni scorsi?

Buongiorno a tutti e benvenuti ad una nuova puntata del tour che ci sta accompagnando alla scoperta del Premio Bancarella e che, pian piano, ci farà arrivare al 16 luglio, giorno in cui a Pontremoli (MS) sarà eletto il vincitore della 65^ Edizione.
Come vi abbiamo comunicato il 10 marzo scorso e come ripetuto tante volte sui nostri blog e sulle nostre pagine Facebook, i sei candidati di quest'anno sono:
  • Magari domani resto - Lorenzo Marone - Feltrinelli
  • La locanda dell'ultima solitudine - Alessandro Barbaglia - Mondadori
  • Il giardino dei fiori segreti - Cristina Caboni - Garzanti
  • Gocce di veleno - Valeria Benatti - Giunti
  • I Medici. Un uomo al potere - Matteo Strukul - Newton Compton
  • La guardia, il poeta e l'investigatore - Jung myung Lee - Sellerio

Noi #bancarellablogger ci siamo impegnate a seguire il premio nelle sue varie fasi e a leggere e recensire tutti (o quasi) i libri candidati alla vittoria finale.

Quest'oggi tocca a me e alla Lettrice sulle nuvole parlarvi di uno dei tanti aspetti del Premio. E sapete cosa ci siamo dette? Che spesso noi lettori ci disinteressiamo dei premio e non sappiamo mai chi ha vinto cosa! Ammettetelo, è così anche per voi!
E allora, spulciando un po' on-line, ci siamo documentate e abbiamo deciso di fare un gioco con voi lettori, vi va? Noi vi diamo l'elenco completo dei 64 libri vincitori del Premio Bancarella e voi ci dite quali di questi libri avete già letto o anche quale vi piacerebbe leggere! Ovviamente, anche noi ci sottoporremo al pubblico ludibrio e vi confesseremo quali libri hanno fatto parte delle nostre letture (e mi sa che sono davvero molto pochi!).

1953  Il vecchio e il mare - Ernest Hemingway - Mondadori
1954  Don Camillo e il suo gregge - Giovanni Guareschi - Rizzoli
1955  Lo spretato - Hervé Le Boterf - Massimo
1956  L'amore è una cosa meravigliosa- Han Suyin - Bompiani
1957  La bibbia aveva ragione - Werner Keller - Garzanti
1958  Dottor Zivago - Boris Pasternak - Feltrinelli
1959  L'armata tradita - Heinrich Gerlach - Garzanti
1960  Gli egoisti - Bonaventura Tecchi - Bompiani
1961  L'ultimo dei giusti - André Schwarz - Feltrinelli
1962  Il giorno più lungo - Cornelius Ryan - Garzanti
1963  El Alamein - Paolo Caccia Dominioni - Longanesi
1964  Centomila gavette di ghiaccio - Giulio Tedeschi - Mursia
1965  Giovinezza, giovinezza - Luigi Preti - Mondadori
1966  Tu passerai per il camino - Vincenzo Pappalettera - Mursia
1967  L'Italia dei comuni - Gervaso e Montanelli - Rizzoli
1968  La famiglia Moskat - Isaac Singer - Longanesi
1969  Non è terrestre - Peter Kolosimo - Sugar
1970  Niente e così sia - Oriana Fallaci - Rizzoli
1971  Testimone del tempo - Enzo Biagi - Sei
1972  Il viaggio misterioso - Alberto Bevilacqua - Rizzoli
1973  Cagliostro - Roberto Gervaso - Rizzoli
1974  Oh! Serafina - Giuseppe Berto - Rusconi
1975  Vestivamo alla marinara - Susanna Agnelli - Mondadori
1976  L'antagonista - Carlo Cassola - Rizzoli
1977  Eutanasia di un amore - Giorgio Saviane - Rizzoli
1978  Radici - Alex Haley - Rizzoli
1979  La contessa di Castiglione - Massimo Grillandi - Rusconi
1980  Louisiana - Maurice Denuzière - Rizzoli
1981  Socialista di Dio - Sergio Zavoli - Mondadori
1982  L'azteco - Gary Jennings - Rizzoli
1983  Vita e morte di Mafalda di Savoia - Renato Barneschi - Rusconi
1984  Storia della filosofia greca - Luciano De Crescenzo - Mondadori
1985  Visti da vicino III - Giulio Andreotti - Rizzoli
1986  La strega innamorata - Pasquale Festa Campanile - Bompiani
1987  Il boss è solo - Enzo Biagi - Mondadori
1988  Grandi peccatori e grandi cattedrali - Cesare Marchi - Rizzoli
1989  Il pendolo di Foucault - Umberto Eco - Bompiani
1990  Davanti all'immagine - Vittorio Sgarbi - Rizzoli
1991  Vittorio Emanuele II, l'astuzia di un re- Antonio Spinosa - Mondadori
1992  I sensi incantati - Alberto Bevilacqua - Mondadori
1993  La bruttina stagionata - Carmen Covito - Bompiani
1994  Il cliente - John Grisham - Mondadori
1995  Il mondo di Sofia - Jostein Gaarder - Longanesi
1996  Sensualità - Stefano Zecchi - Mondadori
1997  I nostri giorni proibiti - Giampaolo Pensa - Sperling & Kupfer
1998  Senza perdere la tenerezza - Paco Ignacio Taibo - Il saggiatore
1999  Il martello dell'Eden - Ken Follett - Mondadori
2000  Il ragno - Michael Connelly - Piemme
2001  La gita a Tindari - Andrea Camilleri - Sellerio
2002  L'uomo che curava con i fiori - Audisio Di Somma - Piemme
2003  Amiche di salvataggio - Alessandra Appiano - Sperling&Kupfer
2004  Il cavaliere e il professore - Bruno Vespa - Mondadori
2005  Il passato è una terra straniera - Gianrico Carofiglio - Rizzoli
2006  La figlia del podestà - Andrea Vitali - Garzanti letto
2007  Il diavolo nella cattedrale - Frank Schatzing - Nord
2008  L'armata perduta - Valerio Massimo Manfredi - Mondadori letto
2009  Il suggeritore - Donato Carrisi - Longanesi letto
2010  Olive Kitteridge - Elizabeth Strout - Fazi
2011  La fine del mondo storto - Mauro Corona - Mondadori
2012  Il mercante di libri maledetti - Marcello Simoni - Newton Compton
2013  Ti prego lasciati odiare - Anna Premoli - Newton Compton
2014  L'amore è tutto - Michela Marzano - Utet 
2015  Niente è come te - Sara Rattaro - Garzanti letto
2016  La ragazza di fronte - Margherita Oggero - Mondadori letto

Come noterete, sono io la prima a doversi cospargere il capo di cenere, inginocchiarsi sui ceci e fare un'ammenda che va da qui a Pontremoli e ritorno. Insomma, su 64 libri ne ho letti solo 6 (vergogna!).

E visto che una delle ultime vincitrici è anche una cara amica, ne ho approfittato per farle alcune domande! Ecco la mia intervista a Sara Rattaro:

1. Come hai vissuto il periodo di attesa tra la nomina nella sestina e la vittoria finale?
Sono diventata mamma proprio il giorno della conferenza stampa per cui i mesi successivi li ho vissuti imparando a conoscere Samuele! Sono arrivata alla premiazione con molta serenità, poche aspettative e qualche chilo di troppo.

2. Com'è cambiata la tua vita da scrittrice con la vittoria del Premio Bancarella?
È decisamente migliorata, non tanto per il lavoro che concepisco sempre nello stesso modo, ma per la sicurezza che questo riconoscimento mi ha dato. Ho capito di aver trovato la mia strada.

3. Qual è il personaggio di "Niente è come te" che hai amato di più?
Niente è come te è un pezzo del mio cuore. I personaggi li ho amati tutti ma con Francesco ho combattuto anche oltre le pagine del libro.

Vi ricordo che i #bancarellablogger ufficiali li trovate qui


Adesso non vi resta altro da fare che andare a scoprire quali dei titoli di cui abbiamo parlato sono stati letti da Chiara e, soprattutto, quale dei vincitori è stato designato per essere intervistato!





martedì 18 aprile 2017

Recensione 'Funne - Le ragazze che sognavano il mare' di Katia Bernardi - Mondadori

C'era una volta una piccola valle sperduta tra i monti. Una valle di quelle selvagge, con alte montagne e pareti di ghiaccio, dighe imponenti e laghi profondi di acqua cristallina. Ed è proprio qui a Daone, in Trentino, che comincia la nostra storia. La storia delle Funne, del loro viaggio e del loro sogno. Funne in dialetto significa donne, e le nostre Funne, ricche di sogni e di voglia di avventura, sono le irriducibili ottantenni del circolo pensionati Rododendro. Per festeggiare il ventennale del loro circolo decidono di fare una gita molto speciale: andare per la prima volta al mare tutte insieme, perché molte di loro il mare non lo hanno mai visto. Bellissima idea, bellissimo sogno. Ma certi sogni per diventare reali devono fare i conti con la cassa, e la cassa del Rododendro purtroppo piange. Sotto gli auspici della Madonna della Neve, e nutrite dall'immancabile fetta di polenta, le idee si moltiplicano: "E se vendessimo delle torte alla sagra del paese?"; "E se facessimo un calendario da vendere come i pompieri?"; "E se facessimo un "croadfanding" o quella roba lì che non so bene cos'è ma che è dentro l'Internèt?". La loro poetica avventura fatta di successi, insuccessi, inaspettata notorietà, gelosie, lacrime e tante risate è raccontata da Katia Bernardi, che su questa storia ha girato un film documentario. Una storia che ha conquistato le prime pagine dei quotidiani di tutto il mondo, nata in una mattina d'estate, verso la fine di luglio, tra le montagne selvagge.

Titolo: Funne. Le ragazze che sognavano il mare
Autore: Katia Bernardi
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 13 settembre 2016
Pagine: 215

Trama: 3  Personaggi: 3  Stile: 3


venerdì 14 aprile 2017

Recensione 'Le stanze dei ricordi' di Jenny Eclair - Sperling&Kupfer

Londra, Kennington Road. La grande casa georgiana al numero 137 è in vendita. Tanto affollata un tempo, ora è soltanto un nido vuoto, troppo grande per una donna sola. Troppo carica di ricordi per chi non vuole più essere prigioniera del proprio passato. E così Edwina Spinner, ex artista e illustratrice, ha deciso di andarsene. Mentre conduce l'agente immobiliare di stanza in stanza, si sente trasportare indietro nel tempo. La sua mente torna a cinquant'anni prima, quando si era trasferita lì dopo le nozze, giovanissima, con il primo, grande amore. Torna ai suoi bambini, i gemelli Rowena e Charlie, così imprevedibili, così diversi. Torna al secondo marito e al figlio acquisito, che l'ha sempre detestata - e che lei ora non riesce nemmeno a nominare. Ogni angolo della casa è intriso della loro gioia, delle loro lacrime, del loro sangue. Ci sono porte da cui Edwina sente ancora risuonare risate cristalline. Altre che preferirebbe non aprire mai più, per non lasciare uscire i segreti più inconfessabili. Come il ricordo della notte che ha spezzato per sempre la sua famiglia. Ma nemmeno Edwina conosce davvero tutta la storia. La verità su quella notte è un mosaico al quale mancano alcune tessere: un indizio nascosto in un baule mai aperto, una confessione rimandata da troppo tempo. E, per scoprire tutta la verità, Edwina dovrà affrontare proprio l'unica persona che non avrebbe voluto rivedere mai più. Un romanzo che si tinge ora di suspense, ora di commozione, per raccontare i segreti e i drammi di una famiglia e ricordarci la forza dei legami di sangue e del perdono.


Titolo: Le stanze dei ricordi
Autore: Jenny Eclair
Editore: Sperling & Kupfer
Data di pubblicazione: 14 marzo 2017
Pagine: 376

Trama: 4  Personaggi: 4  Stile: 5 

martedì 11 aprile 2017

Diario di bordo - Una domenica a pranzo da zia Loredana


Conoscete Cernusco sul Naviglio? Se non ci siete mai andati, vi dò un consiglio: prima di avventurarvi tra le sue strade, fate un giro sui siti delle agenzie immobiliari e cominciate a farvi un'idea di dove potreste trovare casa! Perché dopo essere entrati a Cernusco, non vorrete più andare via! 
Io a Cernusco sono andata domenica scorsa, attesa a braccia aperte da quella che, in questi anni, mi ha adottata come nipotaccia ufficiale! Lei è Loredana Limone, che il destino ha messo sulla mia strada grazie ai suoi romanzi e che io non ho più lasciato andare via!
Complice il Book Festival Bar organizzato dall'Associazione Clio, io e Consorte (no, Figlio comincia ad essere grande e ha deciso di rimanere in casa) ci siamo avviati verso la ridente Cernusco, carichi di libri da far firmare e di lasagne (che c'entrano le lasagne? Mica di soli libri si vive, no?!).

Arrivati a casa di zia Loredana, tempo di mollare le lasagne e scoprire quanto bello è il bagno di casa sua, ci siamo diretti ad ascoltare Laura Bonalumi, autrice di "Voce di lupo".
Prima dell'incontro ho avuto il piacere di incontrare nuovamente Paola, presidente dell'Associazione Clio, che avevo conosciuto a Milano durante il BookCity e che, come sempre, riesce a dare una botta di stima al mio smisurato ego (Bacci ti sento!).
Incontriamo Laura che, con la dolcezza che la contraddistingue, ci parla del suo romanzo che, come ho già detto nella mia recensione, nasce per i ragazzi ma conquista gli adulti!
L'incontro si conclude con il firma-copie di rito e vuoi non prendere il romanzo ad Anima Ciambella? Assolutamente no! Copia in mano, facciamole fare una bella dedica... 
Rientriamo a casa per pranzo, a farci compagnia anche Federica Toti, attrice di teatro e lettrice ufficiale di questi eventi (non leggerò mai più nulla a voce alta, lo giuro!) e Silvia Meucci.
Spazzoliamo lasagne, chiacchieriamo, ridiamo... questa è famiglia, altroché!

Nel pomeriggio ci attendono altri due incontri: ho il piacere di incontrare di persona, finalmente, Roberto Centazzo e di conoscere Federica Bosco che, oltre ad essere toscana (pregio assoluto ai miei occhi!) è alta, gnocca, ha due occhi che abbagliano ed è pure simpatica! Poi ditemi ancora che Madre Natura non è stronza!
Nonostante la differenza di argomento tra i due libri presentati, tanto la mediatrice, Cristina Voltolini, quanto i due autori sono stati bravissimi ad interagire ed integrare gli argomenti, tanto che ne è venuta fuori una presentazione davvero divertente e carica di risate!

Prima della presentazione, vedo uno scricciolo di donna che mi fa ciao ciao con la manina. Uh guarda c'è la capra (no, questo è un segreto, non ve lo spiego!) Chicca! Quella donna è piccolina, ma è un concentrato di allegria: la vedi e sorridi! Si chiacchiera, come sempre, e si pianifica anche l'incontro per "Tempo di libri" (chissà se dopo il primo giorno ci faranno ancora entrare?!).

Termina anche questa presentazione e io e Chicca ci mettiamo in fila (come siamo brave!) per le dediche e le foto di rito e io riesco anche a farmi una chiacchierata in fiorentino con Federica (ah che gioia!).

Ultima destinazione, centro storico, per ascoltare Sara Rattaro e Guido Conti, autore de La profezia di Cittastella. Presentati da Roberta Quintavalle, i due scrittori ci hanno parlato dei loro romanzi e, anche durante questa presentazione, ho avuto modo di apprezzare quanto, nonostante si tratti spesso di romanzi molto diversi per genere, le ragazze dell'Associazione Clio siano bravissime a dare il giusto spazio agli scrittori, ad integrare le storie, a fare le domande giuste al momento giusto!
Credo che un grande plauso vada fatto a questo gruppo di donne che riescono ad organizzare tutto, a gestire gli imprevisti con un sorriso e a creare un evento che, secondo me, non ha eguali!
Cernusco, come vi ho detto, è una cittadina accogliente e le Clio girls riescono a far sentire tutti a casa!

Terminata anche questa presentazione, mentre chiacchieravo con colei che clicca mi piace ad ogni post di cretinerie scritte da me e Ciambella (ciao Laura!!!), scorgo tra la folla il viso di Roberta Marasco (aveva scritto su Facebook che ci sarebbe stata e io, che sono donna intelligente, avevo acchiappato al volo il suo libro per farmelo autografare!). Mi avvicino, la saluto, le chiedo una dedica e, quando le dico chi sono lei salta su con un: "Ma tu sei un mito!" (ho i testimoni, ha detto proprio così!).

Sapete qual è la cosa più buffa di questa giornata che sta per avviarsi alla conclusione? Non ho fatto una foto con Roberta né con Sara né tantomeno con Loredana. Come sempre in queste occasioni, mi lascio prendere dal turbine delle emozioni, da tutti questi scrittori che noi lettori guardiamo sempre come fossero irraggiungibili e, invece, poi te li ritrovi lì e ci chiacchieri, ci prendi il caffè e non ti rendi quasi conto di cosa stai facendo! E quelle poche foto che ho sono merito di Consorte che, piedi in terra e mente salda, mi riporta alla realtà!

La giornata volge al termine. Riaccompagniamo zia Loredana a casa, salutiamo tutti e torniamo verso casa, io con una carico di libri e di dediche meravigliose, ma soprattutto col cuore che esplode di gioia!
Ringrazio ancora una volta tutti coloro che mi hanno accolta a braccia aperte e ancora una volta i miei complimenti vanno alle Clio girls: siete donne fantastiche e io non vedo l'ora di incontrarvi tutte di nuovo!




venerdì 7 aprile 2017

Recensione 'La locanda dell'ultima solitudine' di Alessandro Barbaglia - Mondadori

Libero e Viola si stanno cercando. Ancora non si conoscono, ma questo è solo un dettaglio... Nel 2007 Libero ha prenotato un tavolo alla Locanda dell'Ultima Solitudine, per dieci anni dopo. Ed è certo che, lì e solo lì, in quella locanda tutta di legno arroccata sul mare, la sua vita cambierà. L'importante è saper aspettare, ed essere certi che "se qualcosa nella vita non arriva è perché non l'hai aspettato abbastanza, non perché sia sbagliato aspettarlo". Anche Viola aspetta: la forza di andarsene. Bisogno, il minuscolo paese in cui abita da sola con la madre dopo che il padre è misteriosamente scomparso, le sta stretto, e il desiderio di nuovi orizzonti si fa prepotente. Intanto però il lavoro non le manca, la collina di Bisogno è costellata di fiori scordati e le donne della famiglia di Viola, che portano tutte un nome floreale, si tramandano da generazioni il compito di accordarli, perché un fiore scordato è triste come un ricordo appassito. Libero vive invece in una grande città, in una casa con le pareti dipinte di blu, quasi del tutto vuota. Tranne che per un baule: imponente, bianco. Un baule che sembra un forziere, e che in effetti custodisce un tesoro, la mappa che consente di seguire i propri sogni. Quei sogni che, secondo l'insegnamento della nonna di Viola, vanno seminati d'inverno. Perché se resistono al gelo e al vento, in primavera sbocciano splendidi e forti. Ed è allora che bisogna accordarli, perché i sogni bisogna sempre curarli, senza abbandonarli mai. Libero e Viola cercano ognuno il proprio posto nel mondo, e nel farlo si sfiorano, come due isole lontane che per l'istante di un'onda si trovano dentro lo stesso azzurro. E che sia il mare o il cielo non importa. La Locanda dell'Ultima Solitudine sorge proprio dove il cielo bacia il mare e lo scoglio gioca a dividerli. La Locanda dell'Ultima Solitudine sta dove il destino scrive le sue storie. Chi non ha fretta di arrivarci, una volta lì può leggerle. Come fossero vita. Come fossero morte. Come fossero amore.

Titolo: La locanda dell'ultima solitudine
Autore: Alessandro Barbaglia
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 17 gennaio 2017
Pagine: 163

Trama: 4  Personaggi: 5  Stile: 4 


giovedì 6 aprile 2017

La classifichella di Marzo

*in blu i commenti di Laura

Voi capite che non solo è già giovedi, ma è anche Aprile? Capite? Aprile! APRILEEEEEEEEEEE dolce dormire! No? Come che vuol dire? Scusate, ma dove vivete? Io a Culonia tu a Ugo Tra pochi giorni io avrò qui Ciambella mia ah giusto... sarà il caso di andare a fare i biglietti?, ce ne andremo in giro a far danni tanti tanti, soprattutto quando saremo a Tempo di Libri e perchè a Genova no?! Sentite già la terra tremare, vero?!! Non è l'autobus che passa sotto casa?

Io stavolta sono un po' in difficoltà nello stilare la classifica, perché Marzo è stato foriero di tante belle letture che ti lamenti?? Gne gne e... insomma, ho appena chiesto a Ciambella se potevo dare un primo posto pari merito e, indovinate un po'? La carogna ha detto no! Donna di Culonia ha detto no (oddio questa suona proprio brutta...) Quindi... devi da scegliere 


  1. L'amore addosso - Sara Rattaro
  2. Voce di lupo - Laura Bonalumi
  3. Piccole grandi bugie - Liane Moriarty
  4. Un albero al contrario - Elisa Luvarà
  5. La lettrice scomparsa - Fabio Stassi
  6. La moglie americana - Katherine Wilson
  7. Cose che non voglio dimenticare - Lara Avery
  8. Distorted fables - Deborah Simeone
  9. La traiettoria dell'amore - Claudio Volpe
  10. Una storia nera - Antonella Lattanzi
Va beh, non vale, ne ho letto solo uno e manco mi ha esaltato! Va beh, ti perdono solo per il primo in classifica che anche io vorrei leggere ma a quanto pare le poste non concordano (maledetti!! Cacciate fuori la mia copia!!!!).
E da questo mese c'è anche una novità, frutto della mia mente geniale (vola basso ciambella che pigli in pieno il campanile)! Io e Ciambella sceglieremo anche la copertina che ci è piaciuta di più e... scusate la ripetitività, ma io del libro di Sara Rattaro ho adorato tutto tutto, pure la copertina, quindi per me la più bella è proprio quella che vedete quassù! Tu te la cavi sempre facile! Che cu.... curcuma hai....

Ora non vi resta che fare un salto da Ciambella (io io... perchè tu non hai scritto op op??) e scoprire la sua classifichella di Marzo!



mercoledì 5 aprile 2017

Recensione 'Prove di sopravvivenza per una famiglia felice' di Maddie Dawson - Giunti

Segreti di famiglia, relazioni complicate, svolte sorprendenti: la grande autrice della commedia contemporanea torna con una storia piena di sentimento, intelligenza e ironia. Due donne le cui vite si intrecciano: Nina Popkin ha 35 anni, è stata lasciata dal marito e ha appena perso la madre adottiva, l'unica persona a cui era profondamente legata, quando scopre di essere stata adottata e di avere una sorella, Lindy McIntyre. Ma se Nina Popkin ha una vita tutta da reinventare e considera la rivelazione della madre in punto di morte come un segno del destino per affrontare la propria crisi personale, Lindy McIntyre è una persona di successo, dirige un prestigioso salone di bellezza, ha una bella casa, un marito affascinante e tre bambini dagli irresistibili riccioli biondi. E l'ultima cosa di cui ha bisogno Lindy è che una svitata come Nina faccia irruzione nella sua quiete annunciandole che è sua sorella e tentando di coinvolgerla per rispondere alla domanda più scomoda della loro vita: chi è la donna che le ha messe al mondo per poi sparire senza lasciare traccia?

Titolo: Prove di sopravvivenza per una famiglia felice
Autore: Maddie Dawson
Editore: Giunti
Data di pubblicazione: 5 aprile 2017
Pagine: 432

Trama: 3  Personaggi: 3  Stile: 4 

martedì 4 aprile 2017

In libreria #55


Poche (si fa per dire!) ma buone le uscite di Aprile, almeno per quanto mi riguarda!

Rosamaria è una donna piena di risorse. Single impenitente, razionalista, illuminista, ha perseguito con determinazione le sue passioni, ha rifiutato di impiegarsi nell'azienda di famiglia ed è diventata regista teatrale, con tutta la fatica che ciò comporta in tempi di crisi e di tagli alla cultura. Uno dei suoi motti è: "troppa religione fa male, qualunque essa sia". Peccato che poi si sia innamorata di David, di famiglia ebraica tripolina osservante, da cui ora, a quarantadue anni, aspetta il piccolo Arturo. Rosamaria vive tra due fuochi: gli Shabbat e i pasti rigorosamente kasher con la famiglia del compagno e i pranzi domenicali molto romaneschi e tendenzialmente impuri preparati invece da sua madre, che, abituata ai modi spicci e all'autonomia della figlia, mal sopporta di vederla così arrendevole nei confronti del compagno. I Cecchiarelli e i Fellus formano loro malgrado una famiglia allargata chiassosa e impegnativa, nella quale Rosamaria – il neonato in braccio, la sceneggiatura di una nuova commedia in borsa – si muove con grazia e concretezza, senza prendersi mai troppo sul serio, cercando di rendere tutti quanti felici.
Sullo sfondo, la crisi economica ormai endemica che qualche anno prima ha portato al fallimento il mobilificio della famiglia Cecchiarelli. Da allora, il fratello maggiore di Rosamaria – forse responsabile del tracollo – ha fatto perdere le sue tracce, ma le ricerche continuano.
Da una giornalista di grande esperienza nonché drammaturga brillante, un romanzo straordinario, che, pur conquistando subito con i toni leggeri da commedia, mette in scena con efficacia la complessità, le tensioni e le contraddizioni dell'attualità, attraverso lo sguardo limpido e disincantato di Rosamaria, una protagonista femminile nella quale è un piacere identificarsi: una donna forte, intelligente, ironica, innamorata, capace di apprezzare tutti i piaceri della vita.


Scheda libro


Titolo: Carciofi alla giudia
Autore: Elisabetta Fiorito
Casa Editrice: Mondadori
Data di pubblicazione: 4 aprile 2017
Pagine: 298
Prezzo: 17.00 €
E-book: 9.99 €

Con quest'uomo ci andrei a letto. Gli ho detto poco più che buongiorno, eppure la parte più segreta di me, quella che sfugge al mio controllo, ha già espresso il suo giudizio. Lui mi tiene aperta la porta della sala riunioni e persino questo piccolo gesto di cortesia mi sembra carico di significato.
Non posso credere di essere a un passo, un solo piccolo passo, dall'aggiudicarmi la casa che lui, Edward Monkford – un innovatore, un architetto riservato e profondo –, ha progettato e realizzato in Folgate Street, civico 1, Londra.
Una casa straordinaria. Un edificio che coniuga l'avanguardia europea ad antichi rituali giapponesi. Design minimalista di pietra chiara, lastre di vetro insonorizzate e sensibili alla luce, soffitti immensi. Nessun soprammobile, niente armadi, niente cornici alle finestre, nessun interruttore, nessuna presa elettrica. Un gioiello della domotica, dove tutta la tecnologia è nascosta.
Una casa che però ha le sue regole, il Regolamento come lo chiamo: se diventerà mia non dovrò soltanto rinunciare a tappeti, fotografie alle pareti, piante ornamentali, animali domestici o feste con gli amici, ma dovrò plasmare il mio carattere, accettare una concezione della vita in cui il meno è il più, in cui l'austerità e l'ordine sono la purezza, e la sobrietà la ricompensa.
Perché lui vuole così, perché lui è così. Ha voluto sapere tutto di me, mi ha chiesto un elenco di tutte le cose che considero essenziali per la mia vita. Dicono che quest'uomo, dai capelli di un biondo indefinito e dall'aspetto poco appariscente, con gli occhi di un azzurro chiaro e luminoso, sia un architetto eccezionale perché non cede a nessuna tentazione.
Tuttavia, la casa è già stata abitata, una volta. Da una ragazza della mia stessa età, quasi una mia gemella, mi hanno detto. Anche lei, come me, non insensibile al fascino di quest'uomo.
Una ragazza che tre anni fa è morta. In questa casa.


Scheda libro


Titolo: La ragazza di prima
Autore: J. P. Delaney
Casa Editrice: Mondadori
Data di pubblicazione: 4 aprile 2017
Pagine: 380
Prezzo: 18.50 €
E-book: 8.99 €

A 35 anni Nina Popkin ha un conto aperto con il destino: non solo è stata mollata dal marito, che a tempo di record si è rifatto una famiglia nuova di zecca, ma ha appena perso anche la madre adottiva, l'unica persona da cui si sentiva veramente amata. Finché non le capita tra le mani una vecchia fotografia che la ritrae nelle braccia della sua mamma naturale; a margine, l'indirizzo del convento dove è stata data in adozione. Per Nina è un segno del cielo: forse è arrivato il tempo di smettere di fantasticare di essere la figlia di Lady D e seguire le tracce della donna che l'ha data alla luce. Lindy McIntyre invece ha un'esistenza pressoché perfetta, un bel marito, tre figli e un prestigioso salone di bellezza, e l'ultima cosa di cui ha bisogno è che una svitata come Nina faccia irruzione nella sua quiete annunciandole che è sua sorella e tentando di coinvolgerla nella ricerca delle loro origini. Ma chi è e come vive Phoebe Mullen, la donna che le ha messe al mondo per poi sparire dalle loro vite?


Scheda libro


Titolo: Prove di sopravvivenza per una famiglia felice
Autore: Maddie Dawson
Casa Editrice: Giunti
Data di pubblicazione: 5 aprile 2017
Pagine: 432
Prezzo: 18.00 €
E-book: 9.99 €

Un uomo, una donna, quarantenni, parigini. Non ci sono nomi. Si conoscono a una colazione di lavoro. Si piacciono, si rivedono, si danno del lei, scambiano sms sempre più intimi. Si innamorano perdutamente. Ma sono entrambi sposati, ci sono dei figli, e nessuno vuole mettere in pericolo la propria famiglia. «Non faranno mai l'amore, mai. Erano d'accordo.» Un patto folle, che li vede incontrarsi per un caffè, a cena, al cinema, a passeggio per la città. Conversano, ma spesso si ritrovano in silenzio, basta guardarsi e sapere di esserci, insieme, basta sfiorarsi o baciarsi. Potrebbe essere la soluzione perfetta, rinascere in un amore che si priva del corpo e che lascia libera la fantasia e i sogni. E lei ora è rinata, e rinasce a ogni trillo del telefono, sboccia sotto le parole e le carezze di un uomo nuovo, esce dal torpore di un matrimonio di cui è rimasto molto poco. Ma non è controllabile questo desiderio improvviso che un giorno dopo l'altro si fa ossessione, bisogno prepotente di mescolarsi, minaccia reale che mette a repentaglio la loro promessa di castità. Trasformando così una pazza idea in un tormento quotidiano, da cui liberarsi diventa molto difficile.


