Passa ai contenuti principali

Recensione 'Terapia di coppia per amanti' di Diego De Silvia - Einaudi

terapia di coppia per amantiSINOSSI

Terapia di coppia per amanti è un romanzo a due voci, maschile e femmile, che si alternano a raccontare la loro storia mente la vivono, perché <<ci sono fasi dell'amore in cui la realtà diventa un punto di vista, generalmente quello di chi lo impone>>. Due adulti sposati (non tra loro) che si ritrovano uniti da una passione incontrollabile e da un amore coriaceo, particolarmente resistente alle intemperie.
Viviana è sexy, vitale e intrigante, e ha un notevole talento per i discorsi intorcinati. È combattuata fra restare amante e alleviare così le infelicità matrimoniali o sfasciarsi la vita per investire in un'altra. Modesto è meno chic, decisamente più sboccato e sbrigativo nella formulazione dei concetti, ma abilissimo nell'auto-assoluzione. Spara battute a spoposito per svicolare, e fa pure ridere. Moderatamente vigliacco, aspirerebbe alla prosecuazione a tempo indeterminato della doppia vita piuttosto che a un secondo matrimonio, visto che già il suo non è che gli piaccia granché.
È nella crucialità del dilemma che Viviana trascina Modesto dall'analista, cercando una possibilità di salvezza per il loro rapporto ormai esasperato da confliti e lacerazioni continue.
Il dottore è spiazzato nel trovarsi di fronte una coppia non ufficiale, libera da vincoli matrimoniali e familiari, che non ha nulla da perdere al di là del proprio amore. Accetterà l'incarico per questa ragione, trovandosi nel mezzo di una schermaglia drammatica e ridicola insieme, e rischiando di perdere la lucidità professionale.
Tenero e cinico, divagante, vero, capace di usare la leggerezza come arma contundente, Terapia di coppia per amanti è un'immersione nelle complicazioni dei sentimenti, nei conflitti che apriamo continuamente per la paura (che tutti conosciamo per averla provata almeno una volta) di affidarci all'amore e dargli mandato a cambiarci la vita.

TITOLO: Terapia di coppia per amanti
AUTORE: Diego De Silva
EDITORE: Einaudi
DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 ottobre 2015
PAGINE: 288
ISBN: 9788806226664

TRAMA 8
PERSONAGGI 8
STILE 9
INCIPIT 9
FINALE 9
COPERTINA 7





Io ammetto la mia ignoranza e confesso di non aver mai letto nulla di questo autore. Poi, un sabato mattina, tra una passata di Folletto e una di panno sui mobili, ascoltando, come sempre, Luciana Littizzetto in radio, ecco che salta fuori questo titolo!
Prendo nota, lo metto in wishlist e la mia omonima, che si lamenta continuamente di quanto la mia lista sia miserrima, coglie subito l'occasione e me lo regala per Natale!

Modesto Fracasso (sì, fa proprio ridere!) è un musicista jazz (ridete ancora di più, vero?!) e, da qualche anno, ha una relazione extra coniugale con Viviana.
Come tutti i rapporti, anche quello di Mode e Vivi, comincia a soffrire del peso dell'età, nonostante si tratti di una coppia che non vive di quotidianità.
Così, Viviana comincerà a porsi quelle domande che noi donne siamo tanto brave a farci, che ci mandano in crisi e che rischiano di farci mandare tutto a gambe all'aria!
Modesto, invece, è una di quelle persone che prende la vita con ironia; anche nelle situazioni più difficili, Mode butta lì una battuta e sdrammatizza tutto!
Purtroppo, però, nella vita non si può sempre risolvere tutto così. E allora, Modesto si troverà seduto nello studio di un terapista di coppia, dove Viviana lo tascinerà perché
non ne posso più di non sapere cosa sono quando sono con lui. Di non poter mai rivendicare un ruolo che è mio, e che per prima nego a me stessa appena si palesa il pericolo che la nostra storia finisca sulla bocca di tutti. Non lo reggo più questo riflesso condizionato alla segretezza.
Modesto e io non siamo pià dei semplici amanti che s'incontrano ogni tanto per trovare un po' di consolazione dal grigiore dei loro rispettivi matrimoni. Che ci piaccia o no, abbiamo varcato un confine, e non possiamo più fare gli struzzi. Dobbiamo decidere cosa essere, e dobbiamo farlo prima che la situazione epsloda.
La scrittura di De Silva è sicuramente molto particolare, quasi arzigogolata! Nel raccontarci la quotidinità di due persone, di un rapporto di coppia che nasce clandestino, ma che sfocia nell'amore, l'autore riesce a farci porre tante domande, a farci riflette.
La quotidianità, la routine, la noia, tutte quelle piccole cose che affliggono ogni coppia, che sono così difficili da combattere, possono colpire anche una coppia clandestina?

I personaggi di questo romanzo sono esilaranti. Modesto, in particolare, con la sua ironia, è adorabile!
Viviana è la classica donna incapace di vivere tutto con tranquillità, di rilassarsi e godersi il momento. Ogni attimo trascorso con Modesto, per quanto piacevole, le lascia uno strascico di domande, dubbi e perplessità che la portano a mettere in atto piccole ripicche e sceneggiate tipiche delle donne innamorate!

Una delle cose che ho maggiormente apprezzato di questo romanzo è stata la scelta dell'autore di ignorare quasi del tutto le persone che fanno parte della vita dei due protagonisti: mariti, mogli, figli sono solo degli sporadici comprimari!

Una storia intensa, ma mai pesante che consiglierei, comunque, a chi ha superato i trent'anni, perché credo che serva un certo bagaglio di esperienze per poter entrare nella mente di Modesto e Viviana e riuscire ad empatizzare con loro!


Commenti

  1. 1. Io non mi lamento
    2. La tua wish è ridicolmente corta
    3. Come siamo brave io e Lucianina nazionale??
    4. Mi devono una percentuale sulle vendite visto che l'ho fatto comprare pure a sorella :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1. sei lagnosa
      2. la mia wish è corta perché sono #vippaio e i libri me li mandano (e se non li mandano, li compro!)
      3. ma tu che c'entri?
      4. due copie vendute e vuoi la percentuale?
      5. ti voglio bene taaaaanto tanto!

      Elimina
  2. In lettura...��
    Leggiti Non avevo capito niente di De Silva (che, tra l'altro, è un amico ☺)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In lettura...sto spulciando ;) Però prendo nota!!

      Elimina
  3. Bella bella bella recensione!! Compro io!! Appena vado in libreria compro!! Brava mammix,

    RispondiElimina
  4. È sul mio comodino, regalo del recente Natale, mi ispira molto, cobosco l' autore ed è sempre un piacere leggerli!grazie della tua recensione!

    RispondiElimina
  5. È sul mio comodino, regalo del recente Natale, mi ispira molto, cobosco l' autore ed è sempre un piacere leggerli!grazie della tua recensione!

    RispondiElimina
  6. Grazie, l'ho letto e lo sto consigliando ad oltranza

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'La cameriera' di Nita Prose - La nave di Teseo

  LA CAMERIERA   || Nita Prose || La nave di Teseo || 7 aprile 2022 || 448 pagine Acquista qui Molly Gray non è come tutti gli altri. Fatica a intrattenere rapporti sociali e interpreta a modo suo le intenzioni di chi le è vicino. La nonna, che l’aveva cresciuta, rielaborava il mondo per lei, codificandolo in semplici regole secondo le quali Molly poteva vivere, ma da quando la nonna è morta, la venticinquenne Molly ha dovuto affrontare da sola le complessità della vita. Lanciandosi con ancor più passione nel suo lavoro di cameriera d’albergo. Il carattere riservato, il suo amore ossessivo per la pulizia e l’ordine, la rendono una cameriera eccezionale. Si diverte a indossare la sua uniforme impeccabile ogni mattina, a rifornire il suo carrello di saponi e bottiglie in miniatura e a riportare le camere degli ospiti del lussuoso Regency Grand Hotel a uno stato di perfezione. Ma la vita ordinata di Molly viene sconvolta quando entrando nella suite del milionario Charles Black lo trova mo

Recensione 'I giudizi sospesi' di Silvia Dai Pra' - Mondadori

  I GIUDIZI SOSPESI || Silvia Dai Pra' || Mondadori || 5 aprile 2022 || 492 pagine Acquista qui I Giovannetti sono una famiglia felice. O forse lo sembrano soltanto? Si sa, a volte l'apparente felicità è direttamente proporzionale alla quantità di polvere accumulata sotto il tappeto. Il padre Mauro insegna storia e filosofia: brillante e bello come un attore, è la leggenda del liceo locale. La madre Angela è professoressa di arte alle medie, ama il suo lavoro, ma ancora di più i figli e il marito. Perla è una fuoriclasse, bravissima a scuola, responsabile: matura, da sempre; Felix è il fratello minore, affettuoso e intelligente, un po' imbranato, da sempre offuscato dalla luce accecante della sorella. Tutti si aspettano grandi cose da Perla. Ma da quando si è fidanzata con un certo James, un ragazzo più grande su cui circolano brutte voci – un violento, un bugiardo – è cambiata: insofferente, sarcastica, nulla le interessa più. Potrebbe essere una semplice crisi adolescenzi