Passa ai contenuti principali

Recensione 'I frutti del vento' di Tracy Chevalier - Neri Pozzi

Nella prima metà del XIX secolo James e Sadie Goodenough giungono nella Palude Nera dell'Ohio dopo aver abbandonato la fattoria dei Goodenough nel Connecticut. Il padre di James, un vecchio scorbutico cui Sadie non è mai andata a genio, ha parlato chiaro un giorno: meglio che il suo secondogenito, era sua giovane e troppo prolifica consorte, andassero a cercare  fortuna altrove, all'ovest, magari, dove la terra abbonda.
La Palude Nera è una landa desolata: l'acqua puzza di marcio, il fango scuro si appiccica alla pelle e ai vestiti e la malaria d'estate si porta via sempre qualcuno. Anziché spingersi nella prateria dove la terra è buona e solida sotto i piedi, James Goodenough decide però di costruire la sua casa di legno proprio nella Palude Nera, in riva al fiume Portage.
La legge dell'Ohio prevede che un colono possa fare sua la terra se riesce a piantarvi un frutteto di almeno cinquanta alberi. Una sfida irresistibile per James Goodenough che ama gli alberi più di ogni altra cosa, poiché gli alberi durano e tutte le altre creature invece attraversano il mondo e se ne vanno in fretta. In quella perciò, dove gli acquitrini si alternano alla selva più fitta, James pianta e cura poi con dedizione i suoi meli: un magnifico frutteto di cinque file di alberi col piccolo vivaio in disparte. Un frutteto che diventa la sua ossessione; la prova, ai suoi occhi, che la natura selvaggia della terra, con il suo groviglio di boschi e pantani, si può domare.
La malaria si porta via cinque dei dieci figli dei Goodenough, ma James non piange, scava la fossa e li seppellisce. Si fa invece cupo e silenzioso quando deve buttare giù un albero.
La moglie, Sadie, beve troppa acquavite e diventa troppo ciarliera quando John Chapman, l'uomo che procura i semi delle piante alle fattorie lungo il Portage, si ferma a cena. In quelle occasioni, James la vede con altri occhi: scorge il turgore dei seni sotto il vestito azzurro, i fianchi rotondi e sodi nonostante i dieci figli. Ma poi non se ne cura.
Finché, un giorno, la natura selvaggia non della terra, ma di Sadie esplode e segna irrimediabilmente il destino dei Goodenough nella Palude Nera, in primo luogo quello di Robert, il figlio dagli occhi d'ambra quieti e intelligenti, e della dolce e irresoluta Martha.
Romanzo che si iscrive nella tradizione della grande narrativa americana di frontiera, I frutti del vento è un'opera in ci Tracy Chevalier penetra nel cuore arido, selvaggio e inaccessibile della natura e degli uomini, là dove crescono i frutti più ambiti e più dolci che sia dato cogliere.

AUTORE: Tracy Chevalier
TITOLO ORIGINALE: At the edge of the orchard
TRADUZIONE A CURA DI: Massimo Ortelio
EDITORE: Neri Pozza
DATA DI PUBBLICAZIONE: 28 gennaio 2016
PAGINE: 249

TRAMA: 2  PERSONAGGI: 2  STILE: 3  COPERTINA: 5




La parte migliore di questo libro sta nella sinossi. Quindi, se appartenete a quella categoria di lettori che le sinossi non le prende neanche in considerazione, non le legge né prima di acquistare né dopo aver acquistato un libro, lasciate perdere: questo romanzo non fa per voi.
Buona parte della storia, infatti, ci viene raccontata proprio lì. L'autrice, dal canto suo, ci porterà, senza alcun antefatto, all'interno della vita di James e Sadie Goodenough.

I due coniugi vivono nella fangosa e desolata Palude Nera, in Ohio. Siamo agli inizi dell'Ottocento e James si occupa del suo meleto con una dedizione tale che porterà la moglie a divenirne quasi gelosa.

Buona parte della storia che la Chevalier ci narra è basata proprio sulla coltivazione degli alberi di mele da parte di James, sugli innesti che l'uomo sperimenta per far crescere le Mele Golden, in assoluto le sue preferite, sulla dura vita che la famiglia Goodenough deve affrontare nella Palude Nera.
Con un salto temporale di circa 10 anni, l'autrice ci farà seguire Robert, uno dei figli di James e Sadie, durante la sua nuova vita in California, alla scoperta delle sequoie giganti.

La narrazione seguirà questa linea temporale, portandoci avanti e indietro nel tempo, per farci scoprire cosa accade alla famiglia Goodenough e, anni dopo, a Robert.
Purtroppo, questa scelta dell'autrice, a parer mio, è stata solo deleteria, perché il lettore si troverà, in alcuni punti, ad avere la sensazione che gli manchino dei passaggi. E dovrà attendere di andare avanti nella lettura per capire quali sono i pezzi mancanti del puzzle narrativo.
Se questa può essere una scelta consona, per esempio, ad un thriller, in un romanzo come quelli cui la Chevalier ci ha abituati, quindi con un forte fondamento storico, risulta assolutamente deleteria ai fini della comprensione della storia.

I personaggi, purtroppo, sono pessimi sotto tutti i punti di vista. Innanzitutto, sono mal descritti, al punto che spesso si fa confusione e non si riesce a collegare immediatamente un nome ad uno dei protagonisti.
Coloro su cui la storia prevalentemente verte, quindi James, Sadie e due dei dieci figli, Robert e Martha, sono assolutamente vacui.
James è un uomo taciturno, remissivo nei confronti di una moglie prepotente, egoista, vanesia e che, spesso, viene solo voglia di prendere a sberle. 
I due, che dovrebbero essere le colonne portanti su cui la famiglia si posa, risultano essere, invece, solo un peso per i figli e anche per la storia in sé.

Robert rimane, per tutte le 250 pagine, un personaggio ambiguo, solitario, egoista come la madre e che sembra piazzato lì dall'autrice solo per avere lo spunto per parlare delle sequoie giganti della California.
Infine, Martha... Boh, sinceramente ho fatto fatica a capire il senso del suo personaggio. Quasi trasparente da bambina, riappare anni dopo, adulta e incinta, ma non si trova un senso neanche nel suo personaggio.

L'unica cosa che salva questo romanzo è, senza dubbio, l'inconfondibile stile di un'autrice che, bisogna ammetterlo, è riuscita a farsi amare molto di più in altre sue storie.



Commenti

  1. Allora io che ho un brutto rapporto con le sinossi dovrei passare? Peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona parte della storia, per non dire tutta, viene raccontata nella sinossi. Se non leggi quella, fai fatica a capire qualcosa di ciò che la Chevalier racconta dopo.

      Elimina
  2. Mi hai appena distrutto il mio proposito di prossime letture ahahahahaha immaginavo che non avrei mai potuto trovare lo stesso livello di La ragazza con l'orecchino di perla.. speriamo bene xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che La ragazza con l'orecchino di perla rimanga, in assoluto, il suo miglior romanzo!

      Elimina
  3. Cavoli, amo lo stile della Chevalier, ma la tua recensione per il momento mi fa soprassedere... non credo che questo romanzo mi piacerebbe, almeno non in questo momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo particolare come storia, nonostante il suo stile rimanga inimitabile e gradevole. Ma stavolta ti consiglierei anche io di soprassedere ;)

      Elimina
  4. Io non sono proprio riuscita a finirlo. Dopo 100 pagine il fango e le mele mi avevano depressa in modo indicibile. Peccato, considerando che avevo molto amato Strane creature e La fuggitiva.
    un saluto da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beata te che almeno non hai dovuto sorbirti le sequoie!

      Elimina
  5. Lo sta leggendo mia mamma in questo momento. A me non ispira particolarmente, peccato :)

    RispondiElimina
  6. Decisamente non all'altezza dei precedenti romanzi dell'autrice. Per me il grosso ostacolo è stata la mancanza di empatia nei confronti dei personaggi.

    RispondiElimina
  7. Della Chevalier ho letto solo Strane creature e ne ho un buon ricordo. Mi erano piaciute soprattutto le due protagoniste, originali e ben caratterizzate, quindi leggere che in questo libro i personaggi sono così deludenti mi sorprende e mi dispiace. Magari recupererò altro dell'autrice, ma tra i suoi lavori precedenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al di là de "La ragazza con l'orecchino di perla", ti consiglierei anche "L'ultima fuggitiva" ;)

      Elimina
  8. Peccato sia stata una lettura poco coinvolgente. Ne arriveranno sicuramente di migliori ;)
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  9. La Chevalier ha scritto di meglio! Sono tra quelle che saltano la sinossi a piè pari quindi...non lo compro. Sono in lista per un "giveaway" che ha in palio questo romanzo, se lo vinco bene, altrimento passo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, magari non spendendoci su dei soldi puoi sempre farci un pensierino!

      Elimina
  10. Ho prenotato questo libro un mese fa in biblioteca... e si è perso nel nulla.
    Ora me ne hanno prenotato un'altra copia ma sono in attesa per non so quanto tempo...
    Ci tenevo tanto a leggerlo, ma dopo aver letto la tua recensione, forse è destino che questo libro non mi arrivi mai e continui a perdersi!! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia nonna diceva sempre che "ogni impedito è giovamento". Quindi, chissà, forse questo smarrirsi della copia è un giovamento per te!

      Elimina
    2. Inizio a credere che sia proprio così! :)

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i