Scheda libro


Titolo: Pazza idea
Autore: Caroline Bongrand
Casa Editrice: Rizzoli
Data di pubblicazione: 13 aprile 2017
Pagine: 380
Prezzo: 17.00 €
E-book: 9.99 €

Catherine non sta vivendo la vita che avrebbe voluto: un uomo sbagliato accanto, troppo lavoro, una convivenza con il padre che, a quarant'anni, è diventata una prigione. Il giorno in cui David la lascia, però, il suo mondo crolla lo stesso; quell'unico sentimento, seppur annacquato, lascia un vuoto incolmabile. Forse per questo Catherine inizia a leggere un manoscritto recapitatole per sbaglio in ufficio. Una storia antica, ambientata nella Siena dov'è nata ma che non ha mai più visto, protagonista, una santa che porta il suo nome, Caterina. Non si tratta di una biografia, ma del racconto di una donna che viveva nello Spedale di Santa Maria della Scala, rifugio di infermi, viandanti e pellegrini, nel 1370, una donna costretta a non vedere mai la luce del giorno, per una colpa segreta che portava come una croce fin dalla nascita. Tra le pagine oscure e appassionanti, Catherine trova qualcosa che la spinge verso la sua città natale e verso la madre, morta quando lei era bambina. Seguendo il racconto, quelle vite così lontane si fanno vicine. E, scoprendo il segreto che lega Giovanna allo Spedale e a Santa Caterina, Catherine r riuscirà a svelare tutti i misteri del proprio passato.


Scheda libro


Titolo: Caterina della notte
Autore: Sabinan Minardi
Casa Editrice: Piemme
Data di pubblicazione: 18 aprile 2017
Pagine: 384
Prezzo: 18.50 €
E-book: --

La vetrata del grande salone si affaccia sul mare della Cornovaglia. Mentre osserva le onde infrangersi sulla scogliera, Rachel si guarda intorno. Stenta ancora a credere che quella sala e l’intera tenuta di Carnhallow siano sue. Si è finalmente gettata alle spalle la sua vita tormentata grazie al matrimonio con David, un ricco avvocato, e al rapporto speciale che ha con il figlio di lui, Jamie, un bambino timido e silenzioso, segnato dalla tragedia della morte della madre, due anni prima. La donna è rimasta vittima di un terribile incidente nelle miniere sotterranee su cui si erge Carnhallow e il suo corpo non è mai stato ritrovato. Rachel si affeziona al piccolo come se fosse suo. Ma improvvisamente il comportamento del bambino diventa molto strano. Comincia a fare sogni premonitori e dice di sentire la voce della madre che lo chiama dal labirinto di cunicoli sotterranei. Finché un freddo pomeriggio d’autunno, mentre lui e Rachel sono soli sulle scogliere, le rivela: «Tu morirai il giorno di Natale». Un tarlo comincia a scavare nella mente di Rachel. Cosa è successo due anni prima? La madre di Jamie è davvero morta? Perché David si rifiuta di parlarne con lei? È possibile che il marito di cui è tanto innamorata le nasconda qualcosa? Dicembre si avvicina e Rachel sa che deve scoprire la verità, e in fretta, perché ogni angolo della sua nuova casa nasconde un pericolo mortale. 
Dopo il grande successo della Gemella silenziosa, S.K Tremayne ci regala un nuovo thriller da brivido. Venduto in tutto il mondo, ha immediatamente scalato le classifiche inglesi. Nella mani di S.K. Tremayne, la verità non ha mai una sola faccia, e un’aura di sospetto strisciante pervade il lettore fino alla rivelazione finale.


Scheda libro


Titolo: Il bambino bugiardo
Autore: S. K. Tremayne
Casa Editrice: Garzanti
Data di pubblicazione: 20 aprile 2017
Pagine: 416
Prezzo: 16.90 €
E-book: 9.99 €

Questi sono i titoli di aprile che ho selezionato per voi e che conto di leggere quanto prima anche io. Cosa vi ispira di più?