Passa ai contenuti principali

Recensione 'Donnafugata' di Costanza DiQuattro - Baldini+Castoldi

DONNAFUGATA || Costanza DiQuattro || Baldini+Castoldi || 10 settembre 2020 || 208 pagine

Donnafugata è un luogo, a due passi da Ragusa, tra carrubi secolari, muri a secco e campagna scoscesa. Donnafugata è un tempo, l’Ottocento, tra dominazione borbonica, moti di fierezza popolare e alba della dignità operaia. Donnafugata è un casato, tra i più antichi di Ibla, che di quella terra e quei giorni incarna gioie, patimenti e futuro. Alla sua testa c’è lui, il barone Corrado Arezzo De Spucches, di cui il libro è quasi un diario privato: da quando, ginocchia sbucciate e balia Annetta appresso, scappava bambino da don Gaudenzio e quella camurria del suo rosario; agli anni in cui, ragazzo, compie gli studi a Palermo e lì fa sua la voglia di rivoluzione; a quelli in cui, marito, padre e poi nonno, vive e invecchia «circondato dalle fimmini», amandole tutte teneramente e sopravvivendogli con il cuore spaccato.


La famigerata, spaventosa prima lettura dell'anno; quella da scegliere con estrema attenzione, pena incappare in un brutto libro, presagio funesto di un anno pessimo dal punto di vista letterario!
Che trucchi usare? Affidarsi ad autori già letti e non uscire mai dalla propria zona di comfort... facile facile!
Mai cercare di sperimentare qualcosa di nuovo e sconosciuto, per quello avremo davanti a noi dodici lunghi mesi!

Per iniziare questo 2022, ho deciso di scegliere il romanzo di un'autrice scoperta pochi mesi fa proprio grazie al suo ultimo libro, Giuditta e il monsù, e della cui penna mi sono innamorata incondizionatamente!
Ed è stato proprio lo stile la prima cosa che ho ritrovato tra queste pagine: una scrittura che ha la capacità di farmi sentire subito a casa!

Sono tornata in Sicilia, tra le strade conosciute di Ragusa Ibla e le stanze fresche del Castello di Donnafugata, dove, ad attendermi, ho trovato il Barone Corrado Arezzo. Sono tornata a respirare quell'aria che sa di gelsomino e zagara e a guardare quel cielo così azzurro da fare quasi male agli occhi! E mentre stavo seduta all'ombra di un albero, il Barone ha iniziato a raccontarmi la sua vita, una vita fatta di gioie e benessere, ma anche di grandi dolori e perdite.
E chissà cosa succede a un uomo che non sa piangere quando d'un tratto tutte le lacrime soffocate di una vita sgorgano prepotenti senza controllo. Forse ci si sente sommersi o forse finalmente liberi.
Non aspettatevi una storia lineare, perché tra queste pagine troverete, in un intreccio che spazia equilibratamente tra diario ed epistole, quasi un terzo di secolo di vita del Barone e della sua famiglia.
Dall'amicizia di lunga data col tuttofare Micheluzzo ai moti rivoluzioni di gioventù, passando per la consapevolezza che mai la Sicilia sarebbe diventata quel "centro" d'Italia tanto voluto,
È un destino ingiusto quello di questa terra, condannati a sopravvivere per far vivere chi ci comanda.
DiQuattro ci racconta un uomo di un tempo che fu, un uomo d'onore, attaccato alla sua terra e alla famiglia, di quelli che si seguono rimanendo sempre un passo indietro, ma che sono altrettanto pronti a correre in aiuto di chi ha bisogno.

Quasi avessimo davanti agli occhi un delicato acquerello, assisteremo allo scorrere della vita di questo uomo e degli eventi più importanti della stessa senza che nulla, se non le fasi più salienti, venga approfondito.
Questa scelta ha un doppio risvolto: se da una parte la narrazione rimane leggera e scorrevole, dall'altra pecca, a volte, di un necessario approfondimento.

In alcune parti, inoltre, è stato un po' destabilizzante il continuo balzo avanti e indietro negli anni, che porta a una certa confusione relativa, soprattutto, ai particolari della vita privata del Barone, che passa, davanti allo sguardo del lettore, dall'essere un giovane uomo all'età matura per poi tornare ragazzo, nell'arco di poche pagine.
Proprio il Barone Arezzo, però, è il punto forte, la roccia sulla quale questa storia si regge; un personaggio che entra prepotentemente nel cuore di chi legge e lo attraversa a passo svelto, proprio come ha fatto nella sua vita: lo sguardo sempre dritto davanti a sé, le spalle larghe... e poi, pian piano, i capelli che si incanutiscono, gli occhi che si velano, il corpo, quel corpo forte e fiero che tante tempeste ha affrontato, che pare quasi ripiegarsi su sé stesso.
Ci saluta così il Barone Corrado Arezzo: seduto in poltrona, una mano sul bastone e lo sguardo perduto nel nulla.

Grazie, Oscenza, per avermi accolta in casa vostra. Ne fui onorata assai.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Il Giveaway per Babbani e Creature Magiche - Terza tappa

Buongiorno!!! Siete pronti? Siete caldi (oddio, che sembro Madonna?!)? Oggi inizia la terza tappa del giveaway per Babbani e Creature Magiche nato dalla collaborazione con  La biblioteca di Eliza   e le Due Lettrici quasi Perfette . Avete fatto in tempo a rispondere alle domande della seconda tappa? Vi sono sembrate facili? Pensate di aver indovinato tutto? Vediamo un po'... DOMANDA 1. Questa è l'immagine completa da cui era stato tratto il particolare dell'illustrazione... Mrs Norris, la gatta del custode, pendeva appesa per la coda dal braccio della torcia. Era rigida come uno stoccafisso e gli occhi spalancati fissavano il vuoto (capitolo 8). DOMANDA 2. Cos'è un Rivelatore? Oggetto che somiglia ad una gomma da cancellare di colore rosso acceso, usata da Hermione sul diario di Tom Riddle (capitolo 13). DOMANDA 3.  A cosa servono Mosche Crisopa, sanguisughe, erba fondente, centinodia, polvere di corno Bicorno, pelle tritata di Girilacco? Sono g