Passa ai contenuti principali

Recensione 'Il tempo dell'attesa' di Elizabeth Jane Howard - Fazi


È il settembre del 1939, le calde giornate scandite da scorribande e lauti pasti in famiglia sono finite e l'ombra della guerra è sopraggiunta a addensare nubi sulle vite dei Cazalet. A Home Place, le finestre sono oscurate e il cibo inizia a scarseggiare, in lontananza si sentono gli spari e il cielo non è mai vuoto, nemmeno quando c'è il sole. Ognuno cerca di allontanare i cattivi pensieri, ma quando cala il silenzio è difficile non farsi sopraffare dalle proprie paure. A riprendere le fila del racconto sono le tre ragazze: Louise insegue il sogno della recitazione a Londra, dove sperimenta uno stile di vita tutto nuovo, in cui le rigide regole dei Cazalet lasciano spazio al primo paio di pantaloni, alle prime esperienze amorose, a incontri interessanti ma anche a una spiacevole sorpresa. Clary sogna qualcuno di cui innamorarsi e si cimenta nella scrittura con una serie di toccanti lettere al padre partito per la guerra, fino all'arrivo di una telefonata che la lascerà sconvolta. E infine Polly, ancora in cerca della sua vocazione, risente dell'inevitabile conflitto adolescenziale con la madre e, più di tutti, soffre la reclusione domestica e teme il futuro, troppo giovane e troppo vecchia per qualsiasi cosa. Tutte e tre aspettano con ansia di poter diventare grandi e fremono per la conquista della propria libertà. Insieme a loro, fra tradimenti, segreti, nascite e lutti inaspettati, l'intera famiglia vive in un clima sospeso mentre attende che la vita torni a essere quella di prima.

Titolo: Il tempo dell'attesa || Autore: Elizabeth Jane Howard || Editore: Fazi
Data di pubblicazione: 14 aprile 2016 || Pagine: 638




Prima di parlavi del secondo volume sulla vita della famiglia Cazalet, voglio fare una piccola premessa. Ho iniziato a leggere questo romanzo in versione cartacea per passare, poi, dopo circa 200 pagine, all'audiolibro. 
Dei motivi e dei risultati di questa mia scelta vi parlerò, però, in un post apposito nei prossimi giorni!

Torniamo a Home Place e torniamo a seguire le vicende della famiglia Cazalet, ad un anno di distanza dalla fine del primo romanzo.
È il 1939 e l'Inghilterra sta per entrare in guerra. I Cazalet decidono, per il bene di donne e bambini, di fermarsi a Home Place oltre i tempi consueti.

Questo secondo romanzo si concentra particolarmente sulle figure femminili della famiglia: con gli uomini impegnati al fronte, saranno le donne il fulcro della narrazione messa in piedi dalla Howard.
Donne che dovranno affrontare non solo l'assenza fisica di mariti e figli, ma anche i primi amori, le malattie e alcune perdite.

Ne Il tempo dell'attesa, Elizabeth Jane Howard ci porta tra le pieghe della famiglia Cazalet con un respiro più ampio rispetto a Gli anni della leggerezza.
Il primo romanzo era più una sorta di introduzione ai personaggi, ai legami familiari e alla quotidianità della vita a Home Place.

Questa volta, invece, i personaggi sembrano animarsi davanti agli occhi del lettore, tanto da attirarlo nelle spire delle loro vicissitudini e dei loro dolori.
Durante le 600 pagine che compongono questa storia riusciremo, finalmente, a capire i meccanismi di una famiglia tanto ampia e, cosa ben più importante, a dare una direzione ai nostri sentimenti: nessun componente dei Cazalet riuscirà a lasciarci privi di un qualche sentimento; nel bene e nel male, ognuno di loro smuoverà qualcosa nel lettore.

Per quanto mi riguarda, ho particolarmente amato le parti riguardanti Clary, le sue paure e il suo rifiuto ad accettare situazioni che agli altri componenti della famiglia paiono quasi ovvie.

Arrivata a fine lettura, mi sono resa conto che l'intento dell'autrice, col primo romanzo, era quello di aiutare il lettore a conoscere i personaggi, le sfumature dei loro caratteri, imparare ad amarli, uno per uno, per poi avere una sensazione di familiarità nel momento in cui avrebbe preso in mano questo secondo volume.

Anche questa volta, la sensazione che mi è rimasta una volta conclusa la lettura, è stata quella di voler assolutamente proseguire con questa saga.
Benché la scrittura della Howard sia eccessivamente descrittiva, non si ha mai la sensazione di "superfluo" che, invece, capita di riscontrare in romanzi ben più brevi.
Tutt'altro, pare che ogni parola sia studiata per far sì che questi romanzi creino nel lettore un senso di empatia, di affezione, di partecipazione. Ogni particolare, ogni minuziosa descrizione, che riguardi il cibo, i servizi da tè o gli abiti, fa sì che la storia risulti equilibrata.

Commenti

  1. Sono proprio curiosa di sapere come sia andato l'esperimento con l'audio libro! Attenderò il post :) Bella recensione, sono d'accordo con te sui personaggi, ognuno a modo suo si fa amare, a suo tempo mi sono veramente affezionata a tutti!

    RispondiElimina
  2. Non ho mai letto nulla dei Cazalet, le letture seriali familiare mi metto un po' di ansia addosso... però aspetto con curiosità il post sugli audiolibri che, come sai, mi fanno un po' storcere il naso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia perdere i Cazalet, tu! Per gli audiolibri, se poco poco ti conosco, ti piaceranno!

      Elimina
  3. Quanto rosico per la mancata conoscenza di questi Cazalet, uff. E' che sono pigro e che la Howard sfornava solo mattoncini...

    RispondiElimina
  4. Inizio oggi la lettera del primo volume della saga , ho letto tanti pareri. Spero mi piace. Da quello che ho capito il primo risulta un po' lento.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i