Passa ai contenuti principali

Recensione 'Dannati' di Glenn Cooper


SINOSSI
Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all'atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l'eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto.
Tutti tranne John Camp. Lui è "vivo", ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all'Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati.
TITOLO: Dannati
TITOLO ORIGINALE: Down-pinhole
AUTORE: Glenn Cooper
TRADUZIONE A CURA DI: Paolo Falcone
EDITORE: Nord
DATA DI PUBBLICAZIONE: 25 settembre 2014
PAGINE: 416
CODICE ISBN: 9788842924654
PREZZO: 19.90 €
E-BOOK: 9.99 €


TRAMA 7
PERSONAGGI 7
STILE 7
INCIPIT 7
FINALE 5
COPERTINA 7
4 stelle

Una recensione particolarmente difficile da scrivere!
Devo fare una premessa: per me, Glenn Cooper è il genio che ha scritto capolavori come  La biblioteca dei morti, L'ultimo giorno, Il marchio del diavolo...
Quindi, leggendo un suo libro, mi aspetto quel tipo di storie.
Questa volta, invece, mi sono ritrovata tra le mani una storia che sembra scritta da Dan Brown-pre Codice Da Vinci, da Andrea Frediani e con qualche colpo di inventiva inserito da Cooper.
Le prime 25 pagine sono un mix di noia e di termini tecnici: neutrini, neutroni, magneti, protoni e acceleratori di particelle. Ok, tutto serve per introdurci agli avvenimenti successivi; ma è anche tutto esageratamente tecnico e, spesso, rasenta la noia.
Da lì in poi, la storia scorre un po' più velocemente, ma senza mai raggiungere, purtroppo, i picchi a cui Glenn ci ha abituati.
Innanzitutto, ho trovato molto riduttiva la spiegazione in base alla quale una persona è destinata all'Inferno:
Come si finisce all'Inferno? Omicidi, massacri, comportamenti violenti, atti di ferocia. L'inferno è solo per colore che hanno perpetrato gravi violenze verso i propri simili.
Quindi, pedofili, torturatori, politici e altre migliaia di persone che commettono atrocità in vita, saranno "salve" perché non hanno ucciso nessuno. Tanto che, andando avanti con la storia, troveremo
un monaco francescano, vissuto in Alsazia e morto di peste nel 1820; cacciato dal monastero per aver tentato di avvelenare un confratello che lo aveva molestato.
Il che, sinceramente, mi ha fatto storcere il naso...e non poco!
I personaggi sono tutti sommari. John ed Emily, i due protagonisti, non hanno mai quel quid che porta il lettore ad affezionarsi a loro. Nell'Oltre, poi, troveremo volti noti come Enrico VIII, Cesare Borgia, Himmler, Robespierre, Stalin, Macchiavelli e Caravaggio.
E qui la narrazione prende un'altra piega: dalla scienza si passa alla storia. Assisteremo ad una sequela di guerriglie per conquistare i territori: battaglie, armi, soldati e strategie. Insomma, sembrava di leggere uno di quei meravigliosi romanzi storici di Andrea Frediani, senza, però, la meraviglia della sua scrittura!
Il finale, poi, rasenta l'assurdità. Si sa benissimo che questo romanzo è il primo di una trilogia, ma un po' di fantasia nel cercare di lasciare al lettore la voglia di aspettare il secondo volume, non sarebbe stato chiedere troppo!
Considerando che sia Brown che Frediani sono due aturoi che amo molto, sinceramente, quando leggo Cooper è con lui che voglio avere a che fare!
Cosa salva questo libro? Innanzitutto, lo stile narrativo di Cooper, che è sempre piacevole; la storia, che, comunque, non scade mai nella banalità e, infine, la speranza che i due volumi successivi siano in grado di dare una svolta positiva a questa prima lettura, che la penna geniale di Glenn risollevi questa delusione parziale!
2175TEMPO DI LETTURA: 2 giorni

Commenti

  1. Troppo generosa! E' un libro che ho iniziato a leggere in virtù della trilogia della Biblioteca dei morti, e che ho finito a fatica, per mero puntiglio. Costruzione forzata, pretestuosa, incoerente e ripetitiva, arbitrarie e irrisolte quasi tutte le condizioni dello specifico contesto, tanto da sembrare improvvisate sul momento. Ovvio che non leggerò i sequel.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho letto la trilogia della Biblioteca ed è proprio grazie a quella che ho scoperto ed amato Cooper. Anch'io, come te, trovo che, in questo romanzo, ci siano molte forzature, che si ripetitivo e, a tratti, surreale. Il mio voto si basa proprio sul fatto che, trattandosi di una trilogia, conto in un miglioramento progressivo grazie ai prossimi romanzi. E, ovviamente, lo stile di Cooper è sempre valido e mantiene il voto alto.

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i