Passa ai contenuti principali

Recensione 'La fragilità degli angeli' di Gigi Paoli - Giunti Editore



Titolo: La fragilità degli angeli || Autore: Gigi Paoli || Editore: Giunti
Data di pubblicazione: 19 settembre 2018 || Pagine: 293

Sono giorni di angoscia per Firenze dopo la misteriosa scomparsa di un bambino di quattro anni che stava giocando nel giardino della sua casa in collina: di lui rimane solo la piccola bicicletta grigia, appoggiata a un albero. Mano a mano che passano i giorni, le speranze di ritrovare Stefano in vita si affievoliscono, e in città si torna a respirare lo stesso terrore dei tempi del "Mostro", il famigerato serial killer che uccideva e mutilava le coppiette appartate in campagna. Per il giornalista di cronaca giudiziaria Carlo Alberto Marchi e il suo collega della "nera", l'Artista, sono ore di ansia e lavoro frenetico fra la redazione, i luoghi del delitto e un Palazzo di Giustizia sempre più cupo, proprio come il suo soprannome: Gotham. Un'inchiesta serrata che non dà tregua agli inquirenti, la tenace pm Simonetta Vignali, grande amica di Marchi, e il capo della Mobile Settesanti, segnato da un passato violento che non gli concede sconti. A dare una svolta alle indagini sarà l'inaspettata confessione di uno studente di psicologia: è stato lui a uccidere Stefano, per poi abbandonarne il corpo sulle rive dell'Arno. Sta dicendo la verità? O si tratta solo di un mitomane? E mentre le sponde del fiume vengono battute a tappeto, un altro colpo di scena riaccende la paura. In una celebre basilica sulle oscure colline di Firenze viene ritrovata una lettera anonima che annuncia nuovi orrori: Stefano è stato il primo, ma non sarà l'ultimo... Poi, il caos si trasforma in silenzio, finché un'intuizione ribalta tutto, anche le storie personali, anche quella di Carlo Alberto Marchi, che si ritrova davanti a qualcosa che mai aveva visto prima. Sullo sfondo di un malinconico autunno fiorentino, Gigi Paoli ci regala il suo libro più toccante e intenso.

(solo perché non esiste un voto più alto!)



Il primo libro di Gigi Paoli è bello, il secondo libro è bellissimo. Questo terzo romanzo è superlativo!
Io potrei chiudere qui, dirvi di correre in libreria e, se non lo avete già fatto (che brutte persone che siete!), recuperare anche i primi due romanzi. 
Poi potrei tornarmene nel mio angoletto, in attesa di ritrovare Carlo Alberto Marchi.
Ma no! Io adesso mi metto qui, buona buona, e cerco di spiegarvi, con un minimo di lucidità mentale, perché La fragilità degli angeli è un romanzo da leggere SUBITO!

Gigi Paoli torna in libreria e con lui, come di consueto, torna Carlo Alberto Marchi, giornalista del "Nuovo" di Firenze, padre single della tredicenne Donata e mio amore letterario (ma questa cosa non riguarda voi!).
Gigi Paoli torna e io sono in brodo di giuggiole!

Per leggere questo romanzo mi sono nutrita di avanzi e ho dormito per sole tre ore. Sono riemersa dalle sue pagine con un'esclamazione poco degna di una signora (che quindi eviterò di riportare qui!), ma ho potuto godere di otto ore, tante ne ho impiegate per terminarlo, di assoluta felicità!

Torna Carlo Alberto Marchi e torna, ovviamente, Firenze. Benché meno protagonista rispetto ai due romanzi precedenti, del capoluogo toscano, questa volta, si percepisce la paura.
Firenze, si sa, è una città che con la paura è abituata a convivere. Gli anni del Mostro li si sente ancora scorrere tra le sue vie e nelle acque dell'Arno che la attraversa.

Stavolta, a far vibrare le corde del panico è la sparizione di un bambino di 4 anni.
Alle due e quaranta del mattino di lunedì, un cane molecolare fiutò qualcosa fra le sterpaglie sulla riva dell'Arno, fra le località di Girone e Compiobbi, a est di Firenze.
@GoNews
E anche stavolta, Carlo Alberto Marchi è in prima linea: che sia in redazione o tra i corridoi di Gotham City, affettuoso appellativo dato al Palazzo di Giustizia, il nostro giornalista inseguirà la verità, cercando di barcamenarsi tra notizie filtrate e intuizioni personali.
E intanto, da bravo babbo single, dovrà anche fare i conti con l'ormai conclamata adolescenza di Donata!
Dovevo ricordarmi di fare il test del DNA: mica ero sicuro che quell'affare fosse mia figlia.
Dei romanzi di Gigi Paoli io amo tutto!
Amo, innanzitutto, il non avere a che fare col solito protagonista facente parte delle forze dell'ordine. Amo Rocco Schiavone e il Commissario Casabona, ma Carlo Alberto Marchi, per me, rimane un gradino più su.
Carlino ("non chiamarmi Carlino"!!!) ti entra nel cuore con la sua ironia, col suo cercare di far quadrare tutto, e non ti lascia più!
<<...pur essendo un giornalista, sei una persona perbene>>.
Ecco, Carlo Alberto è uno di quelli a cui confideresti un segreto, perché sai che lo terrebbe per sé.
E anche se per età siamo oltre, io uno come lui lo avrei voluto come papà!

Il fulcro dei romanzi di Gigi Paoli è, ovviamente, il giallo. Ma ciò che li rende di un livello superiore è l'anima del protagonista.
L'ironia che alberga tra le pagine di questo romanzo è sopraffina e mai sopra le righe. Non mi era mai capitato di ridere tanto leggendo un noir.
La perfezione si raggiunge grazie all'impeccabile equilibrio tra la leggerezza data dal rapporto tra Carlo Alberto e Donata e dall'umorismo tipico toscano del giornalista, e le parti della narrazione in cui ci si concentra sul giallo, sulle indagini e sulla vita di redazione.
@SociView
La bravura di Paoli consiste proprio nel modo in cui riesce ad incastrare ogni elemento senza alcuna sbavatura.

E parlando dell'autore, si nota un'ulteriore crescita della scrittura. Anche questa volta, Gigi ha fatto un balzo in avanti, mettendo sul piatto una scrittura che trasuda eleganza ed eccellenza.

In un panorama letterario come quello italiano, in cui si guarda sempre agli autori stranieri come se fossero irraggiungibili, Gigi Paoli è una realtà, non più una promessa, da tenere d'occhio.
I suoi romanzi si divorano voracemente e, ogni volta, si arriva alla fine con una sensazione di abbandono e la bramosia di leggere immediatamente il successivo.
Ehm... Gigi... Giiiiiiigiiiiiii... io sto qui che aspetto il quarto, eh!

E mentre io me ne vado in Kamchatka, voi correte a leggere la recensione di Laura e poi, ovviamente, subito in libreria. State correndo, vero?!

Commenti

  1. Era buono il biscotto? A parte gli scherzi... bellissimo libro! Il mio muretto è già pronto, io da stasera aspetto il quarto! Troppo presto dici? Uffa, ma io devo sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro ci passiamo tutto l'inverno su quel muretto!

      Elimina
  2. sono in ritardissimo con l'acquisto del libro. sto rosicando di brutto perché in tante lo avete già letto ed io no, ma recupero, certo che recupero appena riesco ad uscire dalla settimana infernale in cui sono piombata corro a prenderlo. bellissima recensione! e adesso vado a trovare Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dietro l'arrivo di questo libro c'è una storia, ma una storia...

      Elimina
  3. Eccone un'altra innamorata della creatura letteraria che risponde al nome di Carlo Alberto Marchi! Gigi Paoli è incredibilmente in gamba,non vedevo l'ora che uscisse il suo nuovo romanzo e finalmente stasera vado in libreria e me lo porto a casa...Comunque non avevo dubbi sul fatto che si fosse superato. E' quello che fanno gli autori bravi, ma bravi davvero. E Gigi Paoli lo è!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gigi è ormai una garanzia! Di quelli che finisci un libro e speri che il tempo passi più in fretta possibile per averne uno nuovo tra le mani!

      Elimina
  4. Ho da tempo letto i primi due e ne sono rimasta entusiasta. Oggi comprerò questo e so già che mi attenderanno alcune ore meravigliose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che sono solo alcune ore. Poi ci ritroviamo in crisi di astinenza :(

      Elimina
    2. ALMENO QUELLE POCHE ORE LE TRASCORRO VERAMENTE BENE....

      Elimina
  5. Ho letto da pochi giorni il secondo romanzo di Paoli e già mi manca Marchi! Quando poi ho scoperto che sarebbe uscito il terzo sono stata contentissima�� Non vedo l'ora di recuperarlo e leggerlo! Anche se poi dovrò aspettare per il prossimo... comunque come sempre recensione meravigliosa! Hai espresso quello che pensavo anche io ma in un modo migliore

    RispondiElimina
  6. Giurin giurello, li recupero tutti e tre prestissimo!

    RispondiElimina
  7. Ammetto la mia vasta ignoranza nel non aver mai sentito nominare questo autore, ma visto l'entusiasmo cercherò di recuperare il primo libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AAAAAAHHHHHHHH... ok, smetto di urlare se mi giuri, seduta stante, di recuperare quanto prima!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i