Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il meglio di noi' di Francesco Gungui - Giunti


Titolo: Il meglio di noi || Autore: Francesco Gungui || Editore: Giunti 
Data di pubblicazione: 27 marzo 2019 || Pagine: 250

È davvero possibile imparare a vivere meglio quando la vita sembra avere la meglio su di te? Sara ancora non lo sa. Dopo anni di crisi, lei e Michele hanno deciso di separarsi e devono solo trovare il coraggio di dirlo al figlio, Nicolò, sei anni, un bambino tanto sensibile e creativo, affetto da una forte dermatite che lo spinge a grattarsi a sangue durante la notte. Quando finalmente tutto è deciso, Michele ha un incidente che d'improvviso porta alla luce una triste verità: «Quindi non ci bastano i soldi? Dobbiamo rimandare tutto?» è la domanda allibita di Sara. Vivere da separati in casa diventa l'unica scelta possibile. Ma Sara capisce che deve fare qualcosa, deve trovare una strategia per sopravvivere. La psicologa, le ricerche in rete fino a notte fonda non sembrano portare a niente. Forse è tempo di provare qualcosa di diverso. Ma per orientarsi in questo mondo di manuali self-help, di blog su "come essere felici", teorie motivazionali di esuberanti coach e sedicenti guru, serve una guida. A volte l'aiuto che di cui hai bisogno è proprio dietro l'angolo, il maestro arriva quando il discepolo è pronto. Poche parole prima di iniziare un'avventura che cambierà il futuro di Sara: «Tu sei l'eroina, tuo è il viaggio. È ora di prendere in mano la tua vita».





Mi sono approcciata a questo romanzo con qualche perplessità (dovuta principalmente ad una trama che appare, ad un primo sguardo, abbastanza banale), ma anche con grande fiducia nella scrittura di Francesco Gungui, che tanto avevo amato nel suo precedente romanzo.
E invece, ahimè, la lettura di questo libro si è rivelata noiosa e, a tratti, spossante.

Questa storia potrebbe dividersi in due parti distinte e separate: la parte iniziale e finale del romanzo, in cui l'autore ci racconta le vicende di Sara e Michele, una coppia di quarantenni milanesi alle prese con un'imminente separazione.
La parte centrale del libro, invece, è una perfetta sintesi di tutti quei manuali di auto-aiuto che troviamo in libreria.

Ma analizziamo i dettagli: Sara e Michele, come detto, vivono a Milano, hanno circa 40 anni, sono genitori di Nicolò, 6 anni, affetto da una forte dermatite che lo porta a grattarsi sino a ferirsi.
I due hanno deciso di separarsi e hanno già pianificato tempi e modi, quando Michele ha un incidente che manda per aria tutti i loro piani, non tanto per lo stato di salute del marito, quanto per le difficoltà economiche che gli impediscono di andare via di casa e provvedere al mantenimento di moglie e figlio.
Questa parte della storia solleva già qualche perplessità: indipendentemente dall'incidente, Michele era già in cattive acque, quindi come avrebbe fatto ad andare via di casa? Gungui liquida tutto in maniera frettolosa, mettendo in bocca al personaggio due risposte scontate e banali.

Questo inizio di romanzo avrebbe comunque potuto rivelarsi, almeno in parte, divertente e strappare qualche risata al lettore, se l'autore non avesse creato dei personaggi che definire pesanti è segno di grande gentilezza.
Michele è il classico quarantenne in carriera, telefono sempre alla mano, un po' farfallone, costantemente distratto, quasi del tutto estraneo a quelle che sono le dinamiche domestiche e familiari.
Il suo personaggio, tra l'altro, rimane abbastanza marginale nell'economia della trama, risultando quasi solo uno spunto per la tessitura della storia.
Sara... che dirvi di lei? Se la canta e se la suona da sola per per tutto il romanzo. Pignola, precisa, ansiosa... la classica rompiballe! Guarda il marito come fosse una cacca di cane su un marciapiede e idolatra il figlio manco avesse messo al mondo Steve Jobs!
Nicolò... oh caro, piccolo odioso bambino! Sei anni e sembri mio nonno; sei anni e sei noioso come una partita dell'Inter e fastidioso come la sabbia nelle mutande. D'altronde, con una madre come la tua, cosa ci si potrebbe aspettare?

Quando pensavo di aver toccato il fondo, ecco arrivare Achille, il male fatto personaggio!
Achille è il proprietario della libreria presso cui lavora Sara. È un personaggio che, inizialmente, ci appare molto sopra le righe, che poteva davvero diventare la parte ironica e leggera di questo romanzo.
Ma no! Gungui decide di renderlo più antipatico di tutti gli altri personaggi messi assieme e lo fa "vestendolo" da guru del self-help.

Mettendo da parte quello che può essere il pensiero personale su libri/corsi/video di auto-aiuto, il problema di questo romanzo risiede proprio nell'eccessiva presenza di tutto ciò.
L'intera parte centrale del libro è una sorta di corso su come amare se stessi, sui Chakra (l'ooooodio!), sul pensiero positivo e su tutte quelle fregnacce che attirano, spesso, chi avrebbe solo bisogno di un po' di autostima e di quattro chiacchiere con un'amica (che, tra l'altro, sono gratis!).

Cosa salvo di questo libro? La scrittura di Gungui, che rende la storia scorrevole, e la lunghezza: più di 250 pagine non sarebbero state sopportabili: Anche se, a ben guardare, il tutto si sarebbe potuto ridurre ad un racconto di un centinaio di pagine.


Commenti

  1. Io penso positivo, perché son vivo, perché son vivo!
    Vabbè la smetto con Jovanotti.
    Mi dispiace che il libro non ti sia piaciuto, a me alla fine è piaciuto ma è questo il bello di questo mondo.
    La parte Self help è veramente troppa, anche perché, come te, non sono una persona che apprezza questo genere di libri. A volte mi sembrano delle esagerazioni...

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i