Passa ai contenuti principali

Lettura a quattrocchi 'La ragazza che non sapeva' di Marion Pauw - Neri Pozza

Iris Kastelein lavora presso Bartels & Peters, un rinomato studio legale di Amsterdam dove, in cambio di laute parcelle, si soccorre il prossimo nei guai con la legge. Giovane avvocato, si sforza di comportarsi da impeccabile professionista anche quando deve difendere uomini di mezza età dalla pessima reputazione, come
Peter van Benschop, della ricchissima famiglia di armatori Van Benschop, un quarantenne accusato di aver compiuto atti disgustosi su una ragazzina ingenua.
Uno «sporco lavoro», come si suole dire, reso ancora più proibitivo dal fatto che Iris deve occuparsi anche di Aaron, il bambino avutoda un uomo dal quale si è sentita attratta una sola volta in vita sua, precisamente dopo avere tracannato un certo numero di cocktail a una festa di Capodanno.
Tra sessanta ore di lavoro alla settimana, riunioni, rapporti, cause, negoziati che si succedono a ritmo infernale, corse all’asilo per recuperare Aaron, Iris sa, però, di essere una giovane donna grintosa, indipendente, con un bambino semplicemente adorabile.
Un giorno, tuttavia, una scoperta sconvolgente viene a disintegrare tutte le sue certezze. Una futile indagine sulle cause della morte di un pesciolino, contenuto nell’acquario apparso di punto in bianco qualche anno prima nel salotto di sua madre – una donna che è sempre stata una sfinge, circondata da un intrico di linee invisibili e insuperabili –, la conduce sulle tracce di un certo Ray Boelens.
Ray non è soltanto il primo proprietario dell’acquario, l’uomo che per tredici anni ha trascritto con meticolosa precisione quali pesci erano stati comprati, la salinità dell’acqua, la temperatura ecc. Ray è, secondo la giustizia olandese, un assassino accusato di un crimine orrendo: avrebbe ucciso, con numerose coltellate,ì la sua vicina insieme con la figlia perché non ricambiava i suoi sentimenti, e avrebbe poi infierito sulla piccola spegnendo sul suo cadavere un mozzicone di sigaretta.
Questo «mostro della porta accanto», infine, spedito a marcire tra le mura di un manicomio criminale, porta stranamente lo stesso cognome della madre di Iris: Buelens.

Autore: Marion Pauw
Titolo originale: Daglicht
Traduzione a cura di: Maddalena Pogliani
Editore: Neri Pozza
Data di pubblicazione: 7 marzo 2016
Pagine: 305

Trama: 5  Personaggi: 4  Stile: 4  Copertina: 3 





* in rosso i commenti di Tessa *

Spunto dalla mia TBR di agosto tutti i libri che avevo in programma di leggere. Non oso nemmeno pensare quanto possa essere lunga la TBR della Libridinosa! Fisso la mia libreria e questo romanzo mi salta subito all'occhio. Così decido di prenderlo in mano, pubblico la foto di rito su Facebook e Tessa commenta con un: "Pensavo di iniziarlo anch'io". Sono sempre alla ricerca disperata del giallo "perfetto", di solito me ne piace uno su dieci.
Vuoi farti sfuggire quest'occasione? Eh, no, vuoi mai! Le scrivo in privato (soave come sempre!!) Sì, Soavissima Lei, di solito mi richiama all'ordine con grazia e morigeratezza: Robyyyyyyy!!!! e le chiedo se ha voglia di dar vita ad una Lettura a quattrocchi.
Lei, carina come sempre, risponde affermativamente. Devo aver risposto col mio solito entusiasmo stitico, del tipo “Ah, carino, dai”, poi ho chiuso la chat e mi son messa a ballare, non sono normale, lo so. Se si è messa paura, se ha pensato di fare le valigie e trasferirsi tra i fiordi islandesi, domandatelo direttamente a lei! Fiordi, Islanda? Io soffro il freddo, lo sai!
Io, di mio, sono felice di aver condiviso questa lettura con una delle blogger che seguo da più tempo e verso cui ho grande stima ed affetto! Adesso mi commuovo, che sono anziana, si sa, mi basta niente!

Questo è un libro che conquista, si mastica e si digerisce in pochissimo tempo. Insomma, io l'ho appena finito e lo sento che va su e giù, mi sa che mi è rimasto sul gargarozzo!
È una storia nuova, strana, che scorre come un soffio di vento.

Narrato a due voci, quelle di Iris e di Ray, La ragazza che non sapeva è un romanzo che ci porta subito dentro la vita dei personaggi, tra le pieghe delle loro storie.
Ray è in prigione

<<Era su tutti i giornali, forse te lo ricordi: questo mostro fu respinto dalla sua graziosa vicina e andò fuori di testa. Prima se la prese con la signora, poi con sua figlia, che aveva soltanto quattro anni. Dopo che ebbe finito di farle a pezzi, si fumò una sigaretta, bello tranquillo, e spense il mozzicone sulla bambina morta. Te lo immagini?>>

È un ragazzo particolare: preciso, taciturno, solitario, metodico. Ray è il mio personaggio preferito, l'autrice lo descrive bene, a tutto tondo, ed è stato facile entrare in sintonia con la sua "particolarità" e con il suo punto di vista

Iris è un'avvocatessa, madre single, sempre presa tra il lavoro e la gestione del piccolo Aaron. Lei invece mi è stata cordialmente sulle scatole, da subito. Ficcanaso, poco professionale, una frana!

Cosa lega Iris e Ray? 

Ma ciò che inizialmente appare come un pregio, la capacità dell'autrice di non perdersi in dettagli ed inutili spiegazioni, diventa a metà libro quasi fastidioso, perché si ha la sensazione di essersi persi qualche passaggio durante la lettura. Eh, non è una sensazione cara Laura, ad un certo punto gli indizi si sono materializzati all'improvviso e dal nulla, come per magia!

Nonostante questa piccola pecca, la storia scorre velocemente e i personaggi sono talmente ben caratterizzati da apparire quasi reali.
Iris, soprattutto, è un personaggio strano, che rasenta a tratti l'insensibilità e la stupidità. Diciamolo, Iris è proprio insopportabile!
Scoperto il suo legame con Ray, fa di tutto per intrufolarsi nella vita del ragazzo, non pensando alle conseguenze di questa scelta. 

Scioccante il finale, quando la verità verrà a galla. Sai che per la prima volta in vita mia..ho scoperto il colpevole prima della fine? Comunque devo ancora digerirlo, questo finale!

Anche se, forse, in alcuni punti la storia appare un po' forzata, si tratta sicuramente di un bel giallo, con una storia ben strutturata e che nulla lascia al caso! Io ho chiuso il libro e ho pensato “non ci sono più i bei gialli di una volta”. Forse devo proprio cambiare genere!

E adesso andate a leggere la recensione di Tessa con i miei commenti!


Commenti

  1. I dettagli mi fanno un po' paura, soprattutto se si parla di bambini. Lo leggo o non lo leggo o soavissima? Il voto è altino e quindi ci rifletto (non sottovaluto mai i tuoi 4 e mezzo).
    Vado a leggere anche la recensione di Roby.
    Un bacione da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma i bambini sono marginali in questa storia. Però tu che, come Tessa, cerchi il "giallo perfetto", forse potresti rischiare la delusione.

      Elimina
  2. Mi ha incuriosita tantissimo questo libro!! Grazie!

    RispondiElimina
  3. anche io sono sempre alla ricerca del giallo perfetto, e ultimamente la perfezione è un po' introvabile.... questo libro in particolare l'avevo visto online ma non so perchè non mi ispira molto...
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, stesso discorso: non è il giallo perfetto! Scorre, sicuramente, ma la perfezione dei gialli di una volta non ce l'ha sicuramente!

      Elimina
  4. Ma sai che non ho capito se potrebbe piacermi? Sarà che oggi (e sottolineo oggi, quindi zitta!) non riesco a focalizzare i pensieri. Magari ci rifletto su

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... sto zitta... posso farcela... ce la faccio... mi ritiro così non parlo, eh!

      Elimina
  5. Mi sembra di capire che a te sia piaciuto di più rispetto a Roby! Ora vado a leggere la sua di recensione anche se, ti dirò, questo romanzo non mi convince tanto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ti convince, passa oltre. Con tutto quello che abbiamo da leggere...

      Elimina
  6. come ho scritto a Tessa, questo libro dopo aver letto le vostre recensioni l'ho depennato ecco adesso ho un libro in meno da leggere ed un posto nuovo da aggiungere per un volume più allettante :D

    RispondiElimina
  7. questa cosa delle recensioni a quattr'occhi mi piace sempre tantissimo

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i