Passa ai contenuti principali

Recensione 'Eppure cadiamo felici' di Enrico Galiano - Garzanti

Il suo nome esprime allegria, invece agli occhi degli altri Gioia non potrebbe essere più diversa. A diciassette anni, a scuola si sente come un'estranea per i suoi compagni. Perché lei non è come loro. Non le interessano le mode, l'appartenere a un gruppo, le feste. Ma ha una passione speciale che la rende felice: collezionare parole intraducibili di tutte le lingue del mondo, come cwtch, che in gallese indica non un semplice abbraccio, ma un abbraccio affettuoso che diventa un luogo sicuro. Gioia non ne hai mai parlato con nessuno. Nessuno potrebbe capire. Fino a quando una notte, in fuga dall'ennesima lite dei genitori, incontra un ragazzo che dice di chiamarsi Lo. Nascosto dal cappuccio della felpa, gioca da solo a freccette in un bar chiuso. A mano a mano che i due chiacchierano, Gioia, per la prima volta, sente che qualcuno è in grado di comprendere il suo mondo. Per la prima volta non è sola. E quando i loro incontri diventano più attesi e intensi, l'amore scoppia senza preavviso. Senza che Gioia abbia il tempo di dare un nome a quella strana sensazione che prova. Ma la felicità a volte può durare un solo attimo. Lo scompare, e Gioia non sa dove cercarlo. Perché Lo nasconde un segreto. Un segreto che solamente lei può scoprire. Solamente Gioia può capire gli indizi che lui ha lasciato. E per seguirli deve imparare che il verbo amare è una parola che racchiude mille e mille significati diversi. Un romanzo su quel momento in cui il mondo ti sembra un nemico, ma basta appoggiare la testa su una spalla pronta a sorreggere, perché le emozioni non facciano più paura.



Titolo: Eppure cadiamo felici
Autore: Enrico Galiano
Editore: Garzanti
Data di pubblicazione: 18 aprile 2017
Pagine: 381

Trama: 5  Personaggi: 5  Stile: 5 


Eccolo qua! Ogni anno me ne capita uno. Di cosa sto parlando? Di quei libri che, per un motivo o per l'altro, io snobbo. Eppure cadiamo felici è il "libro snobbato del 2017". 
Sicuramente la copertina, con quegli occhi lì, salta all'occhio. Ma sono stati proprio quegli occhi, la solita facciona che ormai campeggia sul 90% dei romanzi e il titolo che mi puzzava un po' troppo di romanticismo a farmi dire che no, io questo romanzo non lo avrei letto.
Poi è arrivata lei, la Bacci, e ha cominciato, come suo solito, a farmi tap tap sulla spalla, col ditino. E la Bacci, si sa, è abbastanza insistente (un po' come me, ma è anche per questo che ci vogliamo bene!). E insomma, un po' per zittirla, un po' perché tutti parlavano bene di questa storia, ho deciso di buttarmi... tanto, mal che vada, avrei sempre potuto lanciare il volume in testa alla Bacci (volete mettere la soddisfazione?). 
Ah già, non ve l'ho detto: io avevo l'ebook di questo romanzo, ma la faccia a cuore della suddetta amica (cuore che si notava anche solo parlandole al telefono) mi ha fatto pensare che no, di questo romanzo bisognasse avere il cartaceo. E, santo Amazon, santo internet, ho cliccato acquista e 24 ore dopo ho iniziato a conoscere Gioia Spada.

E io, lo confesso, a Gioia ho iniziato a voler bene già dopo poche righe. Perché, confesso ancora, in Gioia mi sono rivista: 17 anni e due genitori non esattamente amorevoli, una nonna che vive in un letto e non parla più, una passione sfrenata per quella musica che coi ragazzi della sua età non c'entra nulla e, soprattutto, nessun amico se non Tonia, la sua amica immaginaria. Questa è Gioia e questa, visto che siamo in vena di confessioni, ero un po' io alla sua età: la ragazza silenziosa e schiva, quella che stava sempre con la schiena appoggiata ad un muro e che in quella classe delle superiori ci andava solo perché non poteva farne a meno.

Gioia colleziona parole. Sì, parole. Parole straniere che descrivono sensazioni e stati d'animo, parole intraducibili, parole che lei scrive sul suo taccuino.
Gioia ha degli occhi che, quando ride, illuminano il mondo... anche se Gioia non ride quasi mai. 
Gioia è, di questo romanzo, il fulcro, l'essenza, l'anima, il respiro. Tutto ruota attorno a lei, ai suoi sguardi, alle sue emozioni. Ed è proprio questo che mi ha colpita durante la lettura: attorno a lei troviamo Lo, il professor Bove e Tonia, ma Gioia ti entra dentro e non ti lascia più! 

È difficile parlarvi di questo romanzo, perché, dietro ad una storia forte per quanto comune, c'è uno stile, quello di Enrico Galiano, che spiazza: uno stile semplice, pulito, lineare, ma che, inizialmente, ha avuto la capacità di lasciarmi perplessa. Io che sono colei che bacchetta chi sbaglia i congiuntivi, che fuggo da quei romanzi troppo "colloquiali", mi sono lasciata conquistare da un romanzo scritto proprio così: in maniera assolutamente semplice! Avevo bevuto? No! Ero stanca? Nemmeno! Semplicemente credo di aver intuito l'intento dell'autore: questo è un romanzo che parla di adolescenti e che a loro, prevalentemente, si rivolge. Quindi ho trovato assolutamente azzeccato il modo in cui è scritto. 
Mi è piaciuto tutto di questo libro: la storia, i personaggi, la scrittura semplice e che non stanca mai. Mi è piaciuta la scelta di creare una prima parte del romanzo scorrevole e leggera e di una seconda parte, invece, più seria, più dolorosa, più matura; un po' come se la storia e il suo creatore avessero scelto di seguire Gioia e Lo nel loro percorso di crescita emozionale.

E allora eccomi qui, pronta a fare ammenda (no, sui ceci non ho intenzione di inginocchiarmi: comincio ad avere un'età e poi alzarsi è una fatica!): questo romanzo va letto! Va letto da noi adulti e anche dai nostri figli (il mio l'ha divorato in 24 ore!). Gioia Spada merita di essere conosciuta e sono sicura che anche voi, alla fine, vi innamorerete di lei e non vorrete lasciarla andare via!
Per quanto riguarda me... nonplussed !



Commenti

  1. Ammetto di averlo snobbato anche io per la copertina. Sono certa sia la ragazza di una serie newton di Rebecca Donovan. Ho letto il primo che è stato un incubo.
    Ma se tu hai dato una possibilità e ti è piaciuto, ne daró una pure io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se non gliela dai spontaneamente, te lo impongo io con la Challenge!

      Elimina
  2. Meno male che la Bacci ti fa pat pat sulla spalla con il ditino! ;-)
    Ciao da Lea

    RispondiElimina
  3. pensa Laura che io avevo un budget limitato e dovevo scegliere tra questo e il libro della Barra. Alla fine avevo comprato L'estate più bella della mia vita perchè credevo di sentirmi in sintonia con le protagoniste, ma poi alla fine sono riuscita a leggere anche Eppure Cadiamo felici. amore lampo di quelli che ti prendono in tre righe e non ti lasciano più. come sai sarà tra i regali che farò a breve a Giorgia perchè anche lei deve conoscere e amare Gioia Spada.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco io, invece, quello della Barra non l'ho mai preso in considerazione e conto di proseguire su quella strada! Aspetto, però, il parere di Giorgia su questo romanzo ;)

      Elimina
  4. Ma che recensione spettacolare! Grazie, grazie infinite! <3
    (Il tizio che ha scritto il libro)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tizio che ha scritto il libro! Grazie a te per aver portato "gioia" nella mia vita!

      Elimina
  5. E io tiro un sospiro di sollievo...posso vivere ancora un po'

    RispondiElimina
  6. anche io mi sono ritrovata in Gioia. E' facile identificarsi in lei. Bellissime parole Laura, le condivido in pieno

    RispondiElimina
  7. Sarai la prima persona che chiamerò quando lo finirò!
    (No, non è una minaccia, dormi tranquilla).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh meno male! La Bacci mi minaccia continuamente!

      Elimina
  8. Finalmente un libro che, per quanto possa essere rivolto ad adolescenti, è italianissimo e non troppo banale. Enrico Galiano dove stavi nascosto? Dica!
    Un bacio,
    Roby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh chissà dove stava nascosto! Però che meraviglia avere in Italia scrittori come lui!

      Elimina
  9. L'ho messo nella mia TBR estiva perché è mia intenzione leggerlo praticamente da quando è uscito... e ho il cartaceo sugli scaffali che mi aspetta da tempo immemore (come la faccio traggggica) e la tua recensione conferma quello che, a tatto, è riuscito a trasmettermi fin dal principio questo romanzo. Ho aspettative stratosferiche e penso proprio che questa volta non rimarranno deluse!
    Anche a me ogni tanto capita questa cosa dei libri snobbati... però di solito ci metto anni prima di convincermi e di fare ammenda :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, invece, questa volta ho fatto ammenda in fretta... ma il merito è tutto della Bacci!!

      Elimina
  10. AMO QUESTO LIBROOOOOOO 😍😍😍😍

    RispondiElimina
  11. AMO QUESTO LIBROOOOOOO 😍😍😍

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i