Passa ai contenuti principali

Recensione 'L'altra moglie' di Kerry Fisher - Nord


Titolo: L'altra moglie || Autore: Kerry Fisher || Editore: Nord
Data di pubblicazione: 12 aprile 2018 || Pagine: 350

Per Maggie, una madre single che non ha mai avuto una relazione stabile, il matrimonio con Nico è un sogno. Anche perché finalmente farà parte di una vera, grande famiglia. Suo marito infatti vive nella casa di fronte a quella del fratello Massimo e a pochi passi dalla madre, considerata da tutti il loro nume tutelare. Eppure è proprio lei ad accogliere Maggie con estrema freddezza. Invece di vederla come la persona che ha aiutato Nico a superare la morte della prima moglie, la giudica un indegno rimpiazzo. Perché Caitlin era più sofisticata, più bella e certamente più adatta a Nico. Maggie se lo sente ripetere così tante volte che inizia quasi a crederci. Finché non trova un fascio di lettere nascoste in soffitta, lettere scritte a Caitlin da un uomo che non era suo marito. E allora cambierà ogni cosa... L'immagine che tutti hanno di Massimo e Lara è quella di una coppia solida e felice. Brillante professionista lui, impeccabile donna di casa lei, entrambi amorevoli genitori del figlio Sandro. Eppure dietro l'apparenza si celano ombre che Lara non ha il coraggio di condividere con nessuno. Almeno fino a quando non arriva Maggie, la nuova cognata. Potrebbe essere lei la chiave per evadere dalla prigione del suo matrimonio. Ben presto, però, Lara si renderà conto che, in una famiglia tenuta insieme da ipocrisie e segreti, la verità è destinata ad avere conseguenze devastanti...




Prima di parlarvi di questo libro, devo fare una piccola premessa: il titolo originale del romanzo è The silent wife (La moglie silenziosa). Perché vi dico questo? Perché arrivata a metà lettura, continuavo a chiedermi il senso del titolo del romanzo; così sono andata a spulciare e, scoprendo che, come al solito, in Italia, i titoli dei libri vengono tradotti "ad minchiam", ho avuto la risposta a tutti i miei dubbi!

L'altra moglie è una storia a due voci: Maggie e Lara, con una perfetta alternanza, ci raccontano la loro vita all'interno della famiglia Farinelli.
Maggie è l'altra moglie. Sposa Nico, il figlio minore, vedovo della perfettissima Caitlin e padre dell'astiosa adolescente Francesca.
Maggie fa la sarta, è una ragazza madre e ha sempre vissuto in un quartiere popolare. Il suo ingresso nella benestante famiglia di origini italiane è malvisto, soprattutto dall'altezzosa suocera. Anna, che farà di tutto per sbatterle in faccia l'affetto per la defunta nuora.

Lara, invece, è la moglie silenziosa; ed è a tutti gli effetti il personaggio cardine di questo romanzo. Il suo rapporto con Massimo, primogenito dei Farinelli, è al centro della narrazione.
Io gli avevo creduto. Ero stata profondamente convinta che Massimo mi amasse; che il mio destino nella vita fosse essere un sostegno, un'ancora per quell'uomo pieno di difetti, salvarlo da se stesso, perché senza di me sarebbe andato alla deriva, solo coi demoni che lo inducevano ad avventarsi contro le persone che amava.
Chi si nasconde dietro quest'uomo affascinante, sportivo, galante e di successo? Cosa accade quando la porta di casa viene chiusa e le tende sono tirare?
Lara è davvero la donna glaciale e insicura che sembra o è solo una donna terrorizzata?

L'ingresso di Maggie nell'apparente perfezione di questa famiglia, il suo non lasciarsi condizionare dalle formalità e dai silenzi, scoperchieranno un vaso di Pandora che troppo a lungo è rimasto chiuso.

L'altra moglie è un romanzo che si legge facilmente e, man mano che ci si addentra nella storia, la voglia di scoprire cosa accadrà, sarà una spinta notevole per arrivare alla fine.

La pecca più grande, purtroppo, risiede proprio nella gestione del personaggio di Maggie, che, nonostante il suo essere una nota stonata all'interno di una sinfonia apparentemente perfetta, risulta, alla lunga, una marionetta usata dall'autrice per "sistemare" altre situazioni.
Il suo personaggio, così diverso rispetto agli altri, avrebbe potuto avere uno sviluppo di maggior enfasi; invece, viene relegata al ruolo di spalla nel dipanarsi della vita della cognata e a combattere, peraltro in maniera abbastanza fallimentare, il rifiuto da parte della figliastra.

Il finale risulta forse un po' scontato e buonista, ma non tanto da inficiare l'insieme della storia.
Una lettura perfetta per chi si appresta  a trascorrere qualche giorno sotto l'ombrellone.


Commenti

  1. Ce l'ho sul comodino da mese e, forse, potrei rispolverarlo giusto a fine esami, magari proprio sotto l'ombrellone. Aspettandomi non più di tanto.

    Sul titolo: Poco male, questa volta, il cambiamento secondo me. La moglie silenziosa, se non sbaglio, esiste già: thriller Longanesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non ricordavo il titolo di Longanesi? Il problema qui è che l'errata traduzione del titolo crea aspettative diverse!

      Elimina
  2. Non lo so, non mi ha convinta molto...

    RispondiElimina
  3. Ciao Mr Ink esiste la sposa silenziosa come thriller della Longanesi non la moglie. Ciò detto già l'ho devo solo leggerlo ma il quando che mi manca :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia! Il titolo originale, però, è comunque The Silent Wife. Infatti lì per lì su Goodreads li ho confusi. :)

      Elimina
  4. I thriller sulle famiglie con un segreto mi intrigano. Tutto sommato darò una possibilità a questo romanzo. Ottima recensione, che mette in luce pro e contro del romanzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie (donna che vive sul divano di un certo scrittore!)

      Elimina
  5. mmm la tua recensione mi ha incuriosito molto e appena riesco di sicuro lo prenderò..
    Una cosa ti do ragione , il cambio dei titoli in italiano è da paura a volte mi piacerebbe che li lasciassero in originale , anche perchè a volte non danno senso ai libri stessi e questo è un peccato perchè rischiano di rovinare una bella lettura ;)
    Buona estate Veronica
    Mi iscrivo volentieri al tuo blog mi piace seguirti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Veronica! È sempre un piacere, per me, accogliere una nuova lettrice!

      Elimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i