Passa ai contenuti principali

Recension 'Il quaderno dell'amore perduto' di Valérie Perrin - Nord



IL QUADERNO DELL'AMORE PERDUTO || Valérie Perrin || Editrice Nord || 16 luglio 2020 || 348 pagine

La vita di Justine è un libro le cui pagine sono l'una uguale all'altra. Segnata dalla morte dei genitori, ha scelto di vivere a Milly - un paesino di cinquecento anime nel cuore della Francia - e di rifugiarsi in un lavoro sicuro come assistente in una casa di riposo. Ed è proprio lì, alle Ortensie, che Justine conosce Hélène. Arrivata al capitolo conclusivo di un'esistenza affrontata con passione e coraggio, Hélène racconta a Justine la storia del suo grande amore, un amore spezzato dalla furia della guerra e nutrito dalla forza della speranza. Per Justine, salvare quei ricordi - quell'amore - dalle nebbie del tempo diventa quasi una missione. Così compra un quaderno azzurro in cui riporta ogni parola di Hélène e, mentre le pagine si riempiono del passato, Justine inizia a guardare al presente con occhi diversi. Forse il tempo di ascoltare i racconti degli altri è finito, ed è ora di sperimentare l'amore sulla propria pelle. Ma troverà il coraggio d'impugnare la penna per scrivere il proprio destino?


Valérie Perrin è stata la mia cura durante il primo lockdown: Cambiare l'acqua ai fiori, con la sua protagonista, Violette, è stato il palliativo della mia anima.
Leggere questo romanzo dopo due letture non proprio felici, quindi, mi sembrava un'ottima scelta! E, a grandi linee, lo è stata. 

Il quaderno dell'amore perduto è, in realtà, il primo romanzo dell'autrice francese e, durante la lettura, si percepisce una certa immaturità nella scrittura, soprattutto per la scelta narrativa di una parte del romanzo.
Questa storia si dipana su un doppio piano temporale: nel presente troviamo Justine, una giovane ragazza cresciuta con i nonni dopo aver perso entrambi i genitori quando era molto piccola.
Justine ama gli anziani e lavora in una casa di riposo, nella quale, oltre ad occuparsi degli ospiti, ascolta le loro storie, raccogliendole in un quaderno dalla copertina azzurra.
E proprio da questo quaderno scopriremo, spostandoci nel passato, la storia di Héléne, una delle ospiti dell'ospizio.

Esattamente come la storia si dipana su due piani temporali, anche il mio pensiero su questo libro si divide nettamente a metà: il racconto della vita di Hélène, che ripercorre la sua gioventù, lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, la perdita del suo grande amore è affascinante e dolce e si divora in poco tempo.
La lettura, però, rallenta notevolmente quando si ha a che fare con i capitoli che raccontano la vita di Justine. Benché potrebbe essere interessante scoprire come sia cresciuta questa ragazza e quali cicatrici abbia lasciato in lei la perdita dei genitori, purtroppo Perrin si concentra più sul presente della sua vita, ma lo fa lasciando grandissimi vuoti narrativi, tanto che mi sono ritrovata più volte a chiedermi se, involontariamente, non avessi saltato qualche pagina!
Ci sono state parti del racconto che sembravano buttate lì a caso, rapporti e dialoghi tra Justine e Roman, il giovane nipote di Hélène, che sembravano "eccessivi", quasi i due avessero instaurato un rapporto all'insaputa dell'ignaro lettore!

Questa cosa, durante la lettura, mi lasciava basita, tanto che mi sono ritrovata a chiedere aiuto alla Bacci, che di recente ha letto il romanzo. La sua supposizione è stata che Roman parlasse di Justine con Hélène e che, per questo motivo, sapesse molte cose della ragazza. 
Il discorso potrebbe filare, in effetti, ma io ho continuato a provare, per tutta la lettura, un senso di insoddisfazione e incompletezza, come se fossi stata privata di una parte del racconto.

Nel sottobosco della narrazione troviamo un "mistero" che pare avvolga la morte dei genitori di Justine, ma viene buttato lì tra una cosa e l'altra, quasi l'autrice volesse incuriosirci, ma poi lasciarci a bocca asciutta.
Questo "mistero" pare trovare soluzione... circa... diciamo che viene fatta una sconvolgente supposizione che, però, mai verrà accertata, verso la fine del libro.

Nell'insieme Il quaderno dell'amore perduto è un bel libro, nel quale si intravede ciò che la Perrin diverrà nel romanzo successivo, ma, forse, sarebbe servito un più attento lavoro di editing, qualche "aggiustatina", qualche aggiunta, qualche correzione alla trama per ottenere una storia di un livello decisamente superiore.

Certamente non siamo ai livelli di Cambiare l'acqua ai fiori, dove sia la protagonista che la storia raccontata racchiudono una dolcezza e un dolore, un'intensità di emozioni e una delicatezza difficilmente replicabili.
Il mio consiglio, quindi, è di leggere questo romanzo solo se non avete già conosciuto Violette!

Commenti

  1. Mi fa davvero piacere aver letto la tua recensione! Questa è un'autrice che vorrei proprio leggere quest'anno :) (sono avventure_di_carta su IG!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia!!! Ma che bello leggerti anche qui <3 Io la Perrin te la consiglio caldamente, ma se vuoi leggere entrambi i romanzi, parti da questo, mi raccomando!

      Elimina
  2. A questo romanzo riconosco un grande pregio- e cioè, quello di essere uno dei pochi che sono riuscita a concludere, in un 2020 sventurato anche dal punto di vista delle letture. Sul resto, concordo con te: forse ci sono delle responsabilità anche dal punto di vista dell'editing - oltre ai "vuoti" citati da te, io ho trovato tante ridondanze, tante pagine inutili... due o tre sforbiciate non gli avrebbero fatto male. Ma hai ragione, meglio leggere questo prima di Cambiar l'Acqua ai Fiori (d'altronde, prima l'ospizio, poi il cimitero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una sequenza naturale, hai ragione!
      Io, invece, durante il primo lockdown ho avuto il piacere di essere accompagnata da Violette, che mi è rimasta nel cuore anche un po' per quello!

      Elimina
  3. Ciao! Io ho appena finito "Cambiare l'acqua ai fiori", che dire, staccarmi da Violette è stato doloroso. Ho adorato il suo personaggio e tutta la storia. Ho pianto, ho sorriso, ho sofferto con lei. Mi accingo adesso a leggere il suo primo romanzo. Spero che non mi deluda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è brutto, ci mancherebbe. Ma leggerlo dopo aver conosciuto Violette è un po' destabilizzante.

      Elimina
  4. Ciao, rispetto la tua opinione ma non la condivido. Non ho percepito i vuoti di trama di cui parli, il rapporto fra Roman e Justine sembra intenso perché sono accomunati da Helene e dalla sua leggenda. Io l'ho trovato un bellissimo romanzo, scritto con uno stile poetico e suggestivo, come già Cambiare l'acqua ai fiori che ho letto mesi prima di questo e che ho adorato. A mio avviso il secondo romanzo supera il primo di poco, più che altro nella caratterizzazione dei personaggi (Violette è l'amica che vorrei) e nell'ironia di fondo che pervade tutto il libro e che qui è presente raramente.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo