Passa ai contenuti principali

Recensione 'L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome' di Alice Basso - Garzanti

l'imprevedibile piano della scrittrice senza nomeSINOSSI

Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso il resto del mondo. Eppure proprio la vita degli altri è il suo pane quotidiano. Perché Vani ha un dono speciale: coglie l'essenza di una persona da piccoli indizi e riesce a pensare e reagire come avrebbe fatto lei. Un'empatia profonda e un intuito raffinato sono le sue caratteristiche. E di queste caratteristiche ha fatto il suo mestiere: Vani è una ghostwriter per un'importante casa editrice. Scrive libri per altri. L'autore le consegna la sua idea, e lei riempie le pagine delle stesse parole che lui avrebbe utilizzato. Un lavoro svolto nell'ombra. E a Vani sta bene così. Anzi, preferisce non incontrare gli scrittori per cui lavora.
Fino al giorno in cui il suo editore non la obbliga a fare due chiacchiere con Riccardo, autore di successo in preda a una crisi di ispirazione. I due si capiscono al volo e tra loro nasce una sintonia inaspettata fatta di citazioni tratte da Hemingway, Fitzgerald, Steinbeck. Una sintonia che Vani non credeva più possibile con nessuno. Per questo sa di doversi proteggere, perché, dopo aver creato insieme un libro che diventa un fenomeno editoriale senza paragoni, Riccardo sembra essersi dimenticato di lei.
E quando il destino fa incrociare di nuovo le loro strade, Vani scopre che le relazioni, come i libri, spesso nascondono retroscena insospettabili. Proprio ora che ha bisogno di tutta la sua concentrazione. Perché un'autrice per cui sta lavorando è stata rapita e la polizia vuole la sua collaborazione. C'è un commissario che ha riconosciuto il suo talento unico e sa che solo lei può entrare nella mente del sequestratore.
Come nel più classico dei romanzi, Vani ha davanti a sé molti ostacoli. E non c'è nessuno a scrivere la storia della sua vita al posto suo: dovrà scegliere da sola ogni singola parola, gesto ed emozione.

TITOLO: L'imprevedibile piano della scrittrice senza nome
AUTORE: Alice Basso
EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 14 maggio 2015
PAGINE: 280
ISBN: 9788811688303

TRAMA 8
PERSONAGGI 9
STILE 8
INCIPIT 9
FINALE 9
COPERTINA 7


Piacere Libridinoso ... e mezzo!

Letto in 3 giorni



Scrivo questa recensione inginocchiata su dei ceci (ovviamente crudi!). Perché? Perché io questo libro l’ho snobbato, evitato come la peste, sono fuggita davanti alla sua copertina, ho iniziato a leggerne la sinossi e sono scappata via... Tutto questo perché, per noi lettori assidui, feroci e voraci, una copertina con dei libri, una storia che parli di libri, librai, scrittori, case editrici e chi più ne ha più ne metta, sono diventate sinonimo di fregatura !
E questo è il primo motivo per cui sto inginocchiata sui ceci! Il secondo è che la lettura di questo libro mi è stata caldeggiata dalla solita Salvia, colei che, come ben sapete, ha uno strano modo di scovare sempre i libri sbagliati per me. Tanto che, dopo l’ultima esperienza, avevo giurato a me stessa che mai più le avrei permesso di mettere il naso nelle mie letture!
Ma io le voglio bene e ho anche poca pazienza e lei queste cose le sa, quindi mi prende per affetto ed esasperazione! E stavolta ci ha azzeccato (non diteglielo, però, che poi si monta la testa e pensa di potermi consigliare letture come se non ci fosse un domani!). Ed ecco spiegato il secondo motivo per cui scrivo inginocchiata sui ceci!
Faccio penitenza e mi scuso innanzitutto con l’autrice di questo romanzo, Alice Basso, e poi anche con quella simpaticona figlia adottiva che mi è capitata tra capo e collo circa un anno fa!

E adesso veniamo a quella che è la recensione vera e propria, che capisco anche che a voi non ve ne possa fregar di meno delle mie elucubrazioni su Salvia e i libri che mi consiglia!
Alice Basso ci porta nella vita di Silvana Sarca, Vani per gli amici, di professione ghostwriter. Chi siano i ghostwriter penso che ogni lettore che si rispetti lo sappia bene: sono quelle persone che scrivono al posto di... Insomma, mica penserete davvero che Pirlo piuttosto che Del Piero stiano lì a scrivere biografie! Loro ci mettono la faccia, la firma e un raccontino che il o la ghostwriter in questione sviluppa, amplia, infiocchetta talmente bene da tirarne fuori un libro vero. Ma non sono solo calciatori piuttosto che cantanti/attori ad appoggiarsi ai ghostwriters. Spesso accade anche a scrittori veri, magari anche famosi, che si ritrovano a passare un periodo di scarsa ispirazione o sono presi da troppi impegni!
Ed è proprio questo che fa Vani. Lei è la ghostwriter della Edizioni L’Erica e sarà proprio lei a scrivere quello che diventerà il romanzo più bello del mondo!
Ovviamente, di lei, in quel romanzo, non apparirà nulla: nessun nome, nessun ringraziamento, nessuna citazione. Vani è colei che scrive, ma nessuno lo sa!

Una cosa mi ha colpita di ciò che mi ha detto Salvia per spingermi a leggere questo romanzo: <<leggilo, mammix, perché tu e Vani siete proprio uguali!>>.
Ecco adesso che il libro l’ho letto, sto cercando di capire se sia stato un complimento! Perché Vani è dissacrante, sarcastica, strafottente, menefreghista... In una parola: ME!
Vani è una di quelle persone misogine, solitarie, che odia il mondo e la gente che lo popola, che esce di casa solo perché non può farne a meno e il cui motto è “se solo me ne fregasse qualcosa”. Sostanzialmente: ME!
E io Vani l’ho amata, adorata, ho riso sino alle lacrime e l’ho sostenuta nella sua personale guerra contro il suo Capo e quel pirla di uno scrittore per cui lei ha fatto tanto!
E adesso Vani mi manca, mi manca tantissimo! 
E sto qui, tranquilla e buona, aspettando che Alice Basso ci delizi ancora con la sua penna, perché voglio proprio sapere cosa ne sarà del commissario Berganza, di Vani che lavora come consulente, del libro che vuole scrivere!

So che nei vostri cervellini frulla la solita domanda: dobbiamo leggerlo o no questo libro? Ma cosa me lo chiedete a fare, che tanto vi ho messo il voto in cima? Ok, volete che ve lo dica? Sì, dovete leggerlo! Ma... c’è sempre un ma, lo sapete... per approcciarvi a questo libro, dovrete essere dotati di una certa dose di ironia; capire le batture di Vani, il suo lato ironico, non è roba per tutti!  Quindi, se l’ironia non fa parte della vostra vita, se siete persone che piuttosto che ridere delle proprie disgrazie, preferite vederne il lato rosa, lasciate perdere; Vani non è per voi!

C'è una persona, però, alla quale io consiglio vivamente (diciamo pure che la obbligherò!) la lettura di questo libro. Perché se io ricordo Vani per tanti aspetti, lei è Vani in tutti gli aspetti del suo carattere. Questa persona è Laura de La biblioteca di Eliza. Quindi, sorella del mio cuore, prendi questo romanzo e leggilo ADESSO!!!


Commenti

  1. Grazie per il "consiglio", lo leggerò a breve anche perché mi immagino già le telefonate se non lo faccio... *panico*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, figurati! È sempre un piacere vedere come sei spontanea e felice di accettare i miei consigli. DRIIIIIN DRIIIIIN...

      Elimina
  2. Oddio ... mi mangerei le mani ... questa è già la mia seconda superfavolosa scoperta letteraria nel giro di pochi minuti sul web ... e ho già una lista imbarazzante di libri da leggere e da comprare. Però cara Laura resti comunque una benedizione per ogni lettore vorace che si rispetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso però mi hai incuriosita? Qual è stata la prima scoperta? Benedizione... grazie, ma chi vive con me (e finanzia i miei acquisti!) non la pensa esattamente così ;)

      Elimina
    2. La mia prima scoperta è stata "Il cavaliere d'inverno" di Paullina Simons, è il primo libro di una trilogia di una scrittrice russa. Se vuoi saperne di più puoi dare un'occhiata alla recensione qui:
      http://www.mattedaleggere.it/il-cavaliere-dinverno/

      Elimina
  3. Questa volta l'ho già letto. Ho amato Vani e tutta la sua ironia....Berganza non so...sembra un personaggio troppo volutamente letterario. Io non voglio mai che l'autore mi faccia troppo l'occhiolino quasi a dire "hai capito questo riferimento? hai capito la citazione?"...perchè magari nel libro mi ci voglio perdere...ma l'ironia infatti tiene desto l'intelletto quindi....quindi beata te che assomigli a Vani...io al massimo assomiglio ad alcuni personaggi dei romanzi di Stefania Bertola.
    ciao da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah...Neanche i personaggi della Bertola sono male! E comunque c'è qualcuno di mia conoscenza che più che assomigliare a Vani, sembra proprio lei in carne ed ossa!

      Elimina
  4. Letto! Decisamente uno dei più bei libri letti quest'anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, rientra di diritto anche tra i miei preferiti del 2015!

      Elimina
  5. Una lettura estremamente piacevole, divertente in modo scanzonato, pungente e profonda. Mi è piaciuto il modo in cui il giallo abbia fatto da discreto contorno alla storia, rendendosi avvincente pur senza essere il fulcro del romanzo. Accipicchia, ora mi tocca leggere il successivo perché voglio vedere quali "orribili" vendette compirà Vani e quali le rivincite che otterrà... a me frega qualcosa!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i