Passa ai contenuti principali

Recensione 'I quaderni botanici di Madame Lucie' di Mélissa Da Costa - Rizzoli


I QUADERNI BOTANICI DI MADAME LUCIE || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 
6 aprile 2021 || 300 pagine

Fuori è l'estate luminosa e insopportabile di luglio quando Amande Luzin, trent'anni, entra per la prima volta nella casa che ha affittato nelle campagne francesi dell'Auvergne. Ad accoglierla, come una benedizione, trova finestre sbarrate, buio, silenzio; un rifugio. È qui, lontano da tutti, che ha deciso di nascondersi dopo la morte improvvisa di suo marito e della bambina che portava in grembo. Fuori è l'estate ma Amande non la guarda, non apre mai le imposte. Non vuole più, nella sua vita, l'interferenza della luce. Finché, in uno di quei giorni tutti uguali, ovattati e spenti, trova alcuni strani appunti lasciati lì dalla vecchia proprietaria, Madame Lucie: su agende e calendari, scritte in una bella grafia tonda, ci sono semplici e dettagliate indicazioni per la cura del giardino, una specie di lunario fatto in casa. La terra è lì, appena oltre la porta, abbandonata e incolta. Amande è una giovane donna di città, che non ha mai indossato un paio di stivali di gomma, eppure suo malgrado si trova a cedere; interra il primo seme, vedrà spuntare un germoglio: nella palude del suo dolore, una piccola, fragrante, promessa di futuro.



I quaderni botanici di Madame Lucie è uno di quei libri che ho notato durante un giro on-line alla ricerca di nuove uscite particolarmente interessanti. Copertina che colpisce al primo sguardo, sinossi che stuzzica, ma... c'era qualcosa che non mi convinceva del tutto, tanto da farmelo inserire nella lista dei "vorrei, ma senza fretta".
L'accelerata è arrivata grazie alla Casa Editrice, che ha fatto giungere tra le mie mani, in maniera del tutto inaspettata, il romanzo, corredato da una scatola di semi di piante aromatiche, che io ho affidato alle mani di Consorte, onde evitare loro un destino infausto!

Quindi, vista la gradita sorpresa, mi sono detta: "Perché no?!" e ho iniziato a leggere la storia di Amande Luzin, 29 anni, francese, di Lione per essere precisi, e del suo grandissimo dolore.
È il 21 giugno quando Amande vede la polizia piombare in casa sua e dirle che Benjamin, suo marito, è moto in un incidente stradale.
Amande è incinta di 7 mesi e l'enorme dolore per la perdita del marito le causerà un parto prematuro al quale la piccola Manon, così avrebbe dovuto chiamarsi la loro bambina, non riuscirà a sopravvivere, portando Amande a vivere due lutti devastanti nel giro di pochissime ore.
Non chiedo nulla di più. Silenzio, fresco e poco sole.
Dopo poche settimane, Amande deciderà di lasciare tutto e rifugiarsi nella campagna francese dell'Auvergne.
Una casa isolata, l'estate chiusa fuori, le imposte serrate e il silenzio assoluto: saranno questi i primi compagni di Amande, durante quella fase iniziale di lutto in grado di annientare qualunque essere umano.

I quaderni botanici di Madame Lucie è un romanzo che entra immediatamente nel cuore del lettore: basterà il primo capitolo a togliervi il fiato e farvi capire che nulla di ciò che accade attorno a voi sarà in grado di farvi interrompere la lettura.

Il dolore di Amande, il suo lutto, le sue cicatrici diverranno le nostre al punto tale da portarci a stare male assieme a lei: il buio e il silenzio saranno ciò di cui avremo bisogno, così da poter, poi, ritornare alla luce assieme a questa giovane donna.
La società non ha più tempo per il lutto.
Il lutto è un dolore solitario e taciturno; una sensazione che ci avvolge inaspettata e che ci fa compagnia in ogni attimo delle nostre giornate. Dal lutto si risorge lentamente, ma mai del tutto: ci saranno sempre un suono, un profumo, una canzone che ci porterà indietro, dandoci l'impressione di tornare ad affogare.
Credo che in fondo l'amore che proviamo per una persona si misuri da questo... dalla quantità di dettagli insignificanti che collezioniamo con cura su di lei.
Questo romanzo, con delicatezza e rispetto, ma anche con grande sincerità, ci racconta proprio questo: il lutto, il dolore, la rinascita, la vita che, nonostante tutto, prosegue indipendentemente da noi. 
Conosceremo così il dolore di Amande, ma anche quello, più silenzioso, della famiglia di Benjamin.
E conosceremo la rinascita, quella che Amande troverà attraverso delle vecchie agende e dei calendari, scovati un po' per caso e appartenuti a Madame Lucie, la proprietaria della casa in cui la donna si è rifugiata.
Sarà la natura, con i suoi tempi e le sue necessità, a riportare Amande fuori dal guscio: semi, terra, bulbi e un ostinato gatto grigio che decide di adottarla, nonostante la sua reticenza, le consentiranno di riprendere, pian piano, possesso del suo tempo e della sua vita.
Aprire una finestra, lasciar entrare la luce del sole, affacciarsi alla porta di casa, rispondere a una telefonata, bere un caffè con qualcuno e, nel frattempo, arare la terra, seminare le verdure, piantare dei bulbi, raccogliere i primi frutti di tanto lavoro e rendersi conto che la nostra vita ha bisogno di cure e di attenzioni proprio come quelle foglioline, delicate e fragili, che fanno capolino dalla terra.

I quaderni botanici di Madame Lucie è una storia di rinascita che ci racconta sì il dolore, ma anche l'amore, la vita e la trasformazione di una donna attraverso la perdita più grande.
È una storia che fa a pezzi il cuore e l'anima per poi riconsegnarceli più pieni e vivi!
Non si esce indenni da un romanzo come questo, ma leggerlo è uno dei regali più grandi che possiate farvi!




Ringrazio la Casa Editrice per avermi inviato una copia del romanzo

Commenti

  1. Ho trovato questo libro semplicemente straordinario....la rinascita....già, la vita continua, e bisogna rialzarsi, darsi degli obiettivi e andare avanti.
    Ne approfitto per chiedere un consiglio sul prossimo libro da leggere.
    Che sia bello, emozionate come questo...grazie mille!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi