Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il rumore del mondo' di Benedetta Cibrario - Mondadori


Titolo: Il rumore del mondo || Autore: Benedetta Cibrario || Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 2 ottobre 2018 || Pagine: 756

L'ufficiale piemontese Prospero Carlo Carando di Vignon, di stanza a Londra, sposa Anne Bacon, figlia di un ricco mercante di seta. Quando, dopo essere stata vittima del vaiolo, arriva a Torino, Anne è molto diversa. La vita coniugale si annuncia come un piccolo inferno domestico, ma il suocero Casimiro la invita a occuparsi della proprietà del Mandrone, il cui futuro soltanto a lui - conservatore di ferro - sembra stare a cuore. Tra i due si stabilisce un'imprevedibile complicità e Anne matura amore e dedizione per la vita appartata e operosa che vi conduce. La storia della famiglia Vignon si intreccia ai fili dello spirito del tempo, e non di meno a quelli della seta. Anne Bacon scopre come conquistarsi un posto nella storia di un paese non ancora nato, di un orizzonte ideale che infiamma il mondo. Progressisti e conservatori, al di là degli schieramenti politici, si trovano davanti alla necessità di rispondere al cambiamento e lo fanno agendo - nell'economia, nel costume, nella morale, nella cultura. E l'Italia appare, vista da lontano (complici anime migranti come Anne, e il suo entourage femminile), vista come utopia e come sfida.



Volli  Sempre volli  Fortissimamente volli

Questo è ciò che posso dirvi del romanzo di Benedetta Cibrario, Il rumore del mondo, di cui mi sono innamorata a prima vista in uno dei miei soliti giri alla ricerca di nuove uscite.
Una copertina fantastica e una sinossi affascinante e l'acquisto è scattato, impulsivo e incontrollabile!

Ho deciso di approfittare di questo mese, noto per l'assenza di nuove uscite, per dedicarmi alle 750 pagine che compongono questo romanzo.
L'ho iniziato piena di aspettative, per rendermi conto, purtroppo, dopo poco più di 100 pagine, che qualcosa, in questo romanzo, non funzionava.

La storia è quella di Anne, giovane ragazza inglese, figlia di un mercante di stoffe, che nel 1838 sposa Prospero Carlo Carando di Vignon, un ufficiale piemontese.
I due si conoscono mentre Prospero è di stanza a Londra. L'amore è pressoché fulmineo e i giovani convolano a nozze.
Dopo poco, Prospero deve far rientro a Torino; Anne, un po' intimorita da questa partenza repentina e dall'idea di lasciare la famiglia così velocemente, decide di raggiungere Prospero in un secondo momento.
Mai scelta fu più infelice: durante il viaggio, infatti, la ragazza contrarrà il vaiolo e, nonostante la guarigione, arriverà a Torino completamente sfigurata.
Parrebbe quasi questo il motivo per cui il matrimonio tra lei e Prospero naufragherà miseramente. Così non è. 
Sin dall'inizio, infatti, l'autrice ci fa percepire quest'uomo come superficiale ed impulsivo. Indipendentemente dalla perduta bellezza della moglie, Prospero manifesta, già dal suo solitario rientro a Torino, delle perplessità sul matrimonio.
L'arrivo di Anne non farà altro che confermare i suoi pensieri: quel matrimonio affrettato è stato solo frutto di un'infatuazione già scemata; un errore, un grande errore.

Cosa non funziona in questo romanzo? La storia di Anne, del suo rapporto con Prospero, del suo adattamento alla vita e alla società torinese, rimangono, purtroppo, ai margini del romanzo, quasi fossero una scusa, un pretesto che l'autrice ha usato per snocciolare quello che è stato sicuramente un lungo lavoro di documentazione storica.

Il problema più grande, però, rimane l'eccessiva ed inutile prolissità concentrata su tanti e insignificanti, ai fini della storia, dettagli.
Per oltre 30 pagine ci troviamo a tavola con Anne, appena giunta a Torino, durante la prima cena in compagnia del marito e del suocero. Trenta pagine sulla bagna càuda e sul fritto misto piemontese son troppe anche per me che del cibo ho fatto una religione!
Allo stesso modo, ho trovato esagerate le pagine dedicate alla corrispondenza tra Anne e la sua famiglia: interi capitoli di fitto scambio di notizie tra Londra e Torino; notizie dettagliate quanto inutili!

Ho faticato tantissimo a terminare la lettura di questo romanzo. Ma questa cosa mi ha anche portata a riflettere: non sono mai stata una persona che fugge davanti a libri corposi; negli ultimi anni, per esigenze di blog, cerco di dilazionare la loro lettura riservandola a quei mesi, come appunto dicembre, in cui le novità editoriali sono quasi del tutto assenti.
Ho letto romanzi di oltre 1000 pagine in pochissimi giorni, tale era la loro bellezza ed intensità. 
Mi rendo conto, altresì, che un romanzo di questa mole possa intimorire lettori meno onnivori di me. Quindi mi sono chiesta a che pro un'autrice decida di impegnare tanto tempo nella scrittura di una storia come questa, talmente pregna di superfluo da poter essere ridotto, eliminando tutto, ad un libro di media lunghezza.

Il problema fondamentale di questo romanzo, come detto, sta nell'infinita serie di inutili dettagli, eccessive descrizioni, esagerate informazioni che la Cibrario ci propina. Tutto questo a discapito di una trama che avrebbe potuto svilupparsi in maniera molto interessante.
I personaggi, anche loro, rimangono fagocitati da tutto questo "troppo": sono indefiniti, impalpabili, quasi delle ombre che vagano smarrite tra le Langhe piemontesi.

Ho terminato la lettura di questo romanzo spinta un po' dalla speranza di un improvviso miglioramento quanto dall'assillante pensiero dei 22 euro spesi per acquistarlo!


Commenti

  1. Cosa strana la tua recensione non mi ha dato nulla del libro. Cioè mi hai detto che pur avendo avuto tra le mani un libro prolisso di informazioni si evince che non ti hanno toccato minimamennte tanto che tranne il nome dei due protanisti altro non ti ha lasciato almeno da quello che ho letto. Altre recensioni seppur negative sono più corpose.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi