Passa ai contenuti principali

[Questa volta leggo...] Recensione 'Dove c'è fumo' di Simon Beckett - Bompiani

Dopo la pausa estiva, torna Questa volta leggo, la rubrica ideata da La lettrice sulle nuvoleLe mie ossessioni librose e me.
L'argomento scelto per le nostre letture di questo mese è...

Un libro non ambientato in Italia

E io ho deciso di andare a Londra e leggere "Dove c'è fumo" di Simon Beckett!


Titolo: Dove c'è fumo || Autore: Simon Beckett || Editore: Bompiani
Data di pubblicazione: 18 luglio 2018 || Pagine: 400

La stanza è immersa in un buio irreale, sembra di camminare nell'inchiostro. Kate cerca di farsi strada a tentoni tra mobili sconosciuti. Non c'è tempo per fuggire. Poi un lampo di dolore, e sangue. Kate Powell è una donna di successo sulla trentina, indipendente, poco incline ai compromessi. Eppure sente che il tempo scorre inesorabile e la vita le appare sempre più vuota, priva di significato. Vuole un figlio, ma è rimasta scottata troppe volte da relazioni inconcludenti e non riesce più a fidarsi. Così decide di ricorrere all'inseminazione artificiale e scegliere il donatore pubblicando un annuncio: a rispondere è Alex Turner, psicologo affascinante e riservato. Il candidato ideale. Se non fosse che l'apparenza inganna.


La gioia che coglie un lettore di thriller quando si trova tra le mani un romanzo degno di questo appellativo, è sicuramente quella che ho provato io durante la lettura di questo libro!

Dove c'è fumo è uno di quei romanzi che ho acquistato perché conquistata dalla sua copertina. Poi l'entusiasmo è un po' calato davanti a qualche parere poco entusiasta.
Per fortuna, la mia ostinazione ha vinto e non ho rimandato la lettura a data da destinarsi.

La prima stesura e pubblicazione di Dove c'è fumo, così come ci racconta lo stesso autore nelle pagine iniziali, risalgono al 1997.
Ciò che Beckett ha fatto, nel frattempo, è stato "portare" la trama in un'epoca, la nostra, in cui internet e i social network sono diventati parte integrante della nostra quotidianità.
Tutto ciò senza intaccare il filone originario della storia.

Kate Powell è una single trentenne che, dopo un rapporto sentimentale burrascoso e finito male, si rende conto di non volersi imbarcare in una nuova storia. Nonostante ciò, però, è tanta la sua voglia di maternità. Così tanta che, nonostante le proteste e il parere contrario di Lucy, la sua migliore amica, decide di rivolgersi ad una clinica per l'inseminazione artificiale.
Ma Kate non riesce ad accettare l'idea di ricevere il seme da un donatore sconosciuto; decide, quindi, di pubblicare un annuncio, su una rivista medica, per trovare l'uomo adatto a diventare il "padre" di suo figlio.
Sarà così che la sua vita si trasformerà in un incubo.

Il romanzo di Simon Beckett è un crescendo costante, che aiuta il lettore a entrare nella storia, conoscendo i personaggi in maniera graduale, ma totalitaria e permettendo di farsi un'idea chiara delle implicazioni che la scelta di Kate include. Dove c'è fumo è una lettura che toglie il fiato! Dopo un'introduzione tranquilla, la trama subisce uno scossone che costringerà il lettore a fare le ore piccole per arrivare all'ultima pagina.
La crescente tensione e i vari risvolti psicologici dei personaggi, tengono alta l'adrenalina sino all'epilogo finale.

Solo i personaggi secondari risentono di qualche pecca, probabilmente dovuta anche alla datazione originale della storia.
Alcuni, come la vicina di casa di Kate o Clive, uno dei suoi dipendenti, mi sono apparsi quasi superflui ai fini della storia.
Altri, invece, come Lucy, paiono avere del potenziale che, purtroppo, rimane inespresso, quasi fagocitato da quello che è il filone narrativo principale.

Rimane il fatto che ci troviamo, comunque, alle prese con un romanzo che si legge tutto d'un fiato e che si fa apprezzare per la linearità della trama e per lo stile del suo autore.


Come al solito, vi lascio qui il calendario di settembre per "Questa volta leggo"!


Commenti

  1. E dopo una recensione così che fai? Non lo aggiungi alla lista???

    RispondiElimina
  2. anche questo romanzo l'ho adocchiato durante l'ultima mia visita alla libreria, non avevo ancora segnato il titolo in wish list perché ho romanzo più urgenti da acquistare e il budget è molto limitato. però sapere che a te è piaciuto è un incentivo in più per leggerlo, se non oggi, sicuramente nei prossimi mesi.

    RispondiElimina
  3. Sembra davvero interessante, messo in tbr

    RispondiElimina
  4. Non lo avevo notato affatto, e ho sbagliato. Segno.

    RispondiElimina
  5. Sembra carino però c'è ancora qualcosa che non mi convince del tutto quindi credo che mi concentrerò su libri che invece mi convincono di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai sforzarsi di leggere qualcosa che non ci convince in pieno!

      Elimina
  6. Non voglio sapere, non ho visto niente.
    Bacci

    RispondiElimina
  7. mi ispira il libro e mi piace un sacco la tua foto. Belli i thriller che sono thriller

    RispondiElimina
  8. Mi piace… segnato per una prossima lettura

    RispondiElimina
  9. Spiace Ciambella, ma stavolta passo! Manco la copertina mi attira XD

    RispondiElimina
  10. Finalmente un thriller thriller!
    E pensare che non mi diceva nulla...

    RispondiElimina
  11. Non me lo segno nemmeno, tanto per ora non ho il tempo nemmeno di guardarmi allo specchio. Più avanti,appena riesco ad avere più di due ore libere la settimana chissà...

    RispondiElimina
  12. Lo ordinerò per la felicità della Bacci e di altre 10-15 appassionati di thriller. Trovarne uno che valga non è facile.

    RispondiElimina
  13. Ohhhhh, che storia intrigante! Non amo molto i thriller ma questo sembra veramente interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo è! Quindi, se dovesse venirti un'improvvisa voglia di thriller, facci un pensierino!

      Elimina
  14. Ogni tanto un bel thriller ci vuole! Questo me lo segno perché probabilmente potrebbe rientrare nel prossimo maxi shopping in libreria!

    RispondiElimina
  15. Avevo già letto la tua recensione prima di acquistarlo, rileggendola ora sono sicura che non potrà non piacermi (anche se tu pensi il contrario).

    RispondiElimina
  16. Sembra il tipo di libro che mi piace. Grazie per la recensione, chiarissima ed esaustiva come sempre!

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Trust' di Hernan Diaz - Feltrinelli

  TRUST || Hernan Diaz || Feltrinelli || 14 giugno 2022 || 384 pagine  https://amzn.to/3zvjBk7 New York, anni cinquanta. Dopo la pubblicazione di un romanzo mendace e offensivo sulla sua vita, il ricchissimo finanziere Andrew Bevel, diventato milionario dopo alcune speculazioni seguite al crollo in Borsa del ’29, assume la giovane Ida Partenza, figlia di un anarchico italiano, perché lo aiuti a scrivere un’autobiografia in grado di raccontare finalmente la verità sui suoi successi e sulla sua defunta moglie, Mildred. Ida intuisce presto che nemmeno dalla sua penna, strettamente controllata dal committente, uscirà il ritratto fedele di una donna complessa la cui reale personalità continua a sfuggirle, e la morte improvvisa di Bevel la costringe infine a lasciare incompleto il lavoro. Soltanto trent’anni dopo ha la possibilità di accedere agli archivi della Fondazione Bevel, dove trova finalmente il diario di Mildred, prezioso tassello mancante all’enigma che ha lasciato nella sua vita u

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione 'Il vento dell'Etna' di Anna Chisari - Garzanti

IL VENTO DELL'ETNA   || Anna Chisari || Garzanti || 28 giugno 2022 || 250 pagine https://amzn.to/3nylrcG   1838. L'Etna nella sua immensità protegge e spaventa, come una madre magnifica ed esigente che forgia vite e destini. Lo sa bene chi vive a Belpasso, il piccolo paese alle sue pendici. È lì che il giovane Puddu apre la sua bottega di calzolaio. La sua firma sulle scarpe è una farfalla, perché con le sue creazioni ai piedi più che camminare si vola. Per questo Puddu non riesce a capire come mai gli affari vadano così male. Tutto cambia quando le sue calzature finiscono tra le mani della Baronessa di Bridport in visita alle sue terre a Bronte. La nobildonna non ha mai calzato nulla di tanto soffice ed elegante, perciò decide di fare un regalo a Puddu: lo nomina Baronetto. Nasce così la dinastia dei Baruneddu, come si faranno chiamare. Il negozio con gli anni diventa un grande calzaturificio che esporta in tutta Europa. Ma se i soldi non sono più un problema, il cuore cominci

Recensione 'La gazza' di Elizabeth Day - Neri Pozza

LA GAZZA   || Elizabeth Day || Neri Pozza || 21 giugno 2022 || 400 pagine acquista qui La porta grigia, i mattoni del colore delle nocciole tostate, la strada alberata e silenziosa per Londra, il quartiere ben frequentato: una casa perfetta per Marisa, illustratrice di libri per ragazzi, il rimedio a tutto ciò che nella sua vita chiede di essere riparato. Come lo è Jake, naturalmente, confortante come una pietra calda sul palmo della mano. Certo, quando la signora dell’agenzia immobiliare ha aperto la vetrata sul giardino, un uccello è volato dentro. Una gazza bianca e nera, che ha sbattuto contro le pareti prima di sfrecciare fuori, mandando in frantumi un vaso. Per Marisa, però, quell’apparizione improvvisa ha prodotto soltanto una lieve punta di disagio. Nessun segno infausto può offuscare il suo sogno di vivere con Jake e formare con lui una famiglia. Nei mesi successivi trascorsi in quella casa, la vita si svolge perciò, per la giovane illustratrice, come una vera e propria commed