Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2017

Tutti a Hogwarts con le tre Ciambelle - Reading Challenge 2018

SCUOLA DI LETTURA DI HOGWARTS Preside: Albus Silente-La Libridinosa (Ordine di Merlino, Prima Classe, Grande Lettrice, Blogger Capo, Suprema Carogna, Confederazione Internazionale dei Blogger) Cari signori partecipanti, siamo liete di informarvi che avete diritto a partecipare alla Reading Challenge 2018, “Tutti a Hogwarts con le tre Ciambelle”. Qui accluse troverete tutte le regole per giocare con noi e trascorrere un anno pieno di libri e letture. L’anno di gioco avrà inizio il 22 dicembre. Restiamo in attesa dei vostri gufi (cioè, compilate il modulo in tutte le sue parti) entro e non oltre il 17 dicembre p.v. Distinti saluti, Minerva McGranitt-La Biblioteca di Eliza Vicepreside Piton - La Bacci Professore di pozioni Siete felici? Sappiamo che da tanto tempo aspettavate questa lettera e, finalmente, è giunta a voi! Adesso bando alle ciance, perché la Challenge che stiamo per proporvi è un tantinello intricata (se finite alla neuro, noi non c’en

Novità nella Stanza Librosa Novembre 2017 + To Be Read Dicembre 2017

Siamo giunti all'ultimo mese dell'anno. Ma com'è possibile? A me sembra ieri che questo 2017 prendeva il via! Vabbè, ci sarà tempo per tirare le somme, intanto parliamo di questo novembre che oggi si conclude. Come sapete, a Milano si è svolta la sesta edizione del BookCity e io vi ho preso parte sia in qualità di moderatrice dell'incontro con Pierpaolo Mandetta e Loredana Limone, che in veste di lettrice che, assieme a Lallina, ha trotterellato per mezza Milano.  Perché non ho scritto un post sul BookCity? Innanzitutto, perché tutta la parte divertente ve l'abbiamo raccontata con la Chiacchiera e poi perché quando mi sono seduta e ho messo le mani sulla tastiera, mi sono anche resa conto che avrei tirato fuori il solito post sul BookCity in cui avrei ribadito, per il sesto anno consecutivo, che si tratta di una bella manifestazione organizzata malissimo. Quindi, se proprio avete voglia di sapere cosa ne penso, cercate qui nel blog uno dei vecchi post, tanto non

Recensione 'Demelza' di Winston Graham - Sonzogno

Cornovaglia, 1788-1790. Le nozze tra Ross, gentiluomo dal carattere forte, avverso alle convenzioni sociali, e Demelza, bella, brillante, ma figlia di un povero minatore, hanno scandalizzato l'alta società locale, che non approva il matrimonio di un nobile con una plebea. E così Demelza, pur facendo il possibile per assumere le maniere di una signora raffinata, fatica a conciliare il mondo da cui proviene con quello cui ora appartiene, e sì sente umiliata dai modi altezzosi di chi la circonda. Questo non le impedisce però di stare al fianco di Ross, che si trova ad affrontare la grave crisi economica in cui versa il distretto: l'industria del rame è infatti sull'orlo del collasso a causa di banchieri senza scrupoli, come lo spietato George Warleggan. Mentre dalla Francia soffiano i venti della rivoluzione e il malcontento dei minatori, ridotti alla fame, sembra pronto a esplodere, Ross decide di sfidare i potenti nel tentativo di riportare giustizia e prosperità nella te

Diario di Bordo - Quando ci si preoccupa dell'apparenza

Se mi seguite sulla pagina Facebook, avrete notato che, negli ultimi mesi, era nata una collaborazione tra me e la Libreria Giunti al Punto di Cremona. Collaborazione che consisteva nel mettere in piedi un Salotto Letterario in cui, ogni ultimo giovedì del mese, si sarebbe discusso di un libro. Insomma, il caro vecchio Club del Libro, avete presente? Questo post non nasce per parlare del Salotto Letterario, perché l'esperienza è durata appena un mese. Questo post nasce, invece, per ribadire una volta di più che io, in quanto blogger non retribuita e, soprattutto, in quanto cretina che non è capace di tenere la lingua a freno e fare la paracula, ho messo fine a tutto ciò. E perché? Perché, come detto quassù, io sono una che non si fa mettere i piedi in faccia. Siete curiosi? È accaduto che, qualche giorno fa, volendo effettuare l'acquisto del primo romanzo di Alessandro Robecchi, io, come mio solito, abbia cercato di accedere al sito Giunti al Punto. Perché non

La chiacchiera - Speciale BookCity

...per l'inizio di questa chiacchiera, leggi qui LL: vabbè, lo vuoi un caffè? Un gerontologo? Minchia, Lallì! Il panino!!! E: ah giusto ( e che palle! E comunque ti ricordo che la più vecchia qui sei tu!), siamo andate a pranzare, avevamo un languorino, avevamo voglia di qualcosa di buono ma non c’era Ambrogio (che a Milano è grave)... quindi altro giro di panino super. LL: io finché campa la Bacci sarò sempre ciovane! Coooomunque, dopo un leggerissimo panino (senza Ambrogio), direzione Triennale. E meno male che siamo state così intelligenti da arrivare prima, altrimenti sai dove stavamo sedute? A San Siro! E: eh sì arriviamo alla sala e c’erano poche persone ancora ( e io ancora non ho capito perché la signorina all’ingresso ci ha dato il bigliettino) LL: per ricordo! Sia mai che ti dimentichi del pomeriggio col Manzo (ciao Antonio!), hai il bigliettino! Bon, ci sediamo e ci prende la cicagna… che sonno, Lallì! E: io sto ancora aspettando il caffè! Comu

Recensione 'La verità sul caso Harry Quebert' di Joel Dicker - Bompiani

Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Quebert, uno degli scrittori più stimati d'America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell'oceano. Convinto dell'innocenza di Harry Quebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trent'anni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso

[Le BB leggono...] Recensione 'Niente è come te' di Sara Rattaro - Garzanti

Due scatole colme di libri, pupazzi e tante fotografie. Tutto il mondo di Margherita è racchiuso in quelle poche cose. In spalla il suo adorato violino e tra le mani un biglietto aereo per una terra lontana: l'Italia. La terra dove è nata e che non rivede da quando è piccola. Ma ora è lì che deve tornare. Perché a quasi quindici anni Margherita ha scoperto che a volte è la vita a decidere per noi. Perché c'è qualcuno che non aspetta altro che poterle stare accanto: Francesco, suo padre. Il suono assordante dell'assenza di Margherita ha riempito i suoi giorni per dieci anni. Da quando sua moglie è scappata in Danimarca con la loro figlia senza permettergli di vederla mai più. Francesco credeva fosse solo un viaggio. Non avrebbe mai pensato di vivere l'incubo peggiore della sua vita. Eppure, ora che Margherita è di nuovo con lui, è difficile ricucire quello che tanto tempo prima si è spezzato. Francesco ha davanti a sé un'adolescente che si sente sbagliata. Perch

Diario di Bordo - Caro Instagram...

*in rosso i commenti della Bacci* Negli ultimi mesi la mia passione per Instagram è notevolmente cresciuta. Diciamo pure che è andata di pari passo con la voglia di scattare delle foto, di smettere di scaricare le copertine dal web e cercare, invece, di divertirmi fotografando,  - di arrampicarti sulle scale rischiando la morte, di spalmarti sull'asfalto incurante delle macchine che devono girarti intorno manco fossi una rotonda...   - di creare qualcosa di personale anche solo nel farvi vedere quale sia la mia lettura in corso! Instagram, ovviamente, è il social fotografico per antonomasia e, di conseguenza, il tempo che passo a spulciare le stories o la bacheca per vedere le foto postate dai miei contatti è notevolmente aumentato - con buona pace di marito e figlio che possono godersi qualche minuto in più di libertà - ! È molto meno impegnativo di Facebook, perché non ci si deve soffermare a leggere nulla, ci si limita a guardare delle immagini -ah! quindi va be

Recensione 'Girl in snow' di Dayna Kukafka - Bompiani

Un parco giochi qualsiasi in una cittadina qualsiasi. La neve è caduta avvolgendo tutto in un silenzio ovattato: le case, le strade, i giochi, il corpo senza vita di Lucinda Hayes. Le indagini a Broomsville rivoltano pietre: sotto la superficie immacolata di una piccola comunità si nasconde un brulicare di segreti e bugie destinati a venire alla luce. Per Cameron, sensibile e bizzarro, Lucinda era la luce del sole. Per Jade era la ragazza perfetta che, forse suo malgrado, le aveva portato via tutto. Per Russ è un penoso caso da risolvere al più presto. Ma Russ è legato a Cameron, e questo non fa che offuscare il suo giudizio. Ciascuno ha le sue ragioni per voler scoprire la verità. Che non può essere una sola. Titolo: Girl in snow Autore: Dayna Kukafka Editore: Bompiani Data di pubblicazione: 2 novembre 2017 Pagine: 336 Trama: 1  Personaggi: 1  Stile: 1 

Recensione 'Il club dei bugiardi' di Mary Karr - Edizioni e/o

Se a metà degli anni ’50 ti trovavi a vivere a Leechfield, era molto probabile che a un certo punto della vita avessi commesso qualche sbaglio, o che non avessi colto un’occasione, o che magari ti fossi rassegnato. Non c’erano molte altre ragioni per abitare nella cittadina petrolifera più piccola, brutta, provinciale, puzzolente e sperduta del Texas orientale. A Charlie Marie queste cose erano capitate tutte e tre, ma Mary Karr, sua figlia, lo avrebbe scoperto solo molto più tardi, e dovevano passare ancora molti anni prima che si sentisse pronta a raccontarlo in questo memoir. D’altronde c’erano cose più urgenti di cui occuparsi per una bambina di cinque anni: come nascondere le chiavi dell’auto per assicurarsi che l’ennesima sbronza della mamma non si traducesse in un incidente mortale, o correre al bar per ascoltare le storie alcoliche che il papà raccontava ai colleghi della raffineria. C’era un sacco da fare insomma, senza contare quelle che davanti alla polizia venivano defin

Recensione 'Ovunque sei' di Daniela Quadri - Project

Una telefonata annuncia il ritrovamento di un cadavere nel Parco Reale di Monza: chi è l'uomo con il volto sfigurato dall'acido? Due donne misteriose si affrontano, contendendosi un bambino: è forse il piccolo Simone, rapito in un paese della tranquilla Brianza pochi mesi prima? Vicende, che non sembrano avere alcun nesso logico e dove nessuno è ciò che appare, danno il via alle indagini di Marta Valtorta, giornalista free-lance, e Tony Nardone, il suo fidanzato carabiniere. Echi del passato e drammi di sconvolgente attualità si intrecciano, ma le intuizioni di Marta e la ferrea logica di Tony porteranno a galla una verità che non è mai solo bianca o solo nera, perché la vita ha una gamma infinita di tonalità: mai perfettamente definite, mai del tutto pulite, mai così sporche. Titolo: Ovunque sei Autore: Daniela Quadri Editore: Project Data di pubblicazione: 28 agosto 2017 Pagine: 146 Trama: 1  Personaggi: 1  Stile: 2 

Wonderful Giveaway - Prima copertina e modulo risposte

Buongiorno! Siete sveglie? Avete indossato gli occhiali? Li avete puliti? Caffè preso? Gente con ottima vista radunata? Benissimo, allora direi che possiamo ufficialmente dare il via alla seconda edizione del "Wonderful Giveaway"! Come sapete, da oggi e per tutta la settimana, io e Laura Letizia Cretina Dio vi proporremo lo stralcio di una copertina (ovviamente si tratta di libri da noi letti e recensiti). Avrete tempo dalle 8 alle 22 per inviare la vostra risposta, utilizzando, per tutta la settimana, il modulo che troverete in fondo a questo post. CAPITO? Ci sarà solamente questo modulo, inutile che andiate in giro, nei prossimi giorni, a cercarne altri...qua dovete tornare! Il modulo verrà rimosso definitivamente sabato sera alle 22.01 Le soluzioni ai vari indovinelli vi verrano comunicate ogni mattina sulle nostre pagine Facebook, all'interno dei post con cui vi diamo il buongiorno. Negli stessi post vi diremo il nome della persona che ha indovinato per

Recensione 'L'inganno' di Thomas Cullinan - DeA

Cinque allieve appena, le uniche rimaste. E un nome che "ci metti di più a pronunciarlo che a fare l'appello": il Collegio per signorine di Miss Martha Farnsworth. Nella Virginia insanguinata dalla guerra civile, tra l'eco dei cannoni e la paura che come un'ombra si addensa contro i muri del giardino, la vita della scuola diretta dall'austera Miss Martha scorre lenta e sempre uguale. Lezioni di cucito, musica e francese. Le incombenze domestiche, i pasti, le preghiere. E in questo mondo angusto e tutto al femminile che irrompe il caporale John McBurney, disertore dell'esercito nordista gravemente ferito. Nella fuga dall'inferno dei campi di battaglia, McBurney ha perso il fucile e forse l'orgoglio, ma non l'astuzia che è da sempre la sua arma più affilata. Assediate dalla guerra e dalla noia, soffocate dal morso dei corsetti e dei loro stessi desideri, le donne della scuola accolgono il soldato nemico e se ne prendono cura. Un po' alla