Passa ai contenuti principali

Recensione 'Da qualche parte starò fermo ad aspettare te' di Lorenza Stroppa - Mondadori


DA QUALCHE PARTE STARÒ FERMO AD ASPETTARE TE || Lorenza Stroppa || Mondadori || 11 febbraio 2020 || 288 pagine

Diego non è un tipo da traguardi convenzionali, non cerca certezze, tantomeno relazioni stabili. Vicino ai quarant'anni, vive insieme alla gatta Mercedes in una mansarda vista laguna a Venezia e colleziona avventure senza troppi pensieri. La sua grande passione da sempre sono i libri e le parole, e ne ha anche fatto una professione: lavora come editor in una casa editrice. Per questo quando un giorno, mentre sta facendo la spesa al supermercato, trova per terra un'agenda, non può che rimanere colpito da ciò che vi è scritto. L'agenda appartiene a una certa Giulia Moro, che vi ha appuntato una singolare "to do list", una lista di cose da fare che a un certo punto si interrompe misteriosamente. Incuriosito, Diego si mette sulle tracce di Giulia, pittrice di talento ma tormentata da un dolore che le impedisce di utilizzare il rosso - il colore del sangue, del fuoco, del cuore - nei suoi quadri. Diego si fa trovare, apparentemente per caso, nei luoghi indicati nell'agenda di Giulia: quando i due si parlano per la prima volta, tra loro scatta un'immediata attrazione. Ma Diego pensa di essere troppo inaffidabile per riuscire ad amare, e per Giulia l'amore non rientra affatto nella sua "to do list"... Lorenza Stroppa attraverso le voci alternate dei due personaggi ci conduce nei vicoli e nelle strade fatte d'acqua di una Venezia intrigante e luminosa, lontanissima dai cliché turistici, e delinea una mappa non solo geografica ma sentimentale: riusciranno parole e colori a trovare il linguaggio dell'amore?






Riuscire a leggere questo romanzo è stata quasi un'Odissea. Pubblicato poche settimane prima che l'Italia piombasse nel silenzio e nella paura dovuti al Covid, Da qualche parte starò fermo ad aspettare te è quasi sparito dai radar di noi lettori.
Qualche tempo dopo, quando le porte delle nostre case si sono riaperte e la vita è parsa tornare alla normalità, sono stata contattata dall'ufficio stampa dell'autrice che mi ha proposto la lettura del romanzo in questione.
Libro mai pervenuto (poste birichine!) e io che, intanto, ho ricominciato a macinare pagine (o quasi...  diciamo che ho ricominciato a leggere, così è più credibile!) e sono stata presa da altre letture.
Sino a che la settimana scorsa è stata la stessa Lorenza Stroppa a contattarmi e propormi la lettura del suo libro che, poche ore dopo, era già presente sul mio kobo (e soprassediamo sul fatto che io odi leggere in digitale, perché le eccezioni si fanno, ci mancherebbe!).

Da qualche parte starò fermo ad aspettare te ci porta tra le calli e i canali della bellissima Venezia, ma ci fa scoprire questa città non attraverso i consueti sguardi dei turisti, bensì con gli occhi tristi e carichi di dolore di Giulia e con quelli spesso disincantati di Diego.
Giulia è una pittrice e nei suoi quadri riversa l'animo lacerato e il cuore in frantumi.
Diego, invece, è un editor: la sua vita è fatta di parole da smussare, di libri da rivedere, di pagine da leggere.
Nessuno di loro è pronto ad amare, ma il caso ci mette lo zampino e quando Diego trova casualmente l'agenda di Giulia, decide di mettersi sulle sue tracce e scoprire che donna si nasconda dietro quelle pagine piene di liste di cose da fare.

Il romanzo di Lorenza Stroppa è un romanzo strano. La scrittura è aulica, poetica, ma, a tratti, anche lenta ed esageratamente descrittiva.
Spesso mi sono impantanata nelle infinite descrizioni di colori, materiali per la pittura, sfumature e metafore che mi hanno fatta sbuffare e chiedermi cosa aggiungesse alla storia questa scelta da parte dell'autrice (se non pagine, ovviamente!). 
Ho immaginato Diego che, gentilmente ma con fermezza, le diceva di sforbiciare!

Ma il vero problema di questo romanzo è che ha la pretesa di travestirsi da narrativa contemporanea, anche di un certo livello, per poi ridursi, banalmente, a una storiella d'amore scontata e già vista.
Non è difficile, per il lettore esperto e vorace, immaginare come andranno le cose tra Giulia e Diego e, benché il finale sia tutt'altro che happy, non è assolutamente sorprendente come si vorrebbe far credere.

Basta leggere tra le righe di questa storia per carpire i pensieri di Giulia, donna predominante ed egoista e capire che Diego è solo una spalla in quello che dovrebbe essere il racconto del dolore di Giulia.
Un dolore che, purtroppo, rimane sempre in ombra, oscurato dalla storia d'amore tra i due protagonisti.

Arrivata all'ultima pagina, ho capito di avere a che fare con un romance di grandi pretese, che nulla, mi spiace, mi ha lasciato se non la sensazione di aver trovato un'autrice che, certamente, sa scrivere, ma avrebbe bisogno di qualche spunto in più per inventarsi storie che non abbiamo già letto in mille salse diverse.


Ringrazio l'autrice per avermi fornito copia digitale del romanzo

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i