Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il destino di una famiglia' di Marie Lamballe - Rizzoli


Titolo: Il destino di una famiglia || Autore: Marie Lamballe || Editore: Rizzoli ||
Data di pubblicazione: 19 novembre 2019 || Pagine: 476

Wiesbaden, 1945. La guerra è agli sgoccioli, e quando Hilde Koch riemerge dal rifugio antiaereo dopo l'ultimo, devastante bombardamento che ha messo in ginocchio la sua città, stenta a credere alla sua fortuna: il Café Engel è ancora lì al suo posto, un po' ammaccato ma è lì, come se un miracolo avesse voluto salvare dalla distruzione la caffetteria dei suoi genitori, quel posto a un passo dal Teatro dell'Opera da sempre pieno di vita, frequentato da cantanti, attori, musicisti, direttori d'orchestra. E allora contro ogni buon senso, perché ora, nella Germania sconfitta e occupata dagli americani, è persino difficile trovare la polvere di caffè, la giovane Hilde si mette in testa di riaprire il locale. Per trasformarlo, in mezzo a tutta quella desolazione, in un'isola di speranza. Perché tutti, lì, di speranza hanno bisogno, a cominciare da lei che è rimasta sola dopo la partenza del soldato francese da cui aspetta un figlio. È un microcosmo straordinario, il Café Engel, una casa ritrovata per chi ha perso quasi tutto - che sia un tetto, o una gamba, o il senso del futuro. Come ogni casa è attraversata da risate improvvise, e un attimo dopo adombrata dalle sofferenze che non si riesce più a nascondere. Ma è pur sempre un approdo, nel deserto lasciato dalle macerie di questa cittadina di provincia; e verso le sue finestre illuminate, come attirati da una calda promessa che possa lenire l'orrore visto e scampato, si incamminano in tanti.




Una delle frasi più ripetute dagli insegnanti è sempre stata: "È intelligente, ma non si impegna". Se mi chiedeste di riassumere questo primo romanzo di Marie Lamballe, vi risponderei allo stesso modo!

Il destino di una famiglia, primo capitolo di una trilogia che andrà a coprire un trentennio di storia, vede al centro delle vicende la famiglia Koch nell'anno in cui la Seconda Guerra Mondiale sta per giungere alla sua conclusione.
Siamo a Wiesbaden, dove sorge il Café Engel, conosciuto anche come Caffè degli Artisti per via di tutti gli attori e i musicisti che hanno preso posto ai loro tavoli.
Le sirene continuano a suonare per lanciare l'allarme, le strade sono deserte e al posto di case e palazzi sorgono cumuli di macerie fumanti.
A Wiesbaden sono pochi gli uomini rimasti, tutti presi da una guerra sanguinosa e infinita.

Saranno Hilde ed Else, dopo l'ennesimo bombardamento, ad accoglierci tra le pareti del Café Engel.
Hilde ha poco più di vent'anni, è una ragazza tanto bella quanto tenace; non da meno è Else, la madre, che privata della presenza del marito e dei due figli maschi, si fa carico del Café per coltivare quella speranza di ritorno alla normalità che accompagnava la fine della guerra.

La prima parte di questo romanzo conquista senza remore! La Lamballe riesce a riprodurre in maniera vivida quelle atmosfere di angoscia mista a speranza che hanno contraddistinto il periodo immediatamente successivo alla guerra.
Da una parte vedremo le donne Koch, circondate da amici e coinquilini, darsi da fare per riaprire il Café Engel, trovare cibo e bevande da servire, lottare quotidianamente con la corrente elettrica che salta, l'acqua che manca, il riscaldamento che non funziona... e, nel frattempo, il pensiero andrà sempre a mariti, figli e amici di cui non si hanno più notizie.

Tutto questo viene rovinato dall'atmosfera da soap-opera con cui l'autrice decide di raccontare la seconda parte della storia.
Man mano che tutto pare tornare alla normalità, infatti, quasi non avesse più nulla da raccontare, la Lamballe decide di far virare i suoi personaggi sulla via degli amorazzi e delle invidie, delle bugie e delle ripicche.
Premesso che anche nella prima parte del romanzo nessuno dei protagonisti si distingua per simpatia, proseguendo con la lettura si osserva un cambiamento in negativo che, accoppiato a una trama che perde mordente, fa scadere questo romanzo nella mediocrità, rendendolo assolutamente dimenticabile e facendo scemare del tutto la curiosità verso i volumi successi.

A tratti, durante la lettura, ho avuto l'impressione di trovarmi davanti a protagonisti di rara stupidità, soprattutto se collocati in un contesto storico che dovrebbe distinguersi per spirito di solidarietà e fratellanza e non per stupide invidie sugli abiti che si indossano o sui fidanzati!
Il personaggio di Hilde, in particolare, subisce un'involuzione tale da renderla non solo infantile, ma cattiva al punto da far pensare che i tedeschi se la siano cercata.

Un vero peccato questa scelta da parte di un'autrice che, benché al suo esordio, si distingue per uno stile fluido che invoglia il lettore a tenere il suo romanzo tra le mani.

Commenti

  1. Ciao! ho appena finito di leggere questo libro e mi trovo d'accordo con te. Purtroppo da un certo punto in poi l'autrice si focalizza principalmente sulle vicessitudini amorose dei vari personaggi disperdendo un po' quell'atmosfera ricreata in tutta la prima parte del libro. Anch'io sono rimasta stupita di come all'improvviso Hilde, di cui in realtà non dice granchè all'inizio, sia "diventata" particolarmente infantile e collerica. Il libro nel complesso non è male, ma come dici tu, avrebbe potuto essere molto di più!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi