Passa ai contenuti principali

Recensione 'L'educazione' di Tara Westover - Feltrinelli


Titolo: L'educazione || Autore: Tara Westover || Editore: Feltrinelli
Data di pubblicazione: 31 maggio 2018 || Pagine: 380

Tara, la sorella Audrey e i fratelli Luke e Richard sono nati in una singolare famiglia mormona delle montagne dell'Idaho. Non sono stati registrati all'anagrafe, non sono mai andati a scuola, non sono mai stati visitati da un dottore. Sono cresciuti senza libri, senza sapere cosa succede nel mondo o cosa sia il passato. Fin da piccolissimi hanno aiutato i genitori nei loro lavori: in estate stufare le erbe per la madre ostetrica e guaritrice, in inverno lavorare nella discarica del padre, per recuperare metalli. Fino a diciassette anni Tara non aveva idea di cosa fosse l'Olocausto o l'attacco alle Torri gemelle. Con la sua famiglia si preparava alla sicura fine del mondo, accumulando lattine di pesche sciroppate e dormendo con uno zaino d'emergenza sempre a portata di mano. Il clima in casa era spesso pesante. Il padre è un uomo dostoevskiano, carismatico quanto folle e incosciente, fino a diventare pericoloso. Il fratello maggiore Shawn è chiaramente disturbato e diventa violento con le sorelle. La madre cerca di difenderle, ma rimane fedele alle sue credenze e alla sottomissione femminile prescritta. Poi Tara fa una scoperta: l'educazione. La possibilità di emanciparsi, di vivere una vita diversa, di diventare una persona diversa. Una rivelazione. Il racconto di una lotta per l'autoinvenzione. Una storia di feroci legami famigliari e del dolore nel reciderli.




Non sono più la figlia che mio padre ha cresciuto, ma lui è il padre che l'ha cresciuta.
Prima di iniziare a leggere questo romanzo, dovrete fare un grande lavoro su voi stessi: dovrete aprire la mente e prepararvi ad affrontare situazioni estreme; dovrete imparare a capire le remore di Tara davanti a situazioni ed eventi che, per noi, sono quotidiani.
Non sarà facile per chi è cresciuto in un modo diverso dal suo.
Non sarà facile entrare in questa storia, ma se sarete capaci di farlo, ne uscirete profondamente cambiati.

Tara Westover è cresciuta in una famiglia di mormoni, in una grande casa alle pendici di Buck Peak, nell'Idaho. Ultima di sette fratelli, affronterà, durante l'infanzia e l'adolescenza, gli anni di estremismo "religioso" del padre.

Gene Westover è un uomo, come scoprirà Tara durante i suoi studi universitari, affetto da disturbo bipolare. 
Noi non andiamo a scuola. Il papà ha paura che lo Stato ci costringerà ad andarci, ma è impossibile perché lo Stato non sa di noi. Dei sette figli dei miei genitori, quattro non hanno un certificato di nascita.
La mancanza di istruzione è solo una delle tante privazioni a cui Tara e i suoi fratelli verranno sottoposti.
Nessuno di loro verrà mai portato in ospedale, neanche a fronte di incidenti gravi, a meno che non intervenga qualche estraneo.  
Sentiremo Tara raccontare di ustioni, tagli profondi, parti prematuri vissuti senza l'ausilio di medici e strutture sanitarie
...ogni volta che avevo male da qualche parte, per un taglio piuttosto che per un mal di denti, la mamma preparava una tintura di lobelia e scutellaria. Non aveva mai fatto passare il dolore, nemmeno un po'. Per questo motivo avevo imparato a rispettare il dolore, al punto da considerarlo necessario e intoccabile.
Quella di Tara è la storia di una crescita, di un'evoluzione faticosa, lenta, dolorosa.
Ci saranno momenti, durante la lettura, in cui si avrà voglia di prendere Tara per le spalle e scuoterla potentemente; si avrà voglia di abbracciarla e dirle che no, lei non è sbagliata, che indossare dei jeans attillati non fa di lei una puttana; che scegliere di studiare non la rende un'infedele.

Tara non sarà l'unica dei sette fratelli a scegliere l'istruzione e ad allontanarsi da casa, ma sarà quella che pagherà il prezzo più alto: ancora oggi, è l'unica a non avere alcun rapporto con i suoi genitori e con alcuni dei suoi fratelli.

All'interno della narrazione e della famiglia, però, il personaggio più controverso risulta essere la madre di Tara, che pare sottomessa al marito, ma, a sprazzi, cerca di far sì che i figli fuggano da quella vita
"Di tutti i miei figli," disse, "credevo che saresti stata tu la prima a filare via. Non me l'aspettavo da Tyler - è stata una sorpresa - ma da te. Non restare. Vai. Non farti fermare da niente e da nessuno."
Nonostante ciò, questa donna rimarrà accanto al marito, appoggiando ogni sua scelta e ogni sua follia, anche quando vedrà la sua famiglia smembrarsi
La mia famiglia si stava spaccando a metà: i tre che avevano lasciato la montagna e i quattro che erano rimasti. I tre che avevano un dottorato e i quattro senza diploma di scuola superiore. Si era aperta una crepa, e si stava allargando.
Non è una lettura semplice L'educazione. Non è un romanzo per tutti. Bisogna essere pronti ad accettare il dolore, affrontare situazioni al limite dell'umanità; bisogna essere in grado di far propri i pensieri, le emozioni e i limiti di Tara, elaborare le sue scelta e riuscire a non giudicarla mai.
Non è una storia per chiunque, ma è una storia da far propria. 

Commenti

  1. Per il momento passo, non fa per me

    RispondiElimina
  2. Questa storia mi incuriosisce moltissimo, entra prepotentemente in WL anche grazie alla tua recensione!

    RispondiElimina
  3. Sono prontissima. Questo romanzo è mio, mi sta già chiamando! Grazie per la preziosa recensione.

    RispondiElimina
  4. Decisamente fatto per me, per mille motivi!

    RispondiElimina
  5. E' un libro che mi ha fatto arrabbiare. Ci sono stati dei momenti durante la lettura in cui davvero mi sarei messa a gridare "Tara reagisci!!!!". Violenza fisica e psicologica. E non solo da parte del padre e del fratello, ma secondo me anche dalla madre che fa finta di non vedere.

    RispondiElimina
  6. Ho acquistato il libro proprio stamattina, leggendo la tua recensione, sento che lo amerò moltissimo. grazie!

    RispondiElimina
  7. È un libro che mi ha disturbato , non vedevo l'ora di finirlo , e non ho avuto empatia per Tara , anche se spesso l'avrei presa a schiaffi e la supplicavo di non tornare a casa .comunque da leggere anche per capire l'estremismo di certe religioni

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi