Passa ai contenuti principali

Recensione 'Siria mon amour' di Amani El Nasif

Siria mon amourTitolo: Siria mon amour
Autore: Amani El Nasif
Editore: Piemme
Data di pubblicazione: 7 maggio 2013
Pagine: 166
Prezzo: 16,00 €
Versione e-book: 6,99 €

Trama: Amani è nata in Siria ma è cresciuta in Italia. Quando compie sedici anni, con una scusa, la madre la porta nel suo paese di origine per qualche giorno. Dopo i primi entusiasmi per un mondo diverso e affascinante, ricco di profumi e sapori nuovi, Amani scopre di essere stata in realtà fidanzata a un cugino, ma conosciuto e mai amato. Le dicono che in Italia non tornerà più.
Amani si ribella a quel fidanzamento e a quell’uomo, pagando un prezzo molto alto, in una realtà dura e violenta dove le donne non sono che oggetti sotto la tutela dei maschi.
Lontana dalle sue amiche e da Andrea, il suo ragazzo, Amani resisterà e lotterà fino a riprendersi la sua vita.
Voti
Trama  8
Personaggi  8
Stile  9
Incipit  9
Finale  8
Copertina  7
Voto complessivo  8.2
“Haram significa peccato, e nel villaggio di Al Karatz il peccato per le donne sta nel solo fatto di esistere, con i loro corpi, con la loro pelle profumata, con i loro sguardi.
Haram è quando ti sbuca un ricciolo dal velo, anche se tra le mura ti possono intravedere soltanto i familiari.
Haram è quando lavi i piatti e le maniche della veste ti salgono ai gomiti, impunemente, e allora devi coprirti le braccia con dei manicotti ricavati da vecchi calzini.
Haram è quando stai cucinando da ore e hai talmente caldo che ti togli i calzini e rimani a piedi nudi. <<Metti i calzini!>> ti dice tuo zio. <<La porta è aperta! La gente passa, ti vede!>>
Haram sei tu che dici: <<Fa caldo, tanto passano solo i parenti>>.
Allora lui srotola il berim, la corda che gli tiene sul capo la kefiah, e comincia a dartelo sui piedi, fino a farteli diventare viola.
Haram sono quei piedi colpevoli, doloranti e gonfi, ai quali infili i calzini perché non ce la fai a prendere un’altra frustrata.”


In questo piccolo estratto, credo sia racchiuso tutto ciò che Amani, la protagonista ed autrice di questo libro, ha dovuto subire nei 13 mesi trascorsi in Siria. Ed in questo passaggio, credo, si racchiudono anche i pensieri di ogni lettore: nel 2013 è ancora possibile che una donna sia considerata un oggetto? Che non abbia diritti, ma solo doveri?Che possa essere picchiata davanti a tutti senza che nessuno alzi un dito per difenderla? Che possa essere venduta come merce e costretta a sposare un uomo più grande e mai conosciuto?
Per noi donne “libere” tutto ciò è impensabile, quasi incredibile, eppure sono ancora molte, troppe, le donne costrette a subire.
Amani è stata una di queste donne e in questo libro ci racconta la sua storia.
Amani è nata in Siria, da genitori siriani, ma quando aveva tre anni la sua famiglia si è trasferita in Italia, a Bassano del Grappa, dove lei è cresciuta. Ed è cresciuta come una ragazza italiana: non porta il velo, studia, esce con gli amici, ha un ragazzo, una vita libera.
Quando compie sedici anni, Amani viene portata in Siria dalla madre. Convinta che si tratta di viaggio breve, motivato soprattutto da un necessario rinnovo del passaporto, Amani parte tranquilla, quasi contenta di andare a scoprire la sua terra, a conoscere le sue cugine, ad esplorare profumi e sapori che le appartengono ma di cui non ha memoria.
Ma il suo viaggio si rivelerà un incubo. Con alcune scuse, la madre inizia a rimandare il rientro, finché le dice che non torneranno mai più in Italia e che lei dovrà sposare un uomo che non ha mai visto e che, ovviamente, non ama.
Amani è sconvolta, ma non si arrende. Sostenuta dal suo fidanzatino, Andrea, a cui telefona tutte le notti, di nascosto, si fa forza e va avanti e si ribella. Lei non sposerà mai quell’uomo né nessun altro.
Nel frattempo, subisce le angherie degli uomini di famiglia, che la schiavizzano, la picchiano, la definiscono una ulech, una puttanella. Perché Amani è cresciuta libera e questo, in Siria, non è tollerabile.
Andrà avanti per un anno tutta questa storia. Un anno in cui Amani avrà tanti momenti di cedimento e di disperazione; ma, alla fine, anche la madre capirà che sua figlia è italiana e in Italia la riporterà.
Come ho detto, è un libro sconvolgente. Per quanto scritto in maniera scorrevole e, talvolta anche leggera, tocca corde del cuore di una donna che non dovrebbe essere mai mosse.
Si legge in un paio d’ore, ma lascia dentro tanto amarezza.
L’autrice: Amani El Nasif è nata in Siria, ad Aleppo, ma a tre anni si è trasferita a Bassano del Grappa con la famiglia, dove è cresciuta e dove vive tuttora. E’ appena diventata mamma di Vittori.a.

La mia valutazione:     

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i