Passa ai contenuti principali

Recensione 'La cattedrale del mare' di Ildefonso Falcones - Longanesi

Barcellona, XIV secolo. Nel cuore dell'umile quartiere della Ribera gli occhi curiosi del piccolo Arnau sono catturati dalle maestose mura di una grande chiesa in costruzione. Un incontro decisivo, poiché la storia di Santa Maria del Mar sarà il cardine delle tormentate vicende della sua esistenza.
Figlio di un servo fuggiasco, nella capitale catalana Amau trova rifugio e quella sospirata libertà che a tutt'oggi incarna lo spirito di Barcellona, all'epoca in pieno fermento: i vecchi istituti feudali sono al tramonto e mercanti e banchieri in ascesa, sempre più influenti nel determinare le sorti della città, impegnata in aspre battaglie per il controllo dei mari. Intanto l'azione, dell'Inquisizione minaccia la già non facile convivenza fra cristiani, musulmani ed ebrei...
Personaggio di inusuale tempra e umanità, Arnau non esita a dedicarsi con entusiasmo al grande progetto della "cattedrale del popolo". All'ombra di quelle torri gotiche dovrà lottare contro fame, ingiustizie e tradimenti, ataviche barriere religiose, guerre, peste, commerci ignobili e indomabili passioni, ma soprattutto per un amore che i pregiudizi del tempo vorrebbero condannare alle brume del sogno...

Autore: Ildefonso Falcones
Titolo originale: La catedral del mar
Traduzione a cura di: Roberto Bovaia
Editore: Longanesi
Data di pubblicazione: 1 febbraio 2007
Pagine: 642

Trama: 5  Personaggi: 5  Stile: 4  Copertina: 4 



Dal 1320 al 1384. Quasi 65 anni di storia attraverso gli occhi di Bernat Estanyol prima e di suo figlio Arnau a seguire.
Sessantacinque anni di sofferenza, tragedia, riscatto e amore, raccontati dalla magistrale penna di Ildefonso Falcones che, con dovizia di particolari e rara bravura, ci porta in quella Barcellona medievale in cui la Basilica di Santa Maria del Mar inizia a vedere la luce, pensata e seguita dal Maestro Berengue di Montagut.

Se ve lo state chiedendo, sì, questo romanzo ricorda molto "I pilastri della Terra" di Ken Follett; ma no, questa non è una pecca.
Falcones ha uno stile tutto suo che nulla ha da invidiare al grande Follett!
E se ne I pilastri della Terra la vera protagonista era la Cattedrale e attorno a lei ruotavano storia e personaggi, in questo primo romanzo di Falcones sono le persone che creano la trama.

Arnau ha pochi mesi quando suo padre Bernat decide di fuggire dalle sue terre per beneficiare del Recogneverunt Proceres, che concedeva lo stato di cittadino libero di Barcellona a tutti coloro che riuscivano a risiedere nella città per un anno e un giorno.
E sarà proprio la scelta di suo padre che gli condizionerà la vita. Arnau vivrà in nome di questa scelta, della vita che il padre ha sacrificato per la libertà tanto ambita.

...Arnau, io ho lasciato tutto quello che avevo perché tu potessi essere libero. Ho abbandonato le nostre terre, che da secoli appartenevano agli Estanyol, perché nessuno potesse fare a te quello che avevano fatto a me, a mio padre e al padre di mio padre... E invece adesso siamo daccapo, soggetti ai capricci di quelli che si chiamano nobili. Ma con una differenza: possiamo rifiutare. Figlio mio, impara a usare la libertà che ci è costato tanto sforzo raggiungere. Spetta solo a te decidere... 

Appena quattordicenne, esile ragazzino e orfano da pochi giorni, Arnau verrà preso sotto l'egida dei bastaixos, coloro che trasportavano le pietre per la costruzione della Basilica di Santa Maria del Mar.

Sarà una vita lunga e non priva di difficoltà quella di Arnau. Una vita che Falcones ci porterà a conoscere in tutte le sue sfumature: dal dolore alla gioia profonda, dalla povertà alla ricchezza, l'autore ci addentra in ogni particolare di ciò che è Arnau e di tutti i personaggi che gli ruoteranno attorno durante la narrazione.

È superlativo il modo in cui Falcones riesca a descrivere luoghi, storie e personaggi in maniera talmente vivida da farci apparire tutto attuale, vivo e pulsante.
Il razzismo nei confronti del popolo ebreo, le accuse di eresia, l'Inquisizione, quella Chiesa che, da sempre, vive di agi e di lussi mentre il popolo muore di fame... La carestia, la peste, le guerre... Tutto, sin nei minimi particolari, ci è raccontato in maniera minuziosa e dettagliata.

Ecco, forse ogni tanto c'è un eccesso di prolissità nelle descrizioni che mi ha fatta arrivare alla scelta di non dare un voto pieno ad un libro che, nonostante ciò, è sicuramente un capolavoro nel suo genere!




Commenti

  1. Bellissimo libro, io l'ho letto anni fa ma lo ricordo ancora come un piacevolissimo racconto! Io poi ho amato anche le descrizioni della cattedrale in costruzione perché da buon geometra non potevo fare a meno di sognare una chiesa così! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: bellissime anche le descrizioni (e io non sono geometra!). Mai noiose, mai prolisse, ma perfettamente dosate!

      Elimina
  2. Ne ho anche io un bellissimo ricordo!

    RispondiElimina
  3. Devo ancora leggere i Pilastri pensa un po'. E' che preferisco gli storici ambientati nell'800, possibilmente in Inghilterra. So che è un limite, ma non posso farci nulla. O posso farci qualcosa? Ecco, non al momento attuale, ma non pongo limiti sugli anni a venire.
    un caro saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, Lea! Ci sono cose che si amano e altre con cui non siamo affini. Falcones, Follett rientrano appieno in questa categoria: se non ti senti affine, lascia stare!

      Elimina
  4. Bellissimo libro. Da giovane architetto ho amato alla follia questo libro.

    RispondiElimina
  5. bello bello bello. uno dei pochi libro che mio marito si è azzardato a regalarmi :D
    convengo con te sulle descrizioni un po' troppo lunghe. ma assolutamente un libro da leggere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, assolutamente sì! Non vedo l'ora di avere tra le mani il seguito, di cui, tra l'altro, ho visto proprio ieri la copertina ed è stupenda!

      Elimina
  6. Ho letto e amato, durante gli anni universitari, "I pilastri della terra" (ricordo che essendo diviso in periodi ne leggevo un po' poi intervallavo un altro romanzo e così via ma l'ho letto tutto con piacere!) per cui mi aspetto che anche questo romanzo possa piacermi. Ovviamente lo recupererò quando non avrò l'ansia della mole di pagine, in questo periodo non fanno per me i mattoncini :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, per questo libro devi aver voglia di "mattoncino", quindi sì, meglio aspettare!

      Elimina
  7. Anche io trovo che Falcones abbia uno stile descrittivo molto simile a quello di alcuni romanzi celebri di Follett, e comunque tutti i suoi romanzi che ho letto mi hanno appassionato, anche perché non sono una che si lascia intimorire dal numero di pagine! :) ti consiglio assolutamente anche La regina scalza e La mano di Fatima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li ho già, devo solo trovare un momento di pace per potermici dedicare con il giusto tempo e non solo tra un impegno e l'altro!

      Elimina
  8. Io, come sai, ho adorato I pilastri della Terra e Mondo senza fine, e questo l'ho preso per mano tempo fa, in un momento non buono per le lunghe letture. L'ho messo da parte, ma ora hai riacceso la fiamma in me! (non sperarci, non sparirò in un mucchietto di cenere...) Spero che magari il periodo natalizio sia propizio! (Uh! Ho fatto la rima!)
    Bacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh Natale... camino... fiamma... puff... sparita la Bacci!

      Elimina
  9. Ciao Laura!
    Questo libro è una vita che si trova sulla libreria di mio papà... ho sempre pensato che prima o poi glielo avrei chiesto in prestito!!
    mi sa che quel momento è arrivato!! ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Ciao! Questo libro non è propriamente il mio genere, ma la tua bella recensione mi ha convinta ad aggiungerlo in Wish List, per cui sicuramente prima o poi lo leggerò. :)

    Ps. Questa è la prima volta che vengo a far visita al tuo bel blog e sono subito diventata una tua lettrice fissa *-* Ho un blog anch'io, se ti andasse di passare, ne sarei molto felice :)
    https://booksinkensingtongardens.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che vengo a sbirciare! Intanto benvenuta, spero di leggerti spesso!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo