Passa ai contenuti principali

Recensione 'La vasca del Führer' di Serena Dandini - Einaudi

LA VASCA DEL FÜHRER || Serena Dandini || Einaudi || 10 novembre 2020 || 250 pagine

«È possibile per una donna rimanere "un genio libero" e "uno spirito dell'aria" senza pagare nessuna conseguenza?». Un'istantanea in bianco e nero coglie una donna dalla bellezza struggente immersa in una vasca da bagno del tutto ordinaria. Guardando bene, però, in basso ci sono degli anfibi sporchi di fango, e in un angolo, sulla sinistra, un piccolo quadro. Il viso nella cornice è quello di Adolf Hitler, il fango è quello di Dachau; lei, la donna, è Lee Miller: ha da poco scattato le prime immagini del campo di concentramento liberato, e ora si sta lavando nella vasca del Führer. Prendendo spunto da una fotografia che ha scoperto per caso, Serena Dandini si mette sulle tracce di Lee Miller Penrose, una delle personalità più straordinarie del Novecento. La cerca nei suoi luoghi, «dialoga» con lei, ripercorre la sua esistenza formidabile - che ha anticipato ogni conquista femminile - in un avvincente romanzo, una storia vera, tra i fasti e le tragedie del secolo scorso.


A pagina 4 di questo romanzo, ho sentito lo stomaco attorcigliarsi su sé stesso e le lacrime pungermi gli occhi.
Ho pensato di trovarmi davanti a una storia intensa e cruda, di quelle che, arrivati alla fine, mi avrebbe lasciata in preda a un turbine di emozioni che difficilmente avrei dimenticato.
Nulla di più sbagliato.

La storia che ci racconta Serena Dandini è quella di Elizabeth Miller, bellissima modella prima e fotoreporter poi, che negli anni della Seconda Guerra Mondiale documentò le stragi di ebrei nei campi di Dachau e Buchenwald.

Il problema di questo romanzo risiede principalmente nella scelta stilistica della stessa autrice, che lo trasforma in una sorta di biografia raccontata.
Sarà, infatti, la voce prevaricante di Serena Dandini a portarci nelle pieghe di vita della Miller e lo farà attraverso il racconto del suo viaggio alla scoperta di questa donna unica nel suo genere e per la sua epoca.

È stata, purtroppo, proprio questa scelta a rendermi ostica la lettura: mi aspettavo, probabilmente, una biografia, anche romanzata, della vita di Elizabeth Miller; quello che, invece, mi sono trovata ad affrontare è stata una sorta di fiaba, in cui la penna della Dandini prende il sopravvento su tutto il resto.
Si tratta di una penna piacevole, a tratti poetica, nulla da dire, ma è esageratamente ingombrante all'interno di questo romanzo.

La sensazione che accompagna la lettura è un'alternarsi di piacere e fastidio: se da una parte gli occhi dell'autrice ci aiutano a scoprire chi era Elizabeth Miller e quanto "sconosciuta" sia rimasta sino alla sua morte, dall'altra la sua presenza fa sentire il lettore messo da parte, spintonato in un angolo.
Si arriva al termine del romanzo con la voglia di dire all'autrice di farsi da parte, di lasciarci vivere la storia, le emozioni, le parole.
Ma questa è una facoltà che non ci viene concessa! Quindi, giunti all'ultima pagina, è doveroso stilare un bilancio e ci si rende conto di aver annoverato tra le proprie letture uno di quei romanzi che non si possono certo definire brutti, ma che, allo stesso tempo, cadranno presto nel dimenticatoio.

Mi assumo in parte la colpa di questo "fallimento", perché avevo aspettative molto diverse quando ho deciso di affrontare questa lettura: cercavo un romanzo che mi raccontasse la Miller persona e personaggio, pagine in cui scoprire chi fosse davvero questa donna così unica e contro-corrente.
Quello a cui non ero pronta, era la presenza ingombrante, soverchiante dell'autrice.

Credo che in un romanzo, l'autore debba rimanere in disparte, penna silenziosa atta a raccontare, emozionare, cedere al lettore il suo pensiero.
Non ho mai letto altro di questa autrice, quindi non so se sia sua abitudine "infiltrarsi" nelle storie, rendere palese la sua presenza, accomodarsi al tavolo del lettore e narrare con la voce più che con la penna.
Personalmente, sono rimasta abbastanza sconcertata da questa scelta e non credo ripeterò l'esperienza di lettura dei suoi romanzi.


Ringrazio la Casa Editrice per avermi fornito una copia del romanzo

Commenti

  1. ho scoperto il tuo blog stamattina, grazie ad una recensione su goodreads con cui mi sono trovata in pieno accordo e sto spulciandolo con la penna in mano, alla ricerca di consigli e sconsigli di lettura. Mi soffermo su questa recensione non solo perché, di nuovo, mi trova d'accordo, ma perché apprezzo l'onestà intellettuale di chi, pur ricevendo una copia omaggio, esprime liberamente e con motivazioni del tutto condivisibili il proprio parere. Dovrebbe essere la regola, in teoria, nella pratica è un'eccezione a cui sono grata, perché mi permette di costruire un rapporto di fiducia con te. A rivederci a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Alessandra! Intanto grazie per il tuo commento e scusami per il ritardo nel risponderti, ma, come puoi immaginare, questi giorni di festa lasciano spazio a poco altro!
      Posso dirti che ho fatto dell'onestà intellettuale e, soprattutto, della correttezza e del rispetto verso chi mi segue, la mia bandiera.
      Non faccio differenza tra libri acquistati da me o ricevuti dagli autori o dalle stesse Case Editrici: il mio sarà sempre un parere onesto! Ovviamente, la lettura è una delle cose più soggettive che esistano, ma mai mi permetterei di elogiare qualcosa che non mi è piaciuto.

      Spero di leggerti presto, un abbraccio e tanti auguri!

      Elimina
  2. credo non volesse essere né un romanzo né una biografia

    RispondiElimina
  3. L'ho trovato banale e sdolcinato deludente..

    RispondiElimina
  4. Mi è piaciuto tantissimo. Bravissima Serena nelle descrizioni preziose del tempo in cui si svolge la vita di Lee Miller. Una donna allo sbaraglio, un'artista a modo suo, una pioniera che parte dal sogno di scoprire e diventare se stessa! Brava brava e grazie per la eccellente e documentatissima scrittura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che la Dandini passi a leggere il tuo commento. Ti consiglio di provare a contattarla privatamente per porgerle i tuoi complimenti, piuttosto che farlo commentando un articolo che certo non elogia il suo romanzo!

      Elimina
  5. Perdonami, credo che ognuno debba essere libero di esprimere la propria opinione e magari, come in questo caso, non essere d'accordo con te, non credi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premesso che non capisco il motivo del tuo commento, certo, penso che ognuno possa esprimere liberamente il proprio parere, anche quando non è d’accordo con me!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo