Passa ai contenuti principali

Recensione 'Le lezioni di Madame Chic' di Jennifer L. Scott

le lezioni di madame chic
Titolo: Le lezioni di Madame Chic
Autore: Jennifer L. Scott
Editore: Piemme
Data di pubblicazione:28 maggio 2013
Pagine: 250
Prezzo: 16,50 €
Versione e-book: 9,99 €
Trama: La prima cosa che ha imparato Jennifer dalla sua permanenza a Parigi non è solo che, come si sa, le francesi non ingrassano, ma anche che lo fanno spassandosela un mondo. La seconda è che non basta annodarsi una sciarpa di seta al collo e tagliarsi i capelli a caschetto per avere un'allure francese. Per emanare classe ed eleganza bisogna comportarsi come se una parigina doc dell'arrondissement più chic di Parigi, che una tuta da casa non l'ha mai posseduta, e men che meno indossata, ti chiedesse con tenera incredulità perché mai tieni nel tuo guardaroba dei pantaloni con un buco. O come se immaginassi il suo pensiero nel guardare la tua biancheria intima di cotone colorato e anche un po' liso stesa accanto alla sua raffinata lingerie.
Così è successo a Jennifer quando, giovane studentessa, è stata accolta a Parigi per un soggiorno di studia in una famiglia molto signorile. Madame Chic, la padrona di casa, quintessenza del buon gusto, le insegna giorno dopo giorno i segreti del savoir vivre. Dall'arte del restare in forma senza rinunciare al dessert all'allestimento di un guardaroba essenziale, dal no-makeup look che in pochi minuti regala uno charme naturale fino ai consigli per alimentare la propria essenza e scongiurare la banalità: coltivare un'aura di mistero, lasciare entrare l'arte, la musica, la letteratura nella vita quotidiana, apprezzare il silenzio e godersi le piccole gioie della vita. Vestendosi bene per onorare sé stessi, per esempio, e usando le cose belle che abbiamo ogni giorno invece di lasciarle per domani.
Voti:
Trama  2
Personaggi  0
Stile  2
Incipit  0
Finale  0
Copertina  6
Voto complessivo  1.6

Credo si tratta del voto più basso che abbia mai dato ad un libro.
Questo "libro" nasce dall'esperienza vissuta dall'autrice che, nel 2001, quando frequentava l'università, ha partecipato ad un programma di scambio culturale, andando a vivere per 6 mesi a Parigi, in casa di una famiglia.
Da questa sua esperienza è nato anche un blog: The Daily Conoissuer.
Il libro in sé non è brutto, ma sostanzialmente inutile. Era stato proposto come una lettura divertente, leggera e mi era sembrato perfetto per la stagione estiva.
Invece, mi sono ritrovata a leggere una raccolta di dettami e regole che la Scott ha appreso durante il suo semestre parigino. Nient'altro.
Da queste sue esperienze, deduciamo che
  • i francesi non fanno spuntini, perché gli spuntini non sono chic
  • le cucine delle case francesi sono piccole ed essenziali e vengono usate per la preparazione dei pasti e per consumare la prima colazione. Gli altri pasti vengono consumati in sala da pranzo
  • i francesi non mangiano mentre camminano
  • i francesi sono molto attivi, camminano molto a piedi, usano pochissimo la macchina
  • i francesi hanno armadi piccoli perché il loro guardaroba è essenziale: pochi capi da giostrare
  • i francesi hanno tagli di capelli pratici e naturali
  • le donne francesi hanno sempre un make-up ad effetto naturale: poco trucco ed invisibile
  • i francesi non sono ossessionati dalla forma fisica
... e tante altre baggianate di questo tipo!
Sostanzialmente, la Scott ha adottato lo stile di vita francese al suo rientro negli Stati Uniti e consiglia alle sue lettrici di fare la stessa cosa. Quindi, aprite i vostri armadi, tirate fuori tutto e date via tutto ciò che non vi serve, facendo in modo di ridurre il vostro guardaroba ad un massimo di 10 capi coordinabili tra loro. Fatto? Bene! Visto che siamo italiane, credo che molte di noi andranno a fare shopping nelle prossime ore.
Gli spuntini fuori pasto sono banditi! Non vi azzardate neanche a pensare di mangiare qualche biscotto mentre leggete un libro sul divano. NON SI FA. Brave! Ora sedetevi a tavola e sbranate un bue!
Cara Jennifer, sono molto lieta che il tuo blog ed il tuo libro abbiano avuto successo, ma, da lettrice, si tratta solo di un'accozzaglia di frasi sparate a casa.
E, sinceramente, non credo proprio che i francesi siano come li descrivi tu!!
L'autrice: Jennifer L. Scott è scrittrice e redattrice di FotoThe Daily Connoiseur, blog di successo sull'arte del bel vivere.
Abita a Santa Monica, in California, con un marito affascinante, le adorabili figlie e un chihuahua molto distinto.

La mia valutazione: Photobucket - Video and Image Hosting

Commenti

  1. Importante la menzione al chihuahua molto distinto, che i cani molto distinti non sono chic.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di chihuahua ne ho tre, ma non mi sembrano molto distinti!!!

      Elimina
  2. Io ho un adorabile ed amorevole cucciolo di Labrador, mesi 6. Lui esprime la sua "sciccheria" passeggiando scodinzolante tra le pozzanghere e riducendosi ad un ammasso di fango... diciamo che non è molto distinto, ma incredibilmente felice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho un Labrador, ha quasi 3 anni ed è chic come il tuo!

      Elimina
  3. Non ho letto il libro. Magari hai ragione, chissà... Però la ferocia del commento mi ha incuriosita. Bella foto, comunque.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i