Passa ai contenuti principali

Recensione 'La presentatrice morta' di Peppi Nocera – Longanesi


SINOSSI
È la sera della grandiosa festa del cinquantottesimo compleanno di Eda Dolci, star televisiva che ha fatto la storia del piccolo schermo. Bella, famosa e spietata, Eda ha un marito, due figli, un cane. Eppure nulla della sua esistenza è ordinario. Nemmeno il suo compleanno. Gli ospiti sono arrivati numerosi per celebrarla come merita, ma Eda Dolci non taglierà mai quella torta, perché giace indecorosamente morta nel suo lussuoso attico romano, con tanto d'occhio sbarrato e il filo della cornetta del telefono aggrovigliato alla mano. Il problema è che sono tanti, troppi quelli che l'avrebbero uccisa volentieri. Starlette, truccatrici, pierre, jet set internazionale e coatti palestrati di periferia. Perché Eda Dolci era temuta da alcuni, disprezzata da molti e amata da nessuno.
TITOLO: La presentatrice morta
AUTORE: Peppi Nocera
EDITORE: Longanesi
DATA DI PUBBLICAZIONE: 30 aprile 2014
PAGINE: 238
CODICE ISBN: 9788830438637
PREZZO: 14.90 €
TRAMA 2
PERSONAGGI 1
STILE 5
INCIPIT 6
FINALE 2
COPERTINA 7

1 stella
Spreco Libridinoso
Letto in 1 giorno


Ecco! Doveva accadere prima o poi. Era troppo bello per essere vero. Anno 2015, sedici libri letti in due mesi, voto più basso: 3 e mezzo su 5. Ho pensato: fortuna o bravura? Fortuna nel trovare solo libri belli o bravura nel riuscire a capire, dopo tanto leggere, cosa è meglio evitare?
Poi arriva qui una certa persona, spulcia tra i miei libri da leggere, afferra questo, così, d'istinto, e mi dice: <<Leggilo>>.
E io non ve lo dico chi è questa persona, perché poi sembra che io ce l'abbia sempre con lei; perché lei mi direbbe <<Befana!>> e, soprattutto, perché questo libro l'ho acquistato io e me ne prendo la colpa!
E l'ho acquistato, lo ammetto, perché mi piaceva la copertina e, in fondo, anche la sinossi era accattivante!

Così, ieri, salutata Bellano ed i suoi magici personaggi, riposto il libro di Vitali nel suo scaffale di pertinenza, ho preso in mano questo romanzo, pronta a tuffarmi in una storia leggera, divertente, che mi distraesse un po'. E invece no.
Storia? Inesistente. Personaggi? Non pervenuti. Stile? Da autore televisivo... ma di quelli che scrivono i programmi per gente come Barbara D'Urso, giusto per farvi capire. Quindi: sesso, droga, parolacce. Stop.

Una storia insulsa, inutile, stupida. Dei personaggi mal descritti e antipatici. E, dulcis in fundo, il più classico dei cliché: tv = sesso e droga.

Conclusione: bella copertina, complimenti a chi ha scritto la sinossi (prima o poi, lo confesso, mi piacerebbe conoscere una di queste persone per cercare di capire se i libri li leggono davvero o se gli vengono raccontati da qualcuno!). Per il resto, se avete un camino o un barbecue, questo libro può sempre tornare utile!


Commenti

  1. Che peccato! La copertina è deliziosa, mannaggia per il resto :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La copertina ha fregato anche me, Lucrezia! Per fortuna non è lunghissimo, quindi l'ho letto in fretta e non ci ho perso tempo prezioso.

      Elimina
  2. Ammazza me l'hai distrutto XD
    Ero partita così bene. Bella la copertina, interessante la sinossi. Poi leggo i tuoi voti e penso: "devo essermi persa qualche passaggio "XD
    Meglio così. Una schifezza in meno da leggere. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, io ci ho perso un giorno, tu quel giorno potrei dedicarlo sicuramente a qualcosa di meglio!

      Elimina
  3. Ok Laura, è arrivato il momento di decantarti le mie regole d'oro nello scegliere i libri da comprare:
    - mai comprare libri di personaggi famosi "non scrittori" (Fabi Volo vari, ecc)
    - mai comprare libri definiti "deliziosi" dai giornali famosi
    - mai e poi mai libri con cani e gatti in copertina!
    Comunque, cavolo 1 voto solo... è proprio un no! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non potevi dirmele prima queste regole? Che ne so... mandarmi una lista?! Ok, prometto solennemente di non farmi più traviare dalle copertine! E... vabbè, ho dato 1 perché dare 0 mi sembrava veramente da str****!!!

      Elimina
    2. Hai ragione! Dovevo mandarti la lista!! :D

      Elimina
    3. Concordo sulle cover con i cani e ultimamente aggiungerei cover o titoli che abbiano a che fare con librerie!!!! ;)

      Elimina
  4. Ah ah ah!!!! Certo che è sempre colpa mia per la miseria. Però il libro lo hai comprato tu, proprio come hai scritto!!! Mortacci a tutti coloro che hanno detto che io sono stata perfida con Green. Quando un libro non ci piace...bisogna dirlo. Punto. E se qualcuno di offende io risponderei: mica si può piacere a tutti, altrimenti che palle!!! Metti in scambio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi lo prende Baba dopo una recensione così ;-)

      Elimina
    2. Io mi ero astenuta dal fare il tuo nome! E comunque, io non scambio!

      Elimina
  5. A volte capita una brutta lettura! Anche il cane in copertina ha uno sguardo ambiguo. Forse vuol avvertire i lettori di girare alla larga dal libro :)

    RispondiElimina
  6. A parte sono stati i nazisti a bruciare i libri e che un antico adagio dice che gli stessi non devono essere giudicati dalla copertina, io ho avuto un approccio esattamente contrario. Sono partita prevenutissima e l'ho trovato molto preciso e illuminante nel raccontare un mondo veramente volgare. E' scritto bene, è denso di riferimenti e si distanzia molto da i tantissimi libri con sintassi soggetto-predicato-complemento-punto tanto in voga di questi tempi. Ma il mondo è bello perché vario, un caro saluto Anna L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente, il mio riferimento al bruciare i libri era prettamente ironico. Certo che i libri che a me piacciono per te sono feccia, quelli che boccio sono capolavori. Un po' strana questa cosa! Evidentemente abbiamo proprio gusti diversi.

      Elimina
  7. Mai giudicare un libro dalla copertina! Nel senso opposto in questo caso. Grazie una fregatura evitata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, cara! Io spreco ore della mia vita, ma almeno salvo te!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i