Passa ai contenuti principali

Diario di bordo #8


dal 4 all' 11 giugno


Buona domenica simpatici lettori e bentornati al settimanale appuntamento con Diario di Bordo, avventure e disavventure della Libridinosa!

Dopo un fine settimana abbastanza tranquillo e notevolmente piovoso, la settimana si è aperta con la mia avventura in quel di Milano per incontrare Alice Basso. Avventura di cui vi ho ampiamente raccontato mercoledì scorso!

Martedì, durante la consueta telefonata mattutina con Laura, mentre chiacchieravamo allegramente, non l'ho più sentita. Dovete sapere che io sono affezionata cliente della TRE (ok, è pubblicità, ma è così!). La Tre ha delle tariffe meravigliose, di quelle che ti consentono di parlare parlare parlare all'infinito senza spendere chissà che cifre; tariffa che, ovviamente, va a discapito delle nostre letture, vero Laura?!
Purtroppo, la Tre ha anche un grande difetto: dopo un'ora, 60 minuti esatti, cade la linea. Noi ormai ci abbiamo fatto l'abitudine e parte in automatico la richiamata e la conversazione riparte esattamente da dove si era interrotta!
Dicevo... parlavo con Laura e... silenzio. Guardo il telefono e penso che la Tre sia andata fuori di brocca, perché non erano trascorsi neanche 10 minuti buoni.
La richiamo e: "Scusa, ho preso in mano il telefono e ho buttato giù". E vabbè, sorella, però per rincoglionirsi è un tantino presto, non hai manco 40 anni!
Ok, soprassediamo e vogliamole bene così!

Mercoledì è stato, per mio figlio, l'ultimo giorno di scuola. Io ve lo dico: rientro in quella categoria di mamme atipiche che aspetta questo giorno sin da settembre. Non sono una di quelle che va in crisi all'idea di averlo tre mesi in giro per casa, anzi...Quindi, alle 11, quando è rientrato a casa, ho quasi stappato lo spumante. Non l'ho fatto davvero perché sono astemia e non è proprio il caso di dare spettacolo!

Giovedì qui è venuta giù talmente tanta acqua che è affogato pure Noè. E io che facevo nel frattempo? Cercavo di parlare con Laura e Alice Basso. Abbiamo un tempismo noi... La linea sarà andata giù almeno 4 volte finché, esasperate, abbiamo desistito :(

Venerdì, con grande rammarico, ho salutato Ardelia Spinola e, mentre guardavo la partita inaugurale degli Europei 2016 (che brutta Francia, mamma mia!) ho buttato giù la recensione che avete avuto modo di leggere ieri!

Sabato è stata giornata di pagelle e io sono tanto fiera di mio figlio! 
Ma mentre lui fa il pavone in giro per casa, io scopro che il mio tatuatore di fiducia ha deciso di partecipare ad un ricevimento di nozze e ha chiuso il negozio proprio oggi. Alloooooora? Io devo prendere appuntamento. Il compleanno si avvicina e io voglio un tatuaggio che lo celebri degnamente. Vabbè, tutto rimandato a lunedì. Uffa! Però una cosa buona l'ho fatta oggi. Ho stilato una wishlist e ci ho messo dentro ben sei libri. Capite? SEI. Che, per i miei standard, è praticamente un record. A occhio e croce, non avevo una lista così lunga di libri da acquistare da almeno un paio d'anni! Il che ha reso particolarmente felice Laura, che mi urla sempre che sono una lettrice impossibile!  Adesso, io quei sei libri li comprerei tutti e subito, ma la suddetta Laura mi ha messo un veto grande come una casa, che al confronto Maria Antonietta era libera di scorrazzare e mangiare brioches da mane a sera!

E questo è tutto per quanto riguarda la settimana Libridinosa. 
Veniamo però a ciò che mi ha colpito di più nella blogosfera! E ce ne sono delle belle...

Lunedì Laura ha pubblicato un post della sua bellissima rubrica Sì, No... Ni in cui parla degli acquisti on-line. E io sto ancora ridendo, quindi vi consiglio di dargli un'occhiata!

Le due lettrici quasi perfette si sono superate e, in una settimana, hanno pubblicato due recensioni che mi hanno particolarmente colpita! La prima, scritta a quattro mani (o due tastiere!) ci racconta Daria, amatissimo primo romanzo di Lorenzo Marone, la cui MIA copia è in mano loro! 
Ieri, invece, Lea ci ha raccontato la sua full-immersion letteraria tra le pagine de La via del male di Robert Galbraith. E, come potrete notare dalla foto quassù, la trilogia è finita nella mia wishlist, complici Lea e Laura (che mi hanno fatto una testa così!).

C'è un libro che ho acquistato in e-book e che, per colpa di Mr Ink, adesso voglio a tutti i costi in cartaceo: si tratta de La ragazza delle fragole di Lisa Stromme. Leggete la sua recensione e, se vi piace il genere, correrete anche voi in libreria!

Sempre di lunedì scorso è la magistrale, prestigiosa, commovente recensione che Anna Rita ha scritto per parlarci de La tristezza ha il sonno leggero. Se Lorenzo è un poeta (o cantastorie come lo ha definito lei), Anna Rita è sicuramente un talento sopraffino nascosto tra noi blogger!

E, come ogni settimana, vi lascio con gli appuntamenti in giro per l'Italia di Lorenzo ed Alice.

Lorenzo Marone

giovedì 16 - Portici (NA)
ore 18.00 - Libreria Mondadori - Viale Melina, 3

venerdì 17 - Pescara
ore 18.30 - Libreria Feltrinelli - Via Trento

sabato 18 - Tolentino (MC)
ore 18.30 - Biblioteca Filefica - Largo Fidi, 11

Alice Basso

domenica 12 - Rivarone (AL)
ore 15 - "Rivarone in giallo" - Via Corte Granda, 31

sabato 18 - Alassio (SV)
ore 21 - "Dopocena con l'autore" - Chiostro Salesiani


Commenti

  1. Questa mattina devo andare al lavoro quindi sono la prima a commentare. Che dire? Non sto più nella pelle all' idea che leggerai "Il richiamo del cuculo"!!!!! Sono emozionata e felice. Chissà se anche tu cadrai vittima del fascino di Cormoran.
    Buona domenica Laura.
    Un bacio da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io leggerò quel libro immaginando te e Laura in ansia!

      Elimina
  2. Il quindici devo salire a Pescara (Chieti, in realtà) per un esame.
    Magari, mi fermo fino al diciassette per andare a vedere Lorenzo.
    Ti ringrazio per avermi citato, e che nostalgia questi ultimi giorni di scuola! Ps. Ma è vero che Le sorelle, per usare un termine oxfordiano, è scritto di cacca? Sto storcendo il naso a ogni pagina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sto storcendo il naso. Lo sto trovando molto elementare e poi tutti quegli equivoci che l'autrice cerca di propinarci, mi fanno arricciare pure le dita dei piedi. Posso dire che, ultimamente, i romanzi di questa CE lasciano parecchio a desiderare?
      Se ti fermi per sentire Lorenzo, fammi un fischio così lo avviso. So che ha tanto apprezzato la tua recensione, avrà sicuramente voglia di conoscerti ;)

      Elimina
    2. Certamente!
      Non so, leggo pochi Nord, nonostante Barbara dell'ufficio stampa mi stia simpaticissima. Ho Un Dio in rovina, dopo gli esami, e penso meriterà. Questo è osceno. Quanta beltà sprecata, in copertina.

      Elimina
  3. Mi aggiungo anch'io alla (scarna) lista delle mamme atipiche: io non ho stappato lo champagne, ma una birra me la sono bevuta di gusto! Vabbè atipica ma astemia no! Bacio e al prossimo diario (troppo gustosi i tuoi racconti)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con una figlia come Anna fai parte della lista ad honorem!

      Elimina
  4. Allooooora! Sono cose che capitano! Scivola il dito, si prende male il telefono che ovviamente ha lo schermo acceso per un messaggio appena arrivato... È la frittata è fatta!
    E comunque il mondo dovrebbe ringraziarmi, ben sei libri in Wish... Cioè io non ho mai visto una tua Wish list così lunga....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mondo dovrebbe ringraziarti perché, ogni settimana, io butto giù mezzo post grazie a te!

      Elimina
  5. Ma grazie! Ora sono io che mi commuovo (scende una lacrima furtiva). Grazie a te per aver insistito tanto affinché leggessi Lorenzo :) come sai mi attende anche Cesare ma aspetterò un po'. Questo riassunto settimanale mi piace sempre più e cosa? Hai fatto una WL? Mi sa che vuoi far tornare Noè :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... io ti ringrazio per aver scritto "insistito" e non "minacciata, torturata, stressata, ecc."
      Sai che Noè è passato di qui proprio stamattina? Dici che è colpa mia?

      Elimina
  6. Bella la WL..praticamente un'indigestione di Cormoran Strike, senza neanche un po' di vinello per mandarlo giù!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, niente vinello che poi straparlo! E indovina un po' di chi è la colpa dell'indigestione? ;)

      Elimina
  7. Capitano, questo diario di bordo è ogni volta più divertente!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh guarda! Il mio primo ufficiale sempre presente all'appello :*

      Elimina
  8. Non so riesci a sentirmi, ma sto ancora esultando! Arriva Lorenzo a Pescara! Questa settimana! Cioè ... ma è proprio vero? E se si verifica qualche catastrofe naturale? E se lui all'ultimo, cancella tutto? E se proprio il 17 i librai decidono di scendere in piazza per uno sciopero generale? Ecco questi pensieri mi ossessionano da giorni.
    Okay okay, manteniamo la calma.
    Comunque, parlando di altri incontri, alla fine ho visto il video della tavola rotonda con Alice: ma quella donnina dal dolcissimo musetto è fantastica! Penso che mi farò regalare i libri di Vani al mio prossimo compleanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla! Ho conferma della data (che ti credi? Prima di scrivere qui e in pagina, io chiedo conferma al diretto interessato, altrimenti come faccio a tenere alta la bandiera della stalker?!). Quindi, presumendo che i librai non abbiano mai scioperato e non inizieranno certo adesso, penso tu possa andare tranquilla e, mi raccomando, digli chi sei, fai il nome... insomma, fatti riconoscere! E poi raccontami tutto ;)

      Elimina
  9. che carino che è sempre il diario di bordo

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i