Passa ai contenuti principali

Associazione a Delinquere #9 - Dietro le quinte di una Lettura


Eliza: eh eh eh 
Laura: Cosa fa la zia prima di leggere un libro?
Eliza: La zia prima di leggere un libro toglie la sovracopertina!
Laura: Si vede che la zia c’ha la laurea, sono cose che insegnano all’università!
Baba: Sento qualche frecciatina sul collo
Laura e Eliza: Naaaaaaaaaa
Baba: Eh, naaaaaaa
Laura: Babina, tu la togli la sovracopertina, ammamma??
Eliza: Anche a zia, eh…
Baba: Avete finito? No, non la tolgo, mi piace così com’è. La tocco, la annuso, la palpo, la accarezzo pure ma soprattutto la guardo mille volte.
Laura: Ma un porno stiamo facendo?
Eliza: Noi pure la guardiamo. Abbiamo gli ormoni che girano ragazze!
Laura: Sì, in testa
Baba: Tu sta zitta che se no chiamo Lorenzo
Eliza: Lorenzuccio!!
Laura: Io comunque le guardo le sovracopertine. Me le tengo vicine e le vedo bene, meglio di te che le rovini
Eliza: Non si annusano i libri e manco le copertina, puzzano!!!!
Baba: Soprattutto sottolineerei che non non si annusano i libri, giusto?
Laura: Sante verità!!
Eliza: Torniamo alle letture, cosa faccio? Scelgo sempre un segnalibro che cambio a seconda della lettura.
Baba: Brava!!
Laura: E quando leggi che fai?
Eliza: Ah sì, quando leggo parlo con i personaggi!
Laura: Io pure!
Eliza: Per la precisione, gli urlo appresso!!
Baba: Eh?????? Io lo faccio solo con i telefilm.
Laura: No, tu lo fai con Burro!
Baba: Ma perché parlate ai libri?? Io li annuserò, ma voi ci parlate…sicure di essere obiettive?
Laura: Così ti immedesimi nella storia.
Eliza: Io semplicemente parlo con loro: ma sei cretino? Perché fai così? Ma sposala no????”
Laura: Sostanzialmente parli con loro come fai con noi al telefono
Baba: sempre insulti sono
Laura: Babina, tu che fai?
Baba: Io… scelgo un libro in base all’umore, poi comincio a leggerlo senza segnalibro e quando sono arrivata alla fine, cioè che mi mancano 100 pagine, scelgo il segnalibro.
Laura e Eliza: e come lo tieni il segno, sua grazia? Con la lingua?
Baba: no, con la sovracopertina
Laura e Eliza: Ahhhhhhhhhhhhhhhhhh era meglio la lingua. E non ti vergogni di questa cosa?
Baba: no, non mi vergogno, semplicemente mi dimentico!
Eliza: Semplicemente un cavolo, devi togliere quella sovracopertina! Ho deciso: da questo momento in poi ti regalerò tutti i libri senza sovracopertina e te la spedirò solo dopo che lo avrai letto.
Baba: carogna!!
Laura: Io pure c’ho un’idea
Baba: Vai
Laura: Sai cosa faremo a maggio quando andremo a dormire a casa sua per il salone? Mentre dorme le togliamo tutte le sovracopertine e le portiamo a casa!
Baba: A voi non si può dire nulla, ma vi ricordo che nel loculo libroso ci dorme Burro, voglio vedere entrare lì… ah ah ah 
Laura: Mi compro un pigiama a pois apposta e te le tolgo tutte
Baba: Vedi di non buttare gli occhiali a mio marito che con le tue manie di pulizia fai che fare tutto in uno!
Eliza: Tocca a Laura, cosa fai tu???
Laura: Dunque, io prima di leggere un libro TOLGO LA SOVRACOPERTINA SEMPRE. Se non ce l’ha la costruisco e la tolgo. Il segnalibro è già dentro, perché la mia lingua mi serve per parlare non per tenere i segni, poi nella prima di copertina ci metto le mie iniziali, e la data di inizio lettura e ci stampo la bambolona!
Eliza: Non sia mai eh…
Baba: Metti che te lo rubino… La zia urla dietro i personaggi – aspetta che Stefano ha un’emergenza - Laura ci dialoga amabilmente e sottolinea come se non ci fosse un domani e Babina… lei accarezza le sovracopertine
Eliza: La chiacchiera sta degenerando, io ve lo dico!

AHHHHHH PINETAAAAAAAAAAAAAAAA (scusate, lettori! Sono disquisizioni intime che non potremmo spiegarvi qui, in poche e semplici parole!)


Inciso pre chiusura: La mamma di zia, quindi, se non erro, la PROZIAAAA, ha lavato la lavastoviglie mettendo la bottiglietta del detergente sottosopra. 



Secondo inciso: Vorremmo rendervi partecipi del fatto che alla libridinosa è arrivato magicamente un iMac – detto Poldo – che però è stato interamente sponsorizzato da Casa Failla – Folletto, quindi, caro Babbo Natale, sei Na Sola…


Baba: Ohhhhh mi avete aperto un mondo, io la lavo a mano la lavastoviglie...

E dopo questa, stendiamo un velo!





Commenti

  1. Cosa mi tocca leggere stamattina?! C'è chi non toglie la sovracopertina?! E poi la usa come segnalibro?! SACRILEGIO!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Eli diglielo pure tu!!! Noi stiamo perdendo le speranze...

      Elimina
    2. Senti bellina... diciamo che ti salvi perchè hai fatto una certa cosa sulla pagina facebook di "tu sai chi", quindi hai tutta la mia stima, però addirittura sacrilegio... vabbè non è che io usi sempre la sovracopertina come segnalibro, diciamo che ogni tanto capita!!!! Comunque, il mondo è bello perchè è vario, ergo ti spernacchio con simpatia ah ah ah

      Elimina
    3. Diciamo che quella storia storia di Facebook l'ho fatta senza conoscere i retroscena, quindi è stata del tutto involontaria. Ma la sovracopertina usata come segnalibro no no!! Non si fa e per questo contraccambio lo spernacchio XD

      Elimina
    4. Embè adesso sei consapevole involontariamente ah ah ah, povera Elisa!! Vorrà dire che potreste fare una campagna con l'hastag #salvaunasovracopertinadisalvia, tanto adesso va di moda :-)

      Elimina
    5. Senti, hashtag...ti ho comprato un segnalibro ogni volta che abbiamo pisciato assieme #piantalabestia

      Elimina
    6. Uhhhh ma quelli che mi hai regalato non li voglio rovinare

      Elimina
  2. Coff coff ... ehm, e va bene lo ammetto, c'è stato un tempo (neanche tanto breve in realtà, me tapina, me misera, me meschina, me ...) in cui anch'io come Salvia usavo le alette di sovraccoperta come segnalibri. Ma oggi sono una lettrice responsabile, eh, queste cose non le faccio più.
    Ora ho un mio segnalibro del cuore che uso praticamente in ogni occasione: vedessi com'è delizioso, Laura, c'è scritto testualmente "Shhhhh ... sto leggendo un libro!!!".
    Infine devo dire che anch'io come Eliza ogni tanto urlo qualche maledizione a un personaggio un po' tonto o che semplicemente urta il mio delicato sistema nervoso.
    Insomma non l'ho detto all'inizio, ma tanto che lo dico a fare, lo sapete benissimo: mi fate morire!

    P.S. Non vedevo l'ora di dirtelo: quest'anno anch'io ho un barattolo del sorriso, ma non è tutto; questa cosa mi è piaciuta talmente tanto che ho aggiunto qualche ingrediente ... cioccolatoso, per renderla ancora più dolce.
    Se vuoi dargli un'occhiata ti lascio il link:
    http://rosaleggoescrivo.blogspot.it/2016/03/il-barattolo-del-sorriso.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ti ci metti pure tuuuuuuu?? Rosa!!! Almeno mi puoi comprendere, diciamo che ogni tanto può capitare, ma i miei libri restano comunque immacolati, li pulisco io!!!!
      Baci spernacchiosi anche a te!!

      Elimina
  3. ehm..... ehm.... ehm.... io uso come segnalibro la prima cosa che mi capita a tiro! E dire che ne ho una pila in libreria ahahahahahahahahahahahahah
    Comunque, siete matte. Pensate che io ho sempre tolto se sovracopertine, solo che anni fa, quando le toglievo, le perdevo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhhhh una come me!!! Noemi una di noi, una di nooooi, Noemi è una di Noi!!!!

      Elimina
    2. :D avevi dubbi in merito???? ahahahahahah

      Elimina
  4. Aggiornamento per la lavastoviglie: Madre ancora non capisce perchè la lavastoviglie non è venuta come le altre volte e perchè è rimasto tutto quel sapone... e io zitta! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io???? Tu mi hai detto fai foto fai foto che pubblichiamo! Tu carogna peggio di me! Tié!!

      Elimina
  5. anch'io tolgo sempre la sovracopertina e anche le fascette :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, io le fascette le butto via appena compro il libro. Le odio proprio!

      Elimina
  6. Le sovracopertine si devono togliere, è legge, sono create per essere tolte! Hihihihi
    Come segnalibro dipende... Anche io spesso uso quello che ho sotto mano! :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sisterrrrr da che parte stai tu???? Uffaaaa non vi parlo più :-(

      Elimina
  7. Salvia io sto dalla tua parte, non le tolgo mai... ma non le uso neanche come segnalibro però, sennò si rovinano, piccine... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia, tu si che mi consoli, ma sarà capitato due volte...li mortacci... ah ah ah sono rovinata a vita :-)

      Elimina
  8. Io sono come Baba: non tolgo la sovracopertina e accarezzo e annuso il libro!
    E voi mi fate morire!
    ciao da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, tu non puoi essere come Baba. Tu sei intelligente e dolce. Quella bestia è!

      Elimina
  9. La sovracopertina si toglie sempre se no si rovina, e sapete cosa faccio io? Ne creo una di carta da pacchi per non rovinare quella sotto.
    Ok adesso prendetemi pure per pazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehm...no, perché pazza? Come dici? Cosa sono queste sirene che senti? Ma niente...su, indossa questa bella camicia bianca. Vedi come ti sta bene?

      Elimina
    2. Accidenti il bianco mi ingrassa. Non si può avere di un altro colore? Che so, nera? Blu Cina? Sì, il blu Cina mi sta decisamente bene!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i