Recensione 'Un mare di silenzio' di Cristina Rava - Garzanti

SINOSSI

È un freddo pomeriggio di Capodanno, in un paesino dell’entroterra ligure. Ardelia Spinola, genovese, è medico legale. Viene chiamata per un duplice omicidio: due algerini uccisi a fucilate in una casupola di campagna. Uno faceva il pediatra, l’altro era ancora un ragazzo. Poco lontano, mentre si avvicina al suo pick-up, Ardelia trova una chiavetta USB e prima di consegnarla al giudice decide di dare un’occhiata. Quando al apre, trova un testo in arabo...
Inizia così un’indagine difficile e molto pericolosa, anche perché Ardelia ama fare di testa sua. Per fortuna a darle una mano c’è Gabriel, un ottantenne che dalla vita ha imparato molte cose. E poi ci sono le amiche, quelle che arrivano da Genova e quelle che incontra nelle sue avventure.
Cristina Rava ci fa scoprire una Liguria inedita, piena di ricchezze segrete, colta nella luce fredda dell’inverno: piccoli borghi un tempo chiusi su se stessi, ma anch’essi ormai aperti al mondo. È lo scenario ideale per Ardelia, un personaggio femminile di rara simpatia, con le sue manie e le sue passioni: i gatti che vivono con lei, le specialità della cucina locale e di quella etnica, le chiacchiere tra donne ei l suo pick-up Mitsubishi L200, indispensabile compagno delle sue escursioni notturne lungo le strette stradine dell’entroterra.

TITOLO: Un mare di silenzio
AUTORE: Cristina Rava
EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 5 settembre 2012
PAGINE: 297
ISBN: 9788811670636

TRAMA 7
PERSONAGGI 8
STILE 8
INCIPIT 7
FINALE 7
COPERTINA 6


Piacere Libridinoso

1748Letto in 3 giorni


Io Ardelia Spinola l’ho conosciuta al contrario. L’ho scoperta grazie a Dopo il nero della notte, secondo romanzo con protagonista l’anatomopatologa ligure. E l’ho amata talmente tanto che ho subito acquistato questo primo romanzo.

Stessi protagonisti, stessi luoghi, un diverso delitto (ovviamente!) e un’Ardelia forse ancora un po’ grezza, ma ugualmente amabile.
In questa prima storia impariamo a conoscere Ardelia e la sua vita. E notiamo un accenno a quegli sprazzi di ilarità che renderanno Ardelia un personaggio indimenticabile!

Partendo da un duplice omicidio, Cristina Rava ci farà scoprire Ardelia e le sue mille sfaccettature quotidiane; ci porterà i vicoli e le torri di Albenga e ci avvierà alla conoscenza di quei personaggi, come Doina ed Ughetto, che saranno parte integrante della vita di Amelia.
Ciò che, probabilmente, manca in questo primo romanzo è quel sussulto di ironia che, nel secondo romanzo, mi ha fatto ridere tanto! 

Nonostante questo, Cristina Rava ha uno stile talmente fresco e scorrevole ed è talmente brava a coinvolgere il lettore che Un mare di silenzio si legge senza fatica, con tata voglia e in poco tempo.
Adesso non mi resta altro da fare che aspettare che Cristina Rava partorisca un’altra storia!

Commenti

  1. Mi piace moltissimo il titolo...la mia wish list si sta allungando a dismisura, ormai non la controllo più.

    RispondiElimina
  2. Ciao! Mi ispira un sacco e l'autrice non la conoscevo proprio! Farà parte dei tre libri che ogni estate mi porto in vacanza! Grazie
    Manuela

    RispondiElimina
  3. Sai che ti dico? Comincio dal secondo anch'io!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^