Passa ai contenuti principali

Recensione 'La cena di Natale di Io che amo solo te' di Luca Bianchini - Mondadori





Titolo: La cena di Natale di Io che amo solo te
Autore: Luca Bianchini
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione:19 novembre 2013
Pagine: 227
Prezzo: 12.00 €
Versione e-book: 4.99 €
Trama: È la vigilia di Natale e sono tutti più romantici, più buoni, ma anche un po' più isterici. Polignano a Mare si sveglia magicamente sotto la neve che stravolge la vita del paese, dividendolo tra chi ha le gomme termiche e chi no.
La più sconvolta è Matilde, che riceve quella mattina un anello con smeraldo da don Mimì, suo marito, "colpevole" di averla troppo trascurata negli ultimi tempi. Lei si esalta a tal punto da improvvisare un cenone per quella stessa sera nella loro grande casa, soprannominata il "Petruzzelli", in cui troneggia un albero di Natale alto quattro metri e risplendono le luminarie sul tetto. L'obiettivo di Matilde è sfidare davanti a tutti Ninella, la consuocera, il grande amore di gioventù di suo marito. E Ninella, che a cinquant'anni è ancora una guerriera, accetta la sfida. Sbaglia però a farsi la tinta "biondo Kidman", che la renderà meno sicura, ma non per questo meno bella.
Quella sera, alla stessa tavola imbandita si siederanno, tra gli altri: una diciassettenne ossessionata dalla verginità (Nancy); una zia con tendenze leghiste (Dora); una coppia (Chiara e Damiano) in cui il marito forse ha messo incinte due donne, e un ragazzo gay (Orlando) che ha dovuto scrivere a mano su pergamena undici menù, in cui spicca il "supplì alla cozza tarantina" preparato con il Bimby.
Tra cocktail di gamberi, regali riciclati, frecciate  e risate, ne succederanno di tutti i colori. Ma ai due consuoceri, Ninella e don Mimì, importerà solo essere seduti uno accanto all'altra.
Chi si è divertito con Io che amo solo te e vuole sapere che fine hanno fatto i suoi indimenticabili protagonisti, li ritroverà qui con le loro nuove avventure. Chi non li conosce ancora, avrà modo di scoprirli a questa Cena di Natale dove saranno più in forma che mai.

Voti
Trama  8
Personaggi  10
Stile  9
Incipit  10
Finale  9
Copertina  10
Voto complessivo  9.3


Eccoci di nuovo qui, a Polignano a Mare. Damiano e Chiara sono sposati ormai da qualche mese e stanno provando ad avere un figlio. Pascal (il truccatore) e Mariangela (la migliore amica di Chiara) sono ormai una cosa sola, tanto da essere definiti MariangelaPascal (unica parola, senza intermezzi e senza respiri!). Annunziata, Nancy per gli amici, la sorella di Chiara, sogna ancora di perdere la verginità.
E Ninella e don Mimì? Perché, diciamocelo, chi ha letto Io che amo solo te, ha condiviso con Chiara le ansie di una ragazza giovane in procinto di sposarsi, ha riso davanti al menù multi portate tipico dei matrimoni del sud; ma, in fondo, tutti ci siamo innamorati di Ninella e don Mimì, i due consuoceri, innamorati da una vita, che, finalmente, coroneranno (anche se in parte) il loro sogno d'amore!
E, quindi, con questo nuovo libro, vogliamo tutti sapere cosa ne è stato dei due consuoceri e della loro storia d'amore! E quale miglior occasione del Natale per riunire ancora una volta le due famiglie?
Così, quando il giorno della vigilia, Matilde, moglie di don Mimì Scagliusi, re delle patate di Polignano a Mare, riceve in dono un anello con smeraldo, decide improvvisamente di organizzare un cenone per riunire tutta la famiglia, ma, soprattutto, per fare sfoggio, davanti alla consuocera-rivale tanto odiata, del magnifico regalo di suo marito!
Da questo spunto prende vita una serata in parte tragicomica, in parte romantica! Casa Scagliusi, detta anche il Petruzzelli, illuminata a festa e con un enorme albero, diventerà teatro di confessioni, riavvicinamenti, sparizioni improvvise...
Davanti ad un menù su pergamena con angioletti, rigorosamente scritto a mano da Orlando, Matilde cercherà di ribadire il suo ruolo ufficiale di "moglie di don Mimì". Peccato che, grazie allo zampino di zia Dora, appena arrivata da Castelfranco Veneto con una serie di pacchi pieni di regali riciclati, Ninella e don Mimì riusciranno ad avere, nuovamente, un momento tutto loro!
Chi mi conosce, chi mi frequenta, chi si è semplicemente ritrovato a gravitare nell'arco del mio respiro negli ultimi mesi, chiunque mi abbia chiesto: "Mi consigli un libro?", si è sempre sentito rispondere: "Leggi Io che amo solo te".
L'ho acquistato quasi per caso, attirata un po' dalla trama, un po' dalla copertina! Non so perché, ma quei due peperoncini in copertina attiravano il mio sguardo!
L'ho letto, anzi l'ho proprio divorato e, da quel momento, l'ho consigliato ad una schiera così vasta di persone che, ormai, nel mio giro di amici/parenti/fedeli del blog non c'è una persona che non l'abbia letto ed apprezzato.
Ancora oggi, a distanza di mesi, io e Stefania (la mia Capa, colei che ha tirato definitivamente fuori La Libridinosa che è in me) ci scriviamo battute che rimandano al libro e che capiamo solo noi! Siamo diventate le Signore Photographer e abbiamo in mente di far sposare i nostri figli tra loro solo per poter organizzare un matrimonio identico in tutto a quello di Damiano e Chiara!
Quando ho saputo dell'uscita di questo nuovo romanzo, ho scritto a Stefania che "torna Vito"! E quando IL NON LETTORE (sempre mio marito!) mi ha detto: "Vabbè, tanto domenica andiamo a Milano, lo compri lì", l'ho guardato stranita e ho pensato: "Domenica? Ma il libro esce martedì. Mica posso aspettare sino a domenica per sapere cosa ne sarà di Ninella e don Mimì". Così, ieri mattina, mi sono alzata mezz'ora prima del solito (e io mi alzo già presto, ve lo assicuro!), ho acceso il mio Kobetto e ho acquistato l'e-book! L'ho letto, anzi, anche questa volta, l'ho divorato. Praticamente, ieri sera, mi sono addormentata con la faccia sul Kobetto e stamane ho ripreso da dove mi ero fermata, cioè a 10 pagine dalla fine. Perché io, la Signora Photographer, non posso aspettare sino a domenica. Quindi, caro NON LETTORE, domenica comprerò il cartaceo e lo riporrò direttamente in libreria, accanto al suo predecessore!
Detto questo, posso dire tranquillamente che, anche questa volta, Luca Bianchini è stato in grado di coinvolgermi, di farmi ridere, di farmi commuovere e di farmi mandare non so quanti messaggi con whatsapp all'altra Signora Photographer che, povero suo marito, rideva girando per casa senza alcun apparente motivo!
Mi piace! Mi piace il modo di scrivere di Luca, mi piace il modo che ha di far sentire il lettore un po' protagonista, come se fosse stato invitato a quel matrimonio  e, questa volta, si ritrovasse alla stessa tavola degli Scagliusi, con in mano i menù in pergamena e il servizio di piatti "Uccelli di Rovo"!
Particolarmente belli, in questo libro, sono anche i ringraziamenti finali dell'autore. Voi li leggete? Io sempre. E li leggo sempre prima di iniziare il libro.
Ma non sarei mai riuscito a riprendere in mano Ninella e don Mimì se non fossi stato investito da un'onda gigante di affetto da parte dei lettori.
Grazie di cuore a ciascuno di voi, che mi avete riempito di parole e abbracci e torte e peperoncini più di quanto meritassi. Grazie ai lettori "silenziosi", che si sono semplicemente ritrovati nelle mie avventure, e a quelli che mi hanno scritto, cui non sempre sono riuscito a rispondere. Ho però letto ogni volta con gioia: le nuove vicende di Nancy e Orlando sono anche figlie dei vostri commenti.
Ecco, questo è ciò che ho pensato quando ho saputo dell'uscita di questo nuovo libro: vuoi vedere che, a forza di parlarne tra lettori, che a forza di pubblicizzarlo, a Luca sia venuto in mente di farci sapere cosa ne sarà di Chiara, Damiano, Ninella, don Mimì e tutti gli altri?
Questo è uno di quei casi in cui uno scrittore accontenta realmente il lettore! Bravo, Luca! Bravo per come scrivi, bravo per la persona che sei.
Adesso, posso proporre una petizione? Io vorrei tanto sapere se Chiara avrà un piccolo Mimì e che ne sarà di Orlando e del suo nuovo amore! Luca, fai un po' tu! Magari, durante i tuoi viaggi in treno, ti viene voglia di organizzare una grigliata di Pasquetta!!
La mia valutazione: Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting
L'autore: Luca Bianchini è nato nel 1970 a Torino, dove torna appena può. Per Mondadori ha pubblicato i romanzi Instant Love (2003), Ti seguo ogni notte (2004), Se domani farà bel tempo (2007), Siamo solo amici (2011) e le nozze pugliesi di Io che amo solo te (2013), che gli hanno fatto scoprire ed amare una terra meravigliosa. Nel 2005 ha scritto la biografia di Eros Ramazzotti Eros – Lo giuro.
Collabora con "la Repubblica" e "Vanity Fair", per cui tiene il blog "Pop up". Dal 2007 conduce "Colazione da Tiffany" su Radio 2.
Sogna di avere un trullo con ulivo secolare e amaca per scrivere e ospitare gli amici.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i