Passa ai contenuti principali

Recensione 'Non dire cazzo' di Francesca Rimondi - Frassinelli


Titolo: Non dire cazzo || Autore: Francesca Rimondi || Editore: Frassinelli
Data di pubblicazione: 26 giugno 2018 || Pagine: 340

«C'è un grosso equivoco dietro ciò che leggerete, che mi tocca molto da vicino in quanto Figlio Numero Uno, il cui unico ruolo nel romanzo è far sorridere il lettore con le proprie sfighe adolescenziali in mezzo alle tragedie-che-fanno-piangere-però-sono-raccontate-con-leggerezza della vita di mia madre, tra cui il filone in perfetto stile 'Quasi Amici' di mio nonno in ospedale, che se lo leggesse so che si incazzerebbe più di me. Mi sento perciò in dovere di precisare alcune cose. Il primo punto è la sottile linea di demarcazione tra autobiografia e finzione letteraria che l'autrice si ostina a dichiarare evidente e scontata. Non vedo come sia possibile, dato che nemmeno io, personaggio partecipe in prima persona, mi accorgo della distinzione. Quindi la mia priorità assoluta è chiarire a tutti che ogni singolo episodio che riguarda me è, per utilizzare i termini da intellettualoide damsiana di mia madre, un espediente narrativo il cui fine è quello di evitare al lettore di tagliarsi le palle tra un monologo depresso di lei sola a lavorare a Clear Valley e un monologo depresso di lei sola a lavorare a Jesi. Che poi non le mancavano gli espedienti narrativi per strappare due risate. La luna di miele in stile commedia-americana-con-Ben-Stiller dove la mettiamo? E tutti gli episodi della 'pisina'? Mio fratello, Numero Due, praticamente, è un fenomeno da baraccone; non appena crescerà e leggerà questo libro, nella migliore delle ipotesi scapperà di casa, nella peggiore diventerà un serial killer. Per non parlare della possibilità che questa invenzione di pura fantascienza - ci tengo a sottolinearlo - diventi famosa. Io sarei costretto a cambiare paese, per dire. Ma è un'ipotesi molto remota. Voglio dire, senza offesa eh mà, tu scrivi come Foster Wallace e dentro c'è tutto: c'è lo sfoggio del tuo bagaglio musicale con i continui occhiolini che strizzi al lettore, c'è persino la critica sociale attraverso le chat WhatsApp delle mamme... Però è una raccolta di post di Facebook, non può diventare famoso, cazzo, anche se va detto che come lettura da cesso è ottima. L'unica cosa a cui devo stare attento è che nessuno sotto la soglia dei venticinque anni si impossessi di una copia. Nel frattempo, mi raccomando, in attesa della mia versione più veritiera ("Non rompere il cazzo"), non datele troppo retta.» (dalla postfazione di Numero Uno)



Leggere questo libro di Francesca Rimondi è stato, per me, alquanto destabilizzante. Ero pronta ad un romanzo sui contrasti adolescenziali tra una madre e un figlio, qualcosa di scritto in chiave ironica ma che mi avrebbe portata a riconoscermi nei patemi di questa donna, nei musi lunghi del figlio, negli scontri quotidiani fatti di silenzi, braccia conserte, disordine, castighi e minacce costanti a base di "ti tolgo il cellulare... non ti faccio uscire per un mese... ti spedisco da tua nonna".

Insomma, da madre di un tredicenne perfettamente calato nel suo ruolo di "odio il mondo, odio te e non parliamo di mio padre che, in questo momento, è il mio peggior nemico", confidavo di potermi perdere tra queste pagine, farmi due risate e, chissà, magari trovare una magica soluzione che mi facesse attraversare questo periodo (ma anche noi eravamo così?!) con un po' di leggerezza in più e un po' di esasperazione in meno.

Ciò che, invece, mi sono trovata a leggere è stata una serie di aneddoti, molto stile bacheca di Facebook per rendere l'idea, in cui l'autrice racconta la sua quotidianità con un figlio che passa dalla pre-adolescenza all'adolescenza e un altro che, invece, naviga beatamente nella prima infanzia.
Il problema, però, si è posto quando mi sono resa conto che manca un filo conduttore a questa storia: si tratta, per lo più, di una serie di episodi slegati, tanto che si fatica ad andare avanti nella lettura senza avere la sensazione di essere sballottati all'interno della vita dell'autrice e della sua famiglia.

L'ironia, poi, che dovrebbe aiutare il lettore e magari portarlo a pensare che, tutto sommato, questa storia si possa leggere anche senza che una storia sia, è sempre un po' sopra le righe. Mi reputo una persona ironica, capisco le battute e ne faccio tante anche io, ma ho davvero faticato a capire l'ilarità nascosta nei dialoghi tra la protagonista e chi la circonda.

Ciò che probabilmente mi ha più irritata, tanto da farmi chiedere perché stessi continuando a portare avanti la lettura, è stato trovarmi davanti ad una madre che rimprovera al figlio difetti e atteggiamenti che sono suoi: non posso dire a mio figlio di mettere giù il cellulare o di non passare le giornate attaccato al computer quando, io per prima, faccio le stesse cose!
E a tal proposito, "non dire cazzo" quando sei tu la prima a dirlo... anche no!

Mi spiace dirlo, perché so quanto lavoro ci sia dietro ogni romanzo, ma arrivata all'ultima pagina, mi sono chiesta quale sia il senso di questo libro, cosa volesse dirci l'autrice, qual è il suo scopo?

Ringrazio la Casa Editrice per la copia fornitami.



Commenti

  1. Foto bellissima, ma libro per fortuna mai entrato nella mia lista.
    Di romanzi post-Facebook ne ho abbastanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono lasciata “fregare” dall’idea di una mamma che condivideva le sue sventure!

      Elimina
  2. Che peccato, dalla trama immaginavo una cosa completamente diversa! Credo passerò oltre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come te, anche io mi aspettavo qualcosa di diverso :(

      Elimina
  3. Mi turba un po' il fatto che manchi la valutazione in cupcake...(fuori scala?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che fuori scala, mi è risultato davvero difficile, per la prima volta da che ho il blog, esprimere un giudizio in termini numerici. Come ho detto nella recensione, la sensazione è quella di scorrere la bacheca di Facebook dell’autrice!

      Elimina
  4. Non mi ispirava dall'inizio. Raramente leggo titoli simili. Mi sono tolta il dubbio, grazie.

    RispondiElimina
  5. Libro molto bello.
    Capisco.
    Effettivamente lettura non per tutti.
    Per fortuna.

    RispondiElimina
  6. Libro molto bello.
    Capisco.
    Effettivamente lettura non per tutti.
    Per fortuna.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i