Passa ai contenuti principali

Diario di bordo #11


Eccoci qui con una nuova puntata di Diario di Bordo. Io devo prima confessarvi una cosa: per me, questa rubrica era nata un po' come tappabuchi e un po' come esperimento. Insomma, mi ero detto "proviamo e vediamo come va", pronta a lasciarla andare se il riscontro da parte vostra fosse stato negativo.
E invece, in queste settimane, mi avete mostrato tanto affetto, mi avete scritto cose bellissime e continuate a ripetermi quanto vi piaccia leggere le mie piccole storie di quotidianità. E allora è giusto che io vi ringrazi, perché se un blog esiste e va avanti é soprattutto per merito di chi, quotidianamente, viene a sbirciare, a lasciare un commento, a fare un saluto!
Io ci metto il mio impegno, la mia passione, il mio tempo; ma voi ci mettete affetto e sostegno! Grazie!
E poi, come sempre, c'è Laura 2.0, che ci mette le sue minchiate (si può dire minchiate nel blog?!).

E allora riprendiamo il filo e vediamo cos'è accaduto in questa bizzarra settimana!

Sabato 2 ho terminato la lettura di Pista nera di Antonio Manzini e ho subito scritto la recensione, perché ce l'avevo proprio lì, in punta di penna e non vedevo l'ora di buttarla sullo schermo del mio iMac. Finita la stesura, mi sono sentita un po' abbandonata, insomma Rocco mi mancava e ho deciso di consolarmi facendo un ordine su Amazon (avevo ancora due buoni ricevuti per il compleanno da spendere, volevi mica lasciarli lì?!). E, tra i tre libri ordinati, ho inserito anche il nuovo di Manzini con protagonista proprio Schiavone!
La serata di sabato è stata dedicata alla visione della partita della Nazionale (come credo abbia fatto il 95% degli italiani)


Stendiamo un velo, eh! Perché io se prendo Zaza e Pellè... vabbè! La cosa buona è stata che, ispirate dalla nostra vena calcistica, io e Laura 2.0 (sì, sempre lei!) abbiamo avuto l'ispirazione per la Reading  Challenge 2018. Che dite? C'è prima il 2017? No, quella è pronta, fatta e finita in tutti i minimi dettagli. Talmente pronta che potremmo partire domani!
Comunque, io e Laura amiamo il calcio (la Juve in particolare), in questo periodo non ci stiamo perdendo neanche una partita degli Europei, quando ci sono i Mondiali guardiamo pure Burundi - Turzbekistan e, pensando che nel 2018 ci saranno i Mondiali, abbiamo cominciato a buttare giù una Reading Challenge a tema!

Domenica 3 ho iniziato a leggere "Stanza, letto, armadio, specchio" e l'irritazione che mi ha tirato fuori la prima parte di questo libro è paragonabile solo a quei passettini da oca che ha fatto quel cretino di Zaza sabato sera! Sono arrivata a metà libro e devo ancora capire se lo sto odiando o meno.
Intanto, in serata, mentre io mi godo il fresco, ecco Laura 2.0 che tira fuori una delle sue perle. Ma è talmente bella che vi copio pari pari ciò che ha scritto lei:

E' tutta oggi che mi domando perché l'iPad (detto Paddo... che si sappia del tutto quanto sono minchiona) non mi avverta delle notifiche con il suo allegro trillo. Lo guardo storta, controllo 20 volte che il tastino di lato, quello maledetto che sposto senza volerlo, sia al posto giusto, cerco su Google possibili soluzioni (non fatelo che se no vi viene da temere il peggio, pure che Paddo abbia preso la rabbia canina)... niente... dopo 4 ore di smadonnamenti Sorella fa "Ma hai i suoni attivi nelle notifiche?"...
...Io odio il mondo!...

Capite perché io le voglio così bene? Perché con lei la risata è assicurata (e pure la rubrica settimanale!).

Lunedì 4 giunge a me con cielo grigio e aria frizzante (me felice, me beata!). Mi alzo più tardi del solito, visto che la gita all'Acquapark di figlio è sfumata e io ne approfitto per leggere gli ultimi capitoli di "Stanza, letto, armadio, specchio" (e meno male che sono gli ultimi perché non lo reggo più!).
Sbrigate le faccende di rito, frego AutoVettura a Coniuge. La mia mitica Crozza (che pensate che solo Laura 2.0 sia così minchiona da dare i nomi alle cose? No no, lo faccio anche io!) è ferma, quindi mi tocca ripiegare su quella cosa grigia che va a benzina. E io non porto un'auto a benzina da quando, decenni orsono, presi la patente. Quindi mi armo di coraggio e parto, direzione Mutandalandia. Non sapete cosa sia Mutandalandia? Ma dove vivete? Vabbè, dicesi Mutandalandia la ben più famosa Tezenis. Indovinate un po' chi le ha trovato il nome alternativo? Bravi, sempre lei: Laura 2.0

Arrivo a destinazione sana, salva, con macchina intera, senza averla mai fatta spegnere e Figlio al seguito che già sbuffa! Faccio lo shopping di rito, incluso un salto da Carpisa, che sono iniziati gli sconti e ok che io non sono fashion, ma una borsa serve pure a me.
Recupero Coniuge al volo,  nel senso che gli sono passata vicino e lui è saltato in macchina altrimenti rimaneva lì, e rientro.
In tutto ciò, mi salta un intero pomeriggio di lettura, quindi domani dovrò recuperare!
E mentre io me ne andavo a zonzo, lei, sempre lei, la mitica Laura 2.0 lanciava nel web la nuova puntata della sua meravigliosa rubrica, Sì, No, Ni in cui ci parla di recensioni. Io sto ancora ridendo, eh!

Martedì 5 io e la Bacci buttiamo fuori un doppio pensiero su Stanza, letto, armadio, specchio. E questo post è l'unico motivo per cui leggere questo libro non mi ha fatto tagliare le vene!
Per recuperare il tempo perduto ieri nella mia sessione di shopping, ho dedicato l'intero pomeriggio alla lettura di "Piccole sorprese sulla strada della felicità" di Monica Wood.

La settimana è proseguita in maniera poco piacevole per ciò che riguarda l'ambito delle mie letture. Dopo la delusione per il romanzo di Emma Donoghue, anche quello di Monica Wood si è rivelato un mezzo fiasco. Colpo finale è quello che ho ricevuto tra giovedì 7 e venerdì 8 quando mi sono dedicata alla lettura di "Vita dopo vita" di Kate Atkinson: un fiasco totale.
A tutto ciò aggiungete tre giorni di afa e umidità e capirete che arrivo a questo fine settimana in pessime condizioni.
E per non farmi mancare nulla, questa sera festa di chiusura Grest in oratorio. Io sarò quella rintanata in un angolo, con un libro in mano e lontana da tutti!

Per la prossima settimana, ho da segnalarvi solo un incontro con Alice Basso:

sabato 9 - Legnano (MI)
ore 18 - Rassegna "Scrittori in mostra" - Parco della Biblioteca Civica A. Marinoni -
via Cavour, 3



Commenti

  1. Devo iniziare a chiederti una percentuale qui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Laura, devi proprio girarle la tua wish list e aspettare a casina tua che i libri arrivino!

      Elimina
    2. Che simpatiche che siete! E comunque lei si rifiuta di girarmi la sua wishlist.

      Elimina
  2. dai, speriamo che le nuove letture siano migliori di quelle.... Insomma, deve esserci qualcosa di decente in giro, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna ne ho uno molto più che decente tra le mani!!

      Elimina
  3. Infatti qualcosa di buono ci deve pur essere in giro e ti prego Laura non dire "Sì solo Marone" perchè è un tantino esagerato fossilizzarsi solo su un autore ^_^

    RispondiElimina
  4. Mi è sembrato di vedere me stessa che alterno preghiere e imprecazioni per evitare lo spegnimento delle diaboliche auto a benzina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che bello! Qualcuno che mi capisce! Grazie!!!

      Elimina
  5. Come dice una mia amica, Diario di bordo TOP!
    Un bacioo

    RispondiElimina
  6. Oggi il caldo mi rallenta....ma concordo con la lettrice spagnola.
    Bacio sudato
    Ih ih ih
    Lea

    RispondiElimina
  7. Ahah! Adesso si spiega la presenza di Fannie Flagg sul comodino libridinoso: quando le cose vanno male, giustamente uno torna da chi saprà accoglierlo a braccia aperte.
    Tutta questa sovrabbondanza di Ms Flagg nella blogosfera, mi fa venire da piangere: ma quando arriva Natale? Io ho delle richieste precise da fare a Babbo!

    RispondiElimina
  8. Ma grazie a te per aver pensato a questa rubrica fantastica! Sbirciare nella tua vita libridnosa, anche se alcuni passaggi li conosco in diretta, è davvero magnifico! Anche io aspetto pacco libroso, arriva domani e sì lo so acquisto troppo ma non mi è stato ancora posto il veto ;) Buona domenica e buone letture perché con la Flagg sei in buone mani, anzi buonissime!

    RispondiElimina
  9. Adoro il Diario di Bordo, mi fa morire dalle risate. Ti sto immaginando alla festa di chiusura Grest in oratorio :)

    RispondiElimina
  10. Mi sono persa un po' di post perché sono stata lontana dal pc in questo ultimo mese, vado subito a sbirciare le tue letture!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello di un blog è che si può sempre tornare e recuperare ;)

      Elimina
  11. allora: ringrazi, fai shopping e non leggi molto. Che succede? Ihihih scherzi a parte è sempre divertente leggere il tuo diario di bordo. E per la cronaca io rientro nel 5%, ma mi diverto molto a leggere i vostri commenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, ma sto leggendo tantissimo: 5 libri in giorni!

      Elimina
    2. avevo letto che hai saltato un pomeriggio intero... Ho capito male, sorry

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i