Passa ai contenuti principali

Recensione 'La figlia del Reich' di Louise Fein - Sonzogno

 


LA FIGLIA DEL REICH || Louise Fein || Sonzogno || 27 maggio 2021 || 480 pagine

Lipsia, anni Trenta. Hetty è una ragazza impetuosa e piena di entusiasmo, cresciuta nei luminosi valori di rinascita predicati dal Führer. Crede ciecamente in lui e nella sua visione di una grande Germania, come crede nell'affetto della sua famiglia, nella solidità del padre – un importante ufficiale delle SS – e nella sacra ambizione dell'adorato fratello Karl, che si è appena arruolato nella Luftwaffe. Le certezze di questo mondo perfetto cominciano a incrinarsi quando rivede Walter, che era stato il migliore amico del fratello ed è ormai bandito dalla loro casa. Perché Walter è ebreo. Ma agli occhi di Hetty resta il ragazzo gentile e affascinante che tanti anni prima l'aveva salvata dalle acque del lago, il solo che ancora adesso riesca a strapparle un sorriso e sembri interessarsi ai suoi sogni. Come può una persona così generosa essere perseguitata? Giorno dopo giorno, durante incontri segreti e fugaci, lui le svela gli aspetti oscuri del Reich, gliene fa conoscere il lato feroce e violento, la porta a interrogarsi sul vero significato dei principi a cui è stata educata. Hetty è confusa, diffidente, lacerata, ma quei loro appuntamenti diventano sempre più indispensabili. Per capire, per sfuggire all'atmosfera oppressiva che respira a casa e, forse, per innamorarsi per la prima volta.



Negli ultimi anni mi sono tenuta lontana da romanzi incentrati sulla Shoah, sul nazismo e, più in generale, che avessero per protagonisti gli ebrei.
Il motivo, più semplice di quel che si creda, è che avevo la sensazione che quei libri fossero diventati uno strumento commerciale più che un modo per far sì che nessuno di noi dimentichi quanto di atroce è accaduto.
Da qualche mese a questa parte, mi sono riavvicinata a questo genere di storie, facendo molta attenzione nel selezionarli ed evitando di concentrarmi su quelli che vengono spacciati per diari rinvenuti in qualche polverosa soffitta.

La figlia del Reich mi ha colpita per la sua trama, che promette di farci conoscere una ragazza totalmente dedita all'ideologia nazista.
Tra queste pagine, però, si annida molto di più: una storia forte, che fa leva su sentimenti quali l'amicizia, l'amore e l'odio; dei personaggi talmente ben costruiti da sembrare reali e, infine, la scrittura di Louise Fein, che rende tutto vivido e tremendamente doloroso.

Herta è la figlia adolescente di un alto funzionario delle SS; cresciuta ed educata da perfetta ariana convinta della superiorità e della purezza della sua razza, Herta, all'inizio del romanzo, venera Hitler come fosso un Dio in carne e ossa, un essere giusto e superiore, il cui unico scopo è il bene del suo popolo.

Saranno i ricci biondi e i profondi occhi azzurri di Walter a portarla a porsi delle domande e, nel tempo, a mettere in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto.
Walter è quel ragazzo sempre allegro che, quando lei era appena una bambina, l'aveva salvata dall'annegamento; Walter, il miglior amico di suo fratello, che, da un giorno all'altro, lo ha allontanato come fosse un appestato.
Quando Herta lo rincontrerà, dovrà fare i conti con ciò che le è stato inculcato e ciò che, invece, il cuore le suggerirà di fare.
Non dovrei parlare con un ebreo. Ma questo è Walter.
Nella prima parte del romanzo assisteremo alla nascita dell'amore tra i due ragazzi; un amore sbagliato per le leggi dell'epoca e che li porterà a dividersi tra la paura, il desiderio di stare assieme e la consapevolezza del rischio che questo comporta per entrambi.
Allo stesso modo, accompagneremo Herta nel suo percorso verso il cambiamento e l'acquisizione di quella consapevolezza che le farà capire che ciò che le è stato insegnato non è giusto e che Hitler non è quel padre amorevole che pensa al bene del popolo tedesco, bensì un dittatore assetato di potere.
Fino a oggi avevo sentito sempre e solo una campana, ed è così strano ascoltare la tua versione, quando racconti della vostra storia di sofferenze e privazioni.
La figlia del Reich ci racconta sei anni di vita di Herta e Walter, spaziando in maniera sublime ed equilibrata tra narrazione e alcune pagine del diario della protagonista stessa.
Nulla è lasciato al caso e nessun personaggio di questa storia rimane mai ai margini della trama, ognuno racchiuso nel ruolo perfetto e funzionale che l'autrice ha disegnato per loro.
Questa non è una storia incentrata solo sull'amore impossibile tra i due protagonisti; tra queste pagine troveremo anche amicizia e rapporti familiari fatti di segreti e ricatti.
In un'epoca in cui era quasi impensabile potersi fidare di qualcuno, Herta capirà, spesso a sue spese, che l'apparenza inganna e che le persone che più dovrebbero amarla, diverranno i suoi principali nemici.

Ho amato questo romanzo sin dalle prime righe, conquistata dalla scrittura fluida dell'autrice. Ho sentito le pagine scivolare alacremente tra le mie dita, mentre le parole scorrevano veloci davanti ai miei occhi e io facevo uno sforzo, inutile, per rallentare la lettura.
Herta è stata la mia compagna in questi primi pomeriggi che sanno d'estate: l'ho criticata, ma poi mi sono sforzata di capirla, ripetendo a me stessa che ogni bambino è un foglio bianco e che su quel foglio siamo noi adulti a scrivere.
L'ho vista crescere e capire e, assieme a lei, sono giunta alla fine di questo romanzo, con le lacrime che scorrevano copiose sul mio volto e il cuore a pezzi.

Nella nota finale, Louise Fein ci racconta una parte della sua storia familiare e di come questo romanzo serva a farci vedere i parallelismi tra la Germani della anni Trenta e i giorni nostri.
L'autrice è figlia di un ebreo che riuscì a lasciare al Germania e trasferirsi in Inghilterra grazie a un permesso temporaneo.
Quest'uomo, negli anni a venire, si è sempre rifiutato di parlare della sua vita in Germania, tanto che anche Louise ha impiegato anni per confessare le origini ebraiche del padre.

In questo romanzo c'è una stilla del dolore del padre di Louise. Un dolore che, probabilmente, Louise porta dentro quasi inconsapevolmente, ma che le è servito per far arrivare a noi la sofferenza di un intero popolo.
Loro, noi, siamo soltanto persone.



Ringrazio la Casa Editrice per avermi fornito una copia del romanzo




Commenti

  1. Questo è un genere da cui di solito mi tengo lontana, per il tuo stesso motivo: alla fine, mi sembrava una vera e propria pornografia, lucrare sulla tragedia più drammatica del secolo più tragico della storia. Preferisco rileggere i grandi classici, visto che ogni volta scopro sfumature che mi erano sfuggite o spunti di riflessione su cui non mi ero soffermata prima. Però ormai di te mi fido, per cui darò una chance a questo romanzo: appena esco dal tourbillon di questo periodo, meglio :)

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Il Giveaway per Babbani e Creature Magiche - Terza tappa

Buongiorno!!! Siete pronti? Siete caldi (oddio, che sembro Madonna?!)? Oggi inizia la terza tappa del giveaway per Babbani e Creature Magiche nato dalla collaborazione con  La biblioteca di Eliza   e le Due Lettrici quasi Perfette . Avete fatto in tempo a rispondere alle domande della seconda tappa? Vi sono sembrate facili? Pensate di aver indovinato tutto? Vediamo un po'... DOMANDA 1. Questa è l'immagine completa da cui era stato tratto il particolare dell'illustrazione... Mrs Norris, la gatta del custode, pendeva appesa per la coda dal braccio della torcia. Era rigida come uno stoccafisso e gli occhi spalancati fissavano il vuoto (capitolo 8). DOMANDA 2. Cos'è un Rivelatore? Oggetto che somiglia ad una gomma da cancellare di colore rosso acceso, usata da Hermione sul diario di Tom Riddle (capitolo 13). DOMANDA 3.  A cosa servono Mosche Crisopa, sanguisughe, erba fondente, centinodia, polvere di corno Bicorno, pelle tritata di Girilacco? Sono g