Recensione 'Quel che resta' di Virginie Grimaldi - Edizioni e/o

QUEL CHE RESTA
Virginie Grimaldi
Edizioni e/o
28 febbraio 2024
280 pagine


Théo ha diciott’anni e alle spalle una vita difficile fatta di abbandoni, delusioni e sogni infranti. Tuttavia la affronta con tenacia, ha trovato lavoro come apprendista pasticcere e sta disperatamente cercando un alloggio. Nonostante la sua caustica ironia è un ragazzo buono e vuole credere che la vita possa riservargli un futuro migliore. Jeanne ha settantaquattro anni, è sola e triste. Da quando ha perso il marito, pochi mesi prima, vive di lacrime, ricordi e visite quotidiane al cimitero. Non vede sbocchi al suo sconforto, vivere le sembra ormai inutile. Iris ha trentatré anni ed è in fuga con una valigia verde. Ha lasciato la sua città, il suo uomo, il suo lavoro, ha cambiato numero di telefono e troncato i rapporti con tutti, e si nasconde a Parigi con la sola compagnia del segreto che si porta dentro. Provvede il destino a mettere quelle tre solitudini sotto lo stesso tetto. E la convivenza forzata, da principio sgradita a tutti, si rivelerà una fonte inesauribile di eventi esilaranti o commoventi, ma comunque significativi, che cambieranno completamente la vita dei tre protagonisti. Con una scrittura fluida che trasuda ironia, Virginie Grimaldi ci ricorda che vivere è comunque e sempre la cosa più importante e che talvolta le speranze si concretizzano.


Tre vite che si intrecciano, tre esistenze apparentemente diverse e distanti che si annodano pian piano sino a comporre un'unica trama.

Jeanne ha perso il suo amato Pierre da pochi mesi e la sua vita è andata in frantumi: tutte quelle consuetudini, quei piccoli gesti e le abitudini quotidiane hanno perso ogni senso; la giornata inizia e finisce senza Pierre e per lei nulla ha più senso se non quel poco tempo che, quotidianamente, riesce a trascorrere al cimitero. Lì si accomoda davanti alla lapide e racconta a Pierre ciò che accade nella sua vita e in quella delle persone che conoscevano; esattamente come quando, ogni sera, a cena, si raccontavano le loro giornate, Jeanne cerca di trasformare il suo soliloquio in uno di quei semplici dialoghi tra coniugi di lunga data.
Iris ha 28 anni e sta fuggendo da una delle sue ennesime cicatrici, la più grande, la più dolorosa: un amore tossico e malato che, per anni, le ha impedito di essere sé stessa. E a darle la forza di fuggire è stato qualcosa di inaspettato e immenso: una nuova vita!
E poi c'è Théo, 18 anni appena e una vita disastrosa alle spalle: una madre alcolizzata e un viavai continuo da una serie di istituti. Appena maggiorenne, fugge via e cerca un lavoro da apprendista pasticciere; vive in auto, davanti a una casa con le persiane blu, che racchiude, tra le sue mura, qualcosa che per Théo è prezioso quanto inarrivabile: una famiglia.

Jeanne, Théo e Iris sono tre fili sparsi, ognuno perso nel proprio dolore e nella propria solitudine. Le loro vite si intrecciano quando Jeanne, per arrotondare un po' la misera pensione con cui deve sopravvivere, decide di affittare una stanza del suo appartamento. Ma a quell'annuncio rispondono in due, nello stesso momento: Théo e Iris. E Jeanne, che in effetti di camere libere ne ha due, decide di accoglierli entrambi.

Quel che resta è il "classico" romanzo di Virginie Grimaldi, un'autrice che, sin dai suoi esordi, ci ha abituati a storie tenere e divertenti che nascondo, tra le loro pagine, momenti di dolore intenso, ma non sfociano mai nella pesantezza.
Durante la nostra esistenza incontriamo migliaia di persone con le quali creiamo legami invisibili che fanno di noi quello che siamo.
Le storie dei tre protagonisti si intrecciano pian piano, trasformando essi stessi da semplici coinquilini che nulla hanno, apparentemente, in comune, in un trio che usa l'ironia, il sarcasmo e, perché no?, anche le lacrime, per aiutarsi a vicenda.
Pian piano, quelle che inizialmente sono semplici cene casuali consumate nello stesso momento e allo stesso tavolo, si trasformano in momenti di dialogo, confronto e incoraggiamento reciproco.

Ognuno di loro ha molteplici sfaccettature, che Grimaldi ci racconta con la leggiadria che contraddistingue la sua penna!
E così, mentre il primo capitolo ci colpirà allo stomaco con un inaspettato colpo di scena già alla seconda pagina, nelle ultime righe ci renderemo definitivamente conto di quanto davvero la vita possa essere sorprendente e riservarci sorprese e incontri del tutto imprevedibili.

Non c'è un personaggio che prevale sugli altri; le loro storie procedono in parallelo e ognuno di essi ci regala emozioni uniche. Jeanne si rende conto di quanto la sua vita si sia fermata assieme al cuore del suo amato Pierre e di quanto la sua innata tristezza, quasi un velo che le ha fatto compagnia per tutta la sua esistenza, debba definitivamente essere sollevato.
Iris è l'emblema della forza delle donne ed è stato piacevole notare che l'autrice non l'ha "sfruttata" per l'ennesima storia sulla violenza contro le donne o per parlare di femminismo e resilienza. Iris è una ragazza come tante che, come tante, è incappata nel ragazzo sbagliato, ma ha avuto la forza di aprire gli occhi e fuggire. Non è un'eroina, non è una sopravvissuta, non erge uno scudo a difesa di sé stessa, anzi... nel suo essere guardinga, le è facile lasciarsi andare, aprirsi agli altri, riprendere in mano la sua vita ripartendo da zero!

E poi c'è Théo! Ecco, lui, forse, riesce a scavare un po' più a fondo nel cuore del lettore! Lui che avrebbe tutte le carte in regola per essere il personaggio sopra le righe, quello problematico, insensibile, quello da convertire, è, invece, il più simpatico, il più divertente, il più pronto a gettarsi nella vita a capofitto!
Théo di calci ne ha presi tanti, di sofferenza ne ha vista e ne vede tanta. Eppure ha scelto di provarci, di buttarsi in quel marasma di strade parigine, di costruire qualcosa per sé, innanzitutto, e poi, chissà, per chi vorrà affiancarlo!
Tra una battutaccia e un sorriso sotto i baffi, Théo, Iris e Jeanne diventeranno Famiglia e noi non potremmo che guardarli da lontano e invidiarli anche un po'!

La Libridinosa

Cosa fai nella vita? Leggo!

Nessun commento:

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^