Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il giardino delle farfalle' di Dot Hutchinson - Newton Compton Editori

Vicino a una villa isolata c'è un bellissimo giardino dove è possibile trovare fiori lussureggianti, alberi che regalano un'ombra gentile e una collezione di preziose "farfalle": giovani donne rapite e tatuate in modo da farle assomigliare a dei veri lepidotteri. A guardia di questo posto da brividi c'è il Giardiniere, un uomo contorto, ossessionato dalla, cattura e dalla conservazione dei suoi esemplari unici. Quando il giardino viene scoperto dalla polizia, una delle sopravvissute viene portata via per essere interrogata. Gli agenti dell'FBI Victor Hanoverian e Brandon Eddison hanno il compito di mettere insieme i pezzi di uno dei più complicati rompicapo della loro carriera. La ragazza, che si fa chiamare Maya, è ancora sotto shock e la sua testimonianza è ricca di episodi sconvolgenti al limite del credibile. Torture, ogni forma di crudeltà e privazione sembravano essere all'ordine del giorno in quella serra degli orrori, ma nella deposizione della giovane donna, che ha delle ali di farfalla tatuate sulla schiena, non mancano buchi e reticenze... Più Maya va avanti con il suo terrificante racconto, più Victor e Brandon si chiedono chi o cosa la ragazza stia cercando di nascondere...

Titolo: Il giardino delle farfalle
Autore: Dot Hutchinson
Editore: Newton Compton
Data di pubblicazione: 15 giugno 2017
Pagine: 334

Trama: 1  Personaggi: 1  Stile: 1 



Vediamo di mettere le cose in chiaro, una volta per tutte:
Un thriller, per definirsi tale, deve provocare al fruitore dell'opera emozioni forti, in particolare suspense ed eccitazione che devono guidare la narrazione con improvvisi picchi o cadute nel livello della tensione, e con fasi costanti intervallate da fasi a ritmo veloce.
Vi è chiaro questo concetto? L'ho ripetuto tante e tante volte: il thriller è un genere che deve creare ansia! Il lettore deve prendere in mano il libro e non riuscire a metterlo giù sino all'ultima riga dell'ultima pagina, deve aver il fiato corto e sobbalzare ad ogni rumore!

E ora veniamo al romanzo di cui parliamo in questa recensione. Domanda che mi è stata posta più e più volte: perché proprio tu leggi un Newton Compton? È risaputo quanto poco io ami questa Casa Editrice (e i motivi ve li spiego nel video che trovate sul mio canale YouTube), ma questo romanzo mi è stato caldamente consigliato da La Lettrice sulle nuvole che, in quel di Pontremoli, ne ha parlato come se fosse uscito dalle sue mani!
Così, al primo giro in libreria l'ho acquistato e messo subito in lettura. Ora, se Chiara non è già fuggita verso luoghi a me sconosciuti e comunque privi di estradizione, le ricordo che da oggi dovrà dormire con un occhio aperto, perché io mi vendicherò!!

Mi era stato detto: "non guarderai più le farfalle allo stesso modo". Vero, verissimo! Adesso le guardo e, poverine, mi fanno pena per essere state usate in un libro così!
Questo romanzo è un graaaaaaaande, luuuuuuuungo, noioso interrogatorio. Due agenti dell'Fbi sono alle prese con Maya (o Inara... o come cavolo si chiama!), una delle ragazze sopravvissute nel "Giardino".
Cos'è il Giardino? Il ristorante in cui pranzano i personaggi di Beautiful? Anche! Ma in questo caso è un luogo creato da uno psicopatico che vi segrega delle ragazze. E che ci fa? Dai su, fate uno sforzo di fantasia e ci arrivate subito! 
Il tipo in questione, tale Mr McIntosh (state ridendo, vero? Vi sento da qui!), prende le ragazze quando hanno 16 anni, le porta nel giardino e tatua sulle loro schiene delle grandi ali di farfalla, poi cambia loro il nome e le tiene lì finché compiono 21 anni. Che fine facciano dopo, lo potete immaginare da soli (o quasi).
In questi cinque anni, lui e uno dei suoi figli le stuprano a ripetizione. Insomma, una gran fantasia di libro!

Ma il punto non risiede tanto nella mancanza di una trama originale quanto nel modo stesso in cui questa sia stata sviluppata. Una delle caratteristiche principali della vita delle ragazze nel giardino è la noia che costella le loro giornate; la stessa noia permea senza sosta il romanzo stesso.
Se lo spunto e l'idea potevano essere interessanti, così non è stato, purtroppo, per lo sviluppo della trama che, come detto, inizia e finisce senza guizzi, senza infamia e, soprattutto, senza lode!

Il personaggio del Giardiniere è una marionetta mossa dalla penna della scrittrice che, oltre a non caratterizzarlo in alcun modo, lo fa girare per questo giardino quasi fosse un Dio in terra, tanto che, nelle poche occasioni in cui dovrebbe suscitare terrore, rasenta semplicemente il ridicolo.
Le ragazze, altresì, sono entità che vagano senza mai riuscire a creare un legame col lettore che, a fine libro, si troverà a non aver provato per loro nulla se non una bieca indifferenza. L'empatia, l'affetto, la paura, la solidarietà: tutti sentimenti e sensazioni che dovrebbero scaturire in maniera naturale e spontanea verso chi prova tutte quelle sofferenze, rimangono tranquillamente chiuse in un cassetto!

Come detto in principio, la storia è scritta sotto forma di interrogatorio: l'autrice, inizialmente, ci parlerà di Maya come di una possibile complice, ma anche questo spunto è stato lasciato lì, a morire lentamente, proprio come una farfalla.
Il finale, poi, è qualcosa di assolutamente banale e inconsistente e serve solo a dare la mazzata finale ad un libro che, di suo, non ha nulla di avvincente e interessante. 

A tutto questo c'è da aggiungere, come sempre, il lavoro della Newton Compton! Eh già, volevate mica che si smentissero con un'edizione curata e priva di castronaggini? Ovviamente no! Davanti a tanti refusi, alcuni saltano davvero all'occhio: cibi che cambiano da un pagina all'altra, espressioni facciali dei personaggi che non ci è dato conoscere. Di tutto questo vi parlo nel video, così potrete farvi due risate!

Per quanto riguarda me, escludendo la serie di Matteo Strukul, di cui ad ottobre uscirà un quarto (e credo ultimo) volume, il mio petite affaire con Newton si conclude qui! Che continuino tranquillamente a scrivere "un grande thriller" su tutte le loro copertine, per me trattasi solo di grandi fregature!

Commenti

  1. *in sottofondo risata malvagia*

    Mai più grandi thriller!

    RispondiElimina
  2. Oddio 😂😂😂 effettivamente la mia amica è confusa nella lettura e non capisce dov'è che la storia vada a parare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da nessuna parte, puoi dirglielo così magari smette di perdere tempo!

      Elimina
  3. Letto velocemente in attesa di pubblicare la mia recensione... bon, posso solo dire che se fosse stata complice la suddetta Maya... Inara... magari avremmo avuto quel pizzicuccio di pathos in più che manca totalmente in un romanzo che di thriller non ha assolutamente niente! Ah, tanto per dire, è una ca**ta pazzesca XD

    RispondiElimina
  4. Non potevo perdermi questa tua recensione! Mi rallegri la giornata.
    Povera Chiara però...
    Baci Lea

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Non leggo molti thriller ma l'estate porta con sè qualche lettura di questo tipo, peccato che quelli che ho letto finora siano stati dei non thriller spacciati per tali, mi sembra che il fenomeno sia molto esteso! Bella la recensione, mi sono fatta una risata! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna essere bravi e scovare i libri giusti... e non è facile, purtroppo.

      Elimina
  7. Quando si dice "non giudicare un libro dalla copertina"!

    RispondiElimina
  8. Uno dei peggiori libri che abbia mai letto, ritmo lento e ripetitivo, personaggi assolutamente non credibili che sembrano usciti dalla fantasia di un dodicenne appassionato di film horror/erotici di serie b,il finale poi più che banale lo definirei come Fantozzi definiva la Corazzata Potemkin. Insomma alcune ore della mia vita sprecate...

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi