Passa ai contenuti principali

Recensione 'Fiori sopra l'inferno' di Ilaria Tuti - Longanesi


Titolo: Fiori sopra l'inferno || Autore: Ilaria Tuti || Editore: Longanesi
Data di pubblicazione: 4 gennaio 2018 || Pagine: 366

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell'orrido che conduce al torrente, tra le pozze d'acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l'esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l'inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling, e ogni giorno cammino sopra l'inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall'età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l'indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura».

Trama: 5 || Personaggi: 5 || Stile: 5



Lei lo guardò come si guarda una cacca attaccata alla suola di qualcun altro.
Ecco a voi Teresa Battaglia, 60 anni, un caschetto rosso, un carattere tra il burbero e l'emotivo, la battuta sempre pronta a freddare chi le sta accanto, in particolare l'Ispettore Massimo Marini.

È un personaggio particolare il Commissario Battaglia, uno di quei personaggi che, nonostante lo scudo che erge a protezione di se stessa, ti entra nel cuore alle prime righe di lettura e non ti molla più.
Altrettanto accade con la storia che Ilaria Tuti ci narra, una storia senza fronzoli e divagazioni inutili, una storia che parte con sprint e non scema mai! Una di quelle storie in cui ogni parola e ogni pagina hanno un fine e non risultano mai superflue.

Siamo in Friuli, a Travenì: montagna, boschi, neve e freddo e pomeriggi in cui il buio la fa da padrone sono lo scenario di una serie di delitti raccapriccianti.
Ogni assassino seriale, prima di oltrepassare il punto di non ritorno, è stato un essere umano sofferente. Molto spesso abusato. Di sicuro solo.
In questo romanzo, Ilaria Tuti ha creato un gioco perfetto, alternando il thriller vero e proprio a scorci di vita e pensieri sul commissario Battaglia. 
Quando la tensione saliva troppo e il fiato sembrava farsi troppo corto per proseguire, l'autrice ci portava da Teresa: quasi fossimo nascosti dietro una tenda, spiavamo, discreti ma curiosi, i suoi pensieri e le sue angosce, ma, soprattutto, cercavamo un modo per asciugare le sue lacrime.
La solitudine avvolgeva Teresa come un abito troppo stretto, un corsetto d'altri tempi, che in pubblico faceva raddrizzare la schiena ma nell'intimo rubava il respiro.
È un thriller, Fiori sopra l'inferno, che racchiude molto più di un killer, di omicidi e indagini. In questo romanzo c'è un'anima, c'è un cuore che batte e, improvvisamente, ci si rende conto che quel cuore sta battendo per la persona sbagliata.
Per la prima volta nella sua carriera, temeva per il carnefice.
Quello che sconvolge di questa storia, al di là dei dettagli raccapriccianti, è la scrittura raffinata ed elegante di Ilaria Tuti, esordiente di spicco, che dosa con parsimonia indizi ed elementi di indagine; che costruisce un personaggio come Teresa Battaglia e le affianca un giovane ed elegante Ispettore che un po' la teme e un po' la coccola.

Ciò che resta, alla fine di questo romanzo, è un senso di tenerezza, uno sguardo nuovo su ciò che ci circonda e, soprattutto, la voglia di rimanere in compagnia di Teresa Battaglia e di Massimo Marini, per scoprire cosa succederà ancora nelle loro vite.

Commenti

  1. Speriamo di scoprirlo prestissimo!!!

    RispondiElimina
  2. Davvero bellissimo, l'ho letto di recente anch'io. Teresa Battaglia e Marini compaiono anche in un racconto della Tuti, "La ragazza dagli occhi di carta", scritto prima del romanzo, ma gli episodi raccontati sono successivi, sono solo cinquanta pagine, ma merita di essere letto, lo consiglio.

    RispondiElimina
  3. L'ho comprato da poco e non vedo l'ora di inziarlo. Temo solo i dettagli raccapriccianti, perché detesto lo splatter con tutta me stessa e di solito quando fiuto un thriller che ne contiene tanti ci giro alla larga. Ma a questo esordio non ho potuto dire di no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, ammetto di essere partita pronta ad affrontare molto di peggio, almeno stando a ciò che avevano scritto alcune partecipanti della challenge. Invece, le descrizioni di Ilaria non sono mai così "splatter" e rimangono su un terreno delicato e rispettoso. Quindi leggi tranquilla!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i