Passa ai contenuti principali

Recensione 'Tutte le donne di' di Caterina Bonvicini - Garzanti

Tutte le donne diSINOSSI

È la vigilia di Natale. Intorno alla tavola ci sono sette donne. Tutte le donne della vita di Vittorio, e lo stanno aspettando. Ma lui non arriva. Manda solo un enigmatico messaggio. Poche parole che rendono ancora più perturbante la sua assenza. Perché per ognuna di loro, in modo diverso, lui è il centro di un mondo: c'è la madre e c'è la sorella, ci sono la moglie, l'ex moglie e l'amante, la figlia adulta e la figlia adolescente. Il vuoto che lascia un uomo può diventare molto affollato. Ritrovare se stesse è allora necessario, vitale, indispensabile. Bisogna farlo insieme, avere il coraggio di appoggiarsi l'una all'altra. Bisogna accettare che un amore che si voleva assoluto è invece frammentario e condiviso. Condiviso proprio con quelle donne per cui si prova astio e rancore. Eppure anche da questi sentimenti può nascere un'inattesa complicità, una solidarietà finora sconosciuta. Forse solo così la lontananza di Vittorio può diventare un'occasione per guardare le cose in modo nuovo.
In questa commedia ironica e spietata, costruita come un giallo, anche la persona a noi più vicina può svelare all'improvviso un lato che agli altri sfugge.
Caterina Bonvicini torna con un romanzo che è un piccolo capolavoro di stile. Un affresco in cui ogni particolare vive di luci e di ombre. Una storia appassionante in cui l'assenza di un uomo dà finalmente voce alle donne della sua vita. Tutte le donne di è un libro sull'amore, sulla famiglia, sulle sovrastrutture che la società impone. Perché sentirsi liberi di essere se stessi è una lunga conquista, che può arrivare quando meno te l'aspetti.

TITOLO: Tutte le donne di
AUTORE: Caterina Bonvicini
EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 28 gennaio 2016
PAGINE: 208

TRAMA 9
PERSONAGGI 9
STILE 10
INCIPIT 9
FINALE 10
COPERTINA 9





Un uomo. Sette donne. E Milano a fare da sfondo.
Vittorio Fumagalli è stato un grande scrittore, un uomo amato, circondato da belle donne, ammirato, stimato.

È la vigilia di Natale e, attorno al tavolo da pranzo di casa di Vittorio, sono riunite Lucrezia, la madre quasi novantenne, designer di fama mondiale; Ada, la ex moglie; Francesca, la sorella; Cristina, l'attuale moglie; Paoletta e Giulia, le figlie e Camilla, la giovane amante.
Ma a mancare è proprio Vittorio, che, con uno scarno quanto enigmatico SMS, annuncia di aver deciso di prendersi un anno sabbatico, di volersi allontanare non solo dal lavoro, ma anche dalla famiglia.

È da qui che entreremo nella vita di ognuna di queste sette donne. Ogni capitolo è narrato da una voce diversa e ci accompagnerà alla scoperta di sentimenti, dolori e frustrazioni.
Ognuna delle donne di Vittorio, in qualche modo ha sempre cercato di controllarlo, di prevaricarlo.

Io ho amato alla follia Lucrezia, il suo modo di essere sempre sopra le righe, il suo non avere peli sulla lingua! E, pagina dopo pagina, addentrandomi nella vita e nella personalità di questa famiglia, mi sono immedesimata in Vittorio. Ho visto un uomo che, sin dall'infanzia, è stato circondato da forti figure femminili.
Lucrezia è una figura ingombrante, che quasi lo sovrasta, e della cui approvazione Vittorio è alla continua ricerca.
Ada è una donna che non si è mai lasciata fagocitare dalla figura di scrittore famoso che il marito rappresentava. Al contrario, il suo ego smisurato l'ha portata ad un'inversione di ruoli, dove, anche dopo il divorzio, lui continuerà a cercare la sua approvazione.
Vittorio ci appare, insomma, come un uomo tutto sommato fragile, insicuro; una persona abituata a fuggire davanti alle difficoltà, a delegare alle sue donne le decisioni più importanti.
A conferma di tutto ciò il fatto che, dopo il suo allontanamento, queste donne riusciranno finalmente a creare quel legame di solidarietà che non erano mai state capaci di instaurare prima, tutte prese com'erano a cercare di monopolizzare le attenzioni di Vittorio e veicolarle verso loro stesse.

Meraviglioso, direi geniale addirittura, il finale, in cui l'autrice ci propone il punto di vista di Vittorio.
Finalmente guarderemo queste sette donne con i suoi occhi. Finalmente scopriremo perché Vittorio è fuggito e se deciderà di tornare.

Caterina Bonvicini ha una scrittura matura, fluida e coinvolgente.
Con questa riesce a conquistare l'attenzione del lettore, a farlo sorridere, a farlo arrabbiare, a farlo riflettere.

La cosa che più mi ha sorpresa, è che, da donna, mi sono ritrovata a solidarizzare con Vittorio. Perché, lo ammetto, da quelle donne sarei fuggita anche io!

Commenti

  1. Io sarei scappata a gambe levate!! Figuriamoci, dover convivere con la madre famosa, la ex ingombrante, le figlie bisognose d'affetto, la moglie bisognosa di tutto il resto è l'amante sensibile. No no, troppe aspettative, troppe richieste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la madre l'ho adorata dalla prima all'ultima pagina! Però hai ragione: con una schiera di donne così, manco il pensiero di tornare indietro mi sarei fatta venire!

      Elimina
  2. Ohhhh e pensare che io sarei scappata proprio dal romanzo. Vedi il potere di voi blogger??? Adesso correrei a leggerlo. Come la mettiamo? Brava libridinosa
    Anche se queste donne mi fanno paura eh...devo arrivare armata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voi blogger? Perché tu che fai nella vita? Ah già, inforno plastica condita con besciamella! Comunque no, niente armi!

      Elimina
  3. Sembra molto psicologico e bellissimo. Recensione interessante e intrigante.

    RispondiElimina
  4. Ammazza! Sette donne sono un esercito, e pensare che certi giorni io da sola non mi sopporto quindi figuriamoci sette personalità così forti con cui rapportarsi :) comunque mi hai incuriosita e parecchio per cui mi inchino a te e all'esercito delle sette, non sia mai che mi vengano in sogno stanotte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te questo libro potrebbe piacere! Comunque anche io, certe volte, mi sto sulle scatole da sola!

      Elimina
  5. Così ad istinto non mi sarei mai e poi mai avvicinato ad un libro del genere. Tu mi hai fatto incuriosire.. la mia wishlist chiede pietà ahahahahah!

    RispondiElimina
  6. Non m ispira particolarmente la copertina,
    ma la tua recensione mi ha incuriosita.
    Aggiugiamo pure questo agli acquisti di febbraio!
    :-)
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto oggi parlavo con un'altra delle LGS di quanto i gusti riguardo le copertine siano soggettivi! Io adoro questa copertina, mentre a lei non è piaciuta granché! Eppure entrambe abbiamo amato questo romanzo allo stesso modo. Io ti consiglierei davvero di dargli una chance!

      Elimina
  7. Ecchime! L'ho finalmente letto anch'io! Un libro veramente gustoso.
    Anch'io come te ho adorato Lucrezia fin da subito e mi sono trovata a fare il tifo per Vittorio, perché, diciamocelo, di sette donne, manco una che si sia presa la briga di conoscerlo veramente.
    Ciaoooo, Bacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che meraviglia! Ero sicura che questo libro ti sarebbe piaciuto! D'altronde, checché se ne dica, tu hai cervello, sorella!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i