Passa ai contenuti principali

Recensione 'La passione di Artemisia' di Susan Vreeland

Titolo: La passione di Artemisia
Autore: Susan Vreeland
Editore: Beat
Data di pubblicazione: 24 agosto 2010
Pagine: 320
Prezzo: 14,00 €
Versione e-book: non disponibile

Trama: Artemisia Gentileschi: la vita di una donna e di un’artista in un romanzo che è un’opera d’arte.
La straordinaria vicenda della prima grande pittrice della storia dell’arte, la donna che in un mondo ostile riuscì ad imporre la sua visione dell’amore e dell’esistenza. Sottoposta a processo dall’ Inquisizione, accusata dal padre Orazio Gentileschi, ingiuriata e torturata, Artemisia si staglia come una figura epocale sullo sfondo delle grandi città italiane del Seicento, Firenze, Roma e Napoli, tra meravigliose atmosfere e descrizioni d’ambiente.

Voti:

Trama  7
Personaggi  7
Stile  8
Incipit  8
Finale  8
Copertina  9
Voto complessivo  7.8


Artemisia Gentileschi, figlia di Orazio, fu una grande pittrice del 1600.
In questo romanzo ci viene raccontata una parte della sua vita. Tutto inizia il 14 maggio 1612, in un’aula di tribunale, a Roma, dove Artemisia si trova perché è stata ripetutamente stuprata dall’amico e collaboratore di suo padre, Agostino Tassi.
La cosa sconvolgente per chi legge è vedere Artemisia additata quasi fosse lei la colpevole e suo padre che non fa nulla per difenderla.
Artemisia venne sottoposta alla tortura della sibilla: le legarono le dita delle mani con delle corde ed iniziarono a stringere fino a farle sanguinare; speravano di farle ammettere di essere stata lei a sedurre il Tassi. Dopo questa tortura, che le lascerà le mani piene di cicatrici per il resto della vita, fu sottoposta ad una visita ginecologica in pubblico. E tutto ciò, come scoprì poi, solo perché suo padre voleva recuperare un quadro.
Sottoposta al pubblico ludibrio, senza aver ottenuto giustizia, ritenuta una sgualdrina, Artemisia sposò, per volere del padre, un modesto artista fiorentino: Pietrantonio Stiattesi. Con lui si trasferì a Firenze, dove ebbe modo di conoscere Michelangelo Buonarroti il Giovane (nipote di Michelangelo), che le commissionò un nudo di donna e le fece dono di un pennello usato dal suo prozio. Grazie a questa commissione, Artemisia entrò in buoni rapporti con Cosimo II de’ Medici, che la prese sotto la sua ala, facendola lavorare molto e dandole così l’opportunità di essere la prima donna ammessa alla famosa Accademia delle Arti e del Disegno di Firenze. Sempre grazie a Cosimo, Artemisia conobbe Galileo Galilei, col quale intrattenne, negli anni successivi, un rapporto epistolare costante.
Nel frattempo, Artemisia diventa madre di Prudenzia.
La sua arte e la sua fama, le costarono, però, l’amore del marito: invidioso dei suoi successi, Pietrantonio era circondato da amanti e passava sempre molto tempo fuori casa.
Scoperto questo, Artemisia deciderà di partire per Genova, dove il padre si trova e dove le assicura del lavoro. Artemisia chiederà a Pietro di seguirla, ma lui non lo farà e da lì i due non avranno più alcun tipo di rapporto.
Arrivate a Genova, Artemisia e Prudenzia alloggeranno in casa della famiglia di Cesare Gentile, che le consentirà di lavorare tranquillamente e molto. Artemisia avrà anche modo di riallacciare un rapporto col padre, finché, però, scoprirà che quest’ultimo ha invitato Agostino Tassi a raggiungerlo nella città portuale.
La donna non riuscirà a sopportare quest’ulteriore sgarbo e deciderà di lasciare Genova e la famiglia Gentile. Farà ritorno a Roma, sperando che il tempo abbia cancellato la sua reputazione, ma non sarà così e Artemisia lo capirà fin dall’inizio, quando nessuno vuole affittarle una stanza.
Si sposterà, poi, a Venezia e, infine, a Napoli, dove si fermerà sino al matrimonio della figlia.
Poco prima dell’evento, ricevette una lettera dal padre che la invitava a raggiungerlo in Inghilterra. Artemisia deciderà di partire, sperando che, col tempo, il padre abbia capito gli errori commessi e sia pronto a chiederle scusa. Ma questo accadrà solo quando lui sarà in punto di morte.
Ciò che colpisce di questo romanzo è come la vita di una donna potesse rimanere segnata da singoli eventi. Artemisia riverserà la sua rabbia nei quadri che dipinge e l’evoluzione psicologica che compie è perfettamente raffigurata nelle sue famose Giuditte: inizialmente piene di rabbia e con Oloferne grondante sangue; alla fine, Artemisia riuscirà a dipingere una Giuditta più serena!
Ovviamente, la storia è molto romanzata e deficita di parecchi particolari della vita di Artemisia Gentileschi, ma vale sicuramente la pena leggere di questa grande artista.

vreeland
L’autrice: Susan Vreeland vive a San Diego, in California. La ragazza in blu, grande best seller negli Stati Uniti, è il suo primo romanzo acclamato dalla critica.







La mia valutazione: Photobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting Photobucket - Video and Image Hosting

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi