Passa ai contenuti principali

Recensione 'L'amante di Barcellona' di Care Santos - Salani Editore

 


L'AMANTE DI BARCELLONA || Care Santos || Salani || 3 settembre 2020 || 678 pagine

C'è una storia sommersa sotto la polvere delle infinite copie e le carte accumulate nell'antica libreria Palinuro. E sommersa sarebbe rimasta, se una scrittrice non avesse notato e raccolto i frammenti del mistero nascosto tra gli scaffali. È la storia di un libro perduto, prezioso ed enigmatico, dal titolo scandaloso: "Mémoires secrets d'une femme publique", 'memorie segrete di una donna pubblica'. Punta di diamante della biblioteca di un ricco signore della Barcellona napoleonica, il volume è bramato dalla nobiltà e dalla borghesia locali, tanto da essere sottratto al suo possessore. Sparito nel nulla, oltre due secoli dopo il memoriale non è stato ancora ritrovato, ma il suo viaggio rocambolesco ha lasciato qualche traccia... Sullo sfondo delle ambientazioni popolari, bohémienne e aristocratiche della Barcellona dei decenni più convulsi dell'Ottocento, la ricerca della scrittrice porta alla luce una vicenda intricata che coinvolge una galleria di personaggi affascinanti e controversi: a partire dal viscido Néstor Pérez de León, così avido di lusso e ricchezze da non farsi scrupoli pur di mettere le mani sul volume; passando per il giovane rivoluzionario Brancaleone, che si scontra con il libro per una strana casualità; fino a Carlota Guillot, la figlia del primo possessore, che paga, suo malgrado, la passione antiquaria del padre.


Per poter scrivere un romanzo di più di 600 pagine, occorre un requisito fondamentale: essere in grado di creare una storia talmente avvincente da costringere il lettore a sentire la necessità quasi fisica di andare avanti con la lettura! Care Santos, per quanto mi riguarda, con questo romanzo non ci è riuscita.

Questo libro è stato osannato da vari lettori sui social, tanto che le mie aspettative prima di iniziare a leggerlo, erano molto alte. Le premesse c'erano tutte: un romanzo storico e corale il cui filo conduttore è lo smarrimento di alcuni libri preziosi.

Monsieur Guillot è il bibliotecario di Re Luigi XVI quando si trova a dover fuggire a causa della Rivoluzione.
Guillot arriva in Catalogna, custodendo i rari volumi, ma durante l'invasione napoleonica i libri vengono rubati e rivenduti.

Le vicende ambientate nell'Ottocento si intersecano con la storia dei giorni nostri quando una scrittrice viene a conoscenza della morte di Antoni Rogés, Presidente della corporazione dei librai antiquari di Barcellona, nonché proprietario della libreria Palinuro, specializzata in libri usati, e padre di Virginia, compagna di università e amica della suddetta scrittrice.
Saputo della morte del vecchio libraio, il primo ad aver subodorato il suo talento per la scrittura, la donna, che altri non è che una sorta di alter ego dell'autrice del romanzo, decide di far ritorno a Barcellona per partecipare al funerale.

Dopo la celebrazione, Virginia informa la vecchia amica di aver trovato una serie di documenti sui quali il padre stava lavorando. È da qui che i due filoni narrativi, il passato e il presente, si intrecciano.

Cosa non funziona, quindi? La parte ambientata nel presente risulta assolutamente superflua ai fini della narrazione; appare solo come uno spunto che l'autrice, con grande sfoggio di autoreferenzialità, ha inserito per raccontarci la storia di alcuni libri rari e perduti e di come questi, si presume, siano giunti ai giorni nostri.
Era necessario? No. Aiuta la trama? No. A questo va aggiunto che Virginia, la figlia del libraio, risulta essere un personaggio di rara superficialità e stupidità; la sua presenza fa scivolare nel romance tutte le parti che la vedono protagonista: Virginia ci viene raffigurata come una donna frustrata dal punto di vista professionale, ma anche come un'oca che si sdilinquisce davanti a due bicipiti e dà in escandescenze ogni qualvolta qualche cliente le propone l'acquisto di un'enciclopedia.

Piccola postilla: era davvero necessario che, ad ogni capitolo che vede protagonista Virginia, qualcuno le proponesse un'enciclopedia?

Spostandoci nel passato, troviamo un eccesso di personaggi e situazioni che, alla lunga, confondono il lettore e lo annoiano.
Le vicende narrate, la ricostruzione del percorso compiuto dai libri perduti è eccessivamente arzigogolato e, inoltre, non beneficia affatto dei capitoli in cui l'autrice ci erudisce su chi siano i personaggi realmente esistiti e presenti nel romanzo; capitoli che, al di là del piacevole aspetto grafico, non si incastrano in alcun modo nella narrazione.
La sensazione che se ne ricava è quella di una costante interruzione della lettura, che diventa ostica e frastagliata. E, come se non bastasse, all'interno del romanzo troviamo anche della corrispondenza tra i vari personaggi che, inutilmente, allunga un brodo già di per sé annacquato.

Lo stile della Santos risulta quasi bipolare: l'autrice sceglie un linguaggio moderno (scialbo!) per le parti ambientate nel presente, e uno più artificioso per quelle relative al passato.
Manca, però, un legame tra queste parti, il che porta il lettore a vivere il romanzo con un senso di stracciamento.

La sensazione finale è che la Santos abbia voluto "imitare" (o forse omaggiare) Zafón e abbia fallito!



Ringrazio la Casa Editrice Salani per avermi fornito copia del romanzo

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo