Passa ai contenuti principali

Recensione 'Un litro di lacrime' di Kitō Aya

 

UN LITRO DI LACRIME || Kitō Aya || Rizzoli || 1 ottobre 2019 || 192 pagine

Nel vasto mondo asiatico, il diario di Kito Aya ha conosciuto un successo inarrestabile: pubblicato sul finire degli anni Ottanta in Giappone, ha venduto oltre un milione di copie. Una platea affollata per il racconto in prima persona di una ragazzina quindicenne che ha ispirato e incantato un intero continente. Aya racconta dieci anni della propria vita, racconta l'adolescenza e l'inizio dell'età adulta, una vita come tante, ma senza prospettiva, un'esistenza minata dalla malattia, ecco la differenza. Ed è racchiusa qui la potenza di queste pagine: nella ribellione, nell'ironia, nella fragilità che si trasforma in forza, che fanno di Aya un simbolo, una figura di culto. Perché, al di là della sua particolare condizione, è riuscita a gridare con voce limpida cosa vuol dire diventare grandi, e a contare quante lacrime servono per affrontare le sconfitte.


Non amo la letteratura giapponese, non l'ho mai letta, non mi affascina e penso che, dopo questo libro, non ci sarà un secondo approccio!
Il motivo per cui ho deciso di leggere Un litro di lacrime è che le Sciallette lo hanno scelto come lettura di gruppo per la Escape Ciambelle, la challenge che ho organizzato assieme a Lallina e alla Bacci.
Ho dato un'occhiata alla trama, che mi ha incuriosita e, complice anche l'avere a disposizione l'audiolibro, ho pensato che questo libro potesse essere un buon esordio per me nel mondo della narrativa orientale.
Ecco, l'audiolibro è l'unico motivo per il quale non ho mollato questo romanzo che, nonostante la sua brevità (appena 190 pagine), riesce  essere mortalmente noioso.

Mi sono chiesta se fosse il caso di scrivere una recensione, in quanto Un litro di lacrime non è un romanzo, ma il diario, pubblicato postumo, di Kitō Aya, una ragazzina che, all'età di 14 anni, scoprirà di essere affetta da atassia spinocerebellare, una malattia neurodegenerativa che la porterà, col tempo, alla paralisi totale e, infine, alla morte.

Si può "giudicare" un diario? Si può analizzare la vita di una persona, scritta di suo pugno, nel pieno di una diagnosi e di una malattia che lo porterà alla morte? Sì, nel momento in cui questo viene "dato in pasto" al lettore, diventa "giudicabile".
Il problema più grande che ho nel parlarvi della storia di questa ragazza, però, è che io di emozioni non ne ho provate affatto.

Ho affrontato questa storia esattamente come me l'ha narrata la sua protagonista: freddamente, con distacco.
Non è che Aya non si disperi per ciò che le sta accadendo, è che lo fa "da giapponese" e allo stesso modo ne scrive nel suo diario, che si trasforma in una sorta di cronaca asettica dell'evoluzione della sua malattia, intervallata da episodi di vita quotidiana che ci mostrano quanto la scuola giapponese non "tolleri" la presenza di persone non in grado di svolgere le normali attività quotidiane, spingendo sempre più ferocemente questa ragazza verso un istituto per disabili.
In egual misura, famiglia e amici spariscono sempre più sullo sfondo di questa storia; solo la madre rimane una presenza costante nella vita di Aya, tanto da essere protagonista del diario sia nella scelta di farlo pubblicare dopo la morte della figlia che nell'aggiungere, di suo pugno, un capitolo finale.
Speravo che almeno la sua "voce", quella di una madre che ha visto la figlia morire giovanissima, riuscisse a scuotermi, ma anche questo caso l'elettrocardiogramma è rimasto piatto.

Sicuramente, il modo di essere dei giapponesi, il loro riserbo, quel pudore nei confronti delle emozioni che li contraddistingue da sempre, ha inciso non poco sulla stesura di questo diario.
Ma proprio questo loro modo di (non) esternare i sentimenti, rende asettica una lettura che, invece, dovrebbe lacerare l'anima di chi la affronta.

C'è stato un momento, a fine lettura, nel quale mi sono chiesta se il problema non fossi io e così sono andata a spulciare le recensioni su GoodReads. Ed è qui che la mia recensione potrebbe avere un sottotitolo: "La strana incapacità degli italiani di essere obiettivi di fronte alla malattia"!
È stato stupefacente scoprire come in Italia nessuno abbia dato un voto inferiore a 4 stelle; quando ci si sposta alle recensioni straniere, invece, ecco che fioccano le stroncature!
C'è poco da dire: noi italiani non siamo in grado di scindere l'aver davanti la storia di una ragazza malata da quello che, in realtà, questa storia trasmette e cioè nulla!

Un litro di lacrime è una storia che potrebbe sicuramente essere d'aiuto a chi sta affrontando una malattia, purché questa persona appartenga alla stessa cultura della narratrice.
In caso contrario, preparatevi ad affrontare quasi 200 pagine di freddo glaciale!


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo