Passa ai contenuti principali

Recensione 'Voglia di tenerezza' di Larry McMurtry - Einaudi


VOGLIA DI TENEREZZA 
 Larry McMurtry ・ Einaudi ・ 29 giugno 2022 ・ 400 pagine



Capricciosa, dispotica e tranchant: così è Aurora Greenway, vedova quarantanovenne di Houston, in Texas. In compenso ha capelli stupendi e un corpo che mantiene sodo cucinando in modo sopraffino e mangiando di gusto. Gli spasimanti, quindi, non le mancano, ma come scegliere tra il vicepresidente di banca impacciato, la vecchia fiamma sentimentale e il vicino che la spia con il binocolo, quando lei stessa sa che «solo un santo riuscirebbe a vivere con me, e io non riuscirei a vivere con un santo»? Di tutt'altra pasta è sua figlia Emma, una ragazza pacata e malinconica alle prese con un matrimonio sbagliato (cosa che Aurora non perde occasione di rinfacciarle). Suo marito, docente di letteratura e aspirante scrittore, dopo soli due anni ha già perso interesse nei suoi confronti, la loro vita sessuale è noiosa, le conversazioni litigiose. Forse un figlio sistemerà le cose? Non è di questo avviso sua madre, che al dolce annuncio anziché felicitarsi dà in escandescenze: chi, chi mai vorrà accompagnarsi con una nonna? La vita matrimoniale non sembra granché nemmeno per Rosie, la combattiva e instancabile donna di servizio di Aurora, che dopo ventisette anni e sette figli scopre che il marito le ha fatto un torto ben peggiore dell'occhieggiare la padrona sotto il suo naso. Bisticci, tumulti e scaramucce si smorzano nella birra e nel bourbon, fra tragicomici blackout di lucidità e giudizio.Ma una sotterranea rete d'amore lega le protagoniste, pronta a entrare in campo quando la vita colpisce più duro.

Voglia di tenerezza è stato pubblicato per la prima volta nel 1975 e, sicuramente, leggerlo adesso ne fa risaltare un po' il peso degli anni che si porta appresso.
Una storia di donne raccontata da un uomo, dove gli uomini ci vengono descritti come esseri inutili, noiosi, superflui!
Tutto il romanzo ruota attorno ad Aurora Greenway, un'affascinante vedova quarantanovenne, e al suo rapporto con la figlia Emma, ma soprattutto, con gli spasimanti che continuano a corteggiarla indefessi nonostante il suo caratteraccio!

Aurora è una donna indipendente, frivola, divertente, ma anche fastidiosa ai limiti della sopportazione. Per tutta la prima parte della storia McMurtry ci accompagna nella quotidianità di questa protagonista così sopra le righe, portando il lettore a passare, quasi inconsciamente, dall'intolleranza all'affezione nei confronti di questo personaggio così strano!
La seconda parte del romanzo viene dedicata a Emma, all'evoluzione della sua vita di mamma e del suo matrimonio.

Quello che mi ha spiazzata durante la lettura di questo romanzo, è stata l'evoluzione della storia più che dei personaggi che, tutto sommato, rimangono fermi dove l'autore li ha posizionati all'inizio del romanzo. Nessuno di loro, né Aurora né Emma né tantomeno Rosie, la domestica di Aurora, compie grandi cambiamenti, nessuno cresce davanti allo sguardo del lettore; anzi, queste tre donne sembrano volerci sfidare, dicendoci: "Guarda, ti stiamo costringendo a leggere un romanzo nel quale, apparentemente, non accade nulla! Stai leggendo una storia che ti racconta la nostra quotidianità, ma è una quotidianità normale, quasi banale, eppure tu sei qui e continui a leggere senza mai annoiarti!".
E infatti, è proprio così: nonostante per almeno due terzi del romanzo non accada nulla di eclatante, mettere giù questo libro è quasi impossibile!

Ma quando pensiamo che McMurtry ci abbia detto tutto ciò che era dicibile, ecco quel titolo, Voglia di tenerezza, trova una spiegazione. Ed è una spiegazione dolorosa, quasi straziante; una di quelle spiegazioni alle quali non si vorrebbe mai giungere, perché accadrà qualcosa che metterà al tappeto tutte le nostre donne; qualcosa che sarà impossibile combattere e che ognuna di loro tre affronterà in modo diverso: chi con sofferenza, chi con una profonda tristezza e chi, come Aurora, facendo affidamento su quell'innata capacità di prendere la vita a pugni che l'ha contraddistinta sin dalle prime righe del romanzo.

Eppure, sarà proprio lei quella che ne uscirà peggio. Anche se a noi lettori non lo farà capire, anche se il suo dolore e i suoi lividi verrano ben celati da un velo di cipria e una passata di rossetto, anche se le lacrime saranno nascoste dai suoi morbidi capelli biondi.
E sarà così che arriveremo all'ultima pagina e ci renderemo conto che le nostre, di lacrime, non hanno alcuna messa in piega dietro cui nascondersi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'Il vento dell'Etna' di Anna Chisari - Garzanti

IL VENTO DELL'ETNA   || Anna Chisari || Garzanti || 28 giugno 2022 || 250 pagine https://amzn.to/3nylrcG   1838. L'Etna nella sua immensità protegge e spaventa, come una madre magnifica ed esigente che forgia vite e destini. Lo sa bene chi vive a Belpasso, il piccolo paese alle sue pendici. È lì che il giovane Puddu apre la sua bottega di calzolaio. La sua firma sulle scarpe è una farfalla, perché con le sue creazioni ai piedi più che camminare si vola. Per questo Puddu non riesce a capire come mai gli affari vadano così male. Tutto cambia quando le sue calzature finiscono tra le mani della Baronessa di Bridport in visita alle sue terre a Bronte. La nobildonna non ha mai calzato nulla di tanto soffice ed elegante, perciò decide di fare un regalo a Puddu: lo nomina Baronetto. Nasce così la dinastia dei Baruneddu, come si faranno chiamare. Il negozio con gli anni diventa un grande calzaturificio che esporta in tutta Europa. Ma se i soldi non sono più un problema, il cuore cominci

Recensione 'Lezioni di chimica' di Bonnie Garmus - Rizzoli

LEZIONI DI CHIMICA || Bonnie Garmus || Rizzoli || 3 maggio 2022 || 390 pagine Acquista qui