Passa ai contenuti principali

Recensione 'Storia della bambina perduta' di Elena Ferrante - Edizioni e/o


SINOSSI
Le due protagoniste Lina (o Lila) ed Elena (o Lenù) sono ormai adulte, con alle spalle delle vite piene di avvenimenti, scoperte, cadute e "rinascite". Ambedue hanno lottato per uscire dal rione natale, una prigione di conformismo, violenze e legami difficili da spezzare. Elena è diventata una scrittrice affermata, ha lasciato Napoli, si è sposata e poi separata, ha avuto due figlie e ora torna a Napoli per inseguire un amore giovanile che si è di nuovo materializzato nella sua nuova vita. Lila è rimasta a Napoli, più invischiata nei rapporti familiari e camorristici, ma si è inventata una sorprendente carriera di imprenditrice informatica ed esercita più che mai il suo affascinante e carismatico ruolo di leader nascosta ma reale del rione (cosa che la porterà tra l'altro allo scontro con i potenti fratelli Solara).
Ma il romanzo è soprattutto la storia di un rapporto di amicizia, dove le due donne, veri e propri poli opposti di una stessa forza, si scontrano e s'incontrano, s'influenzano a vicenda, si allontanano e poi si ritrovano, si invidiano e si ammirano.
Attraverso nuove prove che la vita pone loro davanti, scoprono in se stesse e nell'altra sempre nuovi aspetti delle loro personalità e del loro legame d'amicizia. Intanto la storia d'Italia e del mondo si srotola sullo sfondo e anche con questa le due donne e la loro amicizia si dovranno confrontare.
TITOLO: Storia della bambina perduta
AUTORE: Elena Ferrante
EDITORE: e/o edizioni
DATA DI PUBBLICAZIONE: 29 ottobre 2014
PAGINE: 464
CODICE ISBN: 9788866325888
PREZZO: 19.50 €
E-BOOK: --
TRAMA 8
PERSONAGGI 8
STILE 9
INCIPIT 8
FINALE 9
COPERTINA 7

4 stelle
Piacere Libridinoso


Come prima cosa, vorrei ringraziare la Edizioni e/o nella persona di Giulio Passerini per avermi inviato una copia del libro.
Eccolo qui, il quarto ed ultimo romanzo della quadrilogia de L'amica geniale  di Elena Ferrante.
Come sapete, seguiamo sin dall'infanzia la vita di Elena Greco, Lenù, e della sua amica Raffaella Cerullo, Lila.
Nel dipanarsi dei quattro romanzi abbiamo conosciuto le due bambine, abbiamo scoperto i loro caratteri e abbiamo visto nascere la loro amicizia. Le abbiamo seguite nella loro crescita, nelle scelte di vita che le hanno portate a creare un rapporto di amicizia spesso malato, un rapporto che io ho sempre definito ad elastico.
Nello scorrere dei quattro libri, Lila e Lenù si allontanano e si avvicinano ripetutamente: spesso sono gli eventi della vita a separarle, altrettanto spesso sono loro stesse a tenersi lontane l'una dall'altra.
Come avrete capito dalle mie recensioni precedenti (L'amica geniale, Storia del nuovo cognome e Storia di chi fugge e di chi resta), spesso le due protagoniste hanno suscitato in me una notevole antipatia. Lila e la sua arroganza, ma soprattutto Elena con il suo essere incapace di staccarsi da un'amicizia, che, per tutta la vita, l'ha sovrastata, condizionata, sminuita. Tante volte avrei avuto voglia di prenderla a schiaffi!
Arrivata a metà libro, Elena riflette su Lila
Le avevo attribuito fin dall'infanzia un peso eccessivo e ora mi sentivo come sgravata. Finalmente era chiaro che ciò che ero io non era lei, e viceversa. La sua autorità non mi era più necessaria, avevo la mia.
E io ho tirato un sospiro di sollievo; ho pensato che sì, finalmente Elena avesse aperto gli occhi, che si fosse resa conto che il rapporto tra lei e Lila era squilibrato, deleterio, quasi malato e, spesso, inutile. E invece no, Non c'è nulla da fare: inesorabilmente, Elena e Lila sono legate a doppio filo.
Avete presente le figurine adesive? Le attacchi una volta, poi magari provi a staccarle e riattaccarle, ma la parte adesiva si è sporcata e, ovviamente, non incolla più bene come dovrebbe. Ecco, in quest'ultimo romanzo, il rapporto tra Elena e Lila, a me, hanno dato l'impressione di essere diventato come quella parte adesiva sporca che non attacca più come dovrebbe, ma che, ostinatamente, entrambe cercano di far aderire ancora.
Quest'ultimo romanzo è , probabilmente, il migliore di tutta la quadrilogia. È quello che mi ha coinvolta di più, con cui ho fatto più fatica ad interrompere la lettura, che faccio più fatica a lasciar andare.
Questa è la perfetta chiusura del cerchio. Lì dove abbiamo incontrato Lila ed Elena per la prima volta, lì le lasceremo andare, probabilmente per sempre.
Arrivata a questo punto, posso affermare con certezza che la più grande capacità di Elena Ferrante sia quella di tenere il lettore legato alle pagine del libro, a prescindere dall'empatia che suscitano i protagonisti, a prescindere dagli eventi raccontati e dai luoghi descritti.
La Ferrante ha uno stile talmente coinvolgente che potrebbe tranquillamente permettersi di scrivere una storia senza senso ed ottenere comunque dei proseliti.
Credo che questa quadrilogia sia una di quelle letture che mi sentirei di consigliare indistintamente a tutti coloro che amano leggere! È un classico dei nostri tempi, una collezione che dovrebbe capeggiare in ogni libreria che si rispetti.

TEMPO DI LETTURA: 4 giorni

Commenti

  1. Ciao Laura
    Io sto leggendo il primo libro della quadrilogia "L'amica geniale" e mi sta piacendo molto. Hai proprio ragione: al di là dell'empatia che suscitano i personaggi questa autrice ha la capacità di tenerti incollata alle pagine. Di Elena Ferrante avevo letto "La figlia oscura" che ho trovato intenso e coraggioso perché affronta temi scomodi con disarmante sincerità. Mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia! Benvenuta nel mio angolo libroso! Della Ferrante non ho mai letto altreo tranne la quadrologia de L'amica geniale. Spero di avere, prima o poi, tempo per riuscire a leggere anche qualcosa di precedente. A presto!

      Elimina
  2. Perdonatemi, Ferrante non mi piace. I suoi personaggi, le sue donne, sempre e per sempre strattonate da vènti interiori ingovernabili cui la "cultura" sembra offrire "salvezza" (ma di fatto non lo fa!), sono donne che si fermano all'intuizione di sé e non vanno realmente avanti. Nonostante i riferimenti alti (De Beauvoir, su tutti)e l'accurata scrittura (che non sa tenere a freno, quasi emetica...)è sul principio accattivante ma diventa sfiancante dopo poche pagine. Non si contano più i suoi romanzi "di ripetizione"...bambine-donne-che-restano-bambine.. e turpi bambole rubate. Nella mia cerchia, Ferrante piace più agli uomini che alle donne... forse perché infarcito di misoginia: se Ferrante fosse un uomo non ne sarei stupita.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i