Passa ai contenuti principali

Recensione 'La via del male' di Robert Galbraith - Salani


Titolo: La via del male || Autore: Robert Galbraith || Editore: Sonzogno
Data di pubblicazione: 9 giugno 2016 || Pagine: 603

Quando un misterioso pacco viene consegnato a Robin Ellacott, la ragazza rimane inorridita nello scoprire che contiene la gamba amputata di una donna. L'investigatore privato Cormoran Strike, il suo capo, è meno sorpreso, ma non per questo meno preoccupato. Solo quattro persone che fanno parte del suo passato potrebbero esserne responsabili - e Strike sa che ciascuno di loro sarebbe capace di questa e altre indicibili brutalità. La polizia concentra le indagini su un sospettato, ma Strike è sempre più convinto che lui sia innocente: non rimane che prendere in mano il caso insieme a Robin e immergersi nei mondi oscuri e contorti degli altri tre indiziati. Ma nuovi, disumani delitti stanno per essere compiuti, e non rimane molto tempo...



Leggere questo terzo volume con protagonista Cormoran Strike è stata, per me, un'ardua impresa sotto tanti punti di vista!
Tutte le volte in cui è entrato nella mia TBR mensile, immancabilmente, arrivava qualche altro romanzo, spesso inviata dalle CE, a scalzarlo e farlo passare in secondo piano.
Quando, finalmente, complici agosto e le ferie (delle CE, non le mie!) sono riuscita a prenderlo in mano... beh, la scintilla non è scattata!

Avevo delle aspettative altissime su questo romanzo; aspettative sicuramente fomentate da coloro che lo avevano letto prima di me e ne avevano parlato in maniera entusiasta.
Io, invece, mi sono ritrovata a trascinarmelo, giorno dopo giorno, da una stanza all'altra e a rendermi conto che poca era la voglia di proseguire nella lettura.
Voglia che, ovviamente, non viene incentivata dalla mole del romanzo!

Cos'è accaduto, quindi? Perché stavolta Cormoran non ha fatto breccia nel mio cuore?
Direi che c'è più di un motivo e nessuno di poco conto. La storia parte in maniera molto cruenta: siamo a poche settimane dalle nozze tra Robin e Matthew, quando la bella socia-segretaria di Strike si vedrà recapitare un pacchetto contenente qualcosa di poco gradito... non vi dico di cosa si tratti per evitare spoiler, ma vi assicuro che non è una cosa che si può mettere in lista nozze!
Insomma, le premesse per un romanzo che tenga col fiato sospeso ci sono tutte. Ecco, le premesse. Basta!

Galbraith (o la Rowling, come preferite!) decide di sfruttare questo terzo capitolo per concentrarsi sulla storia tra Cormoran e Robin. E per carità, ci può anche stare! Quando si tratta di libri che fanno parte di una serie, c'è sempre un anello debole nella catena; quel romanzo, in sostanza, che serve all'autore per dare una svolta alla narrazione, alle storie personali dei protagonista e poi, da lì, ripartire con più sprint.
Ma, in questo caso, l'anello, più che debole, a me è parso proprio arrugginito, rotto, tranciato di netto!!

Dicevamo: Galbraith decide di usare un serial killer che pare prenda di mira Robin per farci capire che, tutto sommato, a Cormoran lei piaciucchia! Pensa, mica ce ne eravamo accorti noi!
Il problema è che per fare tutto ciò, l'autrice sfilaccia completamente la trama. La parte centrale del romanzo è un luuuuuungo, leeeeeeeento, infinito dipanarsi di ipotesi, teorie, accadimenti di poco conto che serviranno solo ad allontanare i due protagonisti per poi dar loro modo di ritrovarsi all'ultima riga dell'ultima pagina.

Ecco, il finale. Parliamone! Mi aspettavo uno di quei finali che ti fanno tirare giù tutti i santi del Paradiso; uno di quei finali che ti fanno urlare: "VOGLIOSUBITOILPROSSIMOLIBRO" e ti fanno anche pensare di minacciare l'autrice per far sì che ti dia delle anticipazioni!
Insomma, se avete letto i romanzi di Alice Basso, sapete a cosa mi riferisco! E qui... niente! Niente, capite? N-I-E-N-T-E.

Altra nota dolente di questo romanzo è Robin. L'avevo adorata nei due romanzi precedenti e uno dei motivi era proprio il suo essere "sveglia". Bella ragazza, almeno stando a come ci viene descritta, ma non stupida: una ragazza con un cervello degno di questo nome. E che succede adesso? Che si trasforma in una bionda scema!
Avete presente quelle attrici di film horror a cui, durante la visione, viene da gridare: "Non salire le scale, cretina?" e quella, puntualmente, che fa? Sale le scale! Robin diventa esattamente una di queste!
Ma dico io... hai un maniaco che ti punta e tu che fai? Te ne vai in giro, di notte, da sola, per scovarlo.  Io ti farei un bel applauso, sì... in faccia, però!

Cosa salvo allora di quest'ultimo lavoro di Galbraith? Beh, sicuramente la scrittura e poi l'idea di base del thriller che, se fosse stato allungato meno, avrebbe avuto sicuramente un "gusto" migliore al palato di un lettore attento!

Commenti

  1. questa tua recensione io invece la trovo azzeccata per il baco da seta, che dei tre romanzi è quello che finora ho trovato "debole". con quello si che ho fatto una gran fatica.
    la via del male, come avrai intuito, a me è piaciuto molto, non ho avuto la sensazione di lungaggine che hai avuto tu, anzi credo di averlo letto in tempi record.
    però dai ognuna di noi ha un approccio diverso con le storie, e questo è un bene. adesso aspettiamo il prossimo.

    RispondiElimina
  2. Io ho questo romanzo in lista tra qualche giorno… come te rimandato da tanto e come te ho, io ancora le ho, tante aspettative… certo il tuo commento mi "intiepidisce" un po'… vedremo…

    RispondiElimina
  3. Concordo con Chicca: a me è piaciuto meno Il baco da seta. Questo episodio , invece, mi ha convinto, anche se ho individuato l'assassino a metà libro, sob!(ma questo è un problema mio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo avuto lo stesso problema, ma è una cosa che mi succede sovente, quindi ormai non ci faccio neanche più caso!

      Elimina
  4. Io ho letto solo il primo! Ma ho intenzione di continuare... incrociamo le dita ;)

    RispondiElimina
  5. Anche per me La via del male è un po' meno riuscito degli altri due romanzi e a dispetto dell'opinione generale Il baco da seta rimane il mio preferito. Però se la Rowling si sbrigasse a pubblicare il quarto sarei decisamente contenta.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutte le volte che mi sono innamorato' di Marco Marsullo - Feltrinelli

TUTTE LE VOLTE CHE MI SONO INNAMORATO   || Marco Marsullo || Feltrinelli ||  28 aprile 2022 || 208 pagine Acquista qui Come vivono le relazioni, la coppia, il matrimonio e il sesso gli uomini d’oggi? Cesare, maestro elementare napoletano, ha le idee un po’ confuse sull’amore. Tanto romantico quanto cervellotico nelle relazioni, si trincera dietro teorie improbabili e comici segni del destino, ma in realtà soffre per un decennio di storie sbagliate, tossiche, dolorose. Incontri sessuali surreali, colpi di fulmine e bruschi risvegli, e un gruppo di amici che sembra aver capito tutto prima di lui. A trentacinque anni, Cesare è rimasto l’ultimo single del gruppo e non sa più cosa farsene di tutta la sua libertà. Vive con il gatto Thiago, gira per la città sulla sua Vespa, ha un discreto successo con le donne, eppure la notte sempre più spesso torna a casa da solo, con un peso sul cuore. Quando il suo amico Sandro, prossimo alle nozze, gli consegna l’invito con un + 1 che campeggia beffardo