Passa ai contenuti principali

Associazione a delinquere #14 - I blogger, questi megalomani!


La Libridinosa: Buongiorno buongiorno (*canticchiando* io sono Francesco e questa mattina mi son svegliato presto…)
Eliza: iniziamo bene ragazzi…
LL: beh? Io sono felice oggi!
E: si vede…
LL: oggi ricevuto notizia bella bella io!!!
E: il gelato è in offerta?
LL: cretina!
E: BUONGIORNO!!
LL: e buongiorno anche a te! Che dici? La facciamo la Chiacchiera o cazzeggiamo tutta mattina?
E: dai, che poi abbiamo scelto un argomento che ci attirerà taaaaante simpatie!
LL: oggi si parla di colleghi e colleghe: i blogger!!! Quanto li amiamo noi?
E: eh dipende…
LL:dipende? Da che dipende? (sembro una puntata di Sarabanda, oggi!)
E: facciamo il Festivalbar?
LL: antica, non lo fanno più il Festivalbar!
E: e perché Sarabanda è roba di primo pelo …
LL: vabbè, partita la divagazione! Allora, i blogger: li amiamo o li odiamo? E non dire dipende! Dimmi quali ami!
E: mi piacciono quelli che non si prendono troppo sul serio, che non si credono una testata giornalistica (perché non lo sono, ricordiamolo), quelli che sanno ancora guardare al mondo con una certa ironia. E tu?
LL: per lo più, come te: mi piacciono i blogger ironici, simpatici, che sanno interagire senza sputare veleno e che ti aiutano quando hai bisogno. Perché, diciamocelo, ci sono alcuni che piuttosto che darti una mano, ti mozzerebbero tutte le dita cosicchè tu non possa più scrivere nulla! Hai presente, vero?
E: sì sì! Che poi noi siamo diventate amiche così! Dandoci una mano! Io ad esempio non ho mai avuto problemi a dare un aiuto a chi me la chiede, mica è una gara! Vero?
LL:Vero!!! Ti avevo scritto perché avevi un libro di Vitali che doveva uscire la settimana dopo e ti ho chiesto a chi l’avessi rubato ahahahah
E: ah sì "Biglietto, signorina"! Ecco, vedi cosa succede a scrivere un messaggio su Facebook? Scattano le amicizie! E le minchionerie… :3
LL: Soprattutto le minchionerie!!! Però com’è bella la mia vita da quando ti ho trovata (anche quella di Stefano, in verità! Perché il mondo deve sapere che “zia e nipote” si scambiano i libri!!). Vabbè, basta con le tenerezze, torniamo serie! 
E: vediamo un po’: Tu come scopri un blog nuovo? Io ogni tanto faccio un giretto tra Facebook e altri blog e a volte scopro vere chicche. Blog magari poco conosciuti che però scrivono benissimo. Altre trovo l’ennesimo blog con due post e 15 giveaway e allora scappo veloce.
LL: io ho un metodo migliore per scovare nuovi blog: aspetto te che mi mandi i link! Così non trovo quelli brutti e vuoti! Sai però cosa mi fa divertire tanto? Quella gente che apre un blog e, dopo due ore, si dichiara blogger e ancora un po’ va in comune a farsi rifare i documenti per scrivercelo sopra!
E: mi sento sfruttata… Bello però, quando rifaccio la carta di identità ce lo faccio scrivere pure io. No aspetta, all’anagrafe magari sbagliano e scrivono blob...meglio evitare!
LL: io sto seriamente pensando di perderla la carta d’identità, così vado a rifarla subito e approfitto per cambiare la foto che, ovviamente, è oscena! Che dici che me la fanno mettere quella dove sono con Lorenzo, che è venuta tanto bene?!
E: no, ma a questo punto vogliamo vedere quella attuale! Su non fare la timida….
LL: muori! Ti rammento che io ho una foto tua, sul mio iPhone, dove ti si vede bene bene, in primo piano e senza piastra fatta! Che la vuoi vedere ancora la mia carta d’identita?
E: ehm…. Quale carta d’identità??
LL: allooooora, parliamo di blogger! Sai quali odio profondamente? Quelli che fanno blogtour e poi blogtour e ancora blogtour! Basta!
E: sì oramai sono un po' inflazionati. Qui ci vuole qualche idea nuova!
LL: e un’altra categoria di blogger che mi dà l’orticaria è quella che cerca di “affiliarsi” ai blogger più conosciuti. Quelli che aprono un blog e per farsi conoscere passano a pubblicizzarsi nei commenti, hai presente? Io sono pure disposta a darti una mano, ma se non hai mai commentato, non scrivermi: “Ciao questo è il mio blog” e poi incolli il link. Sii carina, presentati, dimmi pure che hai un blog, ma così no. Io cancello il commento per principio.
E: sì hai ragione, un minimo di presentazione ci vuole, due chiacchiere, giusto per conoscersi. In fondo sono cose che chiedo di fare agli autori quando mi scrivono, anche i blogger dovrebbero farlo. Invece sai a me quali non piacciono? Quelli che credono di sapere tutto e si credono chissà chi. 
LL: uh quelli! 
E: che poi sono gli stessi che continuano a dire “ ah ma per me è un gioco” e poi scatenano l’inferno per qualsiasi sciocchezza. 
LL: e quelli che ti dicono che leggi solo roba commerciale? Sai quelli che leggono roba che, secondo me, viene pubbicata unicamente per loro e per la madre dell’autore? Ecco, poi passano da te e sputano perché tu leggi Garzanti e Longanesi! Quelli non li reggo. Ma fammi leggere quello che mi pare, che ti frega a te?!
E: che io mi domando: anche la casa editrice più piccola mica lo farà per la gloria, insomma cercherà un guadagno, no?
LL: lo spero, altrimenti di che campano?! Vabbè, facciamo che ti dico qual è in assoluto la categoria che odio proprio di più? Quelli che appena iniziano le collaborazioni con le Case Editrici si sentono dio e… tac… dopo tre giorni spariscono i voti dalle recensioni! E poi quelli che scrivono recensioni di 4 righe e si sentono un incrocio tra Follett e Marone!
E:... Scusa mi stavo immaginando l’incrocio tra Follett e Marone e non è una bella immagine… Comunque sì, mica è un caso se abbiamo intitolato questa chiacchiera Blogger, questi megalomani! Che poi, secondo me dall’altra parte dello schermo si staranno chiedendo: ma ‘ste due? Saranno mica le peggio nella categoria? Risposta sincera? Sì forse lo siamo, ma almeno lo ammettiamo apertamente.
LL: ah perché dici che qualcuno aveva ancora dei dubbi in proposito?!
E: se li avevano a questo punto glieli abbiamo definitivamente tolti!




Commenti

  1. Ciao! Sono una nuova blogger da due giorni il mio blog è www.... no, dai sto scherzando xD Torno ancora a commentare e non posso esimermi dal farlo.. sto ridendo da sola davanti al pc da almeno 5 minuti.. so che non è normale.. affatto... ok, forse lo ammetto, vi stalkero un pochino! ahahahaah! Però vorrei davvero stringervi la mano.. lo vedo dai vostri occhi.. siete preoccupate eh! Tornando in topic, direi che il genere di blogger che avete descritto in questo post mi mette molta paura, mi terrorizza! In modo particolare quel genere che si definisce blogger praticamente l'esatto secondo aver cliccato sul tastino pubblica, che scrive recensioni di tre righe in croce - di cui due di trama - e che, perdonate il mio gramar-nazi che esce fuori, scrive in un italiano da bbbbrrrr... ividi! Detto questo, un abbraccio, delinquenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È normalissimo che tu rida da sola! Pensa che ridiamo anche noi quando rileggiamo!!
      Ok, parliamo della stretta di mano: hai le mani sudate? No! Allora te la stringiamo volentieri, anzi ti portiamo pure a mangiare il gelato!
      Vabbè, le recensione di tre righe... che lo diciamo a fare? Vista la prima, noi in quei blog non ci torniamo più!
      Baaaacio!

      Elimina
    2. UH che figo abbiamo la stalker!!! Allora siamo importanti sul serio! Laura ci facciamo dare del lei?

      Elimina
    3. Ceeeerto! Anche del coloro se vuoi!

      Elimina
  2. Ciao, questo è il mio blog duelettriciquasiperfette, che poi puoi pure togliere il quasi perché siamo bravissime! Ti va di partecipare a un blogtour?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fanculo (si può dire fanculo qui? Vabbè, tanto il blog è mio!!!!)

      Elimina
    2. Dai Laura, fallo un blogtour....XD

      Elimina
  3. Io non sopporto i blogger-commercialisti: quelli che pensano solo al numero.
    (leggere con voce da gallina)"Io questo mese ho letto 35637*536337/8990+67-73838 libri ovvero 563737383993 pagine.
    un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gne gne gne ... ci siamo capite io e te!

      Elimina
    2. A blog commercialisti pensavo a quelli che mettono la pubblicità XD

      Elimina
  4. Voi due mi fate crepare xD mah, io fino ad ora ho visto blog molto carini, poi non so...

    RispondiElimina
  5. ihihihih ma io vi adoro, siete la mia dose di risate quotidiane. E posso confermare e sottoscrivo tutto quello che volete, che entrambe mi avete aiutato tanto e continuate a farlo! Sapete come la penso sul resto e anche il livello delle mie letture, sopporto poco gli snob in tutto.
    PS Ma il festivalbar sul serio non c'è più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, siamo Laura & Laura e facciamo le minchione per far ridere la Ropolo! Bon, adesso prepara la busta paga!
      Sì, tesoro bello, il Festivalbar è passato ormai a miglior vita!

      Elimina
    2. Che forse è un bene visto come lo facevano gli ultimi anni...

      Elimina
  6. Siete troppo forti mi avete fatta ridere da morire!! Fiuuuuuuuuuuuuuuuuu per fortuna l'ho fatta franca, perché....mi definisco sempre una che è tutto fuorché una BLOGGER! Ho un blog ma non sto dietro alle nuove uscite e quindi leggo cosa voglio, quando voglio, le CE non mi regalano una CIPPA... e non ho paura a dire che detesto un libro se è una cosa che penso :-) S', ci sono libri che detesto, sono un po' talebana e se mi contatta qualche neo autore che vorrebbe pubblicità per il suo romanzo se non mi convince non pubblico niente. NOn farò molta strada, credo !!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un blog è una cosa che si fa, innanzitutto, per se stessi! Quindi vai dritta per la tua strada!

      Elimina
    2. L'importante è che ti piaccia portarlo avanti te, il resto conta poco

      Elimina
  7. Laura e Laura, perdonatemi un attimo, ma io sono distratta dal comodino libridinoso: non mi dire, zia, il ritorno di Tracy Chevalier? Davvero? Hai superato il trauma delle sequoie? Beh, a questo punto non vedo l'ora di leggere la tua recensione dell'ultimo Fannie Flagg.
    Allora, francamente io mi considero ancora neonata come blogger, anche se sono qui a rompervi le scatole già da ... oh! Quasi due anni, come passa il tempo! L'ho detto un sacco di volte, quando ho iniziato, tre sono stati i blog che mi hanno ispirato: La Libridinosa, Nuvole d'inchiostro (inattivo ormai da un po', peccato!) e La ragazza che annusava i libri. E niente, mi sono lanciata! Non collaboro con CE, vivo sulle spalle (generose) dei miei per cui i libri li compro quando è possibile ... ma in compenso ho trovato un luogo speciale in cui sproloquiare di libri con altre lettrici folli! Quindi, grazie a tutte voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, nipotina bella! La Chevalier è tornata: superato il trauma delle sequoie, ci riprovo!
      La recensione di nonna Fannie la trovi domani <3
      Parliamo di questa cosa che tu ti sia ispirata a me, perché comincio seriamente a pensare di chiamare un medico!

      Elimina
    2. E dopo il trauma delle sequoie quello delle scavatrici folli!!

      Elimina
  8. Ehm scusate, non sto scherzando....ma esattamente che cos'è un blog tour? Non credo di averlo mai fatto (spero).
    Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lea cara mia adorata, un blogtour è un modo infimo che Case Editrici, autori e blogger usano per promuovere un libro: si prendono un libro e un gruppo di blog in cui vengono dipanati vari aspetti del romanzo, dall'analisi dei personaggi all'ambientazione, passando per l'intervista all'autore e, infine, la recensione.
      Tour perché, ovviamente, tutto questo avviene nell'arco di più settimane e passando da un blog all'altro.
      Cosa ne deriva? In teoria, visibilità per il libro e nuovi lettori per i blog aderenti. Cosa avviene in realtà? Nulla.

      Elimina
    2. Continua ad ignorare... Meglio, vivi felice e serena

      Elimina
  9. Che consolazione sapere che non sono l'unica a non amare i blog tours! Sarà che sono pigra, ma io li trovo sfiancanti e nemmeno tanto utili. Però non mi sono mai imbattuta in blog gestiti da snob che pensano di detenere la "conoscenza" in fatto di lettura, ma immagino che ci sia un po' di tutto in giro. Il primo comandamento per me è: leggi quel che ti pare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì in giro è un'accozzaglia di cose e persone, caratteri e ego....alla fine la cosa migliore per me è guardare una piccola nicchia di blog e ogni tanto guardarsi intorno senza troppe aspettative

      Elimina
  10. Una volta ho letto il commento di un tizio che diceva alla proprietaria del Blog che avrebbe dovuto leggere molti più classici (per l'appunto titoli che mettevano i brividi) perché dimostrava di essere poco intelligente a leggere solo romanzi.
    La Blogger gli rispose in maniera molto educata... Buon per lui.
    Se fosse capitato a me avrei direttamente cancellato il suo commento! Ognuno deve poter leggere quello che gli pare!!
    Secondo punto: ho un blog da più di un anno, collaboro con alcune case editrici, ma non vado in giro a dire che sono una blogger... Tanto le poche persone a cui ho detto che ho un blog la considerano una perdita di tempo. Non è un lavoro, quindi la vedono come una cosa inutile.
    In definitiva la penso come voi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh anche a me capita gente che dice che dovrei leggere cose diverse da quelle che leggo, ma io non sono così educata da rispondere! Cestino e tanti saluti!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi