Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il regalo' di Eloy Moreno - Corbaccio

Un uomo esce di casa per andare a lavorare. Ha una vita normale, di quelle che si possono considerare «fortunate»: ha una moglie, un lavoro, degli amici. E ha anche una ragione particolare per sentirsi felice: ha un macchina nuova. Ma all’autogrill dove si ferma per fare colazione gliela rubano. Ed è l’inizio di una vicenda sconvolgente, che lo porterà a perdere tutto: portafogli, cellulare, carte di credito, in una truffa perfettamente organizzata… Ma chi è il regista di questa operazione? E qual è il suo scopo? Smarrito ma incuriosito al tempo stesso, il protagonista cerca di venire a capo di questa vicenda, incontrando nel suo cammino persone apparentemente comuni, come lui, come lui intrappolate in una vita che credono di volere, e senza più la forza di sognare. Fino a quando, nei modi più inaspettati, si trovano di fronte alla possibilità di ricominciare tutto daccapo. Magari, grazie a un furto…

Titolo: Il regalo
Autore: Eloy Moreno
Titolo originale: El regalo
Traduzione a cura di: Silvia Bogliolo
Editore: Corbaccio
Data di pubblicazione: 15 settembre 2016
Pagine: 400

Trama: 5  Personaggi: 5  Stile: 5  Copertina: 2 




Questo è uno di quei libri che, guardando la copertina, non avrei mai preso in considerazione. Quei colori, quei due ragazzi con le braccia per aria, per di più in una decappottabile rosa... Insomma, se me lo fossi trovato davanti in libreria, non lo avrei degnato di attenzione, pensando di ritrovarmi tra le mani un chick-lit in piena regola!
Poi arriva una delle Due lettrici quasi perfette (nello specifico quella meno simpatica), scrive una recensione perfetta (lei che perfetta non è!) e mi instilla il dubbio. E io prendo nota, pensando che sì, prima o poi una chance gliela concederò!
Il prima o poi si trasforma in "leggi e subito" quando anche il marito della tipa di cui sopra (lui, Santo e Martire!) legge il romanzo in questione e lo promuove a pieni voti. E insomma, se lo dice lui...

Ma faccio la furba e lo prendo in ebook, approfittando di Mlol. Lo inizio e... è amore! Lo voglio cartaceo, assolutamente. Lo voglio nella mia libreria, voglio viverlo, sottolinearlo, sfogliarlo e, tra qualche tempo, ritrovarci dentro quelle sensazioni che ho provato durante la lettura!

Ma di cosa parla questo libro? Parla di sogni, parla di vita che ci sfugge tra le dita come sabbia, parla di momenti, di istanti, di desideri che si infrangono come mare sugli scogli.
È la storia di un uomo, un uomo come  tanti, con un lavoro che lo porta fuori casa per tante troppe ore al giorno, spesso anche per intere settimane. Un uomo con una moglie da cui si sta allontanando sempre di più, una figlia di cui sta perdendo tutti i momenti importanti. Un uomo con un mutuo da pagare, una macchina nuova, vacanze programmate che spesso saltano.
Sì, un uomo come noi. Perché è questa la vita che tutti abbiamo, no? Ci alziamo la mattina e siamo già di fretta, perché c' è un ufficio che ci aspetta, il traffico di una città da attraversare. Ci vestiamo mentre beviamo un caffè al volo e usciamo di casa urlando un "ciao" mentre la porta è già chiusa.
Da quanto tempo non diamo un bacio a nostro marito? Da quanto tempo non riusciamo a raccontare una favola ai nostri figli, la sera, prima di andare a letto?

E così ebbe inizio il viaggio più strano della mia vita. Uno di quei viaggi che ti mostrano che - anche se non sei in grado di vederli - la vita è piena di aeroporti. Potrei dire che quel giorno ebbe inizio un viaggio che mi fece rende conto di essere un uomo che aveva aperto gli occhi troppi anni dopo essere nato.
Ecco, è questo che ci racconta Eloy Moreno. Un uomo che una mattina esce di casa, anche abbastanza contento perché ha una macchina nuova fiammante ad attenderlo in garage. Un uomo che sa bene che non rivedrà la sua famiglia prima del fine settimana, ma la vita è questa, no? Una serie di sacrifici che ci conducono a quel benessere economico tanto anelato.
Peccato che quella macchina, che lui tanto rimira, di cui è tanto orgoglioso, gli verrà rubata poco dopo. E la vita di quell'uomo cambierà completamente direzione.

Una delle cose che mi hanno colpita di più in questo romanzo è che non ci sono nomi: nessuno dei personaggi che incontriamo durante la narrazione ha un nome, neanche il protagonista. Mi sono spesso chiesta il perché di questa scelta; un perché che mi è stato chiaro quando sono giunta all' ultima pagina e ho realizzato che questa è davvero la storia di ognuno di noi, che Eloy Moreno ci ha raccontato uno spaccato della nostra vita.
Quanti di noi hanno un sogno? E quanti di noi riescono a trasformare questo sogno in realtà e far sì che diventi lo scopo primario della propria vita? Quello che ci permetterà di mettere un piatto di cibo sulle nostre tavole, di pagare la rata del mutuo o le bollette?

È questo il regalo di cui si parla nel titolo: regalarsi la possibilità di realizzare i propri sogni, di trasformare la propria vita e far sì che si riesca a goderne pienamente.

Ha un finale straziante e sconvolgente questo libro, un finale che lascia senza fiato e senza parole. Un finale che, se il libro è bello, lo fa diventare bellissimo.

E se ancora non si fosse capito, io questo libro ve lo consiglio. E chissà che uno di noi non riesca a prendere spunto da questa storia e decida di inseguire i propri sogni!





Commenti

  1. ecco lo sapevo che lo dovevo leggere questo libro. anzi lo farò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì, leggilo che sono proprio curiosa di sapere cosa ne pensi tu!

      Elimina
    2. Ok, ma prima voglio leggere il nuovo di Manzini e De Carlo.
      Bacione

      Elimina
  2. Ciao Laura, l'ho acquistato in ebook stamattina (visto che era in offerta) prima di leggere la tua recensione e attirata proprio dalla copertina che tu hai detestato. Lo leggerò presto perché mi hai incuriosita ancora di più!

    RispondiElimina
  3. Ma come siamo poetiche oggi! Non lo so, il tuo entusiasmo mi fa venire voglia di leggerlo, ma ho anche un po' di ansia....

    RispondiElimina
  4. Ecco un altro regalo che mi ha fatto questo libro: una delle book blogger più influenti del panorama italiano che legge un libro ispirata dalla mia recensione (sì ok, anche dal parere di marito, che peraltro non avrebbe letto il libro in questione se IO ME MEDESIMA non glielo avessi cons...ok, imposto). Con questo ci campo di rendita per un bel po'. Da ora mi firmerò "Quella che ha fatto leggere e amare Il Regalo alla Libridinosa"!
    Ciao dalla meno simpatica delle due

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto si sa che vi adorate. Lo leggo pure io.
      Lea

      Elimina
    2. Cretina (per quella sopra!). La pianti con la storia dell'influenza? Leuccia leggilo che voglio capire se mi sono scimunita io o se è bello come penso!

      Elimina
  5. Un finale che fa diventare bellissimo un libro bello? Addirittura! Allora lo VOGLIOOOOOO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale è la vera chicca di questo romanzo!

      Elimina
    2. No, un momento. Stamattina leggevi "Giorno di festa" e ora "Alla fine andrà tutto bene"? Oh my god! (E no, non è tanto stupore, ma invidia!).

      Elimina
    3. Eh ma è corto "Un giorno di festa"!

      Elimina
  6. eh mica vale così. questo libro non lo avevo preso proprio in considerazione, per i tuoi stessi motivi ed ora mi tocca aggiungerlo alla wish list ;-)

    RispondiElimina
  7. Anche io come te, non sono stata attratta dalla copertina :) Ma leggendo la tua recensione mi ha invogliata a comprarlo! :) <3

    RispondiElimina
  8. Hola!
    Soy Eloy Moreno, el autor de la novela Il Regalo, me alegro mucho de que te haya gustado!
    Muchas gracias por tu reseña en el blog, ojalá cada vez se vaya conociendo más en Italia.

    Un abrazo desde España!

    RispondiElimina
  9. Ciao Laura!!
    La Corbaccio mi aveva mandato la scheda del libro, e anche l'opportunità di richiederne una copia digitale, ma ho lasciato stare.
    Mi sono pentita?
    Ancora no. Bellissima la tua recensione, ma questo libro proprio non rientra nelle mie corde. Sarà il periodo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se pensi che non faccia per te, meglio lasciar stare! La lettura deve essere un piacere e rischieresti di odiare un libro la cui forza risiede proprio nella sua particolarità.

      Elimina
  10. Risposte
    1. Oddio, chi è?! Maestà, un po' di contegno, insomma!! Comunque sììììììì, leggilo!!!

      Elimina
  11. La lista dei libri che desidero ardentemente si è appena allungata di uno!
    Inoltre il tuo post ha risolto un dilemma che avevo da tempo: perché, nonostante le comodità il costo e la facilità dell'ebook, noi lettori preferiamo il cartaceo? Volevo una risposta completa e complessa e ora ce l'ho, grazie all'ultimo pezzo che mi hai dato ;)
    In ogni caso, grazie per la bella recensione.

    improntediprisca.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono una di quelle che se ama un libro fa di tutto per averlo in cartaceo. Ammetto che, solitamente, se l'ho letto in ebook, aspetto almeno la versione economica, ma questa volta no!

      Elimina
  12. oh Laura, già avevo voglia di leggerlo (a me invece la cover così già chiama). Le tue parole però mi hanno conquistata, DEVO leggerlo e lo farò

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i