Passa ai contenuti principali

Recensione 'Come fermare il tempo' di Matt Haig - Edizioni e/o


Titolo: Come fermare il tempo || Autore: Matt Haig || Editore: Edizioni e/o
Data di pubblicazione: 29 agosto 2018 || Pagine: 360

Pensate a un uomo che dimostra quarant'anni, ma che in realtà ne ha più di quattrocento. Un uomo che insegna storia nella Londra dei giorni nostri, ma che in realtà ha già vissuto decine di vite in luoghi e tempi diversi. Tom ha una sindrome rara per cui invecchia molto lentamente. Ciò potrebbe sembrare una fortuna... ma è una maledizione. Cosa succederebbe infatti se le persone che amate invecchiassero normalmente mentre voi rimanete sempre gli stessi? Sareste costretti a perdere i vostri affetti, a nascondervi e cambiare continuamente identità per cercare il vostro posto nel mondo e sfuggire ai pericoli che la vostra condizione comporta. Così Tom, portandosi dietro questo oscuro segreto, attraversa i secoli dall'Inghilterra elisabettiana alla Parigi dell'età del jazz, da New York ai mari del Sud, vivendo tante vite ma sognandone una normale. Oggi Tom ha una buona copertura: insegna ai ragazzi di una scuola, raccontando di guerre e cacce alle streghe e fingendo di non averle vissute in prima persona. Tom deve a ogni costo difendere l'equilibrio che si è faticosamente costruito. E sa che c'è una cosa che non deve assolutamente fare: innamorarsi. "Come fermare il tempo" è una storia folle e dolceamara su come perdere e poi ritrovare se stessi, sull'inevitabilità del cambiamento e sul lungo tempo necessario per imparare a vivere.



Quelli come noi muoiono solo in due modi. O nel sonno, attorno ai novecentocinquant'anni d'età, oppure in seguito a un atto violento che distrugga il cuore, o il cervello, o provochi una grave perdita di sangue.
Anageria. Conoscete questo termine? Io ho dovuto cercarlo on-line e ho scoperto che questo romanzo parla della Bacci le persone che ne sono affette vanno incontro ad una forma di invecchiamento molto rallentata: invecchiano di circa un anno ogni 15 di vita.

Il protagonista di questo romanzo ne è affetto e, nel momento in cui ci racconta la sua storia, ha 436 anni. Eppure il suo corpo ne dimostra appena una quarantina.
Tom (uno dei molteplici nomi che ha usato durante la sua esistenza) è nato il 3 marzo 1581.
Tom è solo. Tom è infelice. 

Quando ho letto la sinossi di questo romanzo, mi aspettavo una storia leggera, a tratti anche ironica. Mi sono ritrovata, invece, ad avere a che fare con un romanzo profondo, intenso, spesso anche doloroso.

Viviamo in un'epoca in cui apparire giovani e in forma pare indispensabile; in cui sembra quasi che si ambisca alla vita eterna. Ma è davvero questo che vogliamo? Ci siamo mai chiesti cosa vorrebbe dire, sul serio, vivere per 900 o 1000 anni? Quanto carico di dolore è in grado di sopportare la mente umana? Quante perdite? Quanti ricordi siamo in grado di accumulare prima di sentirci sopraffatti?
Provate ad immaginare cosa voglia dire veder morire tutti coloro che amate
La prima regola è non innamorarsi. Ce ne sono altre, ma questa è la principale. Non innamorarsi. Non amare. Non sognare l'amore. Se tieni fede a questa regola, andrà tutto bene.
Tom vive una vita fatta di grande solitudine. La sua disfunzione lo porta a dover cambiare identità e città mediamente ogni 8 anni.
Ma c'è qualcosa che spinge Tom ad andare avanti, lo scopo primario delle sue giornate: la ricerca di Marion, la figlia avuta, secoli prima, affetta anche lei da anageria.

Come fermare il tempo è un romanzo che porta con sé grandi riflessioni. Ci si trova a tu per tu con un personaggio che ha vissuto secoli di storia, che ha visto il mondo cambiare profondamente e che porta, dentro se, un carico di malinconia cui pochi sarebbero in grado di far fronte.

Quello che colpisce durante la lettura di questo romanzo, è la crescita emotiva (parliamo comunque di un uomo di 436 anni!) di Tom.
Durante il dipanarsi della trama, infatti, Tom si "spoglierà" di tutti quei dolori che si è trascinato dietro durante i suoi quattro secoli di vita, preparandosi, finalmente a vivere davvero
È arrivato il momento. Il momento di vivere. (...) Mi sento pronto a voler bene, a essere ferito e a correre il rischio di vivere.
Ho amato tutto di questa storia: Tom, i suoi dolori, le sue speranze, la sua lotta col passato e col presente. Ma ho amato, soprattutto, il carico di emozioni che troviamo nelle ultime pagine, quelle che ci fanno capire che basterà aprire il cuore agli altri, mettere da parte le nostre paure, per poter essere felici anche a 436 anni!

E se Tom è un personaggio così riuscito all'interno di una storia così perfetta, il merito va, ovviamente, a Matt Haig che, con delicatezza, ci accompagna nella vita del protagonista, facendoci attraversare secoli di storia e incontrare personaggi di ogni sorta, senza mai, per questo, trasmettere una sensazione di finzione.

Tom è un personaggio che va conosciuto pian piano, amato incondizionatamente e tenuto nel cuore per parecchio tempo!

Commenti

  1. Le tue recensioni mi emozionano sempre!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia questa recensione.❤ Devo leggere il romanzo! 😭

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Spero ti faccia provare le stesse emozioni che ho provato io!

      Elimina
  4. Wow!!! Che bella recensione.....corro subito a comprarlo!!!

    RispondiElimina
  5. Aspettavo la tua opinione! Io il romanzo l'ho comprato comunque, perchè mi ispirava molto e poi della E/O mi fido. E anche del tuo giudizio. Quindi credo proprio che lo farò passare in cima alla lista delle mie prossime letture....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente le e/o è una di quelle Case Editrici che raramente deludono! Fammi sapere, mi raccomando!

      Elimina
  6. Leggendo una recensione così positiva non posso far altro che prendere nota!

    RispondiElimina
  7. Altro libro da comprare, ti odio sappilo mia divina!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Il Giveaway per Babbani e Creature Magiche - Terza tappa

Buongiorno!!! Siete pronti? Siete caldi (oddio, che sembro Madonna?!)? Oggi inizia la terza tappa del giveaway per Babbani e Creature Magiche nato dalla collaborazione con  La biblioteca di Eliza   e le Due Lettrici quasi Perfette . Avete fatto in tempo a rispondere alle domande della seconda tappa? Vi sono sembrate facili? Pensate di aver indovinato tutto? Vediamo un po'... DOMANDA 1. Questa è l'immagine completa da cui era stato tratto il particolare dell'illustrazione... Mrs Norris, la gatta del custode, pendeva appesa per la coda dal braccio della torcia. Era rigida come uno stoccafisso e gli occhi spalancati fissavano il vuoto (capitolo 8). DOMANDA 2. Cos'è un Rivelatore? Oggetto che somiglia ad una gomma da cancellare di colore rosso acceso, usata da Hermione sul diario di Tom Riddle (capitolo 13). DOMANDA 3.  A cosa servono Mosche Crisopa, sanguisughe, erba fondente, centinodia, polvere di corno Bicorno, pelle tritata di Girilacco? Sono g