Passa ai contenuti principali

Recensione 'Quasi tre' di Tommaso Avati - Fabbri



Titolo: Quasi tre || Autore: Tommaso Avati || Editore: Fabbri
Data di pubblicazione: 6 ottobre 2018 || Pagine: 237

Raffaele e Benedetta, undici anni di matrimonio, zero figli, due adorabili maialini d'appartamento da chiamare "bambini". Due voci, l'una il controcanto dell'altra, che si rincorrono e ci raccontano la loro storia: lei segretaria in un'agenzia romana per lo spettacolo e appassionata di cucina, lui sceneggiatore mancato riciclatosi insegnante, figlio d'arte in attesa perenne di sfondare nel mondo del cinema. Un rapporto ormai cristallizzato in una routine distratta, il loro, eroso dall'abitudine e dalla delusione di non essere riusciti a fare della propria esistenza qualcosa di cui andare fieri. Poi accade l'impensabile. A quarantasei anni, quando già comincia a pensare alla menopausa, Benedetta rimane incinta: il caso, con grande ironia, inizia a giocare con Lele e Benny, concedendo loro un'altra possibilità, l'occasione per riprendere il controllo del loro matrimonio e delle loro vite. Ma a volte non c'è niente di meglio di un "secondo tempo" per rimescolare le carte di una vita intera: tra genitori disfunzionali e colleghi sull'orlo di una crisi di nervi, Lele e Benedetta vengono risucchiati in un turbine di incomprensioni, aspettative malriposte e disavventure esilaranti, dove la posta in gioco è un amore dolceamaro, quasi acido. Insomma, un amore normale.



Quando ho preso Quasi tre tra le mani, mi aspettavo una storia divertente, con magari un sottofondo riflessivo; cercavo una storia che mi facesse ridere e, perché no, anche un po' commuovere.
Ciò che, invece, ho trovato è stata una storia spezzettata e senza finale.

I protagonisti del romanzo di Tommaso Avanti sono Raffaele e Benedetta. Lui, figlio di un regista famoso, si arrangia insegnando sceneggiatura in una scuola di second'ordine; lei, aspirante chef, ha relegato la sua passione per i fornelli in favore di un lavoro come segretaria in un'agenzia di produzione.
E mentre Benny sforna soufflé alle zucchine, Lele continua a scrivere sceneggiature sperando nella grande occasione.
A far loro compagnia, palliativi di un figlio mai arrivato durante gli 11 anni di matrimonio, Tommy e Timmy, due maialini vietnamiti.

Avati sceglie una doppia narrazione per parlarci delle vicissitudini dei protagonisti: a capitoli alterni, ascolteremo il punto di vita dei due personaggi.
La vita di Benny e Lele pare scorrere tranquilla, monotona, noiosa al punto giusto, sino al giorno in cui Lele viene contattato da un famoso produttore e Benny scopre di essere incinta.
Un cambiamento repentino, che porterà anche una scossa anche nel rapporto di coppia.

Ma le cose, purtroppo, non vanno per il verso giusto e i due entrano in una profonda crisi che li porterà a decidere di separarsi per un breve periodo. Così, vedremo Lele lavorare alla sceneggiatura del suo film e Benny dare una svolta alla sua vita, gettandosi, finalmente, alle spalle il lavoro di segretaria e cogliendo l'occasione di lavorare come chef in un piccolo ristorante.

Cosa non funziona in questo romanzo? Premesso che non è assolutamente ironico come, invece, la sinossi farebbe supporre, devo ammettere che la seconda parte mi aveva portata a ricredermi, tanto da  far salire il mio voto e farmi credere che, tutto sommato, nonostante la mancanza di quella leggerezza che mi aspettavo, la delusione poteva essere tacitata dalla profondità della narrazione della crisi di coppia.
Vedere Benny e Lele affrontare la perdita di un bambino tanto cercato, dover rimettere in discussione il loro rapporto di coppia e loro stessi, stava facendo prendere al romanzo una piega valida.

Peccato che l'autore abbia deciso di troncare tutto con un finale che definire banale è voler essere gentili. Dopo avere narrato il dolore, i rimpianti, i silenzi, Avati taglia improvvisamente il romanzo, lasciando i due protagonisti in balìa di nuovi rapporti e nuovi problemi da affrontare.
Sono arrivata all'ultima pagina e la sensazione che mi è rimasta è stata quella di avere tra le mani una storia incompiuta.

Mezzo punto in meno, nel giudizio finale, inoltre, è dovuto ad una "carbonara" che Benny prepara con aglio e panna. Considerando che il romanzo è ambientato a Roma, questa cosa mi è parsa davvero inaccettabile; se a questo aggiungiamo che per me la carbonara è sacra, immaginerete facilmente l'espressione inorridita che mi si è stampata in faccia!


Commenti


  1. Forse la carbonara la stava facendo per gli americani? Almeno lo spero perché un romano gliela avrebbe tirata in faccia se gli fosse stata presentata così. Comunque mi sa che passo non mi ha attirato in libreria e non mi attira adesso.

    RispondiElimina

Posta un commento

INFO PRIVACY

AVVISO: TUTTI I COMMENTI ANONIMI VERRANNO CANCELLATI. Se volete contestare o insultare, abbiate il coraggio di firmarvi!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Post popolari in questo blog

Recensione 'Le madri non dormono mai' di Lorenzo Marone - Einaudi

  LE MADRI NON DORMONO MAI   || Lorenzo Marone || Einaudi || 10 maggio 2022 || 352 pagine Acquista qui Un bambino, sua madre. Due vite fragili tra altre vite fragili: donne e uomini che passano sulla terra troppo leggeri per lasciare traccia. Intorno, a contenerle, un luogo che non dovrebbe esistere, eppure per qualcuno è perfino meglio di casa. Lorenzo Marone scrive uno struggente romanzo corale, un cantico degli ultimi che si interroga, e ci interroga, su cosa significhi davvero essere liberi o prigionieri. Diego ha nove anni ed è un animale senza artigli, troppo buono per il quartiere di Napoli in cui è cresciuto. I suoi coetanei lo hanno sempre preso in giro perché ha i piedi piatti, gli occhiali, la pancia. Ma adesso la cosa non ha più importanza. Sua madre, Miriam, è stata arrestata e mandata assieme a lui in un Icam, un istituto a custodia attenuata per detenute madri. Lì, in modo imprevedibile, il ragazzino acquista sicurezza in sé stesso. Si fa degli amici; trova una sorella n

Recensione IN ANTEPRIMA 'Le mogli hanno sempre ragione' di Luca Bianchini - Mondadori

  LE MOGLI HANNO SEMPRE RAGIONE || Luca Bianchini || Mondadori || 8 marzo 2022 || 240 pagine Acquista qui Il maresciallo Gino Clemente ama la canottiera bianca, il karaoke, il suo labrador e soprattutto la moglie Felicetta, e coltiva un unico desiderio: andare presto in pensione. Dopo anni passati lontano da casa, viene finalmente trasferito nel suo paese d'origine, Polignano a Mare, a ridosso della festa patronale di San Vito che dà inizio all'estate. Per l'occasione, la famiglia allargata degli Scagliusi decide di celebrare il compleanno della piccola Gaia con una "festa nella festa", durante la quale Matilde può inaugurare e soprattutto mostrare la sua nuova masseria a parenti e pochi amici. Non mancano i manicaretti peruviani preparati dalla fedele Adoración, la tata tuttofare della famiglia. Oltre a Ninella, don Mimì e a tutti i protagonisti di "Io che amo solo te" è stato invitato anche il maresciallo Clemente che però declina, ma sarà chiamato con

Recensione IN ANTEPRIMA 'Tutto il blu del cielo' di Mélissa Da Costa - Rizzoli

TUTTO IL BLU DEL CIELO || Mélissa Da Costa || Rizzoli || 29 marzo 2022 || 624 pagine Acquista qui Cercasi compagno/a di viaggio per un’ultima avventura: sono le prime parole dell’annuncio che Émile pubblica online un giorno di fine giugno. Ha deciso di fare ciò che ancora non ha mai fatto, che ha sempre rimandato, perché nella vita va così. Partire per un viaggio on the road, setacciare paesaggi vicini eppure mai esplorati, affondare occhi e naso là dove non c’è altro che natura e silenzio, senza data di ritorno. Ha solo ventisei anni e una forma di Alzheimer precoce e inesorabile, per questo vuole vivere in completa libertà, lontano da chiunque lo conosca, fintanto che il suo corpo glielo concederà. Non si aspetta che qualcuno davvero risponda al suo appello, ma sbaglia. Qualche giorno dopo in una stazione di servizio, pronta a partire, protetta da un informe abito nero, con un cappello a tesa larga, sandali dorati ai piedi e zaino rosso in spalla, c’è Joanne. E così, su un piccolo ca

Recensione IN ANTEPRIMA 'La salita dei giganti'
La saga dei Menabrea
di Francesco Casolo - Feltrinelli

LA SALITA DEI GIGANTI - La saga dei Menabrea   || Francesco Casolo || Feltrinelli || 3 marzo 2022 || 416 pagine Acquista qui La Belle Époque è alle porte e il cinema sta per essere inventato quando, il 29 agosto 1882, Carlo Menabrea organizza un sontuoso ricevimento per festeggiare l’acquisto di un castello poco lontano da Biella. Nessuno in città ha intenzione di perdersi l’evento, ma pochi sanno che l’origine di tanta fortuna risiede in una scommessa fatta trent’anni prima: il padre di Carlo, Giuseppe, walser di Gressoney, che come i suoi antenati valicava a piedi i ghiacciai per commerciare lana e prodotti di artigianato in Svizzera, ha deciso di puntare tutto su una bevanda, la birra. Quando nel cielo sopra il castello esplodono i fuochi d’artificio che illuminano il cortile a giorno e si riflettono sul volto di Carlo, anche la sua secondogenita Eugenia, che tutti chiamano Genia, avrebbe qualcosa da domandargli: perché, qualche settimana prima, ha insistito perché fosse lei, e non

Recensione 'La lezione' di Marco Franzoso - Mondadori

  LA LEZIONE || Marco Franzoso || Mondadori || 12 aprile 2022 || 396 pagine Acquista qui Quanti compromessi si accettano per non deludere le aspettative degli altri, per essere una bambina diligente, poi un'adolescente responsabile, infine una donna dolce e gentile. Senza che ce lo confessiamo, il costo delle piccole e continue sopraffazioni subite giorno dopo giorno è spesso una rabbia nascosta dietro l'apparenza di una vita normale, azioni ordinarie, un lavoro e una vita di coppia come tante. Elisabetta è avvocato in un piccolo studio associato e galleggia tra cause di separazioni, spaccio, affitti non pagati. Lavora dieci ore al giorno, ma stenta a decollare. Anche la sua vita privata non è esaltante: il rapporto con il fidanzato Daniele arranca tra alti e bassi, le amicizie si sono allentate, il padre, vedovo, è anziano e fragile. Come se non bastasse, da qualche giorno un uomo la segue. Angelo Walder, un suo vecchio assistito, condannato per violenza e abuso. Ha scontato i