Passa ai contenuti principali

Recensione 'Cambiare l'acqua ai fiori' di Valérie Perrin - Edizioni e/o


CAMBIARE L'ACQUA AI FIORI || Valérie Perrin || Edizioni e/o || 10 luglio 2019 || 425 pagine

Violette Toussaint è guardiana di un cimitero di una cittadina della Borgogna. Ricorda un po’ Renée, la protagonista dell’Eleganza del riccio, perché come lei nasconde dietro un’apparenza sciatta una grande personalità e una storia piena di misteri. Durante le visite ai loro cari, tante persone vengono a trovare nella sua casetta questa bella donna, solare, dal cuore grande, che ha sempre una parola gentile per tutti, è sempre pronta a offrire un caffè caldo o un cordiale.
Un giorno un poliziotto arrivato da Marsiglia si presenta con una strana richiesta: sua madre, recentemente scomparsa, ha espresso la volontà di essere sepolta in quel lontano paesino nella tomba di uno sconosciuto signore del posto. Da quel momento le cose prendono una piega inattesa, emergono legami fino allora taciuti tra vivi e morti e certe anime che parevano nere si rivelano luminose.




Questo libro è stato, a tutti gli effetti, il mio compagno di maggio. Un romanzo dal quale sono rimasta lontana quando tutti ne tessevano le lodi, una storia dalla quale ho avuto bisogno di essere chiamata.
Un libro con cui ho trascorso pomeriggi interi e che, in altri giorni, ho invece abbandonato, complice un nuovo modo di sentire la lettura e nuovo spazi di cui avevo bisogno.

Violette, la sua protagonista, è diventata, durante questo tempo, una parte della mia vita; una di quelle amiche preziose e comprensive che non mettono il muso per una telefonata mancata, ma, comprensive, aspettano!

Cambiare l'acqua ai fiori è un romanzo delicato, che fa riflettere su quanto alcune persone paiano venire al mondo per farsi carico dell'infelicità propria e altrui.
Violette è una di queste persone: la sua vita scorre su binari irti di ostacoli e pregni di dolore.
Creduta morta e nata da madre anonima, trascorrerà l'infanzia e l'adolescenza vagando da una casa all'altra e da una famiglia affidataria all'altra.
A soli diciassette anni incontra Philippe Toussaint; bellissimo, affascinante, donnaiolo, Philippe la seduce e la porta a vivere con sé, dandole quel bagliore di famiglia che Violette ha sempre desiderato.

Violette mi ha ricordato un fiore delicato, un passerotto fragile e sparuto, una foglia d'autunno che fa di tutto per rimanere aggrappata al suo ramo.
Ci sono stati momenti in cui avrei voluto abbracciarla forte e asciugare le sue lacrime e dirle che volare via e lasciare quel ramo, era la cosa giusta da fare.

Valérie Perrin ci racconta una storia di rinascita, di dolore, di emozioni di sorrisi. E lo fa scegliendo un'ambientazione assolutamente inusuale: un cimitero! Sì, perché è lì che vive e lavora la nostra Violette, professione, appunto, guardiana di cimitero.
La stessa Violette che, prima di approdare a Brancion-en- Challon, si occupava di un passaggio a livello.
È forse questa la più grande metafora nascosta tra le pagine di questo romanzo: Violette è ferma in una vita trascorsa vedendo le persone passare e si muove nell'unico posto in cui, invece, la gente si ferma definitivamente. 

Cambiare l'acqua ai fiori è un romanzo che accoglie e abbraccia il lettore, che profuma di rose e peonie.
È una storia che, con delicatezza e grazia, non scade mai nel banale, che fa riflettere su quanto spesso una semplice frase possa influenzare il corso di un'intera vita, su quanto certi luoghi abbiano il potere di aggiustarci e rimettere insieme i nostri pezzi.

Violette è una protagonista anomala: spesso silenziosa, attraversa queste pagine quasi in punta di piedi, esattamente come fa con la sua vita, eppure conquista la scena e la fa sua!
Violette si ama incondizionatamente, ma si lascia andare con facilità, perché è giusto farle spiccare il volo, farla nuotare in quel mare che sa di casa senza cercare di trattenerla.

Non troverete dolore alla fine di questo libro, non ci saranno lacrime né disperazione. Solo una dolce nostalgia, quella che si prova alla fine di una vacanza, con la consapevolezza di aver vissuto qualcosa di bello e costruito nuovi ricordi!

Girotondo, casca il mondo!


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi