Passa ai contenuti principali

Recensione IN ANTEPRIMA 'Splendi più che puoi' di Sara Rattaro - Garzanti

SINOSSI

L'amore non chiede il permesso. Arriva all'improvviso. Travolge ogni cosa al suo passaggio e trascina in un sogno. Così è stato per Emma, quando per la prima volta ha incontrato Marco che da subito ha capito come prendersi cura di lei. Tutto con lui è perfetto. Ma arriva sempre il momento del risveglio. Perché Marco la ricopre di attenzioni sempre più insistenti. Marco ha continui sbalzi d'umore. Troppi. Marco non riesce a trattenere la sua gelosia. Che diventa ossessione. Emma all'inizio asseconda le sue richieste credendo siano solo gesti amorevoli. Eppure non è mai abbastanza. Ogni occasione è buona per allontanare da lei i suoi amici, i suoi genitori, tutto il suo mondo. Emma scopre che quello che si chiama amore a volte non lo è. Può vestire maschere diverse. Può far male, ferire, umiliare. Può far sentire l'altra persona debole e indifesa. Emma non riconosce più l'uomo accanto a lei. Non sa più chi sia. E non sa come riprendere in mano la propria vita. Come nascondere a sé stessa e agli altri quei segni blu sulla sua pelle che nessuna carezza può più risanare. Fino a quando nasce sua figlia, e il sorriso della piccola Martina che cresce le dà il coraggio di cambiare il suo destino. Di dire basta. Di affrontare la verità. Una verità difficile da accettare, da cui si può solo fuggire. Ma il cuore, anche se è spezzato, ferito, tormentato, sa sempre come tornare a volare. Come tornare a risplendere. Più forte che può.

AUTORE: Sara Rattaro
EDITORE: Garzanti
DATA DI PUBBLICAZIONE: 31 marzo 2016
PAGINE: 220

TRAMA: 4  PERSONAGGI: 3  STILE: 4  COPERTINA: 4




Scrivere questa recensione, per me, non è facile. Perché in questo libro Sara ci parla di vita, di quella parte brutta della vita che, purtroppo, negli ultimi anni è diventata un argomento quasi quotidiano: la violenza sulle donne.
Donne picchiate, stuprate, uccise. Femminicidio. Questa parola che è entrata a forza nelle nostre case, che rimbomba dai tg, sui giornali, sulle bocche di ognuno di noi.
Sono serviti anni di battaglie perché il femminicidio diventasse reato, perché una donna che denuncia un uomo venga protetta e, soprattutto, creduta.
Per tanto, troppo tempo, i maltrattamenti erano tollerati, erano qualcosa che doveva rimanere tra le mura di casa, nel silenzio e nell'intimità di quelle pareti.

Questa è la storia di Emma, che a 19 anni decide di scappare di casa perché i suoi genitori si oppongono alla sua storia con Tommaso, un uomo di vent'anni più grande e che lei ha appena conosciuto. Quando, dieci anni dopo, Tommaso le dirà che la loro storia è finita perché non la ama più, Emma farà quello che, forse, quasi tutte noi donne abbiamo fatto almeno una volta nella vita: cercare di farlo ingelosire lasciandoci corteggiare da un altro uomo. Peccato che Emma decida addirittura di sposarselo quest'uomo.
Marco, però, non è l'uomo che Emma pensava che fosse: Marco è violento, la maltratta, la insulta, la denigra, la costringe all'isolamento, la allontana dalla famiglia, dagli amici e dal lavoro. 
Dal giorno del matrimonio è solo una parabola discendente. Per anni Emma sarà vittima e succube di Marco e della sua follia.

Purtroppo c'è qualcosa in questa storia (che l'autrice scrive, come sempre, in maniera magistrale e scorrevole, talmente scorrevole che ho divorato questo romanzo in poche ore), che mi ha lasciata perplessa.
Ci sono dei salti temporali nella vita di Emma e Marco, che mi hanno confusa durante la lettura. Il giorno in cui Marco decide di trasferirsi in un piccolo paesino di montagna, Martina, la figlia, è nata da pochi mesi. D'improvviso, girando pagina, ci ritroviamo davanti a Martina che compie tre anni e, poco dopo, è addirittura una bambina di cinque.

Più volte, durante la lettura, mi sono chiesta il perché di questa scelta. Come è facile immaginare, Sara ci dà molti accenni a ciò che accade ad Emma tra le mura di quella casa che, per lei, è diventata una prigione. Ma, allo stesso tempo, ci dice pochissimo. 
Non è che io sia un amante delle scene cruente, ma trovo che, forse, questa scelta possa penalizzare la protagonista stessa di questa storia. Credo sia palese a tutti che, spesso, le donne vittime di abusi vengano ritenute stupide, incapaci di scegliere per il loro bene, prive di forza di volontà.
Quante volte ci è capitato di sentir dire: "Se l'è voluta... Poteva andare via... Nessuno la costringeva a stare con lui..."?

Ecco, io stessa, durante la lettura, mi sono ritrovata a pensare che Emma era proprio una stupida, che i suoi genitori e anche lo stesso Tommaso fossero degli stupidi.
Poi, ovviamente, mi fermavo, razionalizzavo e cercavo di capire quanta sottomissione psicologica risieda in queste persone, quanta paura attanagli la loro vita.
Comunque no, i genitori e l'ex fidanzato non riesco a giustificarli. Emma sì.

Ma il punto di questo romanzo rimane sempre quello: scegliere di non raccontare, di andare oltre, di omettere quelli che sono stati gli anni più duri per Emma mi fa temere che questa storia, nelle mani sbagliate, potrebbe suscitare pensieri e commenti errati.
Arriverà la lettrice che dirà che Emma è una stupida. E non lo dirà presa dalla rabbia e dall'impeto del momento. Lo dirà perché lo pensa sul serio, perché è questo che, purtroppo, pensa molta gente quando sente la vicina di casa urlare, quando la incrocia sulle scale e i lividi sono talmente tanti e talmente evidenti che è impossibile nasconderli. Pensano che quella donna sia una stupida, una che non sa stare senza un uomo accanto.

Quindi, Sara, per quanto in questa storia tu abbia messo il cuore (e si vede!), forse avresti dovuto raccontarci di più. Avresti dovuto usare la tua penna per far capire anche a chi si ostina a non vedere, che dietro uno sguardo basso si nasconde la paura.

Che questo sia un libro che ogni donna dovrebbe leggere, penso sia scontato. Che Sara scriva come poche altre autrici non c'è bisogno che ve lo dica io. Ma credo che questo sia un libro che molti uomini dovrebbero avere il coraggio di affrontare.




Commenti

  1. Una recensione curata, bella e sentita! Come sai aspetto l'uscita del romanzo per conoscere la Rattaro, finalmente, e farmene un'idea però, a grandi linee, il solco lo hai già tracciato. Non mi resta che incamminarmici :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io aspetto, come sempre, che anche tu legga questo romanzo per capire se riscontrerai le stesse lacune.
      Un abbraccio :)

      Elimina
  2. A me la Rattaro non convince più da anni, purtroppo.
    Osa nella scelta dei temi, ma la trovo un po' blanda; quasi impersonale. Il coraggio lo si deve dimostrare anche nella scrittura. Vedremo. Il romanzo dovrebbe arrivarmi a giorni, ma parto ipercritico, te lo dico. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (Però la copertina la trovo orrenda, un incrocio tra Dragon Ball e i romanzi delle medium!)

      Elimina
    2. Io, invece, da anni non la leggevo. Quindi, questo romanzo è stato un po' un modo per capire se era cambiata in qualcosa. E, purtroppo, devo ammettere che concordo con te nell'averla trovata blanda. Aspetto il tuo parere per un confronto più diretto.
      P.S.: il solo fatto di non aver trovato l'ennesimo "faccione" mi ha fatto amare un po' di più questa copertina ;)

      Elimina
  3. Io sono ancora in fase di lettura.
    Lo sto "assumendo" poco per volta perchè come hai detto tu è un argomento molto forte. Anche io ho la vaga sensazione che Emma sia un pò scema ma quello che per ora trovo più agghiacciante sono i parenti di Marco. Il loro lavarsene le mani mi spaventa molto più dell'uomo violento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai su, che domani ne parliamo con l'autrice e cerchiamo di capire il perché di tante scelte!

      Elimina
  4. Ho intenzione di leggerlo quanto prima, dopo la Picoult e Jonathan Coe.. anche se so che mi farà male. Certe volte però è necessario. In biblioteca non potrà mancare.
    Chiara e limpida come sempre la tua recensione, specchio del tuo pensiero.
    ciao da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Leuccia, ansiosa di conoscere anche il tuo parere su questo romanzo. Attendo paziente!

      Elimina
  5. ciao
    mi incuriosisce questo libro. Messo tra i libri da scegliere da leggere http://robbyroby.blogspot.it/2016/04/libri-da-leggere-4.html

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